La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I dieci comandamenti: La legge di Dio a servizio dell’uomo La legge di Dio a servizio dell’uomo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I dieci comandamenti: La legge di Dio a servizio dell’uomo La legge di Dio a servizio dell’uomo."— Transcript della presentazione:

1

2 I dieci comandamenti: La legge di Dio a servizio dell’uomo La legge di Dio a servizio dell’uomo

3 Una storia per iniziare C'era un uomo come tutti gli altri. Normale. Aveva qualità positive e negative. Non era diverso da noi. Una volta bussarono all'improvviso alla sua porta. Quando uscì, si incontrò con certi suoi amici. Erano in molti ed erano arrivati insieme. I suoi amici gli legarono le mani. Dopo gli spiegarono che così era meglio, che con le mani legate non poteva combinare nulla di male (si dimenticarono però di dirgli che in tal modo non poteva fare neanche qualcosa di buono). E se ne andarono, lasciando una guardia alla porta perché nessuno potesse slegargli le mani. C'era un uomo come tutti gli altri. Normale. Aveva qualità positive e negative. Non era diverso da noi. Una volta bussarono all'improvviso alla sua porta. Quando uscì, si incontrò con certi suoi amici. Erano in molti ed erano arrivati insieme. I suoi amici gli legarono le mani. Dopo gli spiegarono che così era meglio, che con le mani legate non poteva combinare nulla di male (si dimenticarono però di dirgli che in tal modo non poteva fare neanche qualcosa di buono). E se ne andarono, lasciando una guardia alla porta perché nessuno potesse slegargli le mani.

4 All'inizio si disperò e cercò di rompere i lacci. Quando si rese conto dell'inutilità dei suoi sforzi, cercò di adattarsi alla nuova situazione. A poco a poco fece in modo di arrangiarsi per sopravvivere con le mani legate. Dapprima gli costava molto anche togliersi le scarpe. Impiegò un giorno ad arrotolarsi una sigaretta. E cominciò a dimenticarsi che prima aveva le mani libere... Passarono molti anni. Quell'uomo arrivò ad adattarsi alle mani legate. All'inizio si disperò e cercò di rompere i lacci. Quando si rese conto dell'inutilità dei suoi sforzi, cercò di adattarsi alla nuova situazione. A poco a poco fece in modo di arrangiarsi per sopravvivere con le mani legate. Dapprima gli costava molto anche togliersi le scarpe. Impiegò un giorno ad arrotolarsi una sigaretta. E cominciò a dimenticarsi che prima aveva le mani libere... Passarono molti anni. Quell'uomo arrivò ad adattarsi alle mani legate.

5 Durante questo tempo, la guardia alla porta gli raccontava, giorno dopo giorno, delle cose cattive che facevano di fuori gli uomini con le mani libere (ma si dimenticava di dirgli delle cose buone che facevano). Continuavano a trascorrere gli anni. L'uomo con le mani legate si adattò sempre più. E quando il guardiano gli ripeteva che, grazie a quella notte in cui i suoi amici erano venuti per legargli le mani, egli non aveva più avuto la possibilità di fare del male (ma non gli diceva che non aveva più avuto anche la possibilità di fare del bene), quell'uomo cominciò a credere che era meglio, molto meglio, vivere con le mani legate. Durante questo tempo, la guardia alla porta gli raccontava, giorno dopo giorno, delle cose cattive che facevano di fuori gli uomini con le mani libere (ma si dimenticava di dirgli delle cose buone che facevano). Continuavano a trascorrere gli anni. L'uomo con le mani legate si adattò sempre più. E quando il guardiano gli ripeteva che, grazie a quella notte in cui i suoi amici erano venuti per legargli le mani, egli non aveva più avuto la possibilità di fare del male (ma non gli diceva che non aveva più avuto anche la possibilità di fare del bene), quell'uomo cominciò a credere che era meglio, molto meglio, vivere con le mani legate.

