La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VALUTAZIONE NEUROFISIOLOGICA PRE E POST RIABILITAZIONE COGNITIVA MEDIANTE TRAINING PRAGMATICO-FUNZIONALE IN PAZIENTI AFASICI Perozzo P, Calati M, Castelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VALUTAZIONE NEUROFISIOLOGICA PRE E POST RIABILITAZIONE COGNITIVA MEDIANTE TRAINING PRAGMATICO-FUNZIONALE IN PAZIENTI AFASICI Perozzo P, Calati M, Castelli."— Transcript della presentazione:

1 LA VALUTAZIONE NEUROFISIOLOGICA PRE E POST RIABILITAZIONE COGNITIVA MEDIANTE TRAINING PRAGMATICO-FUNZIONALE IN PAZIENTI AFASICI Perozzo P, Calati M, Castelli L, Giachero A, Molo M, Rugiero C, Vighetti S Fondazione Carlo Molo onlus, Torino Albert ML « Treatment of aphasia» Arc Neurol 1998; 55: Bottini G et al «The role of the right hemisphere in the interpretation of figurative aspects of language. A positron emission tomography activation study». Brain 1997; 117: Frisch S et al «Why the P600 is not just a P300: the role of the basal ganglia» Clin Neurophys 2003; 114: Kawohl W et al «Semantic Event-Related Potential components reflect severity of comprehension deficits in aphasia» Neuroreh Neural Repair 2010; 24(3): Kielar A et al «Electrophysiological responses to argument structure violations in healthy adults and individuals with agrammatic aphasia» Neuropsychologia 2012;50: Nolfe G et al «The role of the P300 in the recovery of post-stroke global aphasia» Eur J Neurol 2006; 13: Wilson KR et al «Change in N400 topography following intensive speech lenaguage therapy for individuals with aphasia» Brain Lang 2012;123: L’obiettivo del presente lavoro è stato quello di indagare la presenza di specifici pattern neurofisiologici associati al recupero delle funzioni comunicative in pazienti afasici sottoposti a training riabilitativo di comunicazione pragmatico-funzionale. La letteratura riferisce come la presenza, l’assenza o l’alterazione delle diverse componenti dei Potenziali Evento–Correlati (ERPs) rappresenti un indicatore diretto delle difficoltà o meno di elaborazione linguistica nei pazienti afasici. Questa ipotesi è stata verificata attraverso la somministrazione di vari tipi di compiti: unità lessicali e sublessicali, frasi e testi. Le componenti degli ERPs maggiormente indagate durante l’esecuzione di compiti linguistici risultano essere la MMN (N200) per il riconoscimento rapido di sillabe, la N400 per l’accesso lessicale e l’integrazione semantica, la P600 per l’elaborazione degli aspetti sintattici del linguaggio o intesa come «late positive complex» successiva alla N400 e indicativa di un approfondimento semantico. Altro aspetto indagato, e che è tuttora oggetto di discussione, è la relazione esistente tra il recupero delle abilità linguistiche e il miglioramento elettrofisiologico a carico dell’emisfero sinistro leso o dell’attivazione delle aree vicarianti omologhe dell’emisfero destro, in particolare di quelle frontali inferiori e temporo-postero-superiore. Altri autori suggeriscono come l’attivazione bilaterale in soggetti sani durante compiti linguistici sia dovuta al ruolo dell’emisfero destro nell’interpretazione degli aspetti figurativi del linguaggio. MATERIALI E METODI Il campione sperimentale è costituito da 9 pazienti (range età:35-70) affetti da afasia espressiva conseguente ad evento ictale tra il 2008 e il Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad un’esaustiva batteria di test neuropsicologici che ha consentito di escludere la presenza di demenza e una grave compromissione della comprensione verbale (AAT comprensione> 42 PT ); la registrazione dei Potenziali Evento-Correlati è stata effettuata in fase pre- e post- training pragmatico-funzionale della durata complessiva di 5 mesi. Il training cognitivo si svolgeva in due sessioni settimanali: una prima in cui i pazienti effettuavano la terapia conversazionale in piccoli gruppi e durante la quale venivano ripresi da una telecamera; una seconda in cui i pazienti vedevano i filmati salienti della seduta precedente e venivano corretti dai facilitatori, dagli altri membri del gruppo e da loro stessi