La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Superiore Statale “Oscar Romero” Dicembre 2001 Relatore: prof. CAVAGNA GIANCARLO Corso ECDL Moduli 1 e 2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Superiore Statale “Oscar Romero” Dicembre 2001 Relatore: prof. CAVAGNA GIANCARLO Corso ECDL Moduli 1 e 2."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Superiore Statale “Oscar Romero” Dicembre 2001 Relatore: prof. CAVAGNA GIANCARLO Corso ECDL Moduli 1 e 2

2 E uropean C omputer D riving L icence ECDL

3 MODULO 3 Elaborazione testi (Word) MODULO 4 Foglio Elettronico (Excel) MODULO 1 Concetti di base della IT MODULO 2 Uso del computer e gestione file MODULO 5 Basi Dati (Acces) MODULO 6 Strumenti di presentazione (Power Point) MODULO 7 Reti informatiche ECDL

4 OBIETTIVI OBIETTIVI MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell’informazione  POSSIEDE UNA CONOSCENZA DI BASE DELLA STRUTTURA E DEL FUNZIONAMENTO DI UN PERSONAL COMPUTER  SAPERE COSA SONO LE RETI INFORMATICHE  AVERE L’IDEA DI COME QUESTE TECNOLOGIE IMPATTANO LA SOCIETA’ E LA VITA DI TUTTI I GIORNI  CONOSCERE I CRITERI ERGONOMICI DA ADOTTARE QUANDO SI USA IL COMPUTER  ESSERE CONSAPEVOLI DEI PROBLEMI RIGUARDANTI LA SICUREZZA DEI DATI E GLI ASPETTI LEGALI

5 OBIETTIVI OBIETTIVI MODULO 2 Uso del computer e gestione dei file  ORGANIZZARE E GESTIRE FILE E CARTELLE  LAVORARE CON LE ICONE E LE FINESTRE  USARE SEMPLICI STRUMENTI DI EDITING  CONOSCERE GLI ACCESSORI DI WINDOWS  SAPER STAMPARE

6 TIPOLOGIE PROVE DI ESAME MODULO 1 MODULO 2 SINGOLO TEST 6 DOMANDE A RISPOSTA APERTA SI SUPERA LA PROVA CON UN PUNTEGGIO PARI AD ALMENO IL 60% TEST CON 10 COMPITI SI SUPERA LA PROVA CON UN PUNTEGGIO PARI AD ALMENO L’ 80%

7 MODULO 1 CONCETTI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL’INFORMAZIONE

8 MAPPA INFORMATION TECNOLOGY (IT) CONCETTI DI BASE DELLA TECNOLOGIA DELL’INFORMAZIONE COMPONENTI DI UN PC HARDWAREDISPOSITIVI DI MEMORIA SOFTWARE RETI INFORMATICHE IL COMPUTER NELLA VITA DI OGNI GIORNO IT E SOCIETA’ SICUREZZA DIRITTI D’AUTORE

9 COSA E’ UN COMPUTER? INFORMAZIONI IN INGRESSO COMPUTER INFORMAZIONI IN USCITA HARDWARE + SOFTWARE Insieme di dispositivi meccanici ed elettronici Strumenti che permettono e definiscono il funzionamento

10 PER INIZIARE Informatica= INFORmazione autoMATICA, trattamento automatizzato dell’informazione Computer: insieme di apparecchiature per il trattamento automatico delle informazioni COMPUTER INFO GREZZA (input) INFO ELABORATA (output) Servono: * dispositivi meccanici ed elettronici: hardware * “regole” di elaborazione: software La quasi totalità computer oggi utilizzati è digitale, lavora cioè con informazione ‘convertita in numeri', ovvero in formato digitale. BIT: unità elementare di informazione

