La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1° Circolo di Moncalieri nella Collaborazione e formazione con G. Tartara; Condivisione di un modello di contenuti; Visibilità dei progetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1° Circolo di Moncalieri nella Collaborazione e formazione con G. Tartara; Condivisione di un modello di contenuti; Visibilità dei progetti."— Transcript della presentazione:

1 1° Circolo di Moncalieri nella Collaborazione e formazione con G. Tartara; Condivisione di un modello di contenuti; Visibilità dei progetti territoriali; Soluzioni tecniche con l’adesione a share.Dschola; Lavoro di selezione e contenimento. A cura di Mirella Arcangeli (insegnante Webmistress)

2 “TENDERE I FILI” Utilizzo della posta elettronica per le comunicazioni interne al 1° Circolo di Moncalieri

3 DI COSA SI TRATTA DI COSA SI TRATTA: Obiett. 1 scambio di comunicazioni e documenti interni tra DS, docenti, segreteria secondo modalità e regole concordate. Obiett. 2 archivio di documenti per tutti i settori o ambiti di lavoro, facilmente accessibile, quotidianamente aggiornato, nel computer degli insegnanti di ciascun plesso.

4 Quali documenti o informazioni devono circolare con “tendere i fili”  Le circolari del Dirigente Scolastico;  circolari di altra provenienza con un carattere di urgenza o con scadenze a breve termine;  moduli vari provenienti dalla segreteria o dal Dirigente;  verbali di riunioni, commissioni o gruppi di lavoro;  avvisi sindacali o per le famiglie da appendere all’ Albo;  convocazioni di riunioni o altre comunicazioni;  comunicazioni tra segreteria o Dirigente per singoli docenti;  materiali utili per reperire risorse in rete per le attività didattiche o i progetti.

5 STRUTTURA del PROGETTO NEL 2002/2003 dopo pochi mesi dall’avvio del progetto si è presentata la necessità di definire regole per: limitare un uso improprio della posta; non sovraccaricare il lavoro degli operatori della posta; non creare doppioni di documenti cartacei da far circolare; limitare il caos che provoca l’eccesso di messaggi Nel corso degli ultimi sei anni scolastici le regole del progetto sono state più volte riviste e ridefinite fino a giungere alla struttura e all’organizzazione attuale. Le regole sono dichiarate in un documento “Regolamento della posta elettronica” Ogni anno a settembre, partendo dagli elementi statistici dell’anno precedente (quantità e tipologia dei documenti e dei messaggi che hanno circolato) e dei progetti dell’anno scolastico, vengono apportate modifiche alla struttura a cartelle.

6 POSTA ELETTRONICA MITTENTI MITTENTI DIRIGENTE SCOLASTICO SEGRETERIARSU DOCENTI CON INCARICHI DI CIRCOLO

7 IL PERCORSO DEI MESSAGGI

8 REGOLE DELLA POSTA Regole di ricezione e diffusione delle informazioni ricevute (da stampare - Da distribuire a chi - Da appendere all’albo - Come far conoscere l’esistenza di documenti da usare solo sul computer):  tutti i messaggi di posta elettronica hanno una lettera di accompagnamento (un modulo predefinito, come pagina di Outlook da compilare) e i relativi documenti sono inseriti come “allegati”.  I messaggi dovranno essere sempre stampati.  Nel messaggio sarà indicato se gli allegati dovranno essere stampati, utilizzati sul computer, appesi all’albo, distribuiti solo a un gruppo di docenti o a un docente in particolare.  Della distribuzione cartacea si occupa il Coordinatore di Plesso

9 MASCHERINA DI ACCOMPAGNAMENTO DIREZIONE DIDATTICA 1° Circolo di Moncalieri La mascherina viene stampata come prima pagina del messaggio. DATA:... MITTENTE:... AMBITO:... OGGETTO E MESSAGGIO:... ALLEGATI: DA STAMPARE... DA DISTRIBUIRE A... DA INSERIRE NELLA CARTELLA TIF:... COMMENTO:... FIRMATARIO: Questo messaggio di posta elettronica contiene informazioni di carattere confidenziale rivolte esclusivamente al destinatario sopra indicato. E' vietato l'uso, la diffusione, distribuzione o riproduzione da parte di ogni altra persona. Nel caso aveste ricevuto questo messaggio di posta elettronica per errore, siete pregati di segnalarlo immediatamente al mittente e distruggere quanto ricevuto (compresi i file allegati) senza farne copia. Qualsivoglia utilizzo non autorizzato del contenuto di questo messaggio costituisce violazione dell'obbligo di non prendere cognizione della corrispondenza tra altri soggetti, salvo più grave illecito, ed espone il responsabile alle relative conseguenze. Confidentially notice. This transmission may contain legally privileged and/or confidential information. Please do not read it if you are not the intended recipient(S). Any use, distribution, reproduction or disclosure by any other person is strictly prohibited. If you have received this in error, please notify the sender and destroy the original transmission and its attachments without reading or saving it in any manner.

