La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare AS FA PAREI ! IL BILANCIO PARTECIPATIVO: ESPERIENZE E POSSIBILITA’ UNA PROSPETTIVA NUOVA PER CASTIGLIONE 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare AS FA PAREI ! IL BILANCIO PARTECIPATIVO: ESPERIENZE E POSSIBILITA’ UNA PROSPETTIVA NUOVA PER CASTIGLIONE 1."— Transcript della presentazione:

1 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare AS FA PAREI ! IL BILANCIO PARTECIPATIVO: ESPERIENZE E POSSIBILITA’ UNA PROSPETTIVA NUOVA PER CASTIGLIONE 1

2 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare FORME DI PARTECIPAZIONE DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA delega e verifica periodica – Sindaco, Giunta, Consiglio DEMOCRAZIA DIRETTA decisione di tutti – Referendum DEMOCRAZIA DELIBERATIVA coinvolgimento e discussione – Bilancio Sociale – Consulte – Dibattito Pubblico DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA Conferimento di responsabilita’ attiva – Bilancio partecipativo 2

3 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare I VOLTI DEL BILANCIO BILANCIO DI PREVISIONE RENDICONTO DELLA GESTIONE  I numeri BILANCIO CONSOLIDATO BILANCIO SOCIALE – Identita’ dell’amministrazione – Servizi erogati  comunicazione di cose fatte e impatti – Risorse economiche e finanziarie BILANCIO PARTECIPATIVO – Coinvolgimento – Ascolto  le persone sono parte attiva – Conferimento di responsabilita’ 3

4 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare LA STRUTTURA DEI NUMERI ENTRATE – I – tributarie – II – trasferimenti – III – extratributarie (da patrimonio e servizi) – IV – da alienazioni e da trasferimenti per investimento – V – da terzi (indebitamenti) – VI – da servizi erogati conto terzi USCITE – I – spese correnti – II – investimenti – III – rimborso prestiti – IV – spese per servizi erogati conto terzi 4

5 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare ESSERE PARTECIPATIVI, PERCHE’? MAGGIORE RESPONSABILIZZAZIONE DEL GOVERNO E DELLE PERSONE NECESSITA’ DI DECISIONI COMPLESSE NON SEMPRE SOLO “TECNICHE” EFFETTI NON SEMPRE PREVEDIBILI A PRIORI IL CONSENSO SULLE AZIONI VA TROVATO E MANTENUTO 5

6 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare CONDIZIONI BASE PER UN BILANCIO PARTECIPATIVO DISPONIBILITA’ FINANZIARIA – I FONDI SONO ALLOCATI CONCRETAMENTE AMBITO DI VALUTAZIONE DELLE PRIORITA’ – LA SCELTA COINVOLGE TUTTI I CITTADINI DEL TERRITORIO CICLICITA’ – NON “SOLO PER UNA VOLTA E POI … CHI S’E’ VISTO S’E‘ VISTO” PROCESSO DELIBERATIVO – SI DISCUTE E POI SI DECIDE RISCONTRO – SI CONTROLLA COME E’ ANDATA 6

7 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare LA DIFFUSIONE DELLE ESPERIENZE DI BILANCIO PARTECIPATIVO NEL MONDO Porto Alegre 1989-… (700 M$ impegnati in 10 anni, quota sino al 25% del bilancio complessivo) Brasile America Latina Quebec Nuova Zelanda (Christchurch) Europa (Germania, Spagna, Francia) Italia – Prime esperienze anni ‘90 – Seconda generazione anni 2000 – Terza generazione 2010-oggi 7

8 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare ESPERIENZE DI BILANCIO PARTECIPATIVO IN ITALIA 8 COMUNEabitantiAnno/i Capannori (LU) Grottammare (AP) Canegrate (MI) /2009 Calcinaia (PI) Acquapendente (VT) Modena

9 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare IL CASO CAPANNORI DIRE-FARE-PARTECIPARE: UNA ESPERIENZA DI BILANCIO SOCIO- PARTECIPATIVO DAL 2011 AD OGGI 9

10 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare 1 SORTEGGIARE Estrazione di un campione rappresentativo di 80 cittadini 2 CONOSCERE DISCUTERE VALUTARE Analisi delle politiche del Comune 3 PROGETTARE Laboratori territoriali per l’emersione dei bisogni della comunita’ 4 DEFINIRE I PROGETTI Traduzione in progetti dei bisogni emersi 5 DECIDERE Scelta progetti da finanziare tramite votazione dei cittadini 6 REALIZZARE Inserimento dei progetti votati nel piano delle opere BILANCIO SOCIALE Le fasi 10 APRILE- LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE- OTTOBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO -…

11 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare L’analisi preliminare Sono coinvolti 80 cittadini estratti a sorte (coinvolgimento equo, anche di chi non sia gia’ attivo in gruppi o associazioni) I criteri e la selezione sono controllati da un Comitato di Garanzia Si prende in esame il Bilancio Sociale del Comune Si formulano indicazioni per il Piano dell’anno successivo 11