6 Erano così belle quelle legature, così tranquillizzanti! Passarono molti, moltissimi anni. Un giorno i suoi amici sorpresero il guardiano nel sonno, entrarono in casa sua, gli sciolsero i nodi delle corde che gli legavano le mani. "Adesso sei libero", gli dissero. Ma l'avevano slegato troppo tardi. Le sue mani erano completamente paralizzate. Erano così belle quelle legature, così tranquillizzanti! Passarono molti, moltissimi anni. Un giorno i suoi amici sorpresero il guardiano nel sonno, entrarono in casa sua, gli sciolsero i nodi delle corde che gli legavano le mani. "Adesso sei libero", gli dissero. Ma l'avevano slegato troppo tardi. Le sue mani erano completamente paralizzate.

7 Il nostro commento … Le nostre mani non sono legate perché Dio ci ha creati liberi … Le nostre mani non sono legate perché Dio ci ha creati liberi … Cioè con la capacità di scegliere di fare il bene o di fare il male … Cioè con la capacità di scegliere di fare il bene o di fare il male … Non siamo dei burattini manovrati dal “burattinaio” siamo persone libere … Non siamo dei burattini manovrati dal “burattinaio” siamo persone libere … Allora come dobbiamo orientare la nostra libertà nella nostra vita? Allora come dobbiamo orientare la nostra libertà nella nostra vita?

8 L’orientamento delle nostre scelte ci viene dato dai …

9 «Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?» (Mt 19,16). Al giovane che gli rivolge questa domanda Gesù risponde: «Se vuoi entrare nella vita, osserva i Comandamenti», e poi aggiunge: «Vieni e seguimi» (Mt 19,16.21). Seguire Gesù implica l'osservanza dei Comandamenti. La Legge non è abolita, ma l'uomo è invitato a ritrovarla nella persona del divino Maestro, che la realizza perfettamente in se stesso, ne rivela il pieno significato e ne attesta la perennità. ( , ) Al giovane che gli rivolge questa domanda Gesù risponde: «Se vuoi entrare nella vita, osserva i Comandamenti», e poi aggiunge: «Vieni e seguimi» (Mt 19,16.21). Seguire Gesù implica l'osservanza dei Comandamenti. La Legge non è abolita, ma l'uomo è invitato a ritrovarla nella persona del divino Maestro, che la realizza perfettamente in se stesso, ne rivela il pieno significato e ne attesta la perennità. ( , )

10 Come Gesù interpreta la Legge? Gesù la interpreta alla luce del duplice e unico Comandamento della carità, pienezza della Legge: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei Comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due Comandamenti dipende tutta la Legge e i Profeti» (Mt 22,37-40). (2055) Gesù la interpreta alla luce del duplice e unico Comandamento della carità, pienezza della Legge: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei Comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due Comandamenti dipende tutta la Legge e i Profeti» (Mt 22,37-40). (2055)

11 Che cosa significa «Decalogo»? Decalogo significa «dieci parole» (Es 34,28). Queste parole riassumono la Legge donata da Dio al popolo d'Israele nel contesto dell'Alleanza mediante Mosè. Esso, nel presentare i Comandamenti dell'amore di Dio (i primi tre) e del prossimo (gli altri sette), traccia, per il popolo eletto e per ciascuno in particolare, il cammino di una vita liberata dalla schiavitù del peccato. ( )

12 Perché il Decalogo obbliga gravemente? Perché enuncia i doveri fondamentali dell'uomo verso Dio e verso il prossimo. ( , 2081)

13 È possibile osservare il Decalogo? Sì, perché Cristo, senza il quale nulla possiamo fare, ci rende capaci di osservarlo, con il dono del suo Spirito e della sua grazia. (2074, 2082)

14 1° Comandamento: Io sono il Signore Dio tuo. Non avrai altro Dio fuori di me Che cosa implica l'affermazione di Dio: «Io sono il Signore Dio tuo» (Es 20,2)? Implica per il fedele di custodire e attuare le tre virtù teologali e di evitare i peccati che vi si oppongono. La fede crede in Dio e respinge ciò che le è contrario, come ad esempio, il dubbio volontario, l'incredulità, l'eresia, l'apostasia, lo scisma. La speranza attende fiduciosamente la beata visione di Dio e il suo aiuto, evitando la disperazione e la presunzione. La carità ama Dio al di sopra di tutto: vanno dunque respinte l'indifferenza, l'ingratitudine, la tiepidezza, l'accidia o indolenza spirituale, e l'odio di Dio, che nasce dall'orgoglio. ( , ) Insegnami il senno e la saggezza, perché ho fiducia nei tuoi comandamenti. (Sal 118,66)

