La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contro il sistema tariffario dell'AEEG per il riconoscimento dell'esito referendario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contro il sistema tariffario dell'AEEG per il riconoscimento dell'esito referendario."— Transcript della presentazione:

1 contro il sistema tariffario dell'AEEG per il riconoscimento dell'esito referendario

2 TARIFFA 0 IL PREZZO DEL SERVIZIO IDRICO NON PUO' ESSERE FISSATO DAL MERCATO E' UN MONOPOLIO NATURALE

3 TARIFFA 1 L. n. 36/1994 (Legge Galli) Disposizioni in materia di risorse idriche 13. (1) (Tariffa del servizio idrico). 1. La tariffa costituisce il corrispettivo del servizio idrico La tariffa è determinata tenendo conto della qualità della risorsa idrica e del servizio fornito, delle opere e degli adeguamenti necessari, dell’entità dei costi di gestione delle opere, dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito e dei costi di gestione delle aree di salvaguardia, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio.

4 TARIFFA 2 1. La tariffa costituisce il corrispettivo del servizio idrico integrato La BOLLETTA non è un TRIBUTO, è proporzionata al servizio ricevuto. Senza servizio nessun pagamento è dovuto. A servizio parziale, pagamento parziale. In caso di morosità, Equitalia non c'entra.

5 TARIFFA 3 1. La tariffa.... è determinata tenendo conto della qualità della risorsa idrica e del servizio fornito, delle opere e degli adeguamenti necessari, dell'entità dei costi di gestione delle opere, dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito …. in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio

6 TARIFFA 4 LEGGE 152/2006 (CODICE DELL'AMBIENTE) Art Tariffa del servizio idrico integrato TARIFFA = COSTI DI ESERCIZIO + AMMORTAMENTO DEL CAPITALE + REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO (7%)

7 IAG: LEGGERE LA BOLLETTA L'opuscolo di Iren Acqua e Gas è molto chiaro: “Le somme raccolte attraverso le bollette devono coprire completamente tutti i costi di gestione del servizio e anche i costi della realizzazione di nuove opere”

8 Prezzo amministrato ✔ La Tariffa reale in ogni ATO è stabilita attribuendo un valore alle variabili Chi lo fa? Il MERCATO?

9 I SINDACI ✔ RIUNITI nell'assemblea d'ambito decidono la tariffa sulla base della previsione dei costi operativi, degli investimenti e degli ammortamenti. ✔ Questa PREVISIONE è il PIANO D'AMBITO

10 COSTI OPERATIVI ACAM ACQUE 2007 (fonte: Piano d'Ambito rielaborazione da p. 32) ACQUISTI SPESE PER SERVIZI SPESE PER IL PERSONALE ONERI DIVERSI DI GESTIONE TOTALE

11 ATO Spezzino Il valore complessivo del capitale investito al 1/1/2008 ammonta a 163,3 milioni di €. Tale valore viene assunto quale capitale investito iniziale. 7% di 163,3 mil. = 11,431 mil. (PIANO D'AMBITO p. 34)

12 ATO Spezzino (fonte Piano d'Ambito, rielaborazione da Allegato 5) Capitale investito Remuner azione ammorta mento Costi operativi Copertura integrale Tariffa €/mc 1,8311,9292,0312,1382,1782,209

13 ATO Spezzino (fonte Piano d'Ambito, rielaborazione da Allegato 5) Aumento % di 2014 Su 2009 Capitale investito Remuner azione ammorta mento Costi operativi Copertura integrale ,68% Tariffa €/mc 1,8312,209+20,64%

14 TARIFFA GIUGNO 2011 IL REFERENDUM (2° QUESITO) TAGLIA VIA LA REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO

15 TARIFFA 6 dal 21 luglio 2011, la tariffa e' costituita di 2 sole voci: COSTI DI ESERCIZIO + AMMORTAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO

16 I SINDACI ✔ Dopo il referendum, quasi tutte le AATO d'Italia, con motivazioni poi smentite dal Consiglio di Stato (25/1/2013), si sono rifiutate di eliminare la remunerazione del capitale investito dalla tariffa. ✔ Hanno continuato come se nulla fosse accaduto!

17 AEEG Berlusconi UN MESE PRIMA DEL REFERENDUM Decreto legge 13 maggio 2011, n. 70: istituisce l' Agenzia nazionale per la regolazione e la vigilanza in materia di acqua Monti 6 MESI DOPO IL REFERENDUM legge 22 dicembre 2011 n. 214, articolo 21 (“decreto Salvitalia”): sopprime l'Agenzia, attribuisce le competenze in materia di Tariffa all'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas. ✔ L'AEEG entra nelle sue funzioni dal 01/01/2012, elaborerà un nuovo Metodo Tariffario Transitorio (MTT) che attuerà i referendum e le previsioni del 2° comma dell'art. 154.

18 I CRITERI DI AEEG Il nuovo metodo tariffario esce i 28 dicembre 2012 Torna la “remunerazione del capitale investito” rinominata COSTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI

19 METODO TARIFFARIO TRANSITORIO DI AEEG TARIFFA = COSTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI (intesi come somma degli oneri finanziari, degli oneri fiscali e delle quote di ammortamento degli investimenti) + COSTI DELLA GESTIONE + (EVENTUALE) ANTICIPAZIONE PER FINANZIAMENTO NUOVI INVESTIMENTI l

20 I CRITERI DI AEEG - 2 Gli oneri finanziari e fiscali sono riconosciuti come percentuale fissa del capitale investito, nella misura del ,4%! CHE FANTASIA! E BRAVI AEEG! CI AVETE FATTO LO SCONTO!

