La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Igiene delle mani e sicurezza del paziente Simonetta Cabutti

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Igiene delle mani e sicurezza del paziente Simonetta Cabutti"— Transcript della presentazione:

1 Igiene delle mani e sicurezza del paziente Simonetta Cabutti
PREVENZIONE INFEZIONI CORRELATE ALL’ ASSISTENZA: IGIENE DELLE MANI, MISURE DI ISOLAMENTO E PROFILASSI, PRONTUARIO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI Parte Seconda Igiene delle mani e sicurezza del paziente Simonetta Cabutti

2 Evidenza molto semplice…
L’igiene delle mani è la misura più efficace per ridurre le infezioni associate all’assistenza sanitaria

3 Principali modalità di trasmissione di germi correlati all’assistenza (1) (adattato da Centers for Disease Control and Prevention) Modalità di trasmissione Serbatoio/fonte Dinamica della Trasmissione Esempi di germi Contatto Diretto Paziente, Operatore sanitario Contatto fisico diretto tra fonte e paziente (contatto persona-persona) es. trasmissione attraverso la cute delle mani, ad esempio aiutando il paziente a lavarsi, con la palpazione addominale Staphylococcus aureus, bacilli Gram negativi, Virus respiratori, HAV Contatto Indiretto Strumentazione medica, attrezzatura, endoscopi La trasmissione dell’agente patogeno dalla sorgente al paziente avviene passivamente, attraverso un oggetto intermedio (di solito inanimato); es.trasmissione attraverso i guanti non cambiati tra pazienti, uso dello stesso stetoscopio Salmonella spp, Pseudomonas spp, Acinetobacter spp, S. maltophilia

4 Principali modalità di trasmissione di germi correlati all’assistenza (2) (adattato da Centers for Disease Control and Prevention) Modalità di trasmissione Serbatoio/fonte Dinamica della Trasmissione Esempi di germi Droplet Pazienti operatori sanitari Trasmissione attraverso goccie di acqua (droplets, > 5µm) che trasmettono i germi nell’aria quando la fonte e il paziente sono vicini; es. Trasmissione starnutendo, parlando, tossendo Virus Influenza, Staphylococcus aureus, Virus Respiratorio Sinciziale Aerea Pazienti operatori sanitari, acqua calda, polvere Diffusione di germi contenuti in nuclei (< 5µm) evaporati da droplets o in pulviscolo, attraverso l’aria, nella stessa stanza o anche a distanza; es respirazione Mycobacterium tuberculosis, Legionella spp Veicoli comuni Cibo, acqua, medicazioni Un veicolo inanimato contaminato funziona da vettore di trasmissione del germe verso più pazienti; es, bere acqua contaminata, pratiche iniettive non sicure Salmonella spp, HIV, HBV, Bacilli Gram negativi

5 Esempio di miglioramento in un paese: la Svizzera
Compliance with hand hygiene (%) 116 hospitals 25% l’incremento % dell’adesione all’igiene delle mani in 4 mesi 17,000 infezioni prevenute nel 2006 Costi risparmiati: 60 milioni CHF nel 2006

6 Trasmissione nosocomiale tramite le mani del personale
Le mani del personale sanitario sono il veicolo più frequentemente implicato nella trasmissione dei patogeni nosocomiali La trasmissione dei patogeni nosocomiali dall’ambiente ospedaliero o da un paziente all’altro tramite le mani del personale sanitario implica 5 tappe fondamentali

7 Trasmissione tramite le mani : step 1
The Lancet Infectious Diseases 2006 Germi presenti sulla cute del paziente e sulle superfici dell’ambiente circostante Germi (S. aureus, P. mirabilis, Klebsiella spp and Acinetobacter spp.) presenti sulla cute integra di alcuni pazienti: milioni unità formanti colonie (CFU)/cm2 Circa 1 milione di cellule di desquamazione contenenti germi sono eliminate ogni giorno dalla cute normale Oggetti attorno al paziente (letto, arredo, oggetti) si contaminano con germi del paziente (specialmente stafilococchi ed enterococchi)

8 Trasmissione tramite le mani : step 2
The Lancet Infectious Diseases 2006 Germi trasferiti sulle mani degli operatori – esempi Gli infermieri possono contaminare le loro mani con ,000 CFU of Klebsiella spp. durante le attività di “assistenza” (sollevando un paziente, valutando il polso, la pressione arteriosa, la temperatura orale) 15% degli infermieri che lavora in una unità di isolamento trasporta una mediana di 10,000 CFU of S. aureus sulle mani In un ospedale generale, 29% degli infermieri presenta S. aureus sulle mani (conta mediana, 3,800 CFU) e 17-30% ospita bacilli Gram negativi (conta mediana: 3,400-38,000 CFU)