15 1° Comandamento: Io sono il Signore Dio tuo. Non avrai altro Dio fuori di me Che cosa comporta la Parola del Signore: «Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto» (Mt 4,10)? Essa comporta: adorare Dio come Signore di tutto ciò che esiste; rendergli il culto dovuto individualmente e comunitariamente; pregarlo con espressioni di lode, di ringraziamento e di supplica; offrirgli sacrifici, soprattutto quello spirituale della propria vita, in unione con il sacrificio perfetto di Cristo; mantenere le promesse e i voti a Lui fatti. ( , ) Ho scrutato le mie vie, ho rivolto i miei passi verso i tuoi comandamenti. (Sal 118,59)

16 1° Comandamento: Io sono il Signore Dio tuo. Non avrai altro Dio fuori di me Per Riflettere … Dice il primo comandamento: “Io sono il Signore, tuo Dio… non avrai altri dèi di fronte a me” (Esodo 20,2-3). E Gesù aggiunge: “Nessuno può servire a due padroni… Non potete servire a Dio e a mammona” (Matteo 6,24). Parole chiare e decise. Eppure quanti “falsi dèi” dominano il nostro cuore e i nostri pensieri! Dio spesso è all’ultimo posto, Dio è escluso dalla vita: prima c’è il denaro, prima ci sono gli interessi e la carriera, prima c’è il divertimento, prima c’è la vanità. “Abbiamo dimenticato Dio: questo è il primo peccato, gli altri sono conseguenza” (A. Solzenicyn)

17 2° Comandamento: Non nominare il Nome di Dio invano Come si rispetta la santità del Nome di Dio? Il Nome santo di Dio si rispetta invocandolo, benedicendolo, lodandolo e glorificandolo. Vanno dunque evitati l'abuso di appellarsi al Nome di Dio per giustificare un crimine e ogni uso sconveniente del suo Nome, come la bestemmia, che per sua natura è un peccato grave; le imprecazioni e l'infedeltà alle promesse fatte nel Nome di Dio. ( , ) Mio Dio, ti canterò un canto nuovo, suonerò per te. (Sal 143,9)

18 2° Comandamento: Non nominare il Nome di Dio invano Per Riflettere … Dice il secondo comandamento: “Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio” (Esodo 20,7). E Gesù aggiunge: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura” (Maro 16,15). Riconosciamo un triste primato: nei nostri paesi “cristiani” si sentono tantissime bestemmie. Quante volte il nome di Dio viene offeso dagli adulti davanti ai piccoli che si affacciano alla vita. Responsabilità terribile! E, dall’altra parte, chi di noi difende il nome di Dio? Chi ha il coraggio di parlare di fede e di Vangelo? Chi di noi dà abitualmente un po’ del proprio tempo per annunciare Gesù agli altri? Eppure è un dovere, è un comando preciso del Signore.

19 3° Comandamento: Ricordati di santificare le feste Come si santifica la domenica? I cristiani santificano la domenica e le altre feste di precetto partecipando all'Eucaristia del Signore, e astenendosi anche da quelle attività che impediscono di rendere culto a Dio e turbano la letizia propria del giorno del Signore o la necessaria distensione della mente e del corpo. Sono consentite le attività legate a necessità familiari o a servizi di grande utilità sociale, purché non creino abitudini pregiudizievoli alla santificazione della domenica, alla vita di famiglia e alla salute. ( , ) Come incenso salga a te la mia preghiera. (Sal 140,2)

20 3° Comandamento: Ricordati di santificare le feste Perché è importante riconoscere civilmente la domenica come giorno festivo? Perché a tutti sia data la reale possibilità di godere di sufficiente riposo e di tempo libero che permettano loro di curare la vita religiosa, familiare, culturale e sociale; di disporre di un tempo propizio per la meditazione, la riflessione, il silenzio e lo studio; di dedicarsi alle opere di bene, in particolare a favore dei malati e degli anziani. ( , ) Lodino il suo nome con danze. (Sal 149,3)

21 3° Comandamento: Ricordati di santificare le feste Per Riflettere … Dice il terzo comandamento: “Ricordati del giorno di sabato per santificarlo” (Esodo 20,8). E Gesù aggiunge: “Se aveste compreso che cosa significa: “Misericordia io voglio e non sacrificio”, non avreste condannato individui senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato” (Matteo 12,7-8). Dopo la risurrezione di Gesù, per i cristiani il giorno di festa è la domenica: “domenica” significa appunto “giorno del Signore”. Ma la domenica per noi è un giorno del Signore o è mezz’ora del Signore o forse meno ancora? Chi di noi aspetta la domenica per dedicarsi alla carità? Chi, nel giorno del Signore, ha mai visitato un anziano, un ammalato, un sofferente? Quante domeniche profanate! Gesù ci ammonisce: “Misericordia io voglio e non vuote preghiere ”.

