La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Approfondimenti sulla percezione. 2 Origini della percezione Per molto tempo si è ritenuto che il neonato fosse un organismo dotato solo di riflessi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Approfondimenti sulla percezione. 2 Origini della percezione Per molto tempo si è ritenuto che il neonato fosse un organismo dotato solo di riflessi,"— Transcript della presentazione:

1 Approfondimenti sulla percezione

2 2 Origini della percezione Per molto tempo si è ritenuto che il neonato fosse un organismo dotato solo di riflessi, incompetente, immaturo a livello motorio e capace di vedere e sentire ben poco. Per molto tempo si è ritenuto che il neonato fosse un organismo dotato solo di riflessi, incompetente, immaturo a livello motorio e capace di vedere e sentire ben poco. William James, filosofo e psicologo del XIX secolo, definì il mondo dei neonati: William James, filosofo e psicologo del XIX secolo, definì il mondo dei neonati: “una confusione di suoni e di luci..”

3 3 La percezione intermodale Piaget riteneva che per mettere progressivamente insieme le conoscenze relative alle proprietà degli oggetti fosse necessario toccarli, afferrarli ed osservarli per un periodo di tempo prolungato “tatto che guida la visione”

4 4 Sviluppo percettivo nella prima infanzia Teoria della percezione di Piaget (1937): Teoria della percezione di Piaget (1937): Il mondo visivo del bambino è bidimensionale e privo di profonditàIl mondo visivo del bambino è bidimensionale e privo di profondità Percezione della forma e della dimensione si sviluppa lentamente durante i primi 6 mesi di vitaPercezione della forma e della dimensione si sviluppa lentamente durante i primi 6 mesi di vita I diversi organi sensoriali si coordinano grazie alle azioni del bambino sulla realtàI diversi organi sensoriali si coordinano grazie alle azioni del bambino sulla realtà

5 5 Sviluppo percettivo nella prima infanzia Periodo neonatale La visione: La visione: Buona discriminazione del dettaglio visivo (percezione di oggetti sociali come il volto)Buona discriminazione del dettaglio visivo (percezione di oggetti sociali come il volto) Scarsa funzionalità della messa a fuoco (percezione della distanza focale a 21 cm circa; funzionalità recuperata pienamente a 3 mesi)Scarsa funzionalità della messa a fuoco (percezione della distanza focale a 21 cm circa; funzionalità recuperata pienamente a 3 mesi) Percezione dei colori come per gli adulti (prima dei 4 mesi di vita)Percezione dei colori come per gli adulti (prima dei 4 mesi di vita) Visione stereoscopica: inizia a svilupparsi dopo le 13 settimane (periodo sensibile entro i 2 anni – il caso dello strabismo)Visione stereoscopica: inizia a svilupparsi dopo le 13 settimane (periodo sensibile entro i 2 anni – il caso dello strabismo)

6 6 Sviluppo percettivo nella prima infanzia R.L. Fantz e J. Kagan: R.L. Fantz e J. Kagan: Costruzione della camera di osservazioneCostruzione della camera di osservazione Studio della percezione dei neonati delle diverse forme, grandezze, distanze, etc. e la preferenza per oggetti con specifiche caratteristicheStudio della percezione dei neonati delle diverse forme, grandezze, distanze, etc. e la preferenza per oggetti con specifiche caratteristiche I neonati nei primi mesi di vita mostrano una discriminazione delle formeI neonati nei primi mesi di vita mostrano una discriminazione delle forme

7 7 3

8 8

9 9 Sviluppo percettivo nella prima infanzia T.G. Bower: T.G. Bower: Osservò che i neonati, a pochi mesi di vita, percepiscono la costanza di grandezza e il movimento degli oggettiOsservò che i neonati, a pochi mesi di vita, percepiscono la costanza di grandezza e il movimento degli oggetti

