La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il programma Garanzia Giovani Cinzia Pollio 06/11/2014 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il programma Garanzia Giovani Cinzia Pollio 06/11/2014 1."— Transcript della presentazione:

1 Il programma Garanzia Giovani Cinzia Pollio 06/11/2014 1

2 Di cosa si tratta e perché EMERGENZA GIOVANI - disoccupazione 40% circa al livello nazionale - NEET 2,2 milioni (1, anni) Il problema No alla disoccupazione giovanile! GARANZIA GIOVANI -Input: raccomandazione Consiglio UE 22 aprile Obiettivo: assicurare ai giovani un’offerta formativa, di lavoro di tirocinio, di servizio civile o di auto-imprenditorialità entro 4 mesi dal termine degli studi o dall’inizio di un periodo di disoccupazione -Attuazione: Programma Operativo Nazionale (PON) a cura del Ministero del Lavoro + CONVEZIONI BILATERALI sottoscritte con ogni Regione che sviluppa il suo specifico piano di attuazione -Tempi: PARTITO IL 1° MAGGIO 2014 La risposta

3 Tempi e attuazione in Regione Lombardia Definizione del Piano Esecutivo Regionale il 30/05/2014 Decreto di prima attuazione il 14/07/2014 Bando attuativo della misura Garanzia Giovani il 20/10/2014 «Piano esecutivo regionale di attuazione della garanzia per i giovani in Lombardia - Avviso per i giovani inoccupati e disoccupati di età compresa fra i 15 e 29 anni che non rientrano in un percorso di istruzione o formazione» La misura dura fino al 30/06/2018 3

4 Dalla Commissione Europea l’Italia riceverà risorse a titolo della Youth Employment Initiative pari a 567 MILIONI DI EURO A questi si aggiunge un pari importo a carico del FSE di 567 MILIONI DI EURO E si aggiunge anche il co-finanziamento nazionale pari al 40% 379 MILIONI DI EURO Per una DISPONIBILITÀ COMPLESSIVA pari a 1 MILIARDO 513 MILIONI DI EURO 4 Dotazione finanziaria Italia + + = Da impegnare nel biennio 2014/2015 e da spendere concretamente nei 3 anni successivi (regola n+3) rispetto all’anno di impegno

5 al netto di una quota di circa 100 milioni che non vengono ripartiti, ma gestiti centralmente e destinati al portale, ad attività di comunicazione e per assistenza tecnica rivolta anche alle stesse regioni, le risorse sono così distribuite: Ripartizione risorse per le regioni in milioni di € 83,2 54, 1 2, 3 27,2 178, 3 8,3 * * Solo per la Provincia Autonoma di Trento 97,4 19, 3 74,1 64,8 22, 7 29, 3 137,2 31, 1 7, 6 191,6 120,4 17, 2 67, 6 178,8

6 La platea di riferimento Target prioritari possono iscriversi al programma giovani NEET nella fascia di età anni, anche se l’ età precisa individuata rispetto alle diverse tipologie di azioni, dati alcuni presupposti normativi o di intervento, può variare Il Ministro del Lavoro ha più volte dichiarato di voler rendere strutturale lo strumento estendendolo anche ai ragazzi delle scuole per cui non necessariamente NEET (per ora solo annunci!)

7 Il puzzle degli interventi Tirocini Apprendistato Servizio Civile Mobilità professionale Bonus occupazionale (tempo determinato/ indeterminato) Formazione Accompagnamento al lavoro Accoglienza, presa in carico e orientamento Autoimpiego e Autoimprenditorialità Non tutto è già attivato. In Lombardia la misura è distinta per target: il cd. «FLUSSO», i giovani inoccupati e disoccupati che hanno conseguito da non più di 4 mesi un titolo di studio; lo «STOCK», i giovani inoccupati e disoccupati che non rientrano in un percorso di istruzione e formazione

8 Budget regionali rispetto a interventi Fonte: Elaborazioni Sole 24 ore su dati Ministero del Lavoro Dati in migliaia di euro

9 Presupposti e logiche di fondo Integrazione servizi pubblici-privati … Profilazione giovani in 4 classi di appartenenza … Rendicontazione a costi standard a copertura dei servizi erogati … “Contendibilità” del giovane tra regioni … in funzione della minore/maggiore probabilità di inserirsi nel mercato del lavoro ma applicando regole già vigenti in ogni regione, per cui ad oggi pochi passi in avanti 1 variabili in funzione della tipologia di intervento e della profilazione del giovane: tanto più difficile inserire il giovane nel mercato del lavoro, tanto + il relativo costo standard (e valore riconosciuto) per l’intervento sarà elevato per cui un giovane può rivolgersi ai servizi attivi in qualsiasi territorio, con utilizzo delle risorse provenienti dalla dotazione regionale a cui è riconducibile il giovane dal punto di vista anagrafico Sperimentazione nuove logiche e rafforzamento per politiche attive

10 Accesso e percorso del giovane Fonte:

11 stipulato il 2 LUGLIO 2014 un protocollo di intesa tra Ministero del Lavoro e Alleanza delle Cooperative con oggetto una serie di azioni di accompagnamento e sensibilizzazione per i giovani (es. ospitalità per tirocini, promozione del Servizio civile, consulenza e tutoraggio per nuova imprenditorialità, esperienze di lavoro alternate alla scuola, apprendistato) che come sistema cooperativo possiamo mettere in campo Spazio e ruolo per la cooperazione a livello nazionale ci si è mossi per presidiare e consolidare i rapporti con la Regione. Confcooperative e in particolare Federsolidarietà Lombardia stanno orchestrando azioni comuni per lo start up di cooperative di giovani e per la formazione di giovani a livello regionale

12 La misura prevede incentivi per le imprese Rimborsi per indennità di tirocini extra curriculari Bonus occupazionali per assunzioni a tempo indeterminato e determinato o somministrazione e in apprendistato Servizio Civile 12

13 Per contatti Per le imprese Giorgio Lonardi, Confcooperative Brescia, 030/37421, Cinzia Pollio, Consorzio Koinon, 030/37421, Per i giovani, soggetti accreditati per i servizi al lavoro: Roberto Vitali, Solco Brescia, , Lidia Copetta, Consorzio Tenda, , 13


Scaricare ppt "Il programma Garanzia Giovani Cinzia Pollio 06/11/2014 1."

Presentazioni simili


Annunci Google