22 4° Comandamento: Onora tuo padre e tua madre Che cosa comanda il quarto Comandamento? Esso comanda di onorare e rispettare i nostri genitori e coloro che Dio, per il nostro bene, ha rivestito della sua autorità. ( , ) Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati. (Is 66,13) Qual è la natura della famiglia nel piano di Dio? Un uomo e una donna uniti in matrimonio formano insieme ai loro figli una famiglia. Dio ha istituito la famiglia e l'ha dotata della sua costituzione fondamentale. Il matrimonio e la famiglia sono ordinati al bene degli sposi, e alla procreazione e all'educazione dei figli. Tra i membri di una stessa famiglia si stabiliscono relazioni personali e responsabilità primarie. In Cristo la famiglia diventa Chiesa domestica, perché è comunità di fede, di speranza e di amore. ( , 2249)

23 4° Comandamento: Onora tuo padre e tua madre Quali sono i doveri dei figli verso i genitori? Verso i genitori, i figli devono rispetto (pietà filiale), riconoscenza, docilità e obbedienza, contribuendo così, anche con le buone relazioni tra fratelli e sorelle, alla crescita dell'armonia e della santità di tutta la vita familiare. Qualora i genitori si trovassero in situazioni di indigenza, di malattia, di solitudine o di vecchiaia, i figli adulti debbono loro aiuto morale e materiale. ( , 2251) Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati. (Is 66,13) Quali sono i doveri dei genitori verso i figli? Partecipi della paternità divina, i genitori sono per i figli i primi responsabili dell'educazione e i primi annunciatori della fede. Essi hanno il dovere di amare e di rispettare i figli come persone e come figli di Dio, e di provvedere, per quanto possibile, ai loro bisogni materiali e spirituali, scegliendo per loro una scuola adeguata e aiutandoli con prudenti consigli nella scelta della professione e dello stato di vita. In particolare hanno la missione di educarli alla fede cristiana. ( )

24 4° Comandamento: Onora tuo padre e tua madre Per Riflettere … Dice il quarto comandamento: “Onora tuo padre e tua madre” (Esodo 20,12). E Gesù aggiunge: “Invece voi asserite: “Chiunque dice al padre o alla madre: ‘Ciò con cui ti dovrei aiutare è offerto a Dio’, non è più tenuto a onorare suo padre e sua madre”… Ipocriti! Bene ha profetato di voi Isaia, dicendo: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me”” (Matteo 15,5-8). L’amore per i genitori è un comandamento! Ma spesso i genitori sono letteralmente cacciati di casa, oppure emarginati dentro la stessa casa: per loro c’è tanta solitudine e indifferenza, perché oggi chi non produce non conta. E’ un vero razzismo, che prima o poi ci punirà tutti. E noi? Noi amiamo gli anziani e gli ammalati? Riconosciamo in loro una presenza di Cristo? Diamo volentieri tempo e cuore per assisterli, per fare compagnia, per servirli con vera e sorridente carità?

25 5° Comandamento: Non uccidere Perché la vita umana va rispettata? Perché è sacra. Fin dal suo inizio essa comporta l'azione creatrice di Dio e rimane per sempre in una relazione speciale con il Creatore, suo unico fine. A nessuno è lecito distruggere direttamente un essere umano innocente, essendo ciò gravemente contrario alla dignità della persona e alla santità del Creatore. «Non far morire l'innocente e il giusto» (Es 23,7). ( , ) “Creati a immagine e somiglianza di Dio” Quale dovere abbiamo verso il corpo? Dobbiamo avere una ragionevole cura della salute fisica, propria ed altrui, evitando tuttavia il culto del corpo e ogni sorta di eccessi. Vanno inoltre evitati l'uso di stupefacenti, che causano gravissimi danni alla salute e alla vita umana, e anche l'abuso dei cibi, dell'alcool, del tabacco e dei medicinali. ( )