9 Trasmissione tramite le mani : step 3
Germi che sopravvivono sulle mani Dopo contatto con pazienti e/o oggetti contaminati, i germi possono sopravvivere sulle mani per un tempo variabile (2-60 minuti) In assenza di azioni di igiene delle mani, più lunga è l’assistenza fornita, più alto è il grado di contaminazione delle mani The Lancet Infectious Diseases 2006

10 Trasmissione tramite le mani : step 4
The Lancet Infectious Diseases 2006 Una igiene delle mani scorretta significa mantenere le mani contaminate Una quantità insufficiente di prodotto e/o una durata insufficiente dell’azione di igiene delle mani determina una scarsa decontaminazione delle mani Microrganismi non residenti sono ancora presenti sulle mani dopo il lavaggio con acqua e sapone, mentre è dimostrato che la frizione con un prodotto a base alcolica è significativamente più efficace

11 Trasmissione tramite le mani : step 5
The Lancet Infectious Diseases 2006 Mani contaminate trasmettono germi In molte epidemie, è stata dimostrata la trasmissione dei germi tra pazienti e dall’ambiente (sia quello di assistenza che quello circostante il paziente) ai pazienti attraverso gli operatori sanitari

12 Ignaz Philipp Semmelweis: il pioniere dell’igiene delle mani
Vienna, Austria General Hospital,

13 Tassi di mortalità puerperale,
I e II clinica ostetrica, Vienna General Hospital Intervention May 15, 1847 Mortalità puerperale In 1847, Semmelweiss was appointed as a house officer in one of the two obstetric clinics located at the University of Vienna General Hospital. He observed that maternal mortality rates, mostly due to puerperal fever, were substantially higher in one clinic (first) compared to the other (second) (16% vs 7%). He also noted that physicians and medical students often went directly to the delivery suite after performing autopsies and had a disagreeable odor on their hands despite hand washing with soap and water before entering the clinic. He hypothesized therefore that “cadaverous particles” were transmitted via the hands of students and physicians and caused the puerperal fever. As a consequence, Semmelweis recommended that hands be scrubbed in a chlorinated lime solution before every patient contact and particularly after leaving the autopsy room. Following the implementation of this measure, the mortality rate dropped dramatically to 3% in the clinic most affected (first). Semmelweis IP, 1861

14 <40% Aderenza all’igiene delle mani in diversi studi
Autor Year Sector Compliance Preston 1981 General Wards 16% ICU 30% Albert 1981 ICU 41% ICU 28% Larson 1983 Hospital-wide 45% Donowitz 1987 Neonatal ICU 30% Graham 1990 ICU 32% Dubbert 1990 ICU 81% Pettinger 1991 Surgical ICU 51% Larson 1992 Neonatal Unit 29% Doebbeling 1992 ICU 40% Zimakoff 1993 ICU 40% Meengs 1994 Emergency Room 32% Pittet 1999 Hospital-wide 48% <40% Pittet and Boyce, Lancet Infectious Diseases 2001

15 Aderenza e professione, Ospedale Universitario di Ginevra
% Pittet D et al, Ann Intern Med 1999

16 Aderenza e tipo di reparto, Ospedale Universitario di Ginevra
% Pittet D et al, Ann Intern Med 1999

17 Aderenza all’igiene delle mani University Hospitals di Ginevra, 1999
Fattori di rischio per una scarsa aderenza: turni di mattina e festivi alto rischio di contaminazione essere un medico lavorare in una unità di terapia intensiva Motivi principali di non-compliance riferiti dagli operatori sanitari: Troppo occupato Irritazione della pelle Uso dei guanti “Non ci penso” Pittet D et al, Ann Intern Med 1999

18 Problema di tempo = maggior ostacolo all’igiene delle mani
L’adeguato lavaggio con acqua e sapone richiede: 1-1.5 minuti Tempi di solito impiegati dagli operatori sanitari: < 10 secs

19 La frizione con prodotti idro-alcolici è la soluzione ottimale per migliorare l’aderenza
Lavaggio con acqua e sapone solo se mani visibilmente sporche o dopo esposizione a fluidi biologici L’utilizzo di prodotti idro-alcolici è il gold standard in tutte le altre situazioni cliniche

20 Frizione con prodotto alcolico
La frizione con prodotti a base alolica è la soluzione per superare il problema della mancanza di tempo Lavaggio delle mani 1 to 1.5 min Frizione con prodotto alcolico 15 to 20 sec