10 SICUREZZA E RISERVATEZZA Riservatezza: non circolano messaggi personali Sicurezza:  Limitare l’uso delle caselle Mail dei plessi al solo servizio di TIF;  Bloccare i mittenti non desiderati;  controllare gli aggiornamenti degli antivirus.

11 PERCHE’ UN ARCHIVIO I file si trovano più facilmente della carta e non si perdono; È più facile il lavoro di revisione e aggiornamento dei documenti; Si è agevolati nel passaggio di consegne o incarichi tra docenti; Permette a tutti di essere informati; Facilita l’accesso a progetti, commissioni, attività.

12 ARCHIVIO DI FILE Obiett. 2 creare un archivio dei documenti stabili e operativi per tutti i settori o ambiti di lavoro, delle Circolari e delle comunicazioni interne al Circolo, facilmente accessibile e quotidianamente aggiornato, nel computer degli insegnanti di ciascun plesso. (DS, Coordinatore, DSGA, operatori posta) Attività. 2. creare un archivio … Gli operatori di ciascun plesso, provvederanno a salvare i messaggi ricevuti nell’archivio con struttura a cartelle, secondo le indicazioni di salvataggio della mascherina di accompagnamento. Gli operatori sono inoltre disponibili a fornire indicazioni ai docenti che vogliono accedere all’archivio e ad aiutarli nella ricerca di file.

13 ARCHIVIO CARTELLE DI TENDERE I FILI 1.  A_DIRIGENTE 2.  B_COLLEGIO Docenti 3.  C_CONSIGLIO di Circolo 4.  D_SEGRETERIA 5.  E_RSU 6.  P1_ARTE 7.  P2_FORMAZIONE 8.  P3_TEATRO 9.  P4_1CONTINUITA’ 10.  P4_2GRUPPO H 11.  P4_3STRANIERI 12.  P8_INFORMATICA 13.  P6_SERVIZI 14.  P7_DIRITTO_STUDIO 15.  P9_INFANZIA 16.  PROGETTAZIONE 17.  SICUREZZA 18.  STAFF

14 AREA RISERVATA DOCENTI Stessa struttura a cartelle di TIF, le sottocartelle riguardano solo file che possono avere un interesse nel tempo. E’ accessibile da qualsiasi computer collegato ad internet. Viene aggiornata quotidianamente

15 USO DELLE AREE RISERVATE Non ci piace molto ma ci risolve dei problemi: La sezione “Gite” permetterà di rendere noto e consultabile un lavoro di classificazione e selezione che una specifica commissione sta svolgendo da due anni (non sapevamo come gestire la pubblicazione di giudizi negativi su strutture private che si occupano di gite) La sezione “Arte” contiene materiali di lavoro di uso temporaneo (in genere foto di opere di artisti vincolate da diritti d’autore) …

16 Che cosa pubblicare? /default.aspx /default.aspx Per il momento si è cercato di pubblicare tutto il materiale che deriva da attività collegiali o di gruppi di lavoro; Si apre ora spazio a contributi individuali che siano coerenti con le finalità del progetto

17 cotecaTerritoriale/default.aspx La sezione relativa al Progetto Pinacoteca a cielo aperto (progetto territoriale a cui aderiscono tutte le scuole di Moncalieri, La Loggia e Vinovo) comprende documenti prodotti da molti insegnanti appartenenti a istituzioni scolastiche differenti prodotti nel corso degli ultimi 10 anni. Esiste molto materiale di documentazione su supporti difficili da far circolare (DVD, CD rom, carta …).


Scaricare ppt "1° Circolo di Moncalieri nella Collaborazione e formazione con G. Tartara; Condivisione di un modello di contenuti; Visibilità dei progetti."

Presentazioni simili


Annunci Google