La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EPIDEMIOLOGIA. Incidenti stradali e cinture di sicurezza 1.000 morti in incidenti automobilistici sull’autostrada -500 indossavano la cintura -500 non.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EPIDEMIOLOGIA. Incidenti stradali e cinture di sicurezza 1.000 morti in incidenti automobilistici sull’autostrada -500 indossavano la cintura -500 non."— Transcript della presentazione:

1 EPIDEMIOLOGIA

2 Incidenti stradali e cinture di sicurezza morti in incidenti automobilistici sull’autostrada -500 indossavano la cintura -500 non indossavano la cintura la cintura di sicurezza non serve!

3 1.000 morti sull’autostrada nel corso di incidenti autisti indossavanola cintura 500 (5,5%) sono morti autisti non indossavano la cintura 500 (50%) sono morti la cintura di sicurezza previene la morte in caso diincidente

4 L’epidemiologia come disciplina autonoma si sviluppa inizialmente nel Regno Unito. Il primo epidemiologo moderno viene riconosciuto nel medico inglese John Snow il quale condusse indagini epidemiologiche sul colera quando ancora non era conosciuto l’agente eziologico.

5 Snow aveva già assistito agli effetti del colera, giunto sulle Isole britanniche dalle Indie Orientali con l’epidemia del 1830 che aveva fatto 60 mila vittime. Quando la malattia si ripresento’ nell’area metropolitana di Londra nel 1849 e nel 1854, Snow aveva già qualche idea e con perfetto stile ipotetico deduttivo, decise di verificarla.

6 Lavorando su una mappa della città Snow riporto’ i numeri dell’epidemia nei diversi distretti e,poi, sovrappose allo schema quello degli approvvigionamenti idrici

7 Tutti i casi erano distribuiti attorno ad una sola delle numerose pompe erogatrici di acqua potabile della City.

8 A quei tempi le forniture idriche della città erano affidate a due compagnie, la Southwark & Vauxhall e la Lambeth.

9 Non c’era da sbagliarsi, dove la Lambeth forniva l’acqua potabile le morti erano nettamente inferiori. Ordinando la chiusura della Broad Street pump riuscì a porre fine all’epidemia e ad identificare l’acqua stessa come possibile veicolo di trasmissione. Non passarono infatti molti anni dopo gli studi di Snow che Robert Koch giunse all’isolamento, proprio dall’acqua del Vibrio Cholerae

10 Dopo la prima guerra mondiale gli USA iniziarono a condurre studi epidemiologici in larga scala: 1.Trial sull’aggiunta di fluoro all’acqua potabile per la prevenzione delle carie 2.Framingham Heart Study 3.Studio su milioni di studenti per verificare l’efficacia del vaccino antipoliomeilitico di Salk

11 L’epidemiologia è il metodo più semplice e diretto per studiare la causa delle malattie nell’uomo. Molti contributi importanti sono stati portati da studi che non hanno richiesto niente di più della capacità di contare, di pensare in modo logico e di avere un’idea originale.

12 Definizione di epidemiologia “ L’epidemiologia è lo studio della distribuzione e dei determinanti delle situazioni o degli eventi collegati alla salute in una specifica popolazione, e l’applicazione di questo studio al controllo dei problemi della salute”. (Last 1988)

13 Dal punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»

14 Disciplina che studia la distribuzione delle malattie (o di eventi o stati di rilevante interesse sanitario) nella popolazione umana e dei fattori che la influenzano (determinanti)

15 Scopi generali della ricerca epidemiologica -Descrivere lo stato di salute (malattia, esposizione..) di una popolazione mediante l’enumerazione dei casi di malattia -Scoprire le cause delle malattie individuando i fattori o gli agenti che ne modificano la frequenza per permettere la loro prevenzione -Sorvegliare la salute della popolazione e valutare le conseguenze degli interventi di prevenzione

16 Tradizionale classificazione dell’epidemiologia EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA EPIDEMIOLOGIA ANALITICA

17 Studio della distribuzione della malattia nella popolazione e dei principali fattori che ne determinano le variazioni Chi si ammala? Dove ci si ammala? Quando ci si ammala? Person, time, place model Epidemiologia descrittiva

18 Person – Time – Place Person:caratteristiche individuali che possono influenzare l’esposizione/suscettibilità es: sesso, età, occupazione, abitudini di vita, caratteristiche genetiche, ecc... Place:caratteristiche geografiche che possono influenzare il rischio di sviluppare la malattia es: nazioni, città, aree urbane, rurali, ecc... Time:Periodi particolari che possono influenzare il rischio es: trend secolari, età, durata dell’esposizione, ecc...