21 La frizione è anche più efficace
Tempi di applicazione (lavaggio e frizione) e riduzione della contaminazione batterica Igiene delle mani con: Lavaggio Frizione La frizione è anche più efficace After seconds only, handrubbing is significantly more efficient than handwashing with plain soap and water, to reduce hand bacterial contamination. Pittet and Boyce, Lancet Infectious Diseases 2001

22 Perché, quando e come dovrebbe essere effettuata l’igiene delle mani nell’assistenza sanitaria

23 Health-care activity may be described as a succession of tasks during which health-care workers' hands touch different types of surfaces: the patient, his/her body fluids, objects or surfaces located in the patient surroundings and within the care environment. Each contact is a potential source of contamination for health-care workers' hands. Elements or areas that are involved in hand transmission of health care-associated germs: PATIENT PATIENT SURROUNDINGS: space temporarely dedicated to a patient and including equipment (various medical devices), furniture (bed, chair, bedside table, etc.) and personal belongings (clothes, books, etc.) handled by the patient and health-care worker when caring for the patient. CARE ENVIRONMENT: all those elements beyond the patient surroundings, which make up the care environment (other patients, objects, medical equipment and people present in a hospital, clinic or ambulatory setting).

24 AL LETTO DEL PAZIENTE IDEALMENTE L'IGIENE DELLE MANI
DEVE ESSERE EFFETTUATA AL LETTO DEL PAZIENTE Point of care - refers to the place where three elements occur together: the patient, the health-care worker, and care or treatment involving patient contact. The concept refers to a hand hygiene product (e.g. alcohol-based handrub) which should be easily accessible to staff by being as close as possible, e.g. within an arm’s reach (as resources permit) to where patient contact is taking place. Point of care products should be accessible without leaving the zone of care/treatment. This enables staff to quickly and easily fulfill the Five Moments for hand hygiene. The product must be capable of being used at the required moment, without leaving the zone of activity.

25 Pittet D et al, Lancet Infect Dis, Oct 2006
As mentioned, 5 steps usually lead to hand transmission of health care-associated germs; similarly, 5 moments can be identified during health care when to perform hand hygiene is crucial to prevent hand transmission. Pittet D et al, Lancet Infect Dis, Oct 2006

26 Definizione di punto di assistenza “point of care”
Punto di assistenza – Il termine indica il luogo fisico in cui si trovano contemporaneamente il paziente e l'operatore sanitario e in cui si effettua la cura o il trattamento con contatto del paziente. Il concetto si riferisce a un prodotto per l'igiene delle mani, come una soluzione per mani a base alcolica, facilmente accessibile al personale perché a portata di mano (in base alla struttura utilizzata) rispetto al luogo in cui avviene il contatto con il paziente, senza allontanarsi dalla zona in cui si effettua la cura/il trattamento. Il personale può così soddisfare quanto specificato nei Cinque momenti per l'igiene delle mani. La struttura deve fornire prodotti per mani in confezione tascabile o dispenser fissati al letto o al comodino del paziente (o in prossimità). Rispondono a tali requisiti anche i dispenser fissati ai carrelli o ai dispositivi medici trasportati presso i pazienti.

27 I 5 MOMENTI FONDAMENTALI PER L’IGIENE DELLE MANI
Effettua l’igiene delle mani immediatamente prima di una manovra asettica! Per proteggere il paziente da germi patogeni, inclusi quelli appartenenti al paziente stesso! Effettua l’igiene delle mani prima di toccare un paziente mentre ti avvicini! Per proteggere il paziente da germi patogeni presenti sulle tue mani! Effettua l’igiene delle mani dopo aver toccato un paziente o l’ambiente immediatamente circostante, uscendo dalla stanza! Per proteggere te stesso e l’ambiente sanitario da germi patogeni! Effettua l’igiene delle mani immediatamente dopo esposizione ad un liquido biologico (e dopo la rimozione dei guanti)! Per proteggere te stesso e l’ambiente sanitario da germi patogeni! Effettua l’igiene delle mani uscendo dalla stanza, dopo aver toccato qualsiasi oggetto o mobile nelle immediate vicinanze del paziente, anche in assenza di un contatto diretto con il paziente Per proteggere te stesso e l’ambiente sanitario da germi patogeni!

