La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comunione e il condominio Quando un diritto cade in comunione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comunione e il condominio Quando un diritto cade in comunione."— Transcript della presentazione:

1 La comunione e il condominio Quando un diritto cade in comunione

2 La comunione Caratteristica “Ciascuno dei contitolari del diritto (comunisti) è titolare di una quota astratta del bene considerato nella sua integrità” Comunione volontaria Comunione incidentale Comunione forzosa

3 L’amministrazione della comunione, spetta ai contitolari che decidono collettivamente,a maggioranza; Semplice (50+1); atti di ordinaria amm.ne Qualificata (2/3); atti di straordinaria amm.ne  I contitolari possono nominare un amministratore ( anche uno di loro);  I contitolari possono stabilire un regolamento ( appro.ne maggioranza semplice);  I contitolari possono stabilire un regolamento contrattuale ( non modificabile se non con l’accordo di tutti); Ogni regolamento impegna sia i partecipanti sia i loro aventi causa La comunione :l’amministrazione

4 Ciascun contitolare del diritto può liberamente disporre della propria quota può venderla, darla in locazione,ipotecarla. L’alienazione della cosa comune e la costituzione di altri diritti reali a favore di altrui su di essa devono essere deliberate all’unanimità dai partecipanti. Tutte le deliberazioni possono essere annullate dal giudice se sono illegittime o se gravemente pregiudizievoli alla cosa comune La comunione

5  La comunione si scioglie con la divisione  Non può essere sciolta la comunione forzosa  Né quella espressamente vincolata dai partecipanti (max. 10 anni )  La comunione si realizza in natura  Per i beni impossibilitati si usa il conguaglio La comunione: la divisione

6 Il condominio si ha negli edifici composti da più unità immobiliari (alloggi, autorimesse, cantine, solai ecc.) appartenenti a proprietari diversi Ogni unità immobiliare è di proprietà esclusiva di una persona Invece il suolo e le parti dell'edificio destinate all'uso comune sono in comproprietà forzosa (dunque non divisibile) e irrinunciabile fra i condomini La comunione: il condominio

7 LE TABELLE MILLESIMALI Quote di parti comuni ( ripartiscono le spese) I LASTRICI SOLARI sono di regola di uso comune. Se di uso esclusivo a un condomino allora spese di riparazione e di ricostruzione spettano per 1/3 al condomino che ne ha l'uso esclusivo e solo per 2/3 a tutti i condomini in proporzione alla loro quota 3a La comunione: il condominio

8 LE SPESE Ciascun condomino deve contribuire alle spese necessarie per: la manutenzione delle parti comuni dell'edificio; la gestione dei servizi comuni il pagamento dei risarcimenti dei danni prodotti Il suo contributo è proporzionale alla propria quota millesimale La comunione: il condominio

9 IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO  Se vi sono più di 10 condomini è obbligatorio adottarlo, altrimenti è facoltativo.  Adottato dall'assemblea a maggioranza.  Se predisposto unilateralmente,es. dal costruttore,regolamento contrattuale.  Può contenere limiti all’uso delle singole unità immobiliari (destinazione a usi non propri: studi medici, ambulatori….) La comunione: il condominio

10 L'ASSEMBLEA DEI CONDOMINI  E’ l'organo cui spetta il potere di deliberare  Essa deve essere convocata in via ordinaria una volta all'anno  In via straordinaria ogni volta in cui l'amministratore lo ritiene opportuno o ne è fatta richiesta da un minimo di due condomini che rappresentino almeno 1/6 dei millesimi dell'edificio La comunione: il condominio

11 L'ASSEMBLEA DEI CONDOMINI  è regolarmente costituita se sono presenti almeno 2/3 dei condomini e i presenti rappresentano almeno 2/3 dei millesimi dell'edificio  altrimenti si provvede a una seconda convocazione per il giorno successivo, ove è indispensabile che sia presente almeno 1/3 dei condomini in rappresentanza di almeno 1/3 dei millesimi dell'edificio  delega La comunione: il condominio

12 L'ASSEMBLEA DEI CONDOMINI  2/3 dei millesimi, per le delibere sulle innovazioni dirette a migliorare l'uso delle parti comuni o ad aumentarne il rendimento  con la maggioranza dei presenti all'assemblea, in rappresentanza di almeno 1/2 dei millesimi, per le delibere sulla nomina e la revoca dell'amministratore, sull'approvazione del regolamento condominiale La comunione: il condominio

13 L'ASSEMBLEA DEI CONDOMINI  con la maggioranza semplice dei millesimi per le delibere sull'adozione di nuovi sistemi di termoregolazione  con la maggioranza di 1/3 dei presenti, in rappresentanza di almeno 1/3 dei millesimi per tutte le altre delibere  è invece necessaria l'unanimità dei condomini per le delibere che modificano il regolamento condominiale di tipo contrattuale La comunione: il condominio

14 L'AMMINISTRATORE  eseguire le deliberazioni dell' assemblea  organizzare e regolare l'uso delle parti comuni  compiere atti conservativi  redigere il bilancio annuale  rappresentare il condominio nei procedimenti giudiziari La comunione: il condominio

15 Utilizzazione di appartamenti di ridotte dimensioni, facenti parte di grandi complessi abitativi siti in località turistiche.  l titolare del diritto ha la facoltà di abitare un alloggio ammobiliato per un periodo dell'anno predeterminato  il titolare del diritto non può apportare alcuna modifica  Obbligo di pagare la quota di spese condominiali  Gestione dell’immobile alla ditta costruttrice  Il titolare del diritto può disporre vendendo ad altri la propria quota La comunione: la multiproprietà


Scaricare ppt "La comunione e il condominio Quando un diritto cade in comunione."

Presentazioni simili


Annunci Google