12 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare Emersione bisogni - Il World Cafe Incontri di 2 ore Ambiente colloquiale (tavoli,ristoro) Sessioni di 20’ tra gruppi di 4-5 persone Relazioni tecniche dei funzionari del Comune sui temi dell’incontro Giri di tavolo con spostamenti (per condividere idee e impressioni) Raccolta proposte Riesame tutti insieme Incontro finale con Sindaco in “Question time” 12

13 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare Le valutazioni e le priorita’ 4 gruppi ristretti (uno per Circoscrizione) 13 1 INCONTRO Emersione delle idee progettuali 2 Valutazione di fattibilita’ (uffici comunali) VINCOLO SPESA: MAX EURO ( PER CIRCOSCRIZIONE) 3 Incontri di elaborazione dei progetti 4 Finalizzazione di 21 progetti

14 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare La decisione: Election Week METODO Partecipazione allargata: – 16enni – Stranieri residenti Votazioni estese su una settimana – dicembre 2011 Spese ridotte (1 seggio permanente, 1 itinerante per le frazioni) Ammesso il voto elettronico ( , SMS) RISULTATI Cinque progetti vincitori Tema dominante: la scuola 14

15 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare AS FA PAREI ! Pubblicizzando il bilancio in tutte le fasi di elaborazione, anche online Assegnando una somma definita e non simbolica a progetti elaborati dai cittadini Rendendo conto dell’avanzamento dei progetti in modo trasparente e verificato Esponendo trasparentemente tutte le decisioni e i documenti dell’amministrazione Interagendo con i cittadini sempre, e non solo in campagna elettorale 15

16 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare IL «WORLD CAFE CASTIGLIONE» 4 TAVOLI – scuola e giovani – sport e ambiente – viabilità e urbanistica – commercio e attività economiche C’E’ DI CHE DISCUTERE… – Problemi – Desideri – Che cosa si può fare 16

17 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare UN RITORNO … ALLE FONDAMENTA L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art.1 Cost. We here highly resolve that […] government of the people, by the people, for the people, shall not perish from the earth. Abraham Lincoln, Gettysburg

18 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare BIBLIOGRAFIA MINIMA Luigi Bobbio - A più voci (processi decisionali inclusivi), Edizioni Scientifiche Italiane, 2004 Yves Sintomer, Giovanni Allegretti - I bilanci partecipativi in Europa, Ediesse 2009 Umberto Allegretti (a cura di) – Democrazia Partecipativa, Firenze University Press, 2010 AA VV. - Le cose che abbiamo in Comune – l’esperienza del Comune di Capannori, Altra Economia,

19 NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare LO STATUTO DI CASTIGLIONE E IL REFERENDUM PROPOSITIVO ARTICOLO 74 REFERENDUM 1. Un numero di elettori residenti non inferiore al 15% degli iscritti nelle liste elettorali può chiedere che vengano indetti referendum in tutte le materie di competenza comunale. 2. Non possono essere indetti referendum in materia di tributi locali e di tariffe, di attività amministrative vincolate da leggi statali e regionali e quando sullo stesso argomento è già stato indetto un referendum nell’ultimo quinquennio. Sono inoltre escluse dalla potestà referendaria le seguenti materie: a) statuto comunale; b) regolamento del consiglio comunale; c) piano regolatore generale e strumenti urbanistici attuativi; 3. il quesito da sottoporre agli elettori deve essere di immediata comprensione e tale da non ingenerare equivoci. 4. Sono ammesse richieste di referendum anche in ordine all’oggetto di atti amministrativi già approvati dagli organi competenti del comune, a eccezione di quelli relativi alle materie di cui al precedente comma Il consiglio comunale approva un regolamento nel quale vengono stabilite le procedure di ammissibilità, le modalità di raccolta delle firme, lo svolgimento delle consultazioni, la loro validità e la proclamazione del risultato. 6. Il consiglio comunale deve prendere atto del risultato della consultazione referendaria entro 60 giorni dalla proclamazione dei risultati e provvedere con atto formale in merito all’oggetto della stessa. 7. Non si procede agli adempimenti del comma precedente se non ha partecipato alle consultazioni almeno la metà più uno degli aventi diritto. 8. Il mancato recepimento delle indicazioni approvate dai cittadini nella consultazione referendaria deve essere adeguatamente motivato e deliberato dalla maggioranza assoluta dei consiglieri comunali. 9. Nel caso in cui la proposta, sottoposta a referendum, sia approvata dalla maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto, il consiglio comunale e la giunta non possono assumere decisioni contrastanti con essa. 19


Scaricare ppt "NOI CASTIGLIONE Partecipare per Cambiare AS FA PAREI ! IL BILANCIO PARTECIPATIVO: ESPERIENZE E POSSIBILITA’ UNA PROSPETTIVA NUOVA PER CASTIGLIONE 1."

Presentazioni simili


Annunci Google