28

29 Quali potrebbero essere gli esempi più frequenti di questa indicazione?

30 Quali potrebbero essere gli esempi più frequenti di questa indicazione?

31 Quali potrebbero essere gli esempi più frequenti di questa indicazione?

32 Quali potrebbero essere gli esempi più frequenti di questa indicazione?

33 Quali potrebbero essere gli esempi più frequenti di questa indicazione?

34 POSTER

35 Igiene delle mani e uso dei guanti
L’utilizzo dei guanti non sostituisce l’igiene delle tue mani! Tu dovresti togliere i guanti per effettuare l’igiene delle mani, quando si verifica una indicazioni mentre indossi i guanti Tu dovresti indossare i guanti solo quando indicato– diversamente i guanti diventano un fattore di rischio per la trasmissione dei germi

36 Igiene delle mani e utilizzo dei guanti
GUANTI + IGIENE DELLE MANI = MANI PULITE GUANTI – NO IGIENE DELLE MANI = TRASMISSIONE MICROBICA L’utilizzo dei guanti non è sostitutivo dell’igiene delle mani, quando indicata!

37

38 Bibliografia rilevante (1)
Casewell M, Phillips I. Hands as route of transmission for Klebsiella species. BMJ 1977; 2: Haley RW et al. The efficacy of infection surveillance and control programs in preventing nosocomial infections in US hospitals. Am J Epidemiol 1985; 121: Ayliffe GAJ et al. Hand disinfection: a comparison of various agents in laboratory and ward studies. J Hosp Infect 1988; 11:226-43 Simmons B et al. The role of handwashing in prevention of endemic intensive care unit infections. Infect Control Hosp Epidemiol 1990; 11:589-94 Guideline for Isolation Precautions in Hospitals. Centers for Disease Control and Prevention 1996 (http://www.cdc.gov/ncidod/dhqp/gl_isolation_ptII.html) Pittet D et al. Compliance with handwashing in a teaching hospital. Ann Int Med 1999; 130: Starfield B. Is US health really the best in the world? JAMA 2000; 284:483–485 Mayor S. Hospital acquired infections kill 5000 patients a year in England. BMJ 2000; 321:1370 Pittet D et al. Bacterial contamination of the hands of hospital staff during routine patient care. Arch Int Med 1999;159:821-26 Pittet D et al. Effectiveness of a hospital-wide programme to improve compliance with hand hygiene. Infection Control Programme. Lancet 2000; 356: Pittet D, Boyce JM. Revolutionizing hand hygiene in health-care settings: guidelines revisited. Lancet Infectious Diseases 2003; 3: Trick WE et al. Impact of ring wearing on hand contamination and comparison of hand hygiene agents in a hospital. Clin Infect Dis 2003; 36: Lazzari S et al. Making Hospitals Safer: the need for a global strategy for infection control in healthcare settings. World Hosp Health Serv 2004; 34:36-42 Won SP et al. Handwashing program for the prevention of nosocomial infections in a neonatal intensive care unit. Inf Control Hosp Epidemiol 2004; 25:742-46

39 Bibliografia rilevante (2)
Pessoa-Silva CL et al. Dynamics of bacterial hand contamination during routine neonatal care. Infect Control Hosp Epidemiol 2004; 25:192-97 Pittet D. Infection control and quality health care in the new millenium. Am J Infect Control 2005; 33:258-67 Kac G et al. Microbiological evaluation of two hand hygiene procedures achieved by healthcare workers during routine patient care: a randomized study. J Hosp Infect 2005; 60:32-9 Zaidi AK et al. Hospital acquired neonatal infections in developing countries. Lancet 2005; 365: Rosenthal VD et al. Reduction in nosocomial infection with improved hand hygiene in intensive care units of a tertiary care hospital in Argentina. Am J Infect Control 2005; 33:392-97 Johnson PD et al. Efficacy of an alcohol/chlorhexidine hand hygiene program in a hospital with high rates of nosocomial methicillin-resistant Staphylococcus aureus (MRSA) infection. Med J Aust 2005; 183:9-14 Pittet D. Clean hands reduce the burden of disease. Lancet 2005;366:185-7 Pittet D, Donaldson L. Clean Care is Safer Care: a worldwide priority. Lancet 2005;366:1246-7 WHO. The Global Patient Safety Challenge “Clean Care is Safer Care. Geneva, WHO, 2005 (http://www.who.int/patientsafety/events/05/GPSC_Launch_ENGLISH_FINAL.pdf) Pittet D et al. Clean Care is Safer Care: the Global Patient Safety Challenge. Int J Infect Dis 2006;10:419-24 Pittet D et al. Evidence-based model for hand transmission during patient care and the role of improved practices. Lancet Infect Dis 2006;6:641-52 World Health Organization. WHO Guidelines for Hand Hygiene in Health Care (Advanced Draft). Geneva: World Health Organization, 2006 (http://www.who.int/patientsafety/information_centre/ghhad_download/en/index.html)


Scaricare ppt "Igiene delle mani e sicurezza del paziente Simonetta Cabutti"

Presentazioni simili


Annunci Google