La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONCORDATO CAUZIONI E CREDITO Sinistro Por 2000-2006 Senago, 16/03/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONCORDATO CAUZIONI E CREDITO Sinistro Por 2000-2006 Senago, 16/03/2011."— Transcript della presentazione:

1 CONCORDATO CAUZIONI E CREDITO Sinistro Por Senago, 16/03/2011

2 FATA, dedicata agli agricoltori * * Immagini tratte da Obiettivo Agricoltura, premio fotografico internazionale organizzato da Fata Assicurazioni sul mondo agricolo in tutte le sue espressioni

3 Ambito e normativa di riferimento Le zone rurali occupano il 90% del territorio dell'UE allargata ed i regolamenti forniscono la possibilità di ricorso ai finanziamenti dello sviluppo rurale per promuovere la crescita e creare posti di lavoro nelle aree indicate. Fata assicura principalmente gli aiuti previsti in due regolamenti: 1) Reg. (CE) 1257/99 mis. A e B Anticipi nell’ambito del piano di sviluppo rurale ed insediamento dei giovani in agricoltura; 2) Reg. (CE) 1493/99 Fideiussione per erogazioni di aiuti anticipati per la ristrutturazione, riconversione di vigneti ovvero loro espianto e reimpianto;

4 Reg. (CEE) 2220/85 e successive modificazioni. Un caso concreto: sinistro Por Ente Provinciale SOGGETTI Contraente Beneficiario Fata Assicurazione Danni Ente preposto alla concessione ed erogazione del contributo Ditta individuale o impresa destinataria delle agevolazioni concesse dalla CE nella Misura ammessa a finanziamento Misura 4.8 per l’ammodernamento strutturale delle aziende agricole del Reg. (CE) 1257/99

5 Caratteristiche oggettive Importo Garantito Durata Modalità di escussione Peculiarità variabile rispetto al progetto approvato € ,00 richiesta scritta 1.art c.c. rinuncia al beneficio della preventiva escussione 2.art c.c. senza espressa rinuncia 3.Diritto di rilievo art c.c. Racc. A.R. contenente: Indicazione dei motivi di decadenza dal contributo; Allegato decreto di revoca variabile % 18 mesi autonomia contrattuale

6 Premessa in fatto Decorrenza della Garanzia Dal 3/1/2005 al 03/07/2006 Escussione Ricevuta in data 11/1/2007 Archivio della posizione in data 12/1/2007 Fata respingeva il sinistro per decorrenza del termine previsto dall’art c.c. non derogato Decreto Ingiuntivo in data 5/7/2010 veniva notificato a Fata Decreto Ingiuntivo avverso il quale presentavamo opposizione 6 mesi e 8 gg. 3 anni e mezzo

7 In diritto: qualificazione giuridica Natura giuridica del contratto Art. 2 CGA la società si impegna ad effettuare il rimborso a prima richiesta scritta formulata con indicazione dell’inadempienza riscontrata da parte dell’amministrazione nell’allegato decreto di revoca Dottrina e giurisprudenza (Cass. SS.UU. 3947/10) 1. Allegazione del decreto di revoca c.d. polizze a prima richiesta documentata Fideiussione tipicaContratto autonomo di garanzia

8 Effetti: obblighi del garante e prescrizione la produzione della documentazione richiesta è condizione necessaria per l’esercizio del diritto in capo al creditore che non può esimersi dall’onere neanche in presenza di clausola a prima richiesta con la conseguenza di spostare il computo dei 15 gg. per l’adempimento degli obblighi del garante alla data di ricezione della richiesta di escussione che assolva la condizione apposta E’ condizione produttiva di effetti ancorché non supportata dal decreto di revoca 2. Indicazione dell’inadempienza Interruzione della prescrizione art c.c.