19 Epidemiologia analitica Valutazione di specifiche ipotesi sulla relazione tra un fattore e una malattia Come varia la malattia in funzione di differenti tipi di esposizione? Come varia la malattia in funzione di differenti suscettibilità individuali Host, agent, environment model

20 Host – Agent - Environment Host : Lo stato dell’ospite è determinato da fattori: - genetici  sesso, deficienze enzimatiche,... - Ambientali  immunità, stato nutrizionale,... - sociali  condizione economica,educazione Agent : caratteristiche dell’agente (batteri, virus, fumo,...) - modalità di trasmissione, dose... - periodo di incubazione o latenza - patogenicità, virulenza,… Environmental : - biologico-  piante, animali dell’ambiente in cui vive l’ospite - sociale  istituzioni politiche, culturali, religiose,... - fisico  temperatura, altitudine, pollution,...

21 Causa necessaria La causa deve essere presente perché l’evento si verifichi (precede l’evento) Es: Bacillo di koch  tubercolos Hiv  Aids

22

23 Causa sufficiente Se la causa è presente l’evento deve verificarsi (rare in medicina) Es: Virus Morbillo  Morbillo Rabbia  Morte

24

25

26 Il rischio Variabile che, se presente ed attiva, aumenta la probabilità che una particolare malattia si sviluppi in un gruppo di persone esposte a questo fattore di rischio rispetto ad un altro gruppo, con caratteristiche analoghe, che non sono esposte.

27 I fattori di rischio non sono ne necessari ne sufficienti Es: Fumo  cancro del polmone Alti livelli di colesterolo  infarto del miocardio

28 Misure di frequenza di malattia: la PREVALENZA Definizione: numero di casi di una determinata malattia in una popolazione definita in uno specifico momento nel tempo.

29 Prevalenza puntuale : rapporto tra il numero di casi e il numero dei componenti la popolazione considerata in un determinato istante è come un’immagine fotografica della popolazione al momento dell’indagine può però subire oscillazioni notevoli: es/ malattie infettive

30 Prevalenza periodale: proporzione tra il numero di soggetti che in un momento qualsiasi sono risultati ammalati e la popolazione totale. Numero di persone rilevati con la malattia o la condizione nel periodo t Popolazione totale

31 Se i dati sono stati raccolti in un preciso momento temporale, si ottiene il tasso di prevalenza puntuale. Più frequentemente, il tasso è calcolato in un periodo (mese o anno) e si chiama tasso di prevalenza periodale, inteso come numero di persone che presentano la situazione morbosa in un definito periodo, nella popolazione a rischio nello stesso periodo.

32 Misurare la frequenza di una malattia: l’ INCIDENZA Definizione: numero di casi nuovi di una determinata malattia che si sviluppano in un dato periodo in una specifica popolazione.

33

34

35

36

37 Il modo più accurato di calcolare il tasso di incidenza consiste nel calcolare il tasso di incidenza tempo- persona N° di persone che contraggono la malattia Somma della lunghezza del tempo durante il quale ogni persona nella popolazione è a rischio X 10 n

38 Importanti misure epidemiologiche : Oltre all’incidenza e alla prevalenza delle malattie altri tassi rivestono grande importanza, soprattutto in funzione del loro ruolo come indici di salute di una popolazione. Nella maggior parte dei casi queste misure epidemiologiche riguardano nazioni o regioni e sono basate sul dato della mortalità.