26 5° Comandamento: Non uccidere Che cosa proibisce il quinto Comandamento? Il quinto Comandamento proibisce come gravemente contrari alla legge morale: l'omicidio diretto e volontario, e la cooperazione ad esso; l'aborto diretto, voluto come fine o come mezzo, nonché la cooperazione ad esso, pena la scomunica, perché l'essere umano, fin dal suo concepimento, va rispettato e protetto in modo assoluto nella sua integrità; l'eutanasia diretta, che consiste nel mettere fine, con un atto o l'omissione di un'azione dovuta, alla vita di persone handicappate, ammalate o prossime alla morte; il suicidio e la cooperazione volontaria ad esso, in quanto è un'offesa grave al giusto amore di Dio, di sé e del prossimo: quanto alla responsabilità, essa può essere aggravata in ragione dello scandalo o attenuata da particolari disturbi psichici o da gravi timori. ( , ) “Creati a immagine e somiglianza di Dio”

27 5° Comandamento: Non uccidere Per Riflettere … Dice il quinto comandamento: “Non uccidere” (Esodo 20,13). E Gesù aggiunge: “Chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio” (Matteo 5,22). “Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste” (Matteo 5,44). Questo comandamento proibisce di uccidere in qualsiasi maniera, a qualsiasi età: nessuno può uccidere né un bambino appena concepito né un vecchio, né un sano né un ammalato, perché la vita di tutti è sacra e inviolabile. Questo comandamento proibisce di odiare: perché l’odio ci mette in comunione col demonio, che è omicida fin dal principio. Eppure quanto sangue viene versato ogni giorno: satana davvero ha ancora potere su tanta gente! Ma il quinto comandamento, perfezionato da Gesù, ci ordina soprattutto di amare: amare anche i nemici, amare chi ci fa del male, amare chi ci perseguita. Questa è la novità portata la Gesù: è la sua rivoluzione, il suo Vangelo. Chi non sa amare i propri nemici… è ancora all’Antico Testamento; per costui la venuta di Gesù è stata inutile! E noi abbiamo accolto la novità del Vangelo? Sappiamo vincere il male con il bene, l’odio con l’amore, la vendetta con il perdono? Non dimentichiamolo: questo è il comandamento esplicito di Gesù, il comandamento nuovo, il comandamento che ci fa cristiani!

28 6° Comandamento: Non commettere adulterio Quale compito ha la persona umana nei confronti della propria identità sessuale? Dio ha creato l'uomo maschio e femmina, con uguale dignità personale, e ha iscritto in lui la vocazione dell'amore e della comunione. Spetta a ciascuno accettare la propria identità sessuale, riconoscendone l'importanza per tutta la persona, la specificità e la complementarità. ( , ) Le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. (Mar 9,3) Che cos'è la castità? La castità è la positiva integrazione della sessualità nella persona. La sessualità diventa veramente umana quando è integrata in modo giusto nella relazione da persona a persona. La castità è una virtù morale, un dono di Dio, una grazia, un frutto dello Spirito. ( )

29 6° Comandamento: Non commettere adulterio Che cosa comporta la virtù della castità? Essa comporta l'acquisizione del dominio di sé, come espressione di libertà umana finalizzata al dono di sé. È necessaria, a tal fine, un'integrale e permanente educazione, che si attua in tappe di crescita graduale. ( ) Le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. (Mar 9,3) Quali sono i mezzi che aiutano a vivere la castità? Sono numerosi i mezzi a disposizione: la grazia di Dio, l'aiuto dei sacramenti, la preghiera, la conoscenza di sé, la pratica di un'ascesi adatta alle varie situazioni, l'esercizio delle virtù morali, in particolare della virtù della temperanza, che mira a far guidare le passioni dalla ragione. ( )

30 6° Comandamento: Non commettere adulterio Quali sono i principali peccati contro la castità? Sono peccati gravemente contrari alla castità, ognuno secondo la natura del proprio oggetto: l'adulterio, la masturbazione, la fornicazione, la pornografia, la prostituzione, lo stupro, gli atti omosessuali. Questi peccati sono espressione del vizio della lussuria. Commessi su minori, tali atti sono un attentato ancora più grave contro la loro integrità fisica e morale. ( , 2396) Le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. (Mar 9,3)

