La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL’AMMINISTRAZIONE A.A. 2014-2015 Ricevimento: martedì dalle ore 15.30 alle 17.30 presso lo studio del docente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL’AMMINISTRAZIONE A.A. 2014-2015 Ricevimento: martedì dalle ore 15.30 alle 17.30 presso lo studio del docente."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL’AMMINISTRAZIONE A.A Ricevimento: martedì dalle ore alle presso lo studio del docente (DiSSI) o per appuntamento / / / / skype cagliari134 PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA (9 CFU, h.54) Marina Mura

2 La “psicologia delle folle” : Gustave Le Bon e Gabriel Tarde Le Bon (1885): mutua dall’epidemiologia il modello del “contagio” e definisce “contagio mentale” quanto si realizza nelle resse e nelle folle “emotivamente agitate” e “anomiche” che raggiungono l’ «unità mentale» l’“unità mentale della folla” si realizza quando gli individui passano dalla “normalità” alla “patologia”: la folla, costituita da un elevato numero di individui a contatto diretto (una massa in tumulto, un’associazione religiosa, un sindacato ecc.) attiva una regressione verso un “inconscio collettivo” e sente il bisogno di un leader carismatico PSICOLOGIA DELLE FOLLE O MASSE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Introduzione alla Psicologia

3 PSICOLOGIA DELLE FOLLE O MASSE Le Bon (1895): la folla antepone l'istintività al giudizio, all'educazione e alla timidezza, è tale per istinto, è restia a parole difficili e rifiuta l'esercizio attivo del pensiero, per cui il "capopopolo" deve presentarsi e comunicare con un linguaggio adeguato alla recettività del destinatario: Espressioni semplici nel lessico e nella sintassi Affermazioni laconiche, concise, categoriche e sprovviste di prove e di dimostrazioni perché sono più autorevoli Ripetere le stesse cose rispettando sempre gli stessi termini Utilizzare e suscitare immagini: il potere di una parola non dipende solo dal suo significato, ma soprattutto dall'immagine che essa suscita

4 Tarde(1890): l’individuo nella folla si deresponsabilizza, diventa “infantile” e primitivo, esercita meno autocontrollo e non agisce razionalmente e con coscienza (preludio al comportamento delinquenziale), è in uno stato di “sonnambulismo sociale” e imita modelli comportamentali altrui  La dinamica della vita sociale: 1.Desiderio: motivazione dell’azione 2.Invenzione: produzione di nuove idee (modelli: pochi individui/leaders carismatici) 3.Relazione: interazione di 1 e 2 PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Introduzione alla Psicologia PSICOLOGIA DELLE FOLLE O MASSE

5 “LO STUDIO SCIENTIFICO DEI MODI ATTRAVERSO CUI I PENSIERI, I SENTIMENTI E I COMPORTAMENTI DELLE PERSONE VENGONO INFLUENZATI DALLA PRESENZA REALE O IMMAGINARIA DEGLI ALTRI” (G. ALLPORT, 1985) Obiettivo: spiegare i comportamenti influenza sociale in relazione all’influenza sociale PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Introduzione alla Psicologia Psicologia sociale

6 “Studio scientifico del modo in cui le persone e i gruppi (1) percepiscono e pensano la realtà e gli altri, (2) si influenzano e (3) si pongono in relazione” (Mayers, 2009)

7 La Psicologia sociale Paradigma cognitivo–sperimentale cognitivo–sperimentaleo Social Cognition Spiegazioni causali causato Il comportamento è causato da 1. fattori interni 1. fattori interni (processi cognitivo-affettivi) 2. fattoriesterni 2. fattori esterni (ambiente) Paradigma culturale Spiegazioni normative intenzionaleguidato 1. Il comportamento è intenzionale e guidato da 2. norme 2. norme (regole generali di comportamento) 3. regole sociali 3. regole (legate ai ruoli) sociali Paradigma culturale Spiegazioni normative intenzionaleguidato 1. Il comportamento è intenzionale e guidato da 1. normesociali 1. norme sociali (regole generali di comportamento) 2. regole sociali 2. regole sociali (legate ai ruoli)