11 TIPI DI COMPUTER # MAINFRAME # MINICOMPUTER # MICROCOMPUTER # PERSONAL COMPUTER PC # LAPTOP - NOTEBOOK # NETWORK COMPUTER # COMPUTER PALMARE GENERAL PURPOSE SPECIAL PURPOSE TERMINALE STUPIDO TERMINALE INTELLIGENTE

12 PRESTAZIONI E STORIA 1° GENERAZIONE (anni 50) 2° GENERAZIONE (anni ) 3° GENERAZIONE (fine anni 60) 4° GENERAZIONE (anni 70) 5° GENERAZIONE (giorni nostri)

13 COMPONENTI BASE DI PC Tastiera, mouse, joystick, trackball, touchpad, penna ottica, microfono, lettore codici barre, scanner, modem… Monitor, casse, stampante, plotter, modem… Per qualcuno sono dispositivi I/O CPU - ALU - CU; clock - REGISTRI Memoria RAM/ROM Memoria di massa HD/Floppy/CDROM INPUT (periferiche) OUTPUT (periferiche) bus UNITA’ CENTRALE (DIVERSE FORME)DIVERSE FORME Case +alimentatore + scheda madre + microprocessore (CPU) + RAM + ROM + hard disk + slot di espansione

14 UNITA’ CENTRALE TOWER DESKTOP CABINET O CASE

15 HARDWARE

16 SCHEDA MADRE (MAINBOARD)

17

18 DENTRO IL CASE… CPU RAM

19 L’UNITA’ CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MICROPROCESSORE CPU Central Processing Unit ALUCU CLOCK BUSCACHE

20 UNITÀ CENTRALE DI ELABORAZIONE: CPU Dirige tutte le operazioni del PC: è la mente del PC Inserito nel SOCKET della scheda madre Identificato da una sigla: 486, pentium (I, III, III, IV) sono processori INTEL; K6, K7, Athlon sono processori AMD; 68000, 68040, powerG4 sono processori Motorola (usati nei PC Apple) Velocità in MHz (Megahertz): si tratta dei milioni di operazioni elementari (ex: trasferire un dato) fatte in un secondo: 800 MHz = 800 milioni di operazioni elementari per ogni secondo

21 UNITÀ CENTRALE DI ELABORAZIONE: CPU ALU (Arithmetic Logic Unit): esegue i calcoli e le operazioni logiche CU (Control Unit): interpreta le istruzioni dei programmi, controlla la sequenza logica delle istruzioni… CLOCK (Orologio): “temporizza” la CPU, al suo segnale viene eseguita un’operazione elementare. La velocità della CPU è riferita al CLOCK. REGISTRI: memorie di piccole dimensioni ove transitano le informazioni in via di elaborazione CACHE: memoria di medie dimensioni ove vengono risiedono gli ultimi dati usati dalla CPU BUS: “canali” in cui transitano le informazioni in via di elaborazione; bus a 32 bit significa poter trasferire 32 bit per volta.

22 DISPOSITIVI DI INGRESSO (INPUT) TASTIERA MOUSE TRACKBALL TOUCH PAD JOYSTICK PENNA OTTICA SCANNER TAVOLETTE GRAFICHE

23 DISPOSITIVI DI USCITA (OUTPUT) MONITOR STAMPANTE PLOTTER DATADISPLAY SINTETIZZATORI VOCALI

24 SCHERMO MONITOR DIMENSIONI IN “Inch” PIXEL (PIcture Element) RISOLUZIONE DISTENZA TRA DUE PIXEL (Dot Pitch) FREQUENZA DI RIGENERAZIONE (Refresh) BASSA EMISSIONE DI RADIAZIONE SCHERMI CRT (Catod Ray Tube) SCHERMI LCD (Liquid Cristal Display) A MATRICE ATTIVA (TFT) A MATRICE PASSIVA (DSTN) INTERLACCIATO NON INTERLACCIATO