9 Effetti: decadenza Decadenza art c.c. 1 co La giurisprudenza di legittimità è concorde nel ritenere che l’eccezione di decadenza in questione sia spendibile dal fideiussore a prescindere dalla natura automatica dell’impegno assunto, rivolgendo direttamente al fideiussore la richiesta di adempimento. (Cass. 21/5/2008 n Cass. 17/7/2009 n ) Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell'obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate La notifica del decreto ingiuntivo è avvenuta a distanza di 3 anni e mezzo dalla prima richiesta

10 Decadenza ed eccezioni della Provincia La Provincia, inoltre, alla luce di alcune pronunce della Suprema Corte (per tutte Cass. sez. III 28/2/2007 n. 4661) e della giurisprudenza di merito, contesta la validità del termine di efficacia del contratto che non può coincidere, a pena di nullità del termine stesso, con la scadenza fissata nel decreto di concessione per la realizzazione del progetto perché così facendo si renderebbe eccessivamente oneroso l’esercizio del diritto per il creditore La disposizione si applica anche al caso in cui il fideiussore ha espressamente limitato la sua fideiussione allo stesso termine dell'obbligazione principale In questo caso però l'istanza contro il debitore deve essere proposta entro due mesi Decadenza art c.c. 2 e 3 co.

11 Conclusioni sospensione temporanea dell’efficacia esecutiva del decreto La Provincia chiedeva ed otteneva Decreto Ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. Fata ha proposto opposizione sulla base delle motivazioni precedente esposte ottenendo un parziale successo

12 Spunti di riflessione 2. esiste un orientamento che va progressivamente consolidandosi (per tutte Cass. 7/7/2009 n ) che estende l’applicazione delle regole che disciplinano il rapporto di assicurazione ed in particolare l’art c.c. 1 co. in materia di prescrizione breve, ai contratti di assicurazione fideiussoria nei quali la funzione di garanzia del credito sia prevalente rispetto a quella assicurativa ed il richiamo alle norme che regolano il contratto di assicurazione sia chiaro nelle intenzioni concrete delle parti e da una lettura combinata delle CGA, così derogando alla norma dell’art c.c. riguardo la prescrizione ordinaria decennale 1. sent. SS.UU. della Cass n in materia di opposizione a decreto Ingiuntivo ed overruling. E’ il primo procedimento in cui Fata si è costituita entro il nuovo termine dimezzato di 5 gg. dalla notifica dell’atto di opposizione. La Provincia ha sollevato l’eccezione in merito al computo del dies a quo, ma per il momento il giudice non ha ritenuto di dover dichiarare l’inammissibilità, improponibilità ed improcedibilità dell’atto di notificato.

13 Art c.c. Obbligazione del fideiussore Il fideiussore è obbligato in solido col debitore principale al pagamento del debito. Le parti però possono convenire che il fideiussore non sia tenuto a pagare prima dell'escussione del debitore principale. In tal caso, il fideiussore, che sia convenuto dal creditore e intenda valersi del beneficio dell'escussione, deve indicare i beni del debitore principale da sottoporre ad esecuzione. Salvo patto contrario, il fideiussore è tenuto ad anticipare le spese necessarie.

14 Art c.c. Scadenza dell'obbligazione principale Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell'obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate. La disposizione si applica anche al caso in cui il fideiussore ha espressamente limitato la sua fideiussione allo stesso termine dell'obbligazione principale In questo caso però l'istanza contro il debitore deve essere proposta entro due mesi L'istanza proposta contro il debitore interrompe la prescrizione anche nei confronti del fideiussore

15 Art c.c. Scadenza dell'obbligazione principale Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell'obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate. La disposizione si applica anche al caso in cui il fideiussore ha espressamente limitato la sua fideiussione allo stesso termine dell'obbligazione principale In questo caso però l'istanza contro il debitore deve essere proposta entro due mesi L'istanza proposta contro il debitore interrompe la prescrizione anche nei confronti del fideiussore

16 Art c.c. Rilievo del fideiussore Il fideiussore, anche prima di aver pagato, può agire contro il debitore perché questi gli procuri la liberazione o, in mancanza, presti le garanzie necessarie per assicurargli il soddisfacimento delle eventuali ragioni di regresso, nei casi seguenti: 1. quando è convenuto in giudizio per il pagamento; 2. quando il debitore è divenuto insolvente; 3. quando il debitore si è obbligato di liberarlo dalla fideiussione entro un tempo determinato; 4.quando il debito è divenuto esigibile per la scadenza del termine; 5.quando sono decorsi cinque anni, e l'obbligazione principale non ha un termine, purché essa non sia di tal natura da non potersi estinguere prima di un tempo determinato.


Scaricare ppt "CONCORDATO CAUZIONI E CREDITO Sinistro Por 2000-2006 Senago, 16/03/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google