La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stili di vita pericolosi L’aumentata assunzione di calorie, di carboidrati raffinati e la diminuzione dell’attività fisica hanno portato all’esplosione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stili di vita pericolosi L’aumentata assunzione di calorie, di carboidrati raffinati e la diminuzione dell’attività fisica hanno portato all’esplosione."— Transcript della presentazione:

1 Stili di vita pericolosi L’aumentata assunzione di calorie, di carboidrati raffinati e la diminuzione dell’attività fisica hanno portato all’esplosione nel mondo dell’adiposità addominale e dell’insulina resistenza.

2

3 1885: prima automobile (Karl Benz)

4 1912: primo ingorgo di traffico

5 1929: primi problemi di parcheggio

6 10 ore di lavoro/die, 5,5-6 giorni/settimana 10 km/die di cammino per raggiungere il posto di lavoro 5-6 ore settimanali di svago 60–75 ore settimanali di attività fisica Da una società dei colletti blu…. Stile di vita NutrizioneNutrizione Elevata assunzione calorica (> 4000 cals/die) Basso consumo di : sale, tabacco, alcol e cibi processati Alto consumo di frutta e vegetali freschi, noci, cereali e legumi Elevato consumo di pesce azzurro, aringhe Basso consumo di carne rosse

7 8 ore di lavoro/die, 5 giorni/settimana <1 km/die di cammino per raggiungere il posto di lavoro 16 ore settimanali di svago < 2.30 ore settimanali di attività fisica …ad una società dei colletti bianchi Stile di vita NutrizioneNutrizione Ridotta assunzione calorica (> 2600 cals/die) Alto consumo di : sale, tabacco, alcol e cibi processati Basso consumo di frutta e vegetali freschi, noci, cereali e legumi Basso consumo di pesce azzurro, aringhe Alto consumo di carne rosse

8

9

10 Avge US adult sedentary 8 hours / day, < 2,000 steps / day (NYS Public Health Assocn ‘05)

11

12

13 Sindrome Metabolica

14 Malgrado la controversia sulla sua esatta definizione, non c’è dubbio che la sindrome metabolica rappresenti il più importante fenotipo clinico del 21º secolo. Le malattie correlate a questa sindrome sono molteplici e la sua complessità attrae l’interesse di studiosi di varie discipline che spaziano dalla sociologia alla biologia molecolare, dalla farmacologia clinica alla nutrizione, dalla economia alla politica. Per il clinico la sindrome metabolica è un valido strumento per comunicare con il paziente e per indurlo ad un radicale cambiamento dello stile di vita e delle proprie abitudine alimentari, cambiamento che, ove necessario, può essere accompagnato da un trattamento farmacologico più adeguato.

15 Sindrome Metabolica La sindrome metabolica è un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare ed il diabete di tipo 2 che riflette un insieme di fattori di rischio derivanti dalla adiposità addominale e l’insulino resistenza.

16 Sindrome Metabolica Le condizioni di rischio metabolico quali: dislipemia aterogenica, intolleranza al glucosio, ipertensione, stato proinfiammatorio, stato protrombotico, Pongono il paziente a rischio di: malattia coronarica, malattia cerebrovascolare fibrillazione atriale, diabete di tipo, steatosi epatica, apnea notturna disfunzione sessuale declino cognitivo cancro

17 La sindrome metabolica è una situazione clinica ad alto rischio cardiovascolare. I fattori di rischio sono spesso correlati allo stile di vita della persona (dieta errata, peso eccessivo, vita sedentaria) o a situazioni patologiche preesistenti quali obesità, ipercolesterolemia, infiltrazioni adipose nel fegato. Questi soggetti presentano un’aumentata resistenza all’insulina. La sindrome metabolica è una situazione clinica ad alto rischio cardiovascolare. I fattori di rischio sono spesso correlati allo stile di vita della persona (dieta errata, peso eccessivo, vita sedentaria) o a situazioni patologiche preesistenti quali obesità, ipercolesterolemia, infiltrazioni adipose nel fegato. Questi soggetti presentano un’aumentata resistenza all’insulina. In Italia, la sindrome metabolica colpisce il 25% degli uomini ed il 27% delle donne. Sono dei numeri altissimi, che equivalgono a circa 14 milioni di individui. In Italia, la sindrome metabolica colpisce il 25% degli uomini ed il 27% delle donne. Sono dei numeri altissimi, che equivalgono a circa 14 milioni di individui. Sindrome Metabolica 14 milioni di persone con SM