25 MONITOR CRT CRT (Cathode Ray Tube): sono gli schermi tradizionali. L’immagine si forma grazie ad un “pennello” di elettroni che copre lo schermo a grandissima velocità. L’immagine appare come fissa ma non lo è. L’immagine appare stabile se viene rigenerata almeno 75 volte al secondo o più (frequenza di refresh 75 Hz). Interlacciato: vengono accese prima tutte le righe pari e poi tutte le dispari (due passate per accenderle tutte). Non interlacciato: vengono accese in una passata tutte le righe. L’immagine è composta da punti colorati molto vicini tra loro (pixels). Sul vostro schermo ci sono 768 righe da 1024 pixel ciascuno (risoluzione 1024 x 768 pixels). La risoluzione può essere variata senza cambiare monitor. Appare senza “grana” se la distanza tra i pixels è inferiore a 0,28 mm (dot pitch = 0.28 mm). Le dimensioni dello schermo (in pollici) si riferiscono alla lunghezza della diagonale. Parte dello schermo è nella cornice di plastica: la diagonale visibile è inferiore a quella dichiarata; 17’’ = 15’’ reali. Posizionare a cm dalla testa, usare più di 15’’, più di 72 Hz, 0.25 mm di dot pitch

26 MONITOR LCD L’immagine si forma grazie ad una lampada posteriore la cui luce viene intercettata da una griglia di cristalli liquidi (i pixel) colorati. Se il cristallo è trasparente apparirà come acceso, se è opaco apparirà come spento. L’immagine è stabile (riposante). Lo schermo è tutto visibile (non c’è perdita di pollici). DTSN: matrice passiva, immagine di lato scadente TFT: matrice attiva, immagine ottima ad ogni angolo

27 SCHEDA VIDEO Super VGA 1024 COLONNE 768 RIGHE

28 IL MONITOR SI TROVA A CENTIMETRI DAGLI OCCHI E LO SGUARDO RIMANE A LUNGO FISSO SULLE IMMAGINI. E’ OPPORTUNO QUINDI POSSEDERE UN MONITOR A BASSA EMISSIONE DI RADIAZIONI, DA ALMENO 15 POLLICI, NON INTERLACCIATO, CON DOT PITCH INFERIORE O UGUALE A 0,25 mm, INTERVALLO DI REFRESH DA 72 Hz IN SU ED EVENTUALMENTE UNO SCHERMO PROTETTIVO DA APPLICARE AL MONITOR STESSO

29 STAMPANTI RISOLUZIONE DPI (Dots Per Inch ) VELOCITA’ DI STAMPA PPM (Pagine Per Minuto) CPS (Caratteri Per Secondo) MEMORIA DI BUFFER ALIMENTAZIONE CARTA FORMATO CARTA AD AGHI A GETTO D’INCHIOSTRO LASER

30 ALTRI DISPOSITIVI HARDWARE MODEM LA SCHEDA SONORA GLI SLOT LE PORTE L’ALIMENTAZIONE

31 DISPOSITIVI DI MEMORIA

32 MEMORIA DI MASSA FLOPPY DISK HARD DISK CD ROM DVD PERIFERICHE DI BACKUP

33 LE MEMORIE DI MASSA Floppy:poco capaci (1,44 MB), molto lenti, poco sicuri, “mobili” HD: molto capaci (GB), abbastanza veloci (accesso casuale in 10 millisecondi), sicuri, “fissi” CDROM/DVD: piuttosto capaci (GB), piuttosto lenti, sicuri, “mobili” PERIFERICHE DI BACKUP: nastri, dischi rimuovibili, zip, “mobili”

34 MEMORIA VELOCE RAM (Random Acces Memory) VOLATILE LETTURA E SCRITTURA MEMORIZ. CODICI E DATI SI MISURA IN MB ROM (Read Only Memory) NON VOLATILE SOLA LETTURA DATI INSER DAL COSTRUTT. ESEMPIO BIOS