31 6° Comandamento: Non commettere adulterio Per Riflettere … Dice il sesto comandamento: “Non commettere adulterio” (Esodo 20,14). E Gesù aggiunge: “L’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola… Quello che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi” (Matteo 19,5-6). E’ il comandamento della fedeltà; il comandamento che mette la famiglia in una luce grandissima: la luce stessa di Dio, che è “fedele”. E’ doveroso prepararsi a vivere la fedeltà: ma dove tende l’educazione dei figli oggi? I giovani e le ragazze, lasciati crescere nei più sfrenati capricci, saranno domani capaci di fedeltà, di impegno, di responsabilità? Gli spettacoli e le amicizie che scegliamo, i comportamenti e le mode che preferiamo rivelano la decisione della fedeltà o del tradimento? Noi seguiamo le “mode” che hanno dissacrato la famiglia, oppure seguiamo la legge di Dio che propone la fedeltà e la santità della famiglia?

32 7° Comandamento: Non rubare Che cosa enuncia il settimo Comandamento? Esso enuncia la destinazione e la distribuzione universale e la proprietà privata dei beni e il rispetto delle persone, dei loro beni e dell'integrità della creazione. La Chiesa trova fondata in questo Comandamento anche la sua dottrina sociale, che comprende il retto agire nell'attività economica e nella vita sociale e politica, il diritto e il dovere del lavoro umano, la giustizia e la solidarietà tra le nazioni, l'amore per i poveri. ( ) Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. (Mt 13,43) Che cosa prescrive il settimo Comandamento? Il settimo Comandamento prescrive il rispetto dei beni altrui, attraverso la pratica della giustizia e della carità, della temperanza e della solidarietà. In particolare, esige il rispetto delle promesse fatte e dei contratti stipulati; la riparazione dell'ingiustizia commessa e la restituzione del maltolto; il rispetto dell'integrità della creazione mediante l'uso prudente e moderato delle risorse minerali, vegetali e animali che sono nell'universo, con speciale attenzione verso le specie minacciate di estinzione. (2407, )

33 7° Comandamento: Non rubare Quale comportamento l'uomo deve avere verso gli animali? L'uomo deve trattare gli animali, creature di Dio, con benevolenza, evitando sia l'eccessivo amore nei loro confronti, sia il loro uso indiscriminato, soprattutto per sperimentazioni scientifiche effettuate al di fuori di limiti ragionevoli e con inutili sofferenze per gli animali stessi. ( , 2457) Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. (Mt 13,43) Che cosa proibisce il settimo Comandamento? Il settimo Comandamento proibisce anzitutto il furto, che è l'usurpazione del bene altrui contro la ragionevole volontà del proprietario. Ciò si verifica anche nel pagare salari ingiusti; nello speculare sul valore dei beni per trarne vantaggio a danno di altri; nel contraffare assegni o fatture. Proibisce inoltre di commettere frodi fiscali o commerciali, di arrecare volontariamente un danno alle proprietà private o pubbliche. Proibisce anche l'usura, la corruzione, l'abuso privato di beni sociali, i lavori colpevolmente male eseguiti, lo sperpero. ( , )

34 7° Comandamento: Non rubare Per Riflettere … Dice il settimo comandamento: “Non rubare” (Esodo 20,15). E Gesù aggiunge: “Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni” (Luca 12,15). Il furto è appropriazione indebita di ciò che appartiene agli altri. Certamente è furto anche la disonestà e il disimpegno nel proprio lavoro. E’ furto l’eccessivo benessere; è furto vivere per accumulare soltanto per sé, dimenticando che i beni della terra hanno una destinazione comunitaria. Dice San Basilio: “Ciò che avanza a te manca a un altro. Le vesti che non usi sono di chi è nudo. Il cibo che sciupi è di chi ha fame””. Noi sappiamo condividere, oppure siamo attaccati al denaro? Il nostro tesoro è sulla terra, o nel cielo? Lavoriamo con onestà, oppure cediamo alla tentazione della pigrizia o, peggio ancora, alla tentazione della truffa e del furto?

