La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici C code: L1:g = g + A[i]; i = i + j; if (i != h) goto L1; MIPS code: L1:add $t1, $s3, $s3# $t1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici C code: L1:g = g + A[i]; i = i + j; if (i != h) goto L1; MIPS code: L1:add $t1, $s3, $s3# $t1."— Transcript della presentazione:

1 1 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici C code: L1:g = g + A[i]; i = i + j; if (i != h) goto L1; MIPS code: L1:add $t1, $s3, $s3# $t1 = 2 * i add $t1, $t1, $t1 # $t1 = 4 * i add $t1, $t1, $s5# $t1 = indirizzo di A[i] lw $t0, 0($t1)# $t0 = A[i] add $s1, $s1, $t0# g = g + A[i] add $s3, $s3, $s4# i = i + j bne $s3, $s2, L1# vai a L1 se i  h Attribuzione dei registri alle variabili: g = $s1, h = $s2, i = $s3, j = $s4, indirizzo di inizio del vettore A = $s5 Control Loop (addendum 1 alla slide n. 45)

2 2 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici C code: while (save [i] == k) i = i + j; MIPS code: Loop:add $t1, $s3, $s3# $t1 = 2 * i add $t1, $t1, $t1# $t1 = 4 * i add $t1, $t1, $s6# $t1 = indirizzo di save[i] lw $t0, 0($t1)# $t0 = save[i] bne $t0, $s5, Exit# vai a Exit se save[i]  k add $s3, $s3, $s4# i = i + j j Loop# vai a Loop Exit: Attribuzione dei registri alle variabili: i = $s3, j = $s4, k = $s5, indirizzo di inizio del vettore save = $s6 Ciclo While (addendum 2 alla slide n. 45)

3 3 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Switch (k)  slt $t3, $s5, $zero # k <0? case 0: f=i+j; break; bne $t3, $zero, Exit case 1: f=g+h; break; slt $t3, $s5, $t2 # k >3? case 2: f=g-h; break; beq $t3, $zero, Exit case 3: f=i-j; break;add $t1, $s5, $s5  add $t1, $t1, $t1 # $t1=4*k add $t1, $t1, $t4 lw $t0, 0($t1) jr $t0 #vai a indir. letto L0:add $s0, $s3, $s4 #k=0, f=i+j j Exit L1:add $s0, $s1, $s2 #k=1, f=g+h j Exit L2:sub $s0, $s1, $s2 #k=2, f=g-h j Exit L3:sub $s0, $s3, $s4 #k=3, f=i-j Exit: f = $s0, g = $s1, h = $s2, i = $s3, j = $s4, k = $s5; $t2 = 4 ;$t4 =indirizzo tabella etichette Case/Switch (addendum alla slide n. 47)

4 4 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici int proc (int g, int h, int i, int j) {int f; f=(g+h)-(i+j); proc:addi $sp, $sp, -12 # 3 push return f; sw $t1, 8($sp) } sw $t0, 4($sp) g, h, i, j = $a0…$a3 sw $s0, 0($sp) f = $s0 add $t0, $a0, $a1 # calc. f add $t1, $a2, $a3 sub $s0, $t0, $t1 add $v0, $s0, $zero # $v0=f lw $s0, 0($sp) # 3 pop lw $t0, 4($sp) lw $t1, 8($sp) addi $sp, $sp, 12 jr $ra # ritorno Uso dello stack (addendum 1 alla slide n. 48) Per convenzione: $t0-$t9 temporanei da non salvare $s0-$s7 da conservare si potevano risparmiare 2 push/pop

5 5 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici int fatt (int n)fatt:addi $sp, $sp, -8 {sw $ra, 4($sp) if (n<1) return(1);sw $a0, 0($sp) else return(n*fatt(n-1));slti $t0, $a0, 1 }beq $t0, $zero, L1 addi $v0, $zero, 1 addi $sp, $sp, 8 n = $a0 jr $ra L1:addi $a0, $a0, -1 jal fatt lw $a0, 0($sp)# ind. = L1+8 lw $ra, 4($sp) addi $sp, $sp, 8 mul $v0, $a0, $v0 jr $ra Procedure annidate (addendum 2 alla slide n. 48)

