La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le demenze rare S.Bruno MD UO neurologia Conegliano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le demenze rare S.Bruno MD UO neurologia Conegliano."— Transcript della presentazione:

1 Le demenze rare S.Bruno MD UO neurologia Conegliano

2 Demenze in età > ai 65 anni

3 Demenze in età < 65 anni

4 Demenze primarie 1. Demenza di Alzheimer 2. Demenza fronto-temporale Afasia primaria progressiva Demenza semantica Demenza fronto-temporale con amiotrofia Demenza Fronto-temporale e parkinsonismo associati 3 Degenerazione cortico-basale

5 - PSP - M.DI PARKINSON - DEMENZA A CORPI DI LEWY - COREA DI HUNTINGTON - VASCULOPATIE CEREBRALI - SCLEROSI MULTIPLA - M.DI CREUTZFELDT-JAKOB - NEOPLASIE CEREBRALI - IDROCEFALO NORMOTESO - TRAUMA CRANICO DEMENZE ASSOCIATE AD ALTRE PATOLOGIE NEUROLOGICHE

6 VASCOLARI DEMIELINIZZANTI (sclerosi multipla)‏ TRAUMATICHE (Ematoma subdurale, Demenza pugilistica)‏ NEOPLASTICHE (Meningioma subfrontale,…)‏ IDROCEFALO METABOLICHE (Encefalopatia uremica, epatica, disendocrinopatie, deficit di vit. B12 e folati…)‏ TOSSICHE (Alcool, abuso di droghe, farmaci, metalli)‏ INFETTIVE (Neurolue, AIDS, malattia da prioni…)‏ PSICHIATRICHE: DEPRESSIONE (PSEUDODEMENZA)‏ SECONDARIE

7 DEMENZA VASCOLARE Al secondo posto tra le cause di demenza (17-29%)‏ Insorgenza: > 60 anni Frequenza: M > F Etiopatogenesi: infarti multipli nel SNC Fattori di rischio: ipertensione, diabete, iperlipidemie, malattie cardiache, fumo MANIFESTAZIONI CLINICHE - Esordio acuto - Decorso “a gradini” - Forme: corticali, sottocorticali - Malattia di Binswanger (infarti sostanza bianca sottocorticale periventricolare)‏ - Deliri e allucinazioni - Depressione

8 DEMENZA VASCOLARE DIAGNOSI : - Decorso clinico/ anamnesi - Tecniche neuroradiologiche: > TAC: aree multiple di ipodensità, dilatazioni ventricolari > RMN: più sensibile > SPECT: riduzione flusso ematico diffuso con aree circoscritte > PET

9 Classificazione delle demenze vascolari Infarti lacunari: Assenza di storia di stroke- Demenza progressiva con deficit focali o demenza a tipo frontale Infarto singolo strategico: Improvvisa sintomatologia afasica, agnosica, amnestica o frontale Infarti multipli: -Deficit cognitivi e motori progressivi ‘a scalini’ Malattia di Binswanger -Demenza, apatia, agitazione, segni cortico-spinali/bulbari

10

11 Demenze con Parkinsonismo Parkinson-demenza Demenza con corpi di Lewy‏ Paralisi sopranucleare progressiva (PSP)‏ Degenerazione cortico basale Malattia di Huntington

12 Rischio di Demenza nella MP Studio longitudinale caso-controllo:  130 pazienti non dementi con MP 4 anni follow up  43 avevano sviluppato demenza (33%) Rischio di demenza 6 volte > che nella popolazione controllo Fattori di rischio: Età Gravità del disturbo motorio MMSE < 29 a basale Aarsland D Neurology 2001

13 Demenza e Malattia di Parkinson La demenza rappresenta una delle complicanze piu’ frequenti della MP Prima menzione da parte di Frederich Lewy nel 1923: su 70 pazienti esaminati 54 erano dementi (77%)‏ Nell’epoca post-levodopa l’incidenza varia tra il 10% e il 40%