39 Misurare la mortalità in una popolazione : Tasso grezzo di mortalità: riferito a tutte le cause Tasso specifico di mortalità (per causa di morte, per sesso, per età, per razza, per occupazione…) : danno una idea più precisa della distribuzione del fenomeno. Tassi standardizzati: per paragonare tassi riguardanti popolazioni diverse

40 Il tasso grezzo di mortalità viene calcolato nel seguente modo : Numero di morti in uno specificato periodo di tempo Popolazione totale media durante quel periodo Il principale svantaggio del tasso grezzo di mortalità consiste nel non prendere in considerazione il fatto che la possibilità di morire varia a seconda dell’età, del sesso, della razza, della condizione socio-economica e di altri fattori. X 10 n

41 Mortalità prima e dopo la nascita mortalità infantile: N° annuale di morti in bambini con < di 1 anno / N° di nati vivi nello stesso anno mortalità neo-natale N° annuale di morti nei primi 28 giorni di vita / N° di nati vivi nello stesso anno mortalità post-natale N° annuale di morti tra il 29° giorno ed un anno / N° di nati vivi nello stesso anno mortalità perinatale N° annuale nati morti + morti nella 1° settimana di vita/ N° di nati nello stesso anno (nati vivi+ nati morti)

42 mortalità perinatale natimortalità mortalità infantile postneonatalemortalità neonatale prec. tardiva 180 giorni gestazione nascita1 anno 1234 settimane di vita NATIMORTALITA’, MORTALITA’ INFANTILE E PERINATALE

43 Il tasso di mortalità infantile è considerato uno degli indicatori più fedeli a livello igienico-sanitario di una popolazione. Infatti, la frequenza delle morti nel I° anno di vita è proporzionale alla diffusione delle malattie infettive e conseguentemente alla situazione dell’ambiente di vita. Molto importante risulta anche il tasso di mortalità perinatale che viene utilizzato come indice del livello di assistenza ostetrica e neonatologica di un paese.

44 MORTALITA’ INFANTILE

45 Misurare la gravità di una malattia: la letalità N° di decessi dopo diagnosi di una determinata malattia in un periodo specificato Numero di casi diagnosticati della malattia nello stesso periodo X 10 n

46 Misurare la frequenza di malattia o di altri stati di salute è solo l’inizio del processo epidemiologico. Un obiettivo centrale della ricerca epidemiologica infatti è di studiare le cause delle malattie o di individuarne i fattori di rischio. Misure di rischio

47 Come possiamo misurare/quantificare l’effetto di una esposizione per determinare se quella esposizione è causa o fattore di rischio di una determinata malattia? Con le misure di rischio RR rischio relativo OR odds ratio RA rischio attribuibile

48 FATTORI DI RISCHIO I fattori di rischio di una malattia possono essere: attributi della persona (componenti ereditarie o comportamentali) elementi a cui la persona è esposta (fattori ambientali) che aumentano la probabilità di comparsa di una malattia. La presenza di uno o più FR, pur aumentando la probabilità di ammalare di quella specifica malattia, non è una condizione che ne determina obbligatoriamente lo sviluppo.

49 Il processo di comparazione delle frequenze in due o più gruppi che abbiano avuto una esposizione differente può essere utilizzato per calcolare il rischio che da una esposizione derivi un effetto sulla salute. Possono essere effettuati sia confronti assoluti che relativi; tali misure descrivono la forza di una associazione tra una esposizione e un effetto.

50 Due gruppi di 1000 soggetti ciascuno, inizialmente sani, vengono seguiti per un determinato periodo di tempo. Un gruppo Exp+ risulta essere esposto ad un fattore di rischio sospetto, l’asbesto, l’altro Exp- no. Al termine del periodo di osservazione si riscontreranno 4 categorie di soggetti: persone esposte all’asbesto che hanno contratto la malattia: a=100 persone esposte all’asbesto che non hanno contratto la malattia: b=900 persone non esposte all’asbesto che hanno contratto la malattia: c=50 persone non esposte all’asbesto che non hanno contratto la malattia: d=950