6 6 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Gestione dello stack: Al 1° richiamo salva nello stack: 1) l’indirizzo di ritorno che è nella zona del chiamante (nome attribuito JALM + 4); 2) il valore di $a0 = n. Al 2° richiamo salva nello stack: 1) l’indirizzo della procedura fatt (indicato da L1+8); 2) il valore di $a0 = n-1. Al 3° richiamo salva nello stack L1+8 e $a0 = n Al n-mo richiamo salva nello stack L1+8 e $a0 = 0. Procedure annidate (addendum 3 alla slide n. 48)

7 7 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Esempi di esecuzione al variare di n: n = 0 n = 1 Procedure annidate (addendum 4 alla slide n. 48) $a0 = n = 0 $ra = JALM+4 $a0 = n = 1 $ra = JALM+4 $a0 = n-1 = 0 $ra = L1+8 1^ esecuzione 2^ esecuzione Alla 1^ iterazione: salta a L1; a0 = 0; ra=L1+8. Alla 2^ iterazione: non salta a L1; v0=1 e ritorna a L1+8, dove a0=1; ra=JALM+4; v0*1=v0 e ritorna al main.

8 8 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Esempi di esecuzione al variare di n: n = 2 Procedure annidate (addendum 5 alla slide n. 48) $a0 = n = 2 $ra = JALM+4 $a0 = n-1 = 1 $ra = L1+8 1^ esecuzione 2^ esecuzione Alla 1^ iterazione: salta a L1; a0 diventa 1; ra=L1+8. Alla 2^ iterazione: salta a L1; a0 diventa 0; ra=L1+8. Alla 3^ iterazione: non salta a L1, quindi v0=1 e torna a L1+8, a0=1; ra=L1+8; v0*1=v0; torna a L1+8, a0=2, ra=JALM+4, v0=1*a0=2 e torna al main program. $a0 = n-2 = 0 $ra = L1+8 3^ esecuzione

9 9 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Procedure annidate (addendum 6 alla slide n. 48) fatt. Salva indirizzo di ritorno e valore a0 nello stack a0<1 v0=1dec a0 Preleva a0 Ritorno all’ultima chiamata effettuata (2 casi: n-1 volte si ritorna alla routine fatt. all’indirizzo L1+8 e si preleva a0 dallo stack, solo l’ultima si torna al main (JALM+4)) e si aggiorna SP v0=a0*v0 Richiamo fatt Ritorno Ultima iterazioneIter. intermedie sì no Fatto con il ritorno alla routine fatt che aveva chiamato

10 10 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Fattoriale senza ricorsione (addendum 7 a n. 48) n nello stack FATT=1 a0<2 n dallo stack FATT=FATT*a0 a0=a0-1 sì no ritorno

11 11 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici n = $a0 fatt:addi $sp, $sp, -4# agg.$SP per salvat. n sw $a0, 0($sp)# salvataggio n addi $v0, $zero, 1# $v0 = fattoriale =1 Ciclo:slti $t0, $a0, 2# test per $a0 < 2 beq $t0, $zero, L1# salta se $a0 >= 2 lw $a0, 0($sp)# ripristino n addi $sp, $sp, 4# aggiornamento $SP jr $ra L1:mul $v0, $a0, $v0# fatt = fatt * $a0 addi $a0, $a0, -1# $a0 = $a0 -1 j Ciclo Fattoriale senza ricorsione (addendum 8 a n. 48)

