La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ASILO NIDO. Obiettivi Riflettere sulla storia e le funzioni dell’asilo nido Individuare le principali caratteristiche dell’asilo nido Acquisire conoscenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ASILO NIDO. Obiettivi Riflettere sulla storia e le funzioni dell’asilo nido Individuare le principali caratteristiche dell’asilo nido Acquisire conoscenze."— Transcript della presentazione:

1 L’ASILO NIDO

2 Obiettivi Riflettere sulla storia e le funzioni dell’asilo nido Individuare le principali caratteristiche dell’asilo nido Acquisire conoscenze e abilità in merito all’organizzazione e gestione dell’asilo nido

3 Contenuti  STRORIA ASILO NIDO  ORGANIZZAZIONE INTERNA  DESTINATARI  ATTIVITA’  COLLABORAZIONE FAMIGLIA  CONTINUITA’ EDUCATIVA

4 Storia dell’asilo nido 1850Primi interventi = Ricovero per lattanti Opera Nazionale di Maternità Infanzia (ONMI) 26/04/1950 L.n. 860 Camere di allattamento nelle aziende 1971 L.n  Prima legge istituita asili nido  Riconoscimento valore sociale maternità  Assistenza = centrale 1973 L.n.6 Regione Puglia - Legislazione regionale Sezioni primavera

5 Obiettivi asilo nido  Supportare la famiglia nella crescita dei figli  Favorire lo sviluppo psico-fisico-relazionale del bambino  Creare un clima caldo ed accogliente (familiare)  Far sperimentare prime forme di socializzazione  Introdurre il bambino alla scuola dell’infanzia

6 Destinatari Bambini Famiglie Lattanti (0-10 mesi) Semi divezzi (11-18 mesi) Divezzi (19-36 mesi)

7 Organizzazione interna AMBIENTE NIDO FACILITANTE CONTENENTE PROPONENTE ANGOLI = DIMENSIONE INTIMA

8 Sezione lattanti ( contenitore affettivo) 1 camera da letto 1 stanza (movimento, attività, pranzo) 1 bagno Tappeti Cuscini Rivestimenti simbolizzanti pareti morbide culla Evitamento sovrastimolazioni(suoni, luce, tono voce etc.) Nicchie Specchi Giochi vari Angoli - morbido (cuscini) - tattile

9 Sezione semi- divezzi 2 stanze (attività, pranzo) 1 camera da letto 1 bagno Angoli morbidi Strutture psico-motorie semi-rigide (scalini, pedane, scivoli etc..) Nascondigli (tende, nicchie, specchi, mobili porta- giochi con cassetti, ceste, palle) Angoli gioco Angoli attività ( pittura, manipolazione etc..)

10 Sezione divezzi 2 stanze (attività, pranzo) 1 camera da letto 1 bagno Angoli  giochi simbolici e di ruolo ( socializzazione)  Gioco affettivo-relazionali  Giochi cognitivo- simbolici  Giochi di movimento

11 Altri spazi Salone del movimento Entrata (spazio transizionale) Salone Giardino Spazio per gli adulti Cucina Lavanderia Ufficio Sala medica  Gioco libero e strutturato  Macrostruttura  Angolo lettura  Angolo recitazione  Angolo travestimento  Angolo colore e manipolazione  Angolo cucina

12 Attività Routines Attività spontanee  Gioco libero  Gioco strutturato Attività strutturate Piccoli gruppi

13 Attività lattanti Routines Angolo morbido Cestino dei tesori Giochi di movimento  Cambio  Pasto  Sonno  Esplorazione  Conoscenza oggetti  Discriminazione sensoriale  Sviluppo attenzione visiva

14 Attività semi-divezzi Routines Attività spontanee -giochi liberi -giochi strutturati Attività strutturate  Pranzo  Sonno  igiene  Immaginazione e finzione )angolo della casa)  Da tavolo (pasta per il pane, puzzle etc.)  A terra (area tappeti per costruire torri etc.)  Manipolazione  Esperienze grafico- pittoriche  Racconto storie  Giochi di finzione e drammatizzazione  Giochi di movimento  Ed. linguistica  Ed. ambientale  Grafico- pittoriche  Uscite estive

15 Attività divezzi Routines Attività spontanee (= semi divezzi) Attività strutturate Attività integrative ( consulenti esterni)  Pranzo  Sonno  Igiene  Grafico-pittoriche (disegno libero collage..)  Storie  Drammatizzazioni  Informatica  Ed. linguistica  Ed. musicale  Ed. artistica  Ed. ambientale  Psicomotricità

16 personale Coordinatrice Educatrice Addetto pulizie Cuoca Giardiniere Pediatra (consulente) Pedagogista (consulente e supervisore) Volontari Tirocinanti

17 Giornata tipo lattanti Orario di permanenza: Ore Arrivo Attività spontanee in salone insieme con gli altri bambini (momento comunitario) Risposte immediate secondo i bisogni fisiologici del bambino Ore Ritiro nella sezione lattanti.Riposo Ore Attività strutturate (sempre in subordine ai bisogni primari da essi manifestati) Ore Pranzo Ore Attività di routine Ore Riposo Ore Attività di routine Ore Merenda Ore Attività spontanee Ore Ritorno a casa

18 Giornata tipo semi-divezzi Orario di permanenza: Ore Arrivo Attività spontanee in salone insieme con gli altri bambini (momento comunitario) Giochi di gruppo strutturati Ore Ritiro nella sezione semi-divezzi Riposo Attività strutturate Ore Ritorno in salone ( attività di routine, prep. Pranzo) Ore Ritiro nella sezione semi-divezzi. Pranzo Ore Attività di routine (post-pranzo) Ore Riposo Attività spontanee Gioco libero e strutturato Ore Attività di routine (preparazione per la merenda) Ore Merenda Ore Attività di routine (post-merenda) Ore Attività spontanee (Gioco libero e gioco strutturato) Ore Ritorno a casa

19 Giornata tipo divezzi Orario di permanenza: Ore Arrivo Attività spontanee in salone insieme con gli altri bambini (momento comunitario) Giochi di gruppo strutturati Ore Ritiro nella sezione divezzi Attività strutturate Ore Ritorno in salone Attività di routine (preparazione per il pranzo) Attività spontanee (gioco libero e strutturato) Ore Ritiro nella sezione divezzi. Pranzo Ore Attività di routine (post-pranzo) Ore Attività spontanee Ore Ritiro nella sezione divezzi. Riposo Ore Attività di routine (preparazione per la merenda) Ore Merenda Ore Attività strutturate Ore Attività spontanee. Gioco libero e gioco strutturato Ore Ritorno a casa

20 Collaborazione famiglia Colloqui sistematici Colloqui individuali Incontri con genitori sezione Assemblee generali Incontri scambio gestiti Incontri formazione psico-pedagogica Laboratori esperienziali con i bambini Organizzazione feste Organizzazione uscite esterne

21 Continuità educativa o Orizzontale o Verticale Raccordi con il territorio ricerca-azione


Scaricare ppt "L’ASILO NIDO. Obiettivi Riflettere sulla storia e le funzioni dell’asilo nido Individuare le principali caratteristiche dell’asilo nido Acquisire conoscenze."

Presentazioni simili


Annunci Google