La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Coordinamento regionale adozione Crad 18 marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Coordinamento regionale adozione Crad 18 marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 Coordinamento regionale adozione Crad 18 marzo 2011

2

3 CONTESTO: I MOTIVI CHE HANNO PORTATO ALLA NASCITA DI QUESTO PERCORSO DI FORMAZIONE E CONSULENZA Dai dati dell’osservatorio nazionale CAI e dell’osservatorio regionale infanzia e adolescenza, si evidenzia negli ultimi anni, una maggiore complessità dell’adozione legata in parte all’aumentata età dei bambini al momento dell’adozione e alla rilevanza dei “traumi” e complessità dei vissuti prima dell’adozione. Nella fase di progettazione, sono state create più occasioni di confronto, circa i bisogni formativi e le esperienze maturate dai territori, con operatori dei servizi pubblici (èquipe adozioni), enti autorizzati, associazioni di famiglie, funzionari dell’ ufficio scolastico regionale, giudici del Tribunale per i minorenni ecc. Da tale confronto è emersa la forte necessità di lavorare in rete tra i diversi protagonisti, coinvolti a vario titolo, nel delicato processo d’inserimento dei bambini e ragazzi adottati ed in particolare l’importanza della scuola quale fondamentale luogo di accoglienza e integrazione. In relazione a quanto è emerso, il Servizio Politiche Sociali, in collaborazione con UOC Salute Donna Infanzia e adolescenza e l’UOC Formazione dell’Azienda Usl di Bologna, ha predisposto ed effettuato per l’anno 2010 un percorso formativo accreditato ECM rivolto ai professionisti delle equipe adozioni, agli operatori degli Enti autorizzati, ai Giudici Onorari del Tribunale dei Minorenni e alle Associazioni di famiglie adottive, al fine di approfondire le tematiche relative all’innovazione, qualificazione e valutazione degli interventi e servizi nella fase del “post adozione”. Il percorso formativo centralizzato ha avuto inizio il 22 marzo 2010 e si è concluso il 27 settembre 2010 per un totale di 31 ore complessive di formazione. Sta proseguendo ora a livello inter-provinciale con giornate su “scuola e adozione”.

4

5

6 Giornata e docenteNumero partecipanti 22 Marzo 2010 Trasformazioni delle famiglie, complessità sociale, nuovi scenari dell'adozione aprile 2010 Vizziello stili di attaccamento e adozione e la funzione riparativa della famiglia aprile 2010 Palacius Strumenti e metodi per la valutazione delle competenze genitoriali adottive aprile 2010 p.m. gruppi di lavoro maggio 2010 Vizziello Sostenere le relazioni familiari nei diversi cicli di vita: la prevenzione delle crisi adottive, adolescenza e adozione settembre 2010 Demetrio L'approccio autobiografico nelle adozioni. Relazione e laboratorio di scrittura settembre 2010 Vizziello integrazione sociale, apprendimento, orientamento e progetto di vita dei bambini adottati. La scuola come luogo di benessere febbraio Rimini marzo Faenza scuola e adozione65 12 maggio Reggio-Emilia scuola e adozione32

7 Frequenze risposte% VALUT. Gradimento 5554,45545Rilevante 3029,70297AB. RILEVANTE 43,960396Poco Rilev 1211,88119Molto Ril 109,90099Eccellente totale 22-mar DATA

8 22 marzo giornata di apertura qualità educativa frequenza di risposte tra i presenti Che hanno risposto% Tipo gradimento 2928, RIL 32, AB RIL 10, P R 58 57, M R 109, E

9 Giornata di apertura 22 marzo

10 Sostenere le relazioni familiari nelle diverse fasi del ciclo di vita stili di attaccamento e adozione e la funzione riparativa della famiglia (Prof. Fava Vizziello) 12 aprile 2010

11 27 aprile Prof. Palacios strumenti e metodi per la valutazione delle competenze genitoriali adottive

12 17 maggio sostenere le relazioni familiari nei diversi cicli di vita: la prevenzione delle crisi adottive, adolescenza e adozione Prof. Fava Vizziello

13 7 settembre prof. Duccio Demetrio approccio autobiografico nelle adozioni. Relazione e laboratorio di scrittura interattivo

14 27 settembre scuola e adozione Prof. Fava Vizziello

15 : Iscritti al corso e seminari per figure professionale Figura professionalefrequenza% Assistente sociale9235,9% Psicologo6023,4% Ente autorizzato2810,9% Funzionario prov.le103,9% Responsabile di servizio83,1% Tribunale per i minori52,0% Medico/pediatra/neuropsichiatra20,8% Associazione familiare155,9% Pedagogista/educatore/insegnante114,3% Altro72,7% Non definito187,0% Totale256100%

16 Composizione degli iscritti secondo il ruolo ricoperto (figura professionale)

17 Operatori delle èquipe adozioni (assistente sociale e psicologo) iscritti al corso regionale

18 Figure professionali Bo F- CFeMoPcPrRaRe RnRn Non defi nito Tot ale Assistente soc Psicologo Ente autorizzato Funzionario prov.le Responsabile di servizio Tribunale per i minori Medico/pediatra /neuropsichiatra Associazioni familiari Pedagogista/ educatore/insegn ante Altro115 7 Non definito Totale

19 Enti autorizzati n. iscritti AAA Associazione Adozioni Alfabeto Onlus3 AIAU onlus3 ANPAS2 associazione Ernesto2 Associazione NOVA1 CENTRO ADOZIONI LA MALOCA1 CIAI1 Fondazione AVSI1 fondazione nidoli onlus2 Istituto La Casa6 N.A.D.I.A. onlus2 Rete Speranza3 SOS bambino1 Totale28

20

21

22

23

24

25

26 Progetto prevenzione crisi adottive

27


Scaricare ppt "Coordinamento regionale adozione Crad 18 marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google