La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"Tecnologie e ausili come supporto alla didattica con alunni disabili" intervento di Paola Belli e Guido Bottura 10 marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""Tecnologie e ausili come supporto alla didattica con alunni disabili" intervento di Paola Belli e Guido Bottura 10 marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 "Tecnologie e ausili come supporto alla didattica con alunni disabili" intervento di Paola Belli e Guido Bottura 10 marzo 2011

2

3

4

5

6

7 INFORMATICA FA SPERIMENTARE IL SUCCESSO COMPENSA DIFFICOLTÀ MOTIVA L’APPRENDIMENTO SVILUPPA ABILITÀ CREA COMPETENZE SVILUPPA L’AUTONOMIA OPERA SU PIÙ CANALI SENSORIALI (multimedialità) PERMETTE DI PERSONALIZZARE IL PERCORSO SCOLASTICO MULTIMODALITÀ

8 ICF

9 Caratteristiche dell’alunno (difficoltà, risorse, esigenze…) Caratteristiche del compito/obiettivo da realizzare Caratteristiche del contesto fisico e sociale in cui si realizzerà l’intervento PER LA SCELTA DEL SOFTWARE:

10 Caratteristiche dell’alunno Tipo di disabilità –I disabili motori –I disabili della vista –I disabili dell'udito –difficoltà cognitive e di apprendimento Presenza di più disabilità Età problema accesso

11 Risorse già a disposizione nel computer

12 Accesso facilitato

13

14

15

16

17 Cms/

18

19

20

21

22 Vbscuola Progetti e risorse per l'uso attivo del computer a scuola.

23 Areato: Descrizione: banca dati del software didattico specifico per l'handicap con un efficiente motore di ricerca interno e la classifica dei più richiesti; l'associazione Area realizza anche software propri che possono essere scaricati gratis. Molti dei software e dei giochi presentati vanno benissimo per tutti i bambini.

24 Archivio continente informazioni dettagliate su: - Prodotti software commerciali presenti presso la BSD (Biblioteca del Software Didattico dell'ITD-CNR) - Prodotti software sviluppati dalle scuole

25

26 Minorazione uditiva: Nel caso di un alunno sordo è necessario scegliere sw con una interfaccia grafica ricca di immagini chiare ed eventualmente animazioni. Materiali scaricabili dal sito del USP di Mantova

27

28

29 PRIVILEGIAMO SOFTWARE GRATUITO

30 Non esiste il software didattico “per” disabili, ma software didattico “accessibile e utilizzabile” da disabili

31 Valutare l’accessibilità dei prodotti software perché questa condiziona pesantemente la partecipazione degli alunni diversamente abili alle attività proposte

32 Software accessibile: Predisposizione del sw all’utilizzo con ausili di input e output. Comprensibilità dell’interfaccia grafica. Consistenza e coerenza tra contenuti, loro presentazione e obiettivi didattici e/o disciplinari. Chiarezza degli obiettivi di apprendimento. Coerenza delle strategie didattiche (gioco,problem solving, esercitazione, ecc.). Presentazione graduale delle difficoltà. Presenza di aiuti, rinforzi mirati, coerenti con la teoria di apprendimento scelta. Possibilità di avere accesso alle informazioni.

33 Software causa - effetto Perché ? Per far comprendere che esiste una relazione tra il click e l’azione provocata sul video

34 Con Power Point

35

36 Abrakadabra - LaraMera È un software Pre-Scolare, pensato per scoprire ed imparare a prendere confidenza con la relazione "causa- effetto“

37 Clicker 5

38 I software autore: Es PowerPoint Clicker 5 (Crick software) I software commerciali specifici I software free Aperti Chiusi Personalizzabili Aperti

39 Programmi aperti

40

41 Clicker 5

42 Utilizzato per attività a supporto dell'apprendimento di lettura e scrittura e per la comunicazione. Permette di creare tastiere e tabelle a video gestibili sia con il mouse che con la scansione Nelle tabelle è possibile inserire immagini, suoni e parole scritte. Clicker 5

43 Creazione di libri

44 Clicker 5: Costruzione di frasi

45 Usando le nuove griglie pop-up, le attività di etichettatura possono essere costruite per supportare qualsiasi materia di insegnamento o argomento.

46 Power Point per preparare e proporre attività didattiche personalizzate ed accattivanti nella fruizione e nei contenuti grazie alla possibilità offerta dall’applicativo di utilizzare: animazioni musiche voci suoni colori immagini fotografie filmati.

47 Come rispondere a persone con bisogni complessi di comunicazione, per poter consentire loro di far “sentire la propria voce”? Le tecnologie ICT possono essere d’aiuto in questo senso.

48 Due importanti strumenti di documentazione per coloro che operano in questo settore: Si tratta di sito italiano di informazione, guida e orientamento sugli ausili tecnici per l’autonomia, la qualità di vita e l’inclusione sociale delle persone con disabilità,www.siva.it e di il portale della Rete Europea di Informazione sulle Tecnologie Assistive.www.eastin.eu

49 Per approfondimenti su queste tematiche segnaliamo inoltre i seguenti siti: Federazione Logopedisti Italiani: GLIC – Rete Italiana dei Centri di Consulenza sugli ausili informatici- elettronici: ISAAC Italy: L’esperienza di Chiara Errani: MisterBilss:

50

51 Si indirizza in modo particolare alle scuole di base. Vi si trovano programmi autoprodotti per la letto-scrittura, matematica, logica, antropologia, ecc…, molti dei quali sono aperti e, quindi, facilmente adattabili anche a bisogni specifici. Viene aggiornamento frequentemente dalla sua autrice. E’ possibile prelevare programmi gratuiti autoprodotti e documenti di interesse per la scuola; reperire link ad altri siti.

52 AZIONE 6.. e oltre FACILTESTO CREA LIBRO JUMP FACILITOFFICE MATHS TOOLBOX NLVM

53 FORNISCE AL DOCENTE: il conteggio automatico delle parole il confronto del testo con le liste di frequenza del Vocabolario di Base l’identificazione dei paragrafi per la descrizione sintetica delle sequenze narrative la guida delle operazioni necessarie all’adattamento inserire immagini esportare il testo semplificato in formato pdf

54 3 PROTOCOLLI PROTOCOLLO 1 le frasi contengono meno di 15 parole SINTASSI: frasi nucleari PROTOCOLLO 2 l e frasi contengono meno di 20 parole sintassi lunghezza periodo Le parole appartengono prevalentemente ai repertori Fondamentale e di Alto Uso del Vocabolario di Base (80% - 90%). PROTOCOLLO 3 Le frasi contengono anche più di 20 parole sintassi sono caratterizzate dal parziale utilizzo delle subordinate consecutive, ipotetiche, concessive, avversative, comparative, modali, aggiuntive, esclusive, eccettuative e limitative TESTO ORIGINALE TRASFORMARLO O SCRIVERLO IN FORMATO *.txt

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt ""Tecnologie e ausili come supporto alla didattica con alunni disabili" intervento di Paola Belli e Guido Bottura 10 marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google