35 LA MEMORIA Memoria centrale (RAM: Random Access Memory): contiene i programmi e i dati che sono in quel momento “processati” dalla CPU. Accesso casuale: si prelevano i dati nell’ordine desiderato, non uno dopo l’altro. È volatile. È molto veloce: la CPU vi accede in 10 miliardesimi di secondo). Le RAM attuali si misurano in MB. La memoria ROM (Read Only Memory): contiene le informazioni che all’accensione “dicono” al computer chi è, come è fatto, quali periferiche ha collegato… Il BIOS è memorizzato sul memoria ROM. L’accensione del PC e l’esecuzione del BIOS si chiama BOOTSTRAP (allacciarsi le scarpe)

36 CAPACITA’ DELLA MEMORIA bit Il byte è una sequenza di 8 bit, un carattere. Record Campo File

37 CAPACITA’ DELLA MEMORIA

38 PRESTAZIONI DI UN COMPUTER L’accesso al disco rigido è circa 1 milione di volte più lento dell’accesso alla RAM E’ meglio avere un Pentium II a 400 MHz con 128 MB di RAM piuttosto che un Pentium III a 600 MHz con 32 MB di RAM Oltre alla RAM nella scheda madre c’è anche la ROM, questa contiene il BIOS che è formato da una serie di programmi che permettono di identificare le periferiche ad esso collegate e di lanciare il SISTEMA OPERATIVO. L’operazione di controllo l’installazione dei componenti hardware e di successivo lancio del S.O. prende il nome di BOOTSTRAP. La RAM si presenta sotto forma di chip conosciuti come SIMM e DIMM

39 VERIFICA LE TUE CONOSCENZE COSA E’ UN COMPUTER? TIPI DI COMPUTER COMPONENTI BASE DI UN COMPUTER L’UNITA’ CENTRALE DI ELABORAZIONE DISPOSITIVI DI INPUT DISPOSITIVI DI OUTPUT ALTRI DISPOSITIVI HARDWARE DISPOSITIVI DI MEMORIA

40 SOFTWARE

41 TIPI DI SOFTWARE DI SISTEMA APPLICATIVO DI RETE GOVERNA E CONTROLLA LE OPERAZIONI E L’USO INTERNO DEL COMPUTER, RACCORDA L’HARDWARE E I PROGRAMMI APPLICATIVI CONSENTE DI UTILIZZARE LA MACCHINA PER OTTENERE DOCUMENTI, GRAFICI, TABELLE,…... GESTISCE LE COMUNICAZIONI TRA I COMPUTER COLLEGATI IN RETE

42 IL SISTEMA OPERATIVO (OS) PERMETTE DI COMUNICARE CON IL COMPUTER, PER QUANTO POSSIBILE, ‘USANDO LA NOSTRA LINGUA’, USANDO CIOÈ CONVENZIONI DI COMUNICAZIONE PER NOI FAMILIARI E INTUITIVE. MS DOS WINDOWS 95, 98,… OS/2 UNIX MacOS LINUX MULTITASKING MULTITHREADING

43 GUI (Graphical User Interface) IERI INTERFACCIA TESTUALE INTERFACCIA GRAFICA OGGI QUALI VANTAGGI?

44 SOFTWARE APPLICATIVO ELABORATORI DI TESTO DESKTOP PUBLISCING P. DI PRESENAZIONE DATABASE FOGLIO DI CALCOLO P. DI CONTABILITA’ ………...

45 SVILUPPO DI SOFTWARE ANALISI PROGRAMMAZIONE IMPLEMENTAZIONE TESTING RELEASE

46 VERIFICA LE TUE CONOSCENZE TIPI DI SOFTWARE SISTEMA OPERATIVO SOFTWARE APPLICATIVI SVILUPPO DEL SOFTWARE


Scaricare ppt "Istituto Superiore Statale “Oscar Romero” Dicembre 2001 Relatore: prof. CAVAGNA GIANCARLO Corso ECDL Moduli 1 e 2."

Presentazioni simili


Annunci Google