51 Tabella 2 x 2 Possiamo considerare l’asbesto un FR per la pneumoconiosi?

52 Il più semplice dato ricavabile è l’incidenza della malattia tra gli esposti, ossia la proporzione di soggetti che durante il periodo di osservazione sviluppa la malattia: a/a+b 100/1000=10% Calcoliamo l’incidenza della malattia tra i non esposti: c/c+d 50/1000=5%

53 Il rapporto tra l’Incidenza negli esposti e l’Incidenza nei non esposti esprime di quanto è maggiore il rischio di coloro che sono esposti al FR rispetto a coloro che non lo sono. Questo rapporto è detto rischio relativo (RR): I exp+ 100/1000 0,1 RR = = = 2 I exp- 50/1000 0,05 =

54 Si definisce rischio relativo: la probabilità di malattia nel gruppo esposti diviso la probabilità di malattia nel gruppo non esposto

55 In generale : Un RR di 1,0 indica che la probabilità di malattia nel gruppo esposto ed in quello non esposto sono uguali non esiste associazione tra tra esposizione e malattia Un RR> di 1,0 indica che esiste un rischio maggiore di malattia tra i soggetti esposti Un RR<1,0 suggerisce che esiste un rischio minore di sviluppare la malattia tra i soggetti esposti

56 Poiché soltanto negli studi protratti nel tempo è possibile calcolare l’incidenza o la mortalità di una malattia, il rischio relativo potrà essere calcolato solo in tali condizioni. Una stima di questo rischio può essere tuttavia ricavata dagli studi caso-controllo e talvolta dagli studi di prevalenza.

57 In uno studio caso controllo, le proporzioni di soggetti affetti o non affetti dalla malattia sono scelte dall’esaminatore; non è possibile, pertanto, determinare la probabilità di malattia nei gruppi esposti e non esposti. E’ possibile, però, calcolare le probabilità di esposizione per per i casi e per i controlli e poi l’OR.

58 Un’altra misura comunemente utilizzata che confronta le probabilità di malattia Odds Ratio (OR)

59 il rapporto tra l’odds di esposizione tra i soggetti malati e l’odds di esposizione tra i soggetti non malati L’ODDS RATIO è:

60 Caso-controllo: 234 donne con diagnosi di infarto furono intervistate circa l’uso di contraccettivi orali. Per ogni caso furono intervistate piu’ di un controllo. In entrambi i gruppi andiamo ad indagare la probabilità di esposizione OR= a/c b/d = 29/ /1607 = 1,68 Contraccettivi orali e infarto miocardico

61 Il RR o l’OR sono due misure che cercano di spiegare lo stesso fenomeno. Sebbene il concetto di RR sia più intuitivo, l’OR ha migliori proprietà statistiche. In ogni caso, per patologie rare, l’ODDS RATIO è un’ottima approssimazione del RR.

62 Differenza del rischio rappresenta la quantità di rischio supplementare (rispetto all’incidenza dei non esposti) attribuibile al fattore di rischio considerato, ossia la quota di malati che eviterebbero la malattia se fosse completamente rimosso il FR. La differenza del rischio, chiamata anche rischio attribuibile (per gli esposti), eccesso di rischio o rischio assoluto, è la differenza nei tassi di frequenza tra i gruppi esposti e quelli non esposti Incidenza negli esposti-Incidenza nei non esposti

63 Confronto tra RR e RA. Il RR costituisce una misura della forza dell’associazione tra FR e malattia ed è quindi una stima di come il fattore aumenta la probabilità di ammalarsi. Pertanto è una misura usata spesso in epidemiologia eziologica

64 Il RA costituisce invece una misura d’impatto sulla popolazione e risente della frequenza della malattia. Il RA è usato spesso nella valutazione dell’impatto sanitario su popolazione. A parità di RR, il RA può essere molto diverso, indicando un ben differente impatto assoluto della presenza del fattore di rischio. A parità di RR, il RA è tanto più alto quanto è più frequente la malattia nella popolazione


Scaricare ppt "EPIDEMIOLOGIA. Incidenti stradali e cinture di sicurezza 1.000 morti in incidenti automobilistici sull’autostrada -500 indossavano la cintura -500 non."

Presentazioni simili


Annunci Google