8 Psicologia sociale Intra-individuale o intrapersonale Inter-personale Intra-gruppo Inter-gruppi /inter- culturale Organizzativo /inter- culturale Comunitario/sociale/ inter-culturale W. Doise (1986)Livelli di analisi Intrapersonale: come le persone organizzano la propria esperienza del mondo Interpersonale e situazionale: come le persone interagiscono uno-a-uno Di posizione: come le persone interagiscono per la posizione/ruolo che occupano nella società Ideologico: come le persone interagiscono per i sistemi di credenze e valori sociali

9 IV lez. Capipopolo e folle: l’influenza sociale Psicologia sociale: definizione, paradigmi e oggetti di studio Livelli di analisi

10 Psicologia sociale: gli oggetti di studio 1. Cognizione sociale: credenze sociali, giudizi sociali, atteggiamenti 2. Influenza sociale: conformismo, persuasione, relazioni inter-gruppi 3. Relazioni sociali: pregiudizio, aggressività, conflitto, attrazione, pro-socialità, relazioni intra- gruppo ed inter-gruppi PROCESSI CONSAPEVOLI E INCONSAPEVOLI O AUTOMATICI - UTILI E PERICOLOSI

11 Foglio anonimo Indicare: genere e range d’età: 1= anni; 2= anni; 3= > 30 anni Completare la frase “Io sono” con le prime 10 parole che vengono in mente (senza stare a pensarci su!) Psicologia sociale

12 Personalità COMPORTAMENTO Influenza sociale Sé-Identità Situazioni e ambienti Bisogno di avere una rappresentazione accurata della realtà Bisogno di giustificare pensieri e azioni AUTOSTIMA COGNIZIONE SOCIALE personalità

13  giudizio complessivo di sé, motiva e regola i processi cognitivi e comportamentali  è prodotta dal confronto con altri «vicini» su caratteristiche significative (Tesser, 1988)  si innalza facendo confronti con coloro che sono in condizioni peggiori e viceversa si abbassa se ci si confronta con persone migliori  Equilibrio psicologico: valutare insieme caratteristiche personali e situazione reale presente e passata AUTOSTIMA

14 Lo studio del modo di concepire il mondo (Fiske, Taylor, 1991; Markus, Zajonc, 1985; Nisbett, Ross, 1980)  l’essere umano:  è uno scienziato ingenuo che tenta di formulare una visione accurata del mondo (cerca le cause degli eventi)  è un individuo attivo: elabora e organizza le informazioni provenienti dall’ambiente al fine di orientare il proprio comportamento  ha risorse limitate, mentre i problemi che deve affrontare sono complessi : non può avere ed elaborare tutte le informazioni ha aspettative sulla realtà che influenzano la percezione Social Cognition

15 Le aspettative sulla realtà sono un filtro in relazione alla percezione di essa La profezia che si autoavvera o Effetto Pigmalione (Rosenthal, Jacobson, 1968; Crano, Mellon, 1978) Aspettative e supposizioni su una persona influenzano l’ interazione con essa e modificano il suo comportamento che si allinea con le nostre aspettative Social Cognition

16 L ’ organizzazione della conoscenza gli schemi e le categorie sociali La percezione umana NON “ riproduce ” la realt à esterna, ma la “ ricostruisce ” e la interpreta in modo molare utilizzando la memoria (Bartlett, 1932; Koffka, 1935) COGNIZIONE  Le memorie vengono costruite e organizzate al momento della percezione e della rievocazione sulla base di:  attenzione selettiva: si pone attenzione a spazi e cose selezionate o ci si orienta sulla base di aspettative e scopi  memoria selettiva: si attivano le informazioni sulla base di schemi e per difendere l’autostima Social Cognition

