La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1/14 Venezia, 14 maggio 2014 Rilanciare lo sviluppo “oltre il Pil”: criticità e possibili soluzioni Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1/14 Venezia, 14 maggio 2014 Rilanciare lo sviluppo “oltre il Pil”: criticità e possibili soluzioni Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere."— Transcript della presentazione:

1 1/14 Venezia, 14 maggio 2014 Rilanciare lo sviluppo “oltre il Pil”: criticità e possibili soluzioni Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere del Veneto

2 2/14 Venezia, 14 maggio 2014 Il Veneto ha un Pil procapite ( euro, pari a 146,4 miliardi di euro) inferiore a solo 9 Paesi europei superiore alla media dei Paesi Ue28 ( euro) La competitività del sistema veneto nel contesto europeo

3 3/14 Venezia, 14 maggio 2014 Il Veneto più grande di 10 Paesi Nell’Ue28 ci sono 10 Paesi con un Pil inferiore a quello del Veneto Nel 2011 il Veneto ha un Pil di 146,4 miliardi di euro, rispetto ai 51,3 della Lituania o ai 65,3 della Croazia

4 4/14 Venezia, 14 maggio 2014 Il Pil regionale ha chiuso il 2013 con un’ulteriore marcata contrazione pari a -1,6% riportando il Veneto sotto i livelli del Rispetto al 2007 il Veneto ha perso 10,5 punti di Pil (e 12 punti di Pil pro capite) -13,5 mld € ( € p.c.) Veneto e Italia. Andamento del Pil (numero indice: base 2000=100). Anni

5 5/14 Venezia, 14 maggio 2014 Le 10 inefficienze del sistema Italia nel confronto con l’Europa: 1.Elevato debito pubblico 2.Alto costo del credito 3.Insostenibile peso del fisco 4.Lunghi tempi della giustizia 5.Elettricità e gas più cari 6.Bassa produttività 7.Burocrazia macchinosa 8.Difficoltà nell’esportare beni 9.Bassa qualità delle infrastrutture 10.Piaga della corruzione

6 6/14 Venezia, 14 maggio 2014 Pressione fiscale record, bisogna ridurre la spesa Il debito pubblico è in continua crescita: ha ormai sfiorato i miliardi di euro e nel 2014 toccherà il 134,9% del Pil. Dal primo Governo tecnico ad oggi il debito è aumentato di circa 160 mld. Le manovre degli ultimi anni hanno cercato di contenere la spesa pubblica: tuttavia, la spesa continua a crescere passando dal 49,2% nel 2008 al 51,2% sul Pil nel 2013 (al netto dell’economia sommersa questa quota aumenterebbe al 60%). Il risanamento dei conti pubblici è passato attraverso l’innalzamento della pressione fiscale che nel 2013 tocca il 43,8% del Pil (0,7 p.p. rispetto al 2008 e diventa 55% al netto dell’economia sommersa).

7 7/14 Venezia, 14 maggio 2014 La spesa pubblica in Italia In un Paese federale (es. Germania) il personale pubblico segue le competenze di spesa. In Italia non è così: Regioni ed enti locali gestiscono il 58,1% della spesa (al netto di interessi e pensioni) con il 43,3% del personale. (*) al netto della spesa e del personale degli Enti previdenziali Elaborazione Unioncamere del Veneto su dati Eurostat e fonti istituzionali tedesche Ripartizione del personale e della spesa pubblica per livello di governo nel 2011 (%)

8 8/14 Venezia, 14 maggio 2014 Il costo della Pubblica amministrazione in Veneto è decisamente inferiore rispetto alle altre regioni italiane, solo il 35% del Pil regionale

9 9/14 Venezia, 14 maggio 2014 La spesa pubblica in Italia: un macigno sulla strada dello sviluppo non responsabilizza i centri di spesa con la titolarità al prelievo fiscale; non premia chi sa risparmiare con l’efficienza delle strutture pubbliche e la qualità dell’ organizzazione del lavoro nella PA; non valuta gli effetti della spesa in relazione alla programmazione politica degli investimenti.

10 10/14 Venezia, 14 maggio 2014 Livello di evasione fiscale per regione Euro evasi ogni 100 euro di imposta versata Fonte: elab. Unioncamere del Veneto su dati Agenzia delle Entrate

11 11/14 Venezia, 14 maggio 2014 Criminalità organizzata e sviluppo economico Esiste una correlazione negativa molto forte tra sviluppo economico e criminalità organizzata. Durante il periodo , le cinque regioni ad alta densità mafiosa sono anche quelle con il minor Pil pro capite di tutta la penisola. La tassa mafiosa colpisca non solo la ricchezza materiale (il Pil) ma anche la ricchezza immateriale del Paese (i beni di relazione, di eccellenza individuale e di armonia). Fonte: Narcomafie, gennaio 2013 Da gennaio 2012 Unioncamere Veneto ha siglato un PROTOCOLLO D’INTESA con Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, per avviare progetti di supporto nella lotta contro le mafie e promuovere legalità e giustizia.

12 12/14 Venezia, 14 maggio 2014 Il Pil non è tutto… VALORE AGGIUNTO per abitante DONATORI DI SANGUE ogni abitanti L’importanza del capitale sociale Fonte: Oltre il PIL (e la crisi). Alla ricerca di misure alternative e di nuovi fattori competitivi per rilanciare il sistema economico veneto

13 13/14 Venezia, 14 maggio 2014 Gli «antidoti» Benessere oltre il Pil Benessere oltre il Pil Onorare i debiti verso le imprese Onorare i debiti verso le imprese Diminuire le tasse Diminuire le tasse Contrastare l’evasione Contrastare l’evasione Individuare “costi standard” ottimali Individuare “costi standard” ottimali Semplificare i rapporti imprese-PA Semplificare i rapporti imprese-PA Diminuire i tempi della giustizia Diminuire i tempi della giustizia L’etica d’impresa e la CSR L’etica d’impresa e la CSR La produzione di qualità La produzione di qualità … …

14 14/14 Venezia, 14 maggio 2014 Unioncamere Veneto Via delle Industrie, 19/d Venezia tel: fax:


Scaricare ppt "1/14 Venezia, 14 maggio 2014 Rilanciare lo sviluppo “oltre il Pil”: criticità e possibili soluzioni Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere."

Presentazioni simili


Annunci Google