12 12 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici void strcpy (char x[], char y[]) { int i; i = 0; while ((x[i] = y[i]) != 0) /* copia e test byte */ i = i + 1; } strcpy:addi$sp, $sp, -4 sw$s0, 0($sp)# salva $s0 nello stack add$s0, $zero, $zero# i = 0 L1:add$t1, $a1, $s0# ind. y[i] in $t1 lb$t2, 0($t1)# $t2 = y[i] add$t3, $a0, $s0# ind. x[i] in $t3 sb$t2, 0($t3)# x[i] = y[i] addi$s0, $s0, 1# i = i + 1 bne$t2, $zero, L1# se y[i]  0 vai a L1 lw$s0, 0($sp)# ripristina $s0 dallo stack addi$sp, $sp, 4 jr $ra# ritorno Indirizzo stringa x = $a0; ind. y = $a1; i = $s0 Gestione caratteri (addendum 9 alla slide n. 48)

13 13 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Pseudo Istruzioni (addendum 1 alla slide n. 57) Versioni modificate delle istruzioni vere, trattate dall’assemblatore Esempi: Pseudo istruzione:move$t0, $t1# $t0 = $t1 Istruzione vera:add$t0, $zero, $t1 Pseudo istruzione:blt$s1, $s2, Label Istruzioni vere: slt$at, $s1, $s2 bne$at, $zero, Label Altri esempi: bgt, bge, ble; branch condizionati a locazioni distanti trasformati in un branch e una jump, li, etc.

14 14 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici azz1 (int vett[], int dim) { int i; for (i=0; i

15 15 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici azz2 (int *vett, int dim) {// *p è l’oggetto puntato da p int *p; // &vett è l’indirizzo di vett for (p=&vett[0]; p<&vett[dim]; p++) *p = 0; } azz2:move$t0, $a0# p = indir vett[0] add$t1, $a1, $a1# 4 * dim add$t1, $t1, $t1 add$t2, $a0, $t1# $t2 = indir di vett[dim] L2:sw$zero, 0($t0)# mem puntata da p = 0 addi$t0, $t0, 4# p = p + 4 slt$t3, $t0, $t2# p < &vett[dim] ? bne$t3, $zero, L2# se è vero vai a L2 jr$ra Indirizzo vett = $a0, dim = $a1, p = $t0 Vettori e puntatori (addendum 3 alla slide n. 57)

16 16 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Shifts: shift left logical 8 bit D  D00sll $t2, $s0, 8 shift right logical 4 bit D00  D0srl $t2, $s0, 4 Formato R per l’istruzione sll $t2, $s0, 8 : op rs rt rdshamtfunct AND bit a bit$t1=00003C00$t2=00000D00 AND $t0, $t1, $t2$t0=00000C00 OR bit a bitOR $t0, $t1, $t2$t0=00003D00 Operazioni logiche (addendum 1 alla slide n. 71)

17 17 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici c 1 = b 0 c 0 + a 0 c 0 + a 0 b 0 ; c 1 = a 0 b 0 + (a 0 + b 0 )c 0 c 2 = b 1 c 1 + a 1 c 1 + a 1 b 1 ; c 2 = a 1 b 1 + (a 1 + b 1 )c 1 = = a 1 b 1 + (a 1 + b 1 ) (a 0 b 0 + (a 0 + b 0 )c 0 ) c 3 = b 2 c 2 + a 2 c 2 + a 2 b 2 ; c 3 = a 2 b 2 + (a 2 + b 2 )c 2 = = a 2 b 2 + (a 2 + b 2 )c 2 = a 2 b 2 + (a 2 + b 2 ) (a 1 b 1 + (a 1 + b 1 ) (a 0 b 0 + (a 0 + b 0 )c 0 )) c 1 = g 0 + p 0 c 0 c 2 = g 1 + p 1 c 1 ; c 2 = g 1 + p 1 (g 0 + p 0 c 0 ) = g 1 + p 1 g 0 + p 1 p 0 c 0 c 3 = g 2 + p 2 c 2 ; c 3 = g 2 + p 2 (g 1 + p 1 g 0 + p 1 p 0 c 0 ) = = g 2 + p 2 g 1 + p 2 p 1 g 0 + p 2 p 1 p 0 c 0 c 4 = g 3 + p 3 c 3 ; c 4 = g 3 + p 3 g 2 + p 3 p 2 g 1 + p 3 p 2 p 1 g 0 + p 3 p 2 p 1 p 0 c 0 CLA: propaga e genera (addendum 1 alla slide n. 84)