14 Demenza a corpi di Lewy Caratteristica principale – Declino cognitivo progressivo che interferisce con le normali funzioni; disturbo della memoria ‘secondario’; preminenza di disturbi di attenzione, abilità frontali e visuo-spaziali Due delle seguenti caratteristiche – Fluttuazione della vigilanza, attenzione e capacità cognitive – Allucinazioni visive strutturate – Segni di parkinsonismo spontaneo Caratteristiche aggiuntive – Cadute/Sincopi/Perdite transitorie di coscienza – Sensitività ai neurolettici – Deliri sistematizzati/Allucinazioni in altre modalità Caratteristiche di esclusione – storia di stroke o segni motori focali o lesioni TAC – segni fisici o reperti strumentali indicativi di altre malattie

15 Malattia di Huntington Causa genetica Costituita da un’abnorme replicazione di triplette (Citosina-adenosina-guanina) in locus definito del cromosoma 4

16 Malattia di Huntington Sintomi caratteristici Decadimento cognitivo Chorea Familiarità

17 Esordio è estremamente ampio Vi è una correlazione fra numero di triplette ed età di esordio Generalmente esordisce tardivamente: dopo i 50aa

18 Malattia di Huntington Disturbi psichiatrici Disturbi di origine biologica: disturbi affettivi e schizofreniformi Disturbi di origine ambientale: comportamento antisociale e disturbi della condotta (disinibizione sessuale ed abuso di alcool)‏ Depressione è presente nel 40% dei pz Incidenza di suicidio: particolarmente alta

19 Corea di Huntington

20 Degenerazione cortico-basale funzioni cognitive I disturbi neuropsicologici sono parte integrante della malattia

21 LA CBD E' UNA MALATTIA DEGENERATIVA CARATTERIZZATA DA: SEGNI CORTICALI (APRASSIA IDEOMOTORIA,SINDROME DELL'ARTO ALIENO,AFASIA,TURBE COMPORTAMENTALI DI TIPO FRONTALE. SEGNI EXTRAPIRAMIDALI (RIGIDITA',ACINESIA,DISTONIE DEGLI ARTI MIOCLONO FOCALE,TURBE DELL'EQUILIBRIO. MOLTO CARATTERISTICA E' L'ASIMMETRICITA' DEI SINTOMI

22 Funzioni cognitive Funzioni frontali Fase iniziale Deficit di critica e giudizio Scarsa consapevolezza di malattia Fase avanzata possono comparire Comportamento sociale inappropriato Segni di liberazione frontale (grasping, suzione etc)‏

23 Funzioni cognitive Aprassia ideo-motoria Può accadere che il pz imiti irrefrenabilmente i gesti dell’esaminatore con la mano meno colpita Aprassia magnetica (les. Frontale): nel tentativo di imitare il gesto dell’esaminatore il pz tende ad estendere l’arto superiore verso quello dell’esaminatore fino a toccarlo o afferrarlo (Grasping)‏

24 Degenerazione cortico-basale Formulazione in vita di diagnosi diverse: PSP MSA Morbo di Parkinson Malattia di Alzheimer con parkinsonismo Malattia di Creutzfeldt-Jakob

25 DEGENERAZIONE CORTICOBASALE

26 Paralisi Sopranucleare Progressiva - PSP Caratterizzata dalla presenza di deterioramento cognitivo Quadro di demenza sottocorticale e disfunzione frontale

27 Epidemiologia – quadro clinico Età d’esordio: anni Raramente esordio prima dei 45aa

28 Quadro clinico Eterogeneo: Eterogeneo: intervallo di tempo mediano tra esordio della malattia e manifestazione dei sintomi visivi, disartria e disfagia che oscilla da 3 a 5 anni Altresì caratterizzato da: Disturbi della deambulazione Sintomi visivi Disfagia