17 UNA PERSONA APPARE MITE, TIMIDA, RITIRATA QUAL È LA SUA PROFESSIONE: TRAPEZISTA, BAGNINO, BIBLIOTECARIO, AVVOCATO…?

18 V lez. Il Sé: lo schema di sé Rappresentazione schematica degli antecedenti del comportamento umano e dei processi intrapersonali di base Individuo e cognizione sociale

19 La cognizione del mondo sociale si basa su:  L’osservazione dell’aspetto e del comportamento  L’uso di schemi e di teorie implicite di personalità  L’attribuzione causale: si individuano le cause dei fenomeni o accadimenti nelle caratteristiche dell’attore delle azioni (attribuzione disposizionale) invece che nel contesto dell’azione = errore fondamentale d’attribuzione Social Cognition

20 L’organizzazione delle informazioni produce ed è guidata dall’utilizzo automatico di schemi Schemi = strutture cognitive (Kunda, 1999) che:  rappresentano un oggetto di conoscenza, includendo i suoi attributi e i loro legami.  influenzano la codifica delle informazioni nuove (attenzione selettiva), il ricordo (memoria selettiva) e le inferenze relative ai dati mancanti Social Cognition

21 L’individuo è un tattico motivato, ovvero utilizza due tipi di processi di conoscenza, a seconda degli scopi che persegue: 1. Processi top-down (o schema-driven): gli stimoli nuovi vengono trattati facendo riferimento a informazioni già possedute (schemi) ; riducono il lavoro cognitivo perché si basano su conoscenze già possedute e abitudini interpretative: si tende a mantenere e confermare gli schemi che si posseggono possono indurre in errore e distorcere la percezione di realtà relativamente o del tutto diverse 2. Processi bottom-up (o data-driven): si basano sull’analisi dei dati della situazione in atto, raccolti tramite la percezione e l’attenzione consapevolmente orientata sono più accurati, ma dispendiosi sul piano temporale e cognitivo-emotivo (modificano gli schemi posseduti) Social Cognition

22 Tipi di schema sociale 1. Schemi di persona Contengono le informazioni utilizzate per descrivere le persone in base a tratti legati all’individualità (personalità; caratteristiche fisiche, categorie sociali ecc…..) Inducono aspettative che influenzano il ricordo di azioni e la comprensione di nuove informazioni (Zadny e Gerard, 1974) 2. Schemi di sé Contengono le informazioni relative a se stessi. La descrizione di sé è organizzata intorno ad alcuni tratti centrali; le informazioni relative a questi tratti sono elaborate più velocemente rispetto alle informazioni relative a dimensioni meno importanti o non comprese nello schema (Markus, 1977) Social Cognition

23 Schemi di ruolo Organizzano le conoscenze relative ai comportamenti attesi da una persona che occupa una determinata posizione nella struttura sociale Esistono ruoli acquisiti tramite l’impegno (ad es. medico, professore) e ruoli ascritti, come il genere sessuale o l’etnia (“razza”) Schemi di eventi Includono conoscenze relative alle sequenze di azioni appropriate in un determinato contesto, comprese le aspettative sul modo in cui si comporteranno gli altri (“copione”) Tipi di schema sociale

24 I processi cognitivi di tipo schematico si basano su una iniziale categorizzazione degli stimoli sociali: Le categorie sociali gerarchizzate possono includere livelli più specifici (o viceversa) il livello di categorizzazione utilizzato dipende dal contesto e dagli scopi degli individui Social Cognition

25 In certi momenti l’immagine che abbiamo di noi stessi si basa quasi esclusivamente sulla nostra appartenenza ad un gruppo L’IDENTITÀ SOCIALE: Tajfel (1981) “L’identità sociale è quella parte dell’immagine di sé che deriva dalla consapevolezza di appartenere ad un gruppo sociale, unita al valore e al relativo significato emotivo che si attribuisce a tale appartenenza ”

