La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Becchin ’amor! – Che vuò, falso tradito? Cecco Angiolieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Becchin ’amor! – Che vuò, falso tradito? Cecco Angiolieri."— Transcript della presentazione:

1 Becchin ’amor! – Che vuò, falso tradito? Cecco Angiolieri

2 Biografia dell’autore Cecco Angiolieri, nato nel 1257 e morto verso il 1312.Cecco visse una vita sregolata: ebbe vari problemi con la giustizia, sperperò l’eredità del padre e morì in miseria. La sua opera consta di oltre cento sonetti fondati sulla parodia. Nei suoi versi esalta la taverna, il gioco d’azzardo e i piaceri carnali. Una delle sue poesie più celebri è Becchin ’Amor! – Che vuò falso tradito? Che parla del litigio con la sua amante Becchina,una donna del popolo, volubile e litigiosa. Cecco Angiolieri, nato nel 1257 e morto verso il 1312.Cecco visse una vita sregolata: ebbe vari problemi con la giustizia, sperperò l’eredità del padre e morì in miseria. La sua opera consta di oltre cento sonetti fondati sulla parodia. Nei suoi versi esalta la taverna, il gioco d’azzardo e i piaceri carnali. Una delle sue poesie più celebri è Becchin ’Amor! – Che vuò falso tradito? Che parla del litigio con la sua amante Becchina,una donna del popolo, volubile e litigiosa.

3 Testo Poesia Testo Poesia – Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito? – Che mi perdoni. – Tu non ne se ’ degno. – Merzé, per Deo! – Tu vien’ molto gecchito. – E verrò sempre. – Che sarammi pegno? – La buona fé. – Tu ne se’ mal fornito. – No inver’ di te. – Non calmar, ch’i’ ne vegno. – In che fallai? – Tu sa’ ch’i’ l’ abbo udito. – Dimmel ’, amor. – Va’, che ti vegn ’un segno! – Becchin’amor! – Che vuo’, falso tradito? – Che mi perdoni. – Tu non ne se ’ degno. – Merzé, per Deo! – Tu vien’ molto gecchito. – E verrò sempre. – Che sarammi pegno? – La buona fé. – Tu ne se’ mal fornito. – No inver’ di te. – Non calmar, ch’i’ ne vegno. – In che fallai? – Tu sa’ ch’i’ l’ abbo udito. – Dimmel ’, amor. – Va’, che ti vegn ’un segno! – Vuo’ pur ch’i’ muoia? – Anzi mi par mill ’anni. – Tu non di’ ben. – Tu m’insegnerai. – Ed i’ morrò. – Omè che tu m’inganni! – Die tel perdoni. – E che, non te ne vai? – Or potess ’io! – Tègnoti per li panni? – Tu tieni ’l cuore. – E terrò co’ tuoi’ guai. A B A B A B A B C D C D C D

4 Parafrasi - Becchina,Amore! - Che vuoi,bugiardo (falso) traditore? - [voglio] che mi perdoni. - Tu non ne sei degno. - Pietà (merzè),in nome di Dio ! – Tu vieni [da me] molto umile (gecchito). – E verrò [da te] sempre [con tale atteggiamento]. – Che [cosa] mi darà (sarammi) garanzia (pegno) ? -La buona fede (fè). – Tu ne sei poco (mal) fornito. – Non nei tuoi confronti (inver’di te). – Non [cercare di] calmar[mi],così che io ritorni a te (ne vegno). – In che [cosa] ho sbagliato (fallai) ? – Lo sai che io l’ho (l’abbo) sentito dire (udito). – Dimmelo,amore. Và [via], che ti venga un colpo (un segno) ! -Vuoi veramente (pur) che io muoia? – Anzi mi sembrano mille anni [:non vedo l’ora]. – Tu non dici bene [:parli in modo offensivo]. - Mi insegnerai tu [a dire bene]. – E [allora] io morirò. – Ahimè (omè), [ecco] che tu mi inganni [:purtroppo non è vero] ! – Dio ti perdoni. – Ma perché (e che) non te ne vai? – Magari (or ) io potessi ! – Ti trattengo (tègnoti) [forse] per i vestiti (i panni)? – Tu possiedi (tieni) il [mio] cuore. – E [lo] terrò per la tua rovina ( cò tuò guai).

5 Analisi poesia  Tipo testo: Sonetto (due quartine e due terzine) composto da 14 endecasillabi  Schema rime: Due alternate e due incatenate (ABAB-ABAB-CDC- DCD)  Figure retoriche: 1.Iperbole:Anzi mi par mill ’anni 2.Anafora: - Tu non di’ ben. – Tu m’insegnerai. 3.Metafora:Tu tieni ‘l cuore.


Scaricare ppt "Becchin ’amor! – Che vuò, falso tradito? Cecco Angiolieri."

Presentazioni simili


Annunci Google