35 8° Comandamento: Non dire falsa testimonianza Quale dovere ha l'uomo verso la verità? Ogni persona è chiamata alla sincerità e alla veracità nell'agire e nel parlare. Ognuno ha il dovere di cercare la verità e di aderirvi, ordinando tutta la propria vita secondo le esigenze della verità. In Gesù Cristo la verità di Dio si è manifestata interamente: egli è la Verità. Chi segue lui vive nello Spirito di verità, e rifugge la doppiezza, la simulazione e l'ipocrisia. ( , 2504) Odio il falso e lo detesto, amo la tua legge, Signore. (Sal 118,163) Come si rende testimonianza alla verità? Il cristiano deve testimoniare la verità evangelica in tutti i campi della sua attività pubblica e privata, anche, se necessario, col sacrificio della propria vita. Il martirio è la suprema testimonianza resa alla verità della fede. ( , )

36 8° Comandamento: Non dire falsa testimonianza Odio il falso e lo detesto, amo la tua legge, Signore. (Sal 118,163) Che cosa proibisce l'ottavo Comandamento? L'ottavo Comandamento proibisce: la falsa testimonianza, lo spergiuro, la menzogna, la cui gravità si commisura alla verità che essa deforma, alle circostanze, alle intenzioni del mentitore e ai danni subiti dalle vittime; il giudizio temerario, la maldicenza, la diffamazione, la calunnia che diminuiscono o distruggono la buona reputazione e l'onore, a cui ha diritto ogni persona; la lusinga, l'adulazione o compiacenza, soprattutto se finalizzate a peccati gravi o al conseguimento di vantaggi illeciti. Una colpa commessa contro la verità comporta la riparazione, se ha procurato un danno ad altri. ( , )

37 8° Comandamento: Non dire falsa testimonianza Odio il falso e lo detesto, amo la tua legge, Signore. (Sal 118,163) Che cosa chiede l'ottavo Comandamento? L'ottavo Comandamento chiede il rispetto della verità, accompagnato dalla discrezione della carità: nella comunicazione e nell'informazione, che devono valutare il bene personale e comune, la difesa della vita privata, il pericolo di scandalo; nel riserbo dei segreti professionali, che vanno sempre mantenuti tranne in casi eccezionali per gravi e proporzionati motivi. Così pure è richiesto il rispetto delle confidenze fatte sotto il sigillo del segreto. ( , )

38 8° Comandamento: Non dire falsa testimonianza Per Riflettere … Dice l’ottavo comandamento: “Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo” (Esodo 20,16). E Gesù aggiunge: “Sia il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno” (Matteo 5,37). Dio ama la luce, perché egli è la verità. Noi siamo figli di Dio e quindi siamo chiamati a vivere nella verità e nella trasparenza. Ma, purtroppo, esiste da sempre la tendenza alla falsità, al doppio gioco, al doppio volto. Noi viviamo la chiamata alla verità? Gettare sospetti, esprimere giudizio senza fondati motivi, voler apparire ciò che non si è, usare la calunnia per demolire i fratelli: tutto questo è peccato e offende il Dio della verità e della luce. Noi siamo figli della luce?

39 9° Comandamento: Non desiderare la donna d’altri Che cosa richiede il nono Comandamento? Il nono Comandamento richiede di vincere la concupiscenza carnale nei pensieri e nei desideri. La lotta contro tale concupiscenza passa attraverso la purificazione del cuore e la pratica della virtù della temperanza. ( , ) Scrutami, Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri. (Sal 138,23) Che cosa proibisce il nono Comandamento? Il nono Comandamento proibisce di coltivare pensieri e desideri relativi alle azioni proibite dal sesto Comandamento. ( , )

40 9° Comandamento: Non desiderare la donna d’altri Come si giunge alla purezza del cuore? Il battezzato, con la grazia di Dio e lottando contro i desideri disordinati, giunge alla purezza del cuore mediante la virtù e il dono della castità, la limpidezza d'intenzione, la trasparenza dello sguardo esteriore ed interiore, la disciplina dei sentimenti e dell'immaginazione, la preghiera. (2520) Scrutami, Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri. (Sal 138,23)

41 9° Comandamento: Non desiderare la donna d’altri Per Riflettere … Dice il nono comandamento: “Non desiderare la moglie del tuo prossimo” (Esodo 20,17). E Gesù aggiunge: “Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Matteo 5,28). Le cattive azioni partono dal cuore: è nel cuore allora che matura anche l’adulterio. Gesù chiede che la fedeltà alla famiglia sia interiore ed esteriore: cioè leale e convinta e profonda. Il nostro cuore è fedele? I nostri sentimenti nascosti sono tutti secondo la legge di Dio?

