La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DEONTOLOGIA GIORNALISTICA Tredici carte per approfondire i limiti del diritto di informare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DEONTOLOGIA GIORNALISTICA Tredici carte per approfondire i limiti del diritto di informare."— Transcript della presentazione:

1 LA DEONTOLOGIA GIORNALISTICA Tredici carte per approfondire i limiti del diritto di informare

2 La legge istitutiva libertà di informazione e di critica osservanza delle leggi tutela della personalità altrui verità sostanziale dei fatti dovere di lealtà e buona fede Art. 2 della Legge istitutiva: 69/1963

3 Pubblicità LA PIU’ ANTICA : INFORMAZIONE E PUBBLICITA’ 1988 (sottoscritta da giornalisti, pubblicitari e PR) Là pubblicità deve essere sempre distinguibile dalla parte giornalistica Nessuna confusione di ruoli tra il giornalismo e altri mestieri (pubblicitario o PR)

4 I minori LA PIU’ NOTA E IMPORTANTE: Carta di Treviso 1990 (più vedemecum ‘95) ispirata da Convenzione ONU sui diritti del bambino Precede la norma italiana sulla tutela dei minori che ha recepito la convenzione ONU

5 I minori CONCETTO CARTA DI TREVISO: il minore, personalità in formazione, non deve subire pregiudizi o condizionamenti negativi Minori non identificabili in situazioni negative o critiche, vittime (violenze, soprusi, abusi) No volto, no nome, no indirizzo, dati o circostanze che portino all’identificazione

6 I minori CARTA DI TREVISO: NON TUTTO E’ VIETATO In situazioni normali, ambiente familiare, contesto sociale, scolastico (con il consenso di istituzioni e genitori) SI’ IN CASO DI RAPIMENTI O SCOMPARSA (d’intesa con genitori o giudice tutelare)

7 Tv e minori CODICE EMITTENTI TV E MINORI ( Ministero delle Comunicazioni 2002) - partecipazione a trasmissioni con rispetto dell’infanzia e della minore età - non imitazione degli adulti - non strumentalizzazione o ridicolizzazione - segnalare quel che non è adatto - limiti alla pubblicità ( situazioni di pericolo, alcolici, gioco d’azzardo)

8 Migranti CARTA DI ROMA (stranieri e migranti) Definizioni corrette - richiedente asilo, profugo, vittima della tratta, irregolare o clandestino - rispetto della personalità dello straniero - non rendere identificabile chi potrebbe subire ritorsioni in patria

9 Precari e collaboratori CARTA DI FIRENZE non prestarsi a sfruttamento lavorativo - rispetto leggi e contratti, obblighi previdenziali, segnalare abusivismi DIRETTORE DI TESTATA E RESPONSABILI DI SETTORE PASSIBILI DI AZIONE DISCIPLINARE

10 Indagati e carceri CARTA DI MILANO 2013 rispetto di chi è sottoposto a indagine o processo, e di chi è carcerato TERMINI APPROPRIATI (indagato, presunto..) Dare conto di proscioglimenti e assoluzioni Rispetto e termini non spregiativi per personale di custodia

11 Carta dei doveri CARTA DEI DOVERI 1993 pag 1 Un compendio dei principali obblighi - rispetto persona e privacy - segreto professionale - titoli che non travisino la notizia - no immagini raccapriccianti - presunzione di innocenza

12 Carta dei doveri CARTA DEI DOVERI 1993 pag 2 - no a discriminazioni razza, religione, sesso - controllo delle fonti - non fare pubblicità, esplicita o occulta - non accettare favori - rispettare i minori - rifiutare incarichi incompatibili

13 Salute CARTA DI PERUGIA: informazione e malattia rispetto del paziente - tutela soggetti deboli - nessuna pubblicità sanitaria - strutture sanitarie forniscano elementi chiari ai giornalisti - evitare allarmismi - rettifica notizie inesatte

14 Sondaggi SUI SONDAGGI 1995 NON CHIAMARE SONDAGGIO i test generici aperti on line alle risposte del pubblico - ESPLICITARE: chi ha fatto sondaggio – criteri usati- metodo- scelta del campione - domande - indicare le date della ricerca demoscopica - dare conto di risposte e non risposte

15 Privacy TRATTAMENTO DATI PERSONALI 1998 Codice emesso dal Garante della Privacy - giornalista deve qualificarsi, salvo i casi di rischio o impossibilità di assumere notizie - segreto professionale sui dati raccolti ESSENZIALITA’ DELL’INFORMAZIONE - non inserire dettagli di violenza, notizie sui malati, o sulla sfera sessuale

16 Economia INFORMAZIONE ECONOMICA non farsi condizionare da interessi personali o di aziende - non detenere azioni di cui si tratta (insider) - dire chi è l’autore di consigli di investimento - identificare gli analisti - non accettare omaggi, vacanze, rimborsi

17 Sport INFORMAZIONE E SPORT no incitamento o giustificazione di violenza - dare notizia di reati di cui si è a conoscenza - dissociarsi immediatamente da atti violenti - vigilare e dissociarsi da interventi di ospiti o del pubblico violenti o razzisti

18 Processi in tv PROCESSI IN TV 2009 (sottoscritto da giornalisti ed emittenti) - rispetto di indagati o imputati - chiarire bene se si trasmettono documentazioni reali o docufiction - garantire il contraddittorio tra tesi di accusa e difesa

19 Uffici stampa UFFICI STAMPA fanno giornalismo ( rispetto della verità dei fatti, Carta dei Doveri) - nessuna confusione con portavoce o relazioni pubbliche - negli enti pubblici: dovere di informare, diritto dei cittadini ad essere informati - nessun incarico in conflitto di interessi

20 Principi della legge sull’Ordine libertà di informazione e di critica osservanza delle leggi tutela della personalità altrui verità sostanziale dei fatti dovere di lealtà e buona fede Art. 2 della Legge istitutiva: 69/1963

21 Dove leggere tutte le carte SITO in alto a destra : LEGGI E NORME DENTOLOGIA


Scaricare ppt "LA DEONTOLOGIA GIORNALISTICA Tredici carte per approfondire i limiti del diritto di informare."

Presentazioni simili


Annunci Google