26 Teoria dell’Identità sociale (Tajfel, Turner, 1986) IDENTITÀ O SÈ Identità Individuale Sociale AUTOSTIMA Gruppi ai quali si appartiene e giudizio di valore sull’appartenenza Aspetti cognitivi (categorizzazione) e motivazionali Confronto sociale

27 Lo stereotipo “Struttura cognitiva che contiene la conoscenza, le credenze e le aspettative, relative ad un gruppo umano e socialmente condivise” “si attribuiscono certe caratteristiche agli individui per la loro appartenenza a gruppi” Possono essere: POSITIVI, NEGATIVI, NEUTRI PER CUI GLI STEREOTIPI SONO “quadri che abbiamo nella nostra testa” (Lippmann, 1922)

28 Gli atteggiamenti L’atteggiamento è (Eagly e Chaiken, 1993; Cacioppo et al., 1997):  una tendenza psico-sociale all’azione  relativamente stabile  caratterizzato da una valutazione favorevole o sfavorevole, indifferente (basso favore e basso sfavore) o ambivalente (basso favore e alto sfavore), di un qualche oggetto  radicato nelle credenze (stereotipi)  una tendenza comportamentale che si manifesta nei sentimenti e nei modi di agire (comportamento)

29 Gli atteggiamenti Si formano per: 1. esperienza diretta: forte associazione, elaborazione memoria based, resistente al cambiamento l’esposizione ripetuta tende a costruire un a. positivo (Zanjonc, 1968): la prima reazione su una “novità” è negativa (produce evitamento) 2. osservazione degli altri: associazione più debole 3. comunicazione persuasiva: associazione debole, elaborazione on-line, maggiore facilità di cambiamento

30 Cambiare atteggiamento L’individuo tende a mantenere convinzioni e atteggiamenti  Il cambiamento degli a. è possibile: 1. attraverso processi individuali 2. per esposizione a messaggi persuasivi 1. Processi individuali: esposizione continua ad uno stimolo (a. più positivo) autopresentazione e gestione dell’impressione dissonanza cognitiva (Festinger, ‘57): counteratittudial advocancy (difesa di ciò che è contrario al proprio atteggiamento) autopercezione (Bem, 1972)

31 Dissonanza cognitiva Festinger, 1957 COMPORTAMENTOdiscrepanza e conseguenze negative responsabilità personale attivazione fisiologica attribuzione dell’attivazione fisiologica cambiamento di atteggiamento ATTEGGIAMENTO ANTECEDENTI che producono tensione

32 Il PREGIUDIZIO (R. Brown, 1995) “Il pregiudizio è il mantenimento di atteggiamenti sociali e credenze cognitive squalificanti… + l’espressione di emozioni negative… + la tendenza a mettere in atto comportamenti ostili o discriminatori nei confronti dei membri di un gruppo per la sola appartenenza ad esso” (Sessismo, razzismo, stigma del malato mentale e dell’ex-carcerato o tossicodipendente, intolleranza per gli omosessuali, gli immigrati ecc.)

33 Il pregiudizio: processo Il soggetto viene identificato, sulla base di una/poche caratteristiche, come appartenente ad un gruppo sociale (si attiva uno stereotipo) Al soggetto vengono attribuite, per inferenza, le altre caratteristiche associate allo stereotipo si ignorano i tratti individuali e ci si aspetta un particolare pattern comportamentale ATTEGGIAMENTO PREGIUDIZIALE PUÒ SI ATTIVA UN ATTEGGIAMENTO PREGIUDIZIALE CHE PUÒ PRODURRE UN COMPORTAMENTO DISCRIMINATORIO (si usa lo stereotipo)


Scaricare ppt "CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL’AMMINISTRAZIONE A.A. 2014-2015 Ricevimento: martedì dalle ore 15.30 alle 17.30 presso lo studio del docente."

Presentazioni simili


Annunci Google