La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 3 di 3 Aiuto Controllo ortografico Opzioni di Word Stampa unione Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 3 di 3 Aiuto Controllo ortografico Opzioni di Word Stampa unione Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 3 di 3 Aiuto Controllo ortografico Opzioni di Word Stampa unione Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

2  Per richiamare la Guida in linea di Word, possiamo utilizzare il pulsante azzurro a punto interrogativo in alto a destra. Si apre così la finestra Guida di Word, che, se possibile, prenderà i contenuti da Internet. Le opzioni presenti nel riquadro Ricerca consentono di approfondire vari argomenti riguardanti l’utilizzo del programma.

3  Per correggere un documento dobbiamo andare nella scheda Revisione, gruppo Strumenti di correzione. Come effettuare la correzione di un documento?  Per prima cosa portiamo il cursore del testo all’inizio del documento in modo da far partire di qui il controllo ortografico.

4  Quindi clicchiamo sul pulsante Controllo ortografia e grammatica, aprendo la finestra Ortografia e grammatica. In questo caso l’errore è la ripetizione di “una”. Per eliminarla basta cliccare sul pulsante Elimina.

5  Il controllo si sposterà sul successivo errore: la parola “inserimento” non è scritta correttamente  Selezioniamo in Suggerimenti la parola giusta e clicchiamo su Cambia.

6  Vediamo ora a cosa servono gli altri tasti  Cambia tutto Cambia tutte le occorrenze del solito errore in tutto il documento con l’opzione scelta la prima volta;  Ignora questa volta Ignora la parola per quella occorrenza;  Ignora tutto Ignora la parola nell’intero documento;  Aggiungi al dizionario Aggiunge la parola selezionata nel dizionario interno di Word;  Al termine del controllo Word presenterà una finestra con l’indicazione Controllo ortografico terminato.

7  Prima di iniziare a lavorare con Word è opportuno impostare alcune opzioni di base del programma. Per farlo dobbiamo cliccare sul Pulsante di Office, dopodiché in basso a destra selezionare Opzioni di Word.

8  Inizialmente si aprirà la scheda Impostazioni generali, dove possiamo specificare il Nome utente e le Iniziali.

9 Nella scheda Salvataggio possiamo invece impostare il Percorso predefinito, ovvero la cartella che verrà aperta ogni volta che salveremo un nuovo file. In questo caso si tratta della cartella Documenti del nostro account. Nella scheda Salvataggio possiamo invece impostare il Percorso predefinito, ovvero la cartella che verrà aperta ogni volta che salveremo un nuovo file. In questo caso si tratta della cartella Documenti del nostro account. Per applicare le modifiche apportate alle impostazioni, facciamo click sul pulsante OK in basso a destra.

10  La Stampa Unione è il meccanismo che consente, a partire da un documento principale e da una serie di dati strutturati (ad esempio una rubrica), di generare più documenti finali contenenti i dati strutturati, inseriti in automatico senza doverli scrivere per ciascun documento  Un’applicazione pratica immediata può essere la necessità di mandare una stessa lettera a più persone: a partire da una rubrica contente gli indirizzi dei destinatari, si possono generare le lettere e le relative intestazioni, senza dover creare manualmente un documento per ciascun destinatario

11  Si può quindi dire che è una procedura utile se si hanno documenti con una parte fissa ed una variabile.  Per attivare la procedura di Stampa unione dobbiamo andare nella scheda Lettere. Qui facciamo click su Inizia stampa unione del gruppo omonimo e selezioniamo il comando Creazione guidata Stampa unione.

12  La procedura viene attivata nel riquadro Stampa unione a destra della finestra di Word.

13  Il primo passo è scegliere il tipo di documento sul quale si sta lavorando  Le scelte possibili sono:  Lettere Permette di creare lettere da personalizzare e inviare a più persone  Buste Consente di stampare l’indirizzo di destinazione su una serie di buste  Etichette Serve a stampare le etichette dei destinataria da applicare alle buste  Elenco Crea una lista degli indirizzi  Messaggi di posta elettronica Consente di creare messaggi personalizzati per ogni destinatario di posta elettronica  Ogni scelta viene chiarita subito sotto all’elenco  In basso ci sono i pulsanti per scorrere tra i passaggi, andando avanti e indietro.