18 Sindrome Metabolica Cause e componenti della Sindrome Metabolica Dislipidemia Dislipidemia Ipertensione Ipertensione Iperglicemia Iperglicemia Steatosi Epatica Steatosi Epatica Dislipidemia Dislipidemia Ipertensione Ipertensione Iperglicemia Iperglicemia Steatosi Epatica Steatosi Epatica Genetiche Genetiche Nutrizionali Nutrizionali Stress cronico Stress cronico Attività fisica Attività fisica Genetiche Genetiche Nutrizionali Nutrizionali Stress cronico Stress cronico Attività fisica Attività fisica Obesità addominale Obesità addominale Insulina resistenza Insulina resistenza Infiammazione Infiammazione Obesità addominale Obesità addominale Insulina resistenza Insulina resistenza Infiammazione Infiammazione

19 La dieta ha un ruolo determinate nella gestione del paziente con sindrome metabolica. Una dieta ricca di acidi grassi omega-3 è consigliata dai nutrizionisti. L’integrazione dietetica con acidi grassi omega-3 e vitamina D è fortemente raccomandata. La dieta ha un ruolo determinate nella gestione del paziente con sindrome metabolica. Una dieta ricca di acidi grassi omega-3 è consigliata dai nutrizionisti. L’integrazione dietetica con acidi grassi omega-3 e vitamina D è fortemente raccomandata. Sindrome Metabolica Gestione della Sindrome Metabolica AspettoTrattamentoComponenti EssenzialeStile di vitaDieta Esercizio fisico ComplementariProtettori vascolariAntipertensivi Ipolipidemizzanti Antiglimecici Antitrombotici ComplicazioniAnti-ischemiciCalcioantagonisti Nitrati altri

20 L’INTEGRAZIONE DIETETICA RAZIONALE NEL PAZIENTE CON SINDROME METABOLICA

21 Perché l'omega-3 di Krill e non l’olio di pesce? L’olio di Krill integra i fosfolipidi agli acidi grassi omega-3 nella stessa proporzione e con la stessa struttura dell’organismo umano. L’olio di Krill ha una proporzione tra omega-3 e omega-6 di 15:1 mentre nell’olio di pesce la proporzione tra omega -3 ed omega-6 è di 3:1. L’olio di Krill ha una proporzione tra omega-3 e omega-6 di 15:1 mentre nell’olio di pesce la proporzione tra omega -3 ed omega-6 è di 3:1. L’olio di Krill contiene 30% di omega-3 di cui 29,4% sono bioattivi e combinati con fosfolipidi. L’olio di pesce contiene il 30% di omega-3 ma solo il 19,2% è bioattivo. L’olio di Krill contiene 30% di omega-3 di cui 29,4% sono bioattivi e combinati con fosfolipidi. L’olio di pesce contiene il 30% di omega-3 ma solo il 19,2% è bioattivo. L’olio di Krill contiene il 40% di fosfolipidi con fosfatidilcolina fondamentale per le cellule celebrali. L'olio di pesce ne è assente. L’olio di Krill contiene il 40% di fosfolipidi con fosfatidilcolina fondamentale per le cellule celebrali. L'olio di pesce ne è assente. L'olio di Krill contiene uno dei più potenti antiossidanti, l'Astaxantina, un carotenoide naturale che dà al crostaceo il caratteristico colore rossastro. L’olio di Krill è privo di metalli pesanti ed altri contaminanti mentre l'olio di pesce deve essere purificato prima di essere immesso in commercio.