18 18 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Realizziamo un “super” sommatore a 4 bit (CLA a 4 bit). I “super” segnali “propaga” P i sono dati da: P 0 = p 3 p 2 p 1 p 0 ; P 1 = p 7 p 6 p 5 p 4 P 2 = p 11 p 10 p 9 p 8 ; P 3 = p 15 p 14 p 13 p 12 I “super” segnali “genera” G i sono dati da: G 0 = g 3 + p 3 g 2 + p 3 p 2 g 1 + p 3 p 2 p 1 g 0 G 1 = g 7 + p 7 g 6 + p 7 p 6 g 5 + p 7 p 6 p 5 g 4 G 2 = g 11 + p 11 g 10 + p 11 p 10 g 9 + p 11 p 10 p 9 g 8 G 3 = g 15 + p 15 g 14 + p 15 p 14 g 13 + p 15 p 14 p 13 g 12 CLA a 4 bit (addendum 2 alla slide n. 84)

19 19 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici I riporti in ingresso ai 4 CLA del sommatore a 16 bit sono simili ai riporti in uscita da ciascun bit del sommatore a 4 bit c 1, c 2, c 3, c 4 C 1 = G 0 + P 0 c 0 C 2 = G 1 + P 1 G 0 + P 1 P 0 c 0 C 3 = G 2 + P 2 G 1 + P 2 P 1 G 0 + P 2 P 1 P 0 c 0 C 4 = G 3 + P 3 G 2 + P 3 P 2 G 1 + P 3 P 2 P 1 G 0 + P 3 P 2 P 1 P 0 c 0 CLA a 4 bit (addendum 3 alla slide n. 84)

20 20 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Hp.  = tempo di risposta di AND e OR Sia T tot = # porte del cammino più lungo *  RCA T tot = 16 * 2  CLA T tot = tempo per produrre C4 2  per produrre C4 a partire da G i, P i e c 0 ; 2  per G i a partire da g i e p i, 1  per P i da p i ; 1  per g i e p i a partire da a i e b i T tot = 5  Per 16 bit CLA è 6 volte più veloce di RCA Velocità RCA e CLA a 16 bit (addendum 1 alla slide n. 85)

21 21 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Registri e istruzioni in virgola mobile del MIPS (addendum 1 alla slide n. 91) RegistriCommento $f0, $f1, $f2, … $f31In doppia precisione un registro corrisponde ad una coppia pari e dispari, identificato dal nome del registro pari ISTRUZIONIARITMETICHE Singola precisioneDoppia precisione add.s $f1, $f2, $f3add.d $f0, $f2, $f4 sub.s $f1, $f2, $f3sub.d $f0, $f2, $f4 mul.s $f1, $f2, $f3mul.d $f0, $f2, $f4 div.s $f1, $f2, $f3div.d $f0, $f2, $f4

22 22 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Istruzioni in virgola mobile del MIPS (addendum 2 alla slide n. 91) ISTRUZIONI DITRASFERIMENTO DATI lwc1 $f1, 100 ($s2)swc1 $f1, 100 ($s2) ISTRUZIONI COMPARE(x = eq, ne, lt, le, gt, ge) c.x.s $f1, $f4c.x.d $f2, $f4 ISTRUZIONIDI SALTO bc1t 25Branch on FP true bc1f 25Branch on FP false

23 23 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici Numeri in virgola mobile secondo lo standard IEEE 754 (addendum 1 alla slide n. 92) SingolaPrecisioneDoppiaPrecision e Oggetto rappres. Exp.MantissaExp.Mantissa #  0 0 Sub- number 1  254  # #1  2046  # # #normaliz zato /-  255 #  #  0 NaN (Not a Number)


Scaricare ppt "1 Università di Pavia - corso di Calcolatori Elettronici C code: L1:g = g + A[i]; i = i + j; if (i != h) goto L1; MIPS code: L1:add $t1, $s3, $s3# $t1."

Presentazioni simili


Annunci Google