29 Criteri diagnostici Litvan et al, 1996 Criteri di base Devono essere presenti: - decorso progressivo - esordio oltre i 40 anni - paralisi nello sguardo verso l’alto con anomalia dello sguardo verso il basso Criteri di supporto Possono essere presenti: - acinesia o rigidità simmetrica più prossimale che distale - anomalia posturale del collo (retrocollis)‏ - disfasia o disartria precoce - decadimento cognitivo precoce con almeno due delle seguenti caratteristiche: apatia, disturbo di astrazione, ridotta fluenza verbale, comportamento di imitazione, segni di liberazione frontale. Criteri di esclusione Devono essere assenti: - storia di encefalite - sindrome dell’arto alieno, deficit corticali di sensibilità, atrofia corticale frontale o temporo-parietale - allucinazioni - demenza corticale precoce tipo Alzheimer ( amnesia con afasia o agnosia)‏ - segni cerebellari precoci o marcati - disautonomia non iatrogena - distonia unilaterale

30 PSP

31

32 DEMENZE FRONTOTEMPORALI DEGENERAZIONE FRONTOTEMPORALE LOBARE DEMENZA SEMANTICA AFASIA PROGRESSIVA NON FLUENTE DFT-17 DFT ASSOCIATA ALLA MALATTIA DEL MOTONEURONE

33 Criteri diagnostici per le demenze frontotemporali Inizio insidioso e progressione lenta di un deficit caratterizzato da: Compromissione cognitiva con prevalente perdita di capacità di giudizio con: – Disinibizione e impulsività – Alterazione della condotta sociale, perdita della identità sociale – Ritiro sociale Una o più delle seguenti condotte: continua esplorazione orale e manuale, iperfagia, ecolalia, attività impetuose, eccessiva giovialità, azioni o linguaggi inappropriati o ad argomento sessuale Deficit del giudizio o alterazione del comportamento sproporzionato al deficit mnesico

34

35 DEMENZA FRONTOTEMPORALE

36 SINDROMI DEMENZIALI INFETTIVE DA “PRIONI” Encefalopatie spongiformi trasmissibili Differentemente dalle malattie infettive non richiede materiale genetico Lunga incubazione Creutzfeldt-Jacob Disease, Kuru, Gerstmann-Straussler-scheinker Syndrome, Insonnia Fatale Familiare, Nuova Variante CJD Creutzfeldt-Jacob Disease (CJD)‏ - Esordio > 50 anni - rapida progressione (exitus 6-9 mesi)‏ - demenza, segni neurologici, cerebellari, mioclonie - complessi trifasici EEG - Nuova Variante CJD - esordio giovanile - sintomi psichiatrici iniziali ansia, depressione, deliri, allucinazioni)‏ - demenza e sintomi neurologici - correlata all’encefalopatia spongiforme bovina ?

37 Kuru Kuru era una patologia endemica, nelle isole orientali della Nuova Guinea, fra le popolazioniFore, che praticavano il cannibalismo rituale, alimentandosi con cervello dei familiari defunti. Malattia di Gerstmann-Straussler-Scheinker E’ un malattia familiare rara, caratterizzata da una sindrome cerebellare progressiva, con demenza e segni piramidali. Presenta un decorso variabile fra 5 e 15 anni Insonnia familiare fatale E’ una malattia familiare, autosomica dominante, che si manifesta con insonnia globale,resistente ai farmaci, mioclonie e demenza. Si caratterizza per una grave e selettiva rarefazione dei nuclei medio-dorsali del talamo.

38 Non sono malattie esclusive dell’uomo ma anche degli animali. → Malattie dell’animale: Scrapie (pecora e capra)‏ Encefalopatia trasmissibile del visone Malattia cachettica del daino e dell’alce Encefalopatia spongiforme bovina (ESB)‏ Encefalopatia spongiforme felina

39 Malattia dei prioni

40 Mr in malattia dei prioni

41

42 IDROCEFALO NORMOTESO

43 Clinica dell'idrocefalo normoteso 1 disturbi della marcia 2 disturbi minzionali 3 turbe cognitive

44

45

46


Scaricare ppt "Le demenze rare S.Bruno MD UO neurologia Conegliano."

Presentazioni simili


Annunci Google