partecipando ad una stimolazione multifeedback. La valutazione dell’attività elettrica cerebrale consisteva nella registrazione del QEEG (brain mapping) all’inizio della sessione sperimentale sia in fase pre- che post-training riabilitativo. I potenziali cognitivi indagati in entrambe le sessioni riguardavano le componenti N200, N400 e P600 che secondo la letteratura sottendono funzioni quali l’attenzione selettiva, il riconoscimento lessicale (parola e non-parola) e l’elaborazione sintattica. Il materiale somministrato durante la registrazione era costituito da immagini e parole appartenenti a categorie differenti (animali, frutti, mobili, veicoli, verdure e attrezzi). In tutto sono stati somministrati 6 blocchi di stimoli ognuno costituito da 5 uguali e 5 diversi (intra-categoria o extra-categoria) così suddivisi: 1 serie: uguali ed intra-categoria 2 serie: uguali ed extra-categoria 3 serie: diversi ed intra-categoria 4 serie: diversi ed extra-categoria Ogni stimolo era costituito da un’immagine che lo raffigurava e da una parola che poteva essere o non semanticamente correlata; la presentazione avveniva secondo una sequenza standard: diapositiva figura - diapositiva “attento”- diapositiva con croce al centro- diapositiva bianca- diapositiva parola- diapositiva “?”- diapositiva “premi”. La durata totale della registrazione era di 80 minuti circa. Nella specifico, l’intervallo temporale considerato era compreso tra i 200 ms precedenti lo stimolo e i 800 ms successivi alla sua comparsa, per un totale di 1000 ms. E’ stata elaborata l’attività elettrica registrata sotto gli elettrodi F3, F7, C3, P3 (emisfero sinistro) e F4, F8, C4, P4 (emisfero destro) confrontando per ciascuno di essi la latenza (N200 e N 400, P300 e P600) e l’ampiezza (N200-P300 e N400-P600) pre-test vs post test, attraverso il T di Student per campioni appaiati. Tali confronti sono stati effettuati sia per le condizioni coerenti sia per quelle incoerenti. Valori di p < 0.05 sono stati considerati statisticamente significativi. RISULTATI Condizione «semanticamente coerente immagine-parola»: riduzione di latenza statisticamente significativa della P600 (p<0.05) tra la fase pre e la fase post trattamento sotto gli elettrodi F7 e F3; Condizione «semanticamente incoerente - emisfero sinistro»: riduzione di latenza statisticamente significativa, tra la fase pre e la fase post trattamento, della P600 (p<0.05) sotto gli elettrodi F7, C3 e P3 e della N400 (p<0.05) sotto gli elettrodi F7 e F3; Condizione «semanticamente incoerente - emisfero destro»: riduzione di latenza statisticamente significativa tra la fase pre e la fase post trattamento, della P600 (p<0.05) sotto gli elettrodi F4, C4 e della N400 (p<0.05) sotto l’elettrodo P4. Nessuna differenza statisticamente significativa tra la fase pre e post trattamento è stata trovata a carico della N200 CONCLUSIONE Il training riabilitativo cognitivo pragmatico-funzionale sembrerebbe avere un effetto positivo non solo sulla capacità dei pazienti afasici di interagire in modo più efficace in un contesto sociale ma anche sulla funzionalità cerebrale in genere: la riduzione dei tempi di latenza della N400 e della P600 suggerisce una maggior velocità di elaborazione delle informazioni linguistiche sia a carico dell’emisfero sinistro sia, in minor misura, a carico dell’emisfero destro. La modificazione significativa della N400 solo nelle condizioni di «incoerenza semantica» suggerisce la capacità da parte dei pazienti di rilevare l’incongruità, coerentemente con i dati presenti in letteratura riguardanti compiti di «mismatch parola-oggetto» in soggetti sani. L’assenza di una modificazione significativa della N200 potrebbe dipendere dal fatto che tale componente rappresenta un indice della discriminazione acustica e dell’attenzione selettiva automatica, solo indirettamente implicate nella comprensione verbale.


Scaricare ppt "LA VALUTAZIONE NEUROFISIOLOGICA PRE E POST RIABILITAZIONE COGNITIVA MEDIANTE TRAINING PRAGMATICO-FUNZIONALE IN PAZIENTI AFASICI Perozzo P, Calati M, Castelli."

Presentazioni simili


Annunci Google