14  Il secondo passo è la scelta del Documento di partenza  Si può scegliere tra  Usare il documento corrente  Iniziare da un modello  Iniziare da un documento esistente  Nel caso di Buste e Etichette è possibile cambiare layout al documento e specificare formato carta e tipo stampante

15  Il terzo passo è la Selezione dei Destinatari  Viene data la possibilità di  Usare un elenco esistente Sfoglia per cercare un file compatibile, ad esempio.doc di Word,.xls di Excel,.mdb di Access o file html  Selezionare contatti da Outlook Sfoglia per cercare una cartella di contatti  Creare un nuovo elenco Si apre la maschera per la creazione delle schede di ciascun destinatario

16  La maschera per la creazione dell’elenco è così composta: Campi scheda Valori dei campi Inserimento nuova voce Eliminazione voce Ricerca voce Personalizzazione

17  I Campi della scheda sono come le voci di una rubrica, servono per caratterizzare la scheda, e ciò si ottiene col Valore dei campi  Nuova voce permette di terminare l’inserimento della scheda corrente e inserirne una nuova vuota  Elimina voce al contrario, elimina la scheda correntemente visualizzata.  Trova voce permette di effettuare ricerche per valore su tutti i campi o su campi specifici  Il pulsante Personalizzazione permette di personalizzare la lista dei campi, cancellare i presenti, inserirne di nuovi e variarne l’ordine  Selezionando OK, Word chiede di salvare l’elenco come file di database di Access.mdb per poi tornare al Documento

18  Una volta salvato il file, viene visualizzata la lista completa delle schede, permettendo di selezionare le voci da usare poi nella Stampa Unione finale.  Verrà predisposta una lettera a tutti i destinatari contrassegnati da un segno di spunta.  E’ possibile modificare e selezionare le voci anche a posteriori

19  Il quarto passo è la Composizione del documento, dove documento varia con la scelta iniziale  In questa fase si inseriscono i Campi Unione  I Campi Unione sono simili alle voci di Glossario viste nella Barra di Intestazione e Piè pagina  Sono da considerarsi oggetti unici e non stringhe di caratteri. L’etichetta inserita viene sostituita dal rispettivo valore in fase di Stampa Unione

20  Blocco di indirizzi  Apre una maschera che permette di inserire l’indirizzo a mo’ di etichetta. E’ personalizzabile  Formula di apertura  Permette di inserire formule di apertura per il documento, inserendovi sempre i campi delle schede  Affrancatura elettronica  Richiede un componente aggiuntivo, permette di inserire affrancature elettroniche se abbonati a servizi di tale sorta  Altro  Permette di inserire i singoli Campi unione della scheda

21  Per inserire un campo all’interno di una lettera dobbiamo mettere il puntatore nel punto in cui vogliamo inserire il campo; dopodiché dobbiamo cliccare sul tasto Inserisci campo unione, nel gruppo Inserisci Campi della scheda Lettere, scegliendo il campo tra quelli disponibili.

22  Il quinto passo permette di vedere l’anteprima effettiva del documento, andando a sostituire ai Campi unione nella forma > i valori effettivi che essi assumono nelle varie schede  E’ possibile scorrere tra destinatari, modificare le schede e eventualmente escludere un destinatario dal documento finale

23  Il sesto e ultimo passo è il completamento della Stampa unione  Si può decidere se Unire alla Stampante (Stampa), e quindi stampare tutti o una parte dei record (non disponibile su Elenco)  Oppure se Unire in nuovo documento (Modifica singole lettere) e generare quindi un documento unico contenente varie copie del documento, una per ogni scheda selezionata e con i relativi campi sostituiti

24  Un Easter Egg è una sorpresina che un programmatore lascia nascosta nel software.  Word nelle sue varie versioni è stato riempito di Easter Eggs.  In un documento nuovo, scrivere "= rand()" e premere invio. Il risultato è quello un testo di tre paragrafi che spiega alcune delle funzionalità di Word. Applicando una formattazione al comando =rand(), la si manterrà anche nel risultato ottenuto. Scrivendo quindi il comando in neretto, si avrà il testo in neretto e così via...

25 Slide a cura di Giacomo Migliorini


Scaricare ppt "Lezione 3 di 3 Aiuto Controllo ortografico Opzioni di Word Stampa unione Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3."

Presentazioni simili


Annunci Google