10 10 Sviluppo percettivo nella prima infanzia

11 11

12 12 Gibson e Walk (1961): Gibson e Walk (1961): Utilizzando la tecnica del “precipizio visivo” rilevarono che già a 5-6 mesi i bambini percepiscono la profonditàUtilizzando la tecnica del “precipizio visivo” rilevarono che già a 5-6 mesi i bambini percepiscono la profondità

13 13

14 14 Sviluppo percettivo nella prima infanzia Periodo neonatale L’udito: L’udito: Buona funzionalità già nel periodo prenataleBuona funzionalità già nel periodo prenatale I neonati sanno distinguere la voce della madre da quella di un’altra donnaI neonati sanno distinguere la voce della madre da quella di un’altra donna Preferenza per filastrocche udite nel periodo prenatalePreferenza per filastrocche udite nel periodo prenatale Preferenza per le voci dello spettro femminilePreferenza per le voci dello spettro femminile Distinzione tra tonalità arrabbiata e tonalità dolceDistinzione tra tonalità arrabbiata e tonalità dolce

15 15 Sviluppo percettivo nella prima infanzia De Casper e Fifer: De Casper e Fifer: I bambini, già dal primo giorno di vita, discriminano la voce materna rispetto a quella di un estraneoI bambini, già dal primo giorno di vita, discriminano la voce materna rispetto a quella di un estraneo Nei primi mesi di vita discriminano la localizzazione della fonte sonoraNei primi mesi di vita discriminano la localizzazione della fonte sonora Discriminano suoni come “pa” da “ba”Discriminano suoni come “pa” da “ba”

16 16 Sviluppo percettivo nella prima infanzia Periodo neonatale Olfatto e gusto: L.P. Lipsitt: L.P. Lipsitt: A pochi giorni di vita i neonati discriminano i gusti: dolce, amaro e acidoA pochi giorni di vita i neonati discriminano i gusti: dolce, amaro e acido MacFarlane: MacFarlane: Già dalla prima settimana i neonati discriminano l’odore del latte materno da quello estraneoGià dalla prima settimana i neonati discriminano l’odore del latte materno da quello estraneo

17 17 UN UOMO CIECO CAPACE DI DISTINGUERE AL TATTO UNA SFERA DA UN CUBO, QUALORA RIACQUISTASSE LA VISTA, SAREBBE IN GRADO DI RICONOSCERE LA DIFFERENZA TRA QUESTE DUE FORME? La percezione intermodale

18 18 Visione-tatto: Visione-tatto: Studio di Meltzoff e Borton (1979): succhiotto di gommaStudio di Meltzoff e Borton (1979): succhiotto di gomma Visione-udito: Visione-udito: Studio di Wertheimer (1961): schiocco delle ditaStudio di Wertheimer (1961): schiocco delle dita

19 19

20 20 Percezione & Rappresentazione La permanenza dell'oggetto: – Evento possibile e impossibile – Significati – Misurazione

21 21

22 Lo studio di R. Baillargeron:

23 23 Percezione e Rappresentazione Alla luce delle rilevazioni che provengono dagli studi di R. Baillargeon: Quali sono le conseguenze sulla vita psicologica di un bambino di 4-6 mesi?

24 24 Percezione e Rappresentazione Quale compito potresti ideare per misurare la percezione e la rappresentazione? A tuo parere a che età il bambino fa coincidere i due processi?

25 25 Tecniche di studio della percezione Tecnica dell’Abituazione/disabituazione Metodi di raccolta delle risposte dei neonati: Preferenza Suzione non nutritiva Suzione non nutritiva Battito cardiaco Battito cardiaco Respirazione Respirazione Vocalizzazioni Vocalizzazioni Sorrisi Sorrisi Sorpresa Sorpresa …. ….


Scaricare ppt "Approfondimenti sulla percezione. 2 Origini della percezione Per molto tempo si è ritenuto che il neonato fosse un organismo dotato solo di riflessi,"

Presentazioni simili


Annunci Google