22 Perché l'omega-3 di Krill e non l’olio di pesce? La supplementazione di olio di Krill produce un aumento di EPA e DHA nel plasma del 24% più alto della stessa dose di olio di pesce. Ulven SM et al. Metabolic Effects of Krill Oil are Essentially Similar to Those of Fish Oil but at Lower Dose of EPA and DHA, in Healthy Volunteers. Lipids 2011, 46(1):37-46

23 Negli studi scientifici sull’uomo, l’olio di Krill ha dimostrato di stabilizzare il metabolismo dei pazienti affetti da Sindrome metabolica, riducendo la glicemia,il colesterolo ed i trigliceridi. L’assunzione dell’olio di Krill migliora la funzione cardiovascolare, la funzione epatica e lo stato infiammatorio presente in questa Sindrome. Negli studi scientifici sull’uomo, l’olio di Krill ha dimostrato di stabilizzare il metabolismo dei pazienti affetti da Sindrome metabolica, riducendo la glicemia,il colesterolo ed i trigliceridi. L’assunzione dell’olio di Krill migliora la funzione cardiovascolare, la funzione epatica e lo stato infiammatorio presente in questa Sindrome. Contribuisce alla prevenzione della malattia coronarica e cardiovascolare Riduce la glicemia Riduce il colesterolo ed i trigliceridi epatici

24 Janet C. Tou, et al. Krill for Human Consumption: Nutritional Value and Potential Health Benefits. February 2007: 63–77.Nutrition Reviews, Vol. 65, No. 2

25 La scoperta della presenza dei recettori nucleari della vitamina D in molti tessuti dell’organismo, ha indirizzato la ricerca clinica sugli effetti della vitamina D in molte patologie e fra queste: · la sindrome metabolica · il diabete · l’obesità · la steatosi epatica · la malattia cardiovascolare Numerosi studi hanno evidenziano che la supplementazione di vitamina D ha effetti benefici in tali condizioni. Perché la vitamina D nella Sindrome Metabolica?

26

27

28

29 Esiste l’evidenza, sostenuta da numerosi studi, che la vitamina D3 è coinvolta nelle funzioni cerebrali. I recettori nucleari della vitamina D3 (VDR) e l’idrossilasi, convolti nel metabolismo della vitamina D, sono espressi nei neuroni, nelle cellule della microglia e negli astrociti. Gli effetti della vitamina D3 nel sistema nervoso includono la biosintesi di fattori neurotropici ed enzimi coinvolti nella neurotrasmissione. La vitamina D3 inibisce la sintesi della NO sintetasi inducibile ed aumenta i livelli di glutatione con un effetto detossificante sul cervello svolgendo così un ruolo benefico sui processi degenerativi e neuroimmuni.

30 Perché la vitamina D nella Sindrome Metabolica?

31 L’obesità e le sue conseguenze sulla salute sono associate all’alterato segnale del sistema degli endocannabinoidi (EC) che risulta cronicamente attivato. Il legame degli EC endogeni ai recettori dei vari tessuti influenza l’espressione genica intracellulare dei tessuti periferici quali fegato, muscoli scheletrici e tessuto adiposo e modula le attività del sistema nervoso centrale. Pertanto gli EC influenzano non solo le attività enzimatiche ma anche l’appetito, il bilancio energetico, l’umore e la risposta immune. Un sistema EC iperattivo promuove l’aumento della massa grassa e dei vari parametri della sindrome metabolica. Perché la vitamina D nella Sindrome Metabolica?

32

33 Un’aumentata assunzione di omega-3 influenza positivamente il rapporto omega-3/omega-6 nel sangue e negli organi, permettendo che un più basso livello di acido arachidonico venga incorporato nei fosfolipidi. Di conseguenza i livelli di endocannabinoidi (AEA e 2-AG) risultano più bassi con il risultato di un netto miglioramento del metabolismo energetico (assunzione di cibo e processo energetico.) L’effetto positivo dell’olio di krill su livelli di EC nei ratti, un modello di ricerca per l’obesità e le relative disfunzioni metaboliche, è stato evidenziato dopo supplementazione di una bassa dose di olio di krill per 4 settimane. Barbara Batetta et al. Endocannabinoids May Mediate the Ability of (n-3) Fatty Acids to Reduce Ectopic Fat and Inflammatory Mediators in Obese Zucker Rats. Perché la vitamina D nella Sindrome Metabolica?

34

35 grazie per l’attenzione !


Scaricare ppt "Stili di vita pericolosi L’aumentata assunzione di calorie, di carboidrati raffinati e la diminuzione dell’attività fisica hanno portato all’esplosione."

Presentazioni simili


Annunci Google