21 ACAM – BILANCIO 2012 ANNO Ricavi da Servizio Idrico Integrato % , Fonte: ACAM Acque S.p.A Socio Unico, Bilancio di esercizio 2012, p. 6

22 ACAM – BILANCIO 2012 “[L'incremento dei ricavi è] essenzialmente correlato agli incrementi tariffari apportati a seguito dell'introduzione del Metodo Tariffario Transitorio da parte dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas”

23 ACAM – BILANCIO 2012 In particolare, i ricavi da Servizio Idrico Integrato sono aumentati nel 2012, rispetto al 2011, di 6 milioni, pari al 16,00% (pag. 7)

24 ACAM – BILANCIO 2012 “Risulta utile evidenziare che i volumi erogati nel corso del 2012 hanno subito una contrazione pari a circa mc [-4%]”

25 ACQUA massimorendimento minimo rischio (1) Unisce il massimo rendimento con il minimo rischio margini di crescita (2) Ha grandi margini di crescita

26 QUANTO PUO' CRESCERE? FAMIGLIA TIPO DI 3 PERSONE NEL 2012 HA SPESO: 509 € A FIRENZE, PISTOIA, PRATO 110 € A ISERNIA Fonte: CITTADINANZATTIVA, Il Servizio Idrico integrato, Agosto 2013

27 LIGURIA 27) GENOVA ) LA SPEZIA ) IMPERIA ) SAVONA 186

28 CGIA DI MESTRE Tariffe: aumenti boom, soprattutto tra quelle amministrate dai comuni Tra il 2000 ed il 2011 le bollette dell’acqua potabile (+70,2%) e quelle dei rifiuti (+61%) sono aumentate più del doppio del costo della vita (+27,1%).

29 CGIA DI MESTRE PRIMA L'ACQUA negli aumenti costo della vita +27,1%, la tariffa dell’acqua potabile + 70,2% raccolta rifiuti del 61% biglietti dei trasporti ferroviari sono aumentati del + 53,2%. Di seguito troviamo i pedaggi autostradali, con un incremento del + 49,1%, il gas, con una crescita del +43,3% ed i trasporti urbani, con una variazione del +39,5%.

30 PRIVATIZZARE! Per questo la spinta a procedere sulla via della privatizzazione continua incessante

31 PRIVATIZZAZIONE E' UN PROCESSO multiutility municipalizzata→azienda speciale →spa o srl → →multiutility L'importante è arrivare alla meta!

32 FINANZA OGGI Modello acqua Territorio genovese Produce l'acqua → MdA → Profitti Iren spa F2i Intesa Sanpaolo Unicredito Merrill Lynch Fondi pensione Partiti e clientele Fondazioni bancarie Fondi di investimento MdA fa utili per 48 milioni, ma distribuisce 65 mil di dividendi

33 17IL “MODELLO ACQUA” E’ UNIDIREZIONALE IN 3 ESERCIZI MEDITERRANEA DELLE ACQUE HA DISTRIBUITO AI SOCI DIVIDENDI DI OLTRE € 17 MLN SUPERIORI ALL’UTILE NETTO CONSEGUITO GLI INVESTIMENTI NEL SERVIZIO IDRICO SI MANTENGONO AL DI SOTTO DEL NECESSARIO LE PERDITE DI ACQUA NELL’A.T.O. GENOVESE SONO PASSATE DAL 26% DEL 2007 AL 27% DEL 2011 IL VALORE (DENARO) VA DAL TERRITORIO ALLA FINANZA E LI’ RIMANE DIVENTANDO UNO STRUMENTO PER ESTRARRE DAL TERRITORIO ALTRO VALORE (LEVA FINANZIARIA) Forum Beni Comuni - Genova, gennaio 2014 DA VENT’ANNI SI CONSOLIDA UN MODELLO LINEARE IN CUI

34 20IL MODELLO PUBBLICO E’ CIRCOLARE Forum Beni Comuni - Genova, gennaio 2014 SERVIZI TARIFFE “UTILI” INVESTIMENTI partecipaz indirizzo controllo LE VARIE AZIENDE OPERANO COME ATTIVITÀ INTEGRATE E COMPLEMENTARI PER MASSIMIZZARE L’UTILITÀ SOCIALE A LUNGO TERMINE PER “PUBBLICO” SI INTENDE UN SISTEMA A LEGITTIMAZIONE CONGIUNTA VOTO- PARTECIPAZIONE TRASFERIMENTI DA STATO E REGIONE

35 PER UN MODELLO SOCIALE ALTERNATIVO La battaglia per l'acqua: via il profitto dalla gestione del SII = = la risorsa ACQUA al servizio di quel territorio (della fertilità dei suoli, degli equilibri ecologici, della stabilità idrogeologica, dell'economia locale...)

36 PER UN MODELLO SOCIALE ALTERNATIVO - L'alternativa parte dai territori dalle popolazioni insediate - Ambiente naturale ed economia locale si basano sull'accesso all'acqua


Scaricare ppt "Contro il sistema tariffario dell'AEEG per il riconoscimento dell'esito referendario."

Presentazioni simili


Annunci Google