42 10° Comandamento: Non desiderare la roba d’altri Che cosa richiede e che cosa proibisce il decimo Comandamento? Questo Comandamento, che completa il precedente, richiede un atteggiamento interiore di rispetto nei confronti della proprietà altrui e proibisce l'avidità, la cupidigia sregolata dei beni degli altri e l'invidia, che consiste nella tristezza provata davanti ai beni altrui e nel desiderio smodato di appropriarsene. ( , ) Di te ha detto il mio cuore: "Cercate il suo volto"; il tuo volto, Signore, io cerco. (Sal 26,8) Che cosa chiede Gesù con la povertà del cuore? Ai suoi discepoli Gesù chiede di preferire Lui a tutto e a tutti. Il distacco dalle ricchezze - secondo lo spirito della povertà evangelica - e l'abbandono alla provvidenza di Dio, che ci libera dall'apprensione per il domani, preparano alla beatitudine dei «poveri in spirito, perché a loro appartiene già il regno dei cieli» (Mt 5,3). ( , 2556)

43 10° Comandamento: Non desiderare la roba d’altri Qual è il più grande desiderio dell'uomo? Il più grande desiderio dell'uomo è vedere Dio. Questo è il grido di tutto il suo essere: «Voglio vedere Dio!». L'uomo realizza la sua vera e piena felicità nella visione e nella beatitudine di Colui che lo ha creato per amore e lo attira a sé con il suo infinito amore. ( , 2557) «Chi vede Dio, ha conseguito tutti i beni che si possono concepire» (san Gregorio di Nissa). Di te ha detto il mio cuore: "Cercate il suo volto"; il tuo volto, Signore, io cerco. (Sal 26,8)

44 10° Comandamento: Non desiderare la roba d’altri Per Riflettere … Dice il decimo comandamento: “Non desiderare la casa del tuo prossimo… né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo” (Esodo 20,17). E Gesù aggiunge: “Fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma” (Luca 12,33). San Paolo fa il più bel commento quando dice: “L’attaccamento al denaro infatti è la radice di tutti i mali” (1 Timoteo 6,10). Perché le cose di questo mondo non sono nostre: noi dobbiamo soltanto usarle per far del bene. Se invece il possedere diventa lo scopo della nostra esistenza, provochiamo un vero sovvertimento: diamo alla vita uno scopo che non ha. Gesù ci ricorda: “Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima?” (Matteo 16,26).

45

46 Per riflettere insieme … Cosa sono per te i dieci comandamenti? Cosa sono per te i dieci comandamenti? Come li vivi nella vita quotidiana (al lavoro, a scuola, in famiglia, con gli amici)? Come li vivi nella vita quotidiana (al lavoro, a scuola, in famiglia, con gli amici)? Quali sono le difficoltà che sperimenti nel vivere la tua vita quotidiana orientata dai dieci comandamenti? Quali sono le difficoltà che sperimenti nel vivere la tua vita quotidiana orientata dai dieci comandamenti? Quale comandamento, secondo te, è più facile da osservare e perché? Quale comandamento, secondo te, è più facile da osservare e perché? Quale comandamento, secondo te, è più difficile da osservare e perché? Quale comandamento, secondo te, è più difficile da osservare e perché?

47 Presentazione realizzata da don Francesco Diodati dddd iiii oooo dddd aaaa tttt iiii ffff rrrr aaaa tttt iiii ssss cccc aaaa llll iiii.... iiii tttt ww wwww wwww.... llll aaaa pppp aaaa rrrr rrrr oooo cccc cccc hhhh iiii aaaa.... iiii ttttTesti dal Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica; Meditazione sui comandamenti da “Lo sguardo di Cristo” di Mons. Dionigi Tettamanzi; Immagini tratte dal Immagini e Messalino, ELLEDICI.


Scaricare ppt "I dieci comandamenti: La legge di Dio a servizio dell’uomo La legge di Dio a servizio dell’uomo."

Presentazioni simili


Annunci Google