La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gita in Francia e Germania by Martino e Pablo classe II Programma Il viaggio Itinerari Il nostro albergo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gita in Francia e Germania by Martino e Pablo classe II Programma Il viaggio Itinerari Il nostro albergo."— Transcript della presentazione:

1 Gita in Francia e Germania by Martino e Pablo classe II Programma Il viaggio Itinerari Il nostro albergo

2 Si chiama : hotel Ecwaldblick Fa parte della catena dei: Bären hotels È situato a Oberharmersbach, Germania tell. :

3 Programma 26 marzo: Alle ore 5:45 partenza da varese ligure a seguire Sesta Godano; Pranzo al sacco lungo il percorso, fornito dalle famiglie; Nel pomeriggio visita della città di Mulhouse, in serata trasferimento in hotel a Oberhammersbach

4 Programma 27 marzo : Prima colazione in hotel; Intera giornata visita di Strasburgo; Pranzo libero; Cena e pernottamento.

5 Programma 28 marzo Prima colazione in hotel; Visita di Friburgo; Pranzo libero; Nel pomeriggio visita al castello medievale di Gengenbach; Cena e pernottamento

6 Programma 29 marzo Prima colazione in hotel; Visita alla città di Colmar; Pranzo libero; Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro.

7 Il nostro viaggio

8 Le nostre mete

9 Itinerari Mulhouse Strasburgo Friburgo Gengenbach Colmar

10 Mulhouse

11 Territorio Mulhouse (pronuncia Muluz, in tedesco Mülhausen, abitanti) è una città della Francia situata nel dipartimento dell'Alto Reno nella regione dell'Alsazia, sul fiume Ill e sul Canale dal Rodano al Reno. Si estende su una superficie di circa chilometri quadrati a 240 metri di altitudine ed ha una densità di abitanti per chilometro quadrato. Dal punto di vista amministrativo Mulhouse appartiene all'arrondissement di Mulhouse. Il territorio di Mulhouse è suddiviso nei cantoni di Mulhouse-Est, Mulhouse - Nord, Mulhouse - ovest, Mulhouse - Sud.

12 Storia Nella piana compresa tra il fiume Ill, che l'attraversa, ed i vicini Volgi si svolse una famosa battaglia nel 58 a.C. tra il condottiero romano, Gaio Giulio Cesare ed il germano Ariovisto, durante la conquista della Gallia. Il nome di Mulhouse compare per la prima volta nell'803 nella forma Mulinhuson ("case dei mulini"). La città si sviluppò a partire da due nuclei, uno appartenente ai vescovi di Strasburgo, l'altro agli Hohenstaufen. Nel 1223 i cittadini distrussero il castello del vescovo. Sotto l'imperatore Rodolfo I d'Asburgo Mulhouse divenne libera città imperiale (freie Reichsstadt), anche nota come 'Repubblica di Mulhouse'. Nel 1515 la città, minacciata dagli Asburgo, si associò alla Confederazione Svizzera. In seguito all'introduzione della Riforma nel 1523 Mulhouse si scontrò coi cantoni cattolici. Nel 1586 si proclamò repubblica neutrale. Nel 1798 con un plebiscito votò a favore dell'unione con la Francia. Dopo la Guerra Franco-Prussiana (1871) fu incorporata dal neonato Reich Tedesco insieme a tutta l'Alsazia.

13 Cosa vedere Il Tempio di Santo Stefano (Temple Saint-Étienne). Il Tempio di Santo Stefano (Temple Saint-Étienne). La "Città dell'automobile – Museo nazionale" (Cité de l'Automobile). La "Città dell'automobile – Museo nazionale" (Cité de l'Automobile). La "Città del Treno"(La cité du Train). La "Città del Treno"(La cité du Train).

14 Tempio di santo Stefano

15 La città dell’automobile Mulhouse ha saputo attingere a tutto il sua talento e alla sua intelligenza, per trasformare il suo passato industriale in una meravigliosa fonte di sapere e di curiosità: resterete stupiti quando scoprirete il calibro di questi musei tutti intimamente legati alle celebri industrie che hanno determinato la ricchezza della città. Del resto, lo sapevate? I suoi musei tecnici sono famosi anche oltre confine e quello dell'Automobile è uno dei più entusiasmanti al mondo, con la sua impressionante collezione di veicoli messi in mostra per essere scoperti da grandi e piccini.

16 La città del treno "Si trova a Mulhouse il più grande ed entusiasmante museo europeo dedicato ai treni. Rivivete questa formidabile epopea dalle prime locomotive nel 1844 al TGV, che ha superato diversi record di velocità. Ma i capolavori da vedere non sono finiti: ci sono anche il Buddicom del 1844, la più antica locomotiva visibile in Europa, il vagone-salotto dell'imperatrice Eugenia, decorato da Viollet-Le-duc, la Pacific Chapelon , il vagone presidenziale decorato con pannelli realizzati da Lalique e su cui hanno viaggiato i capi si stato francesi dal 1925 al 1971, ma anche l'automotrice Bugatti Présidentiel, detentrice del record mondiale di velocità nel 1937, con 196 km/h. Si tratta di una visita istruttiva: alcune animazioni spiegano l'invenzione della ferrovia e l'impatto che quest'ultima ha avuto sulla società, inoltre si organizza anche la merenda per i bambini i mercoledì pomeriggio di febbraio.

17 Strasburgo

18 Territorio Strasburgo, in Francia, è la capitale della regione dell’Alsazia e si presenta situata in un territorio di immediato confine con la Germania. Nella storia, la città si fa conoscere come un grande centro di scambi commerciali, sin dal tardo medioevo. Ancora oggi la città si presenta con il porto fluviale maggiore europeo Settima città della Francia per grandezza, settima anche per numero di abitanti (circa ) una parte dell'isola comprende l'antico quartiere di case a graticcio di Petite France, un tempo ritrovo di pescatori e sede di laboratori artigianali. Strasburgo svolge il ruolo di capitale politica d'Europa, in quanto sede permanente del Parlamento europeo

19 Storia Il suo nome è tedesco perché, in passato, il territorio dell'Alsazia era passato sotto il dominio sia della Francia che della Germania. L'Alsazia fu presa alla Francia dalla Germania (che allora era comandata da Bismarck) durante la battaglia di Sedan del 1870, e da allora fra i francesi nacque il sentimento del revanscismo. Strasburgo è una bellissima città, da sempre crocevia dell'Europa continentale (il suo nome in tedesco significa incrocio di strade), a metà strada tra Parigi e Praga. Città aperta e cosmopolita, dove cattolici e protestanti vivono in armonia e pregano nella stessa cattedrale, il suo cosmopolitismo e la sua centralità sono stati alcuni dei motivi per cui si decise di farne, dal 1949, una delle capitali dell'Europa Unita, diventando la sede del Parlamento Europeo e della Commissione Europea per i diritti umani.

20 Cosa vedere "Petite France“;Petite France Cattedrale di Notre Dame; Cattedrale di Notre Dame Parlamento Europeo

21 Petite france Nel cuore della città, con le sue suggestive casette in legno dai tetti spioventi risalenti al XVI e XVII secolo, è il quartiere più caratteristico e pittoresco di Strasburgo. Attraversato da canali, questo quartiere è famosa per i Ponts Couverts (“ponti coperti”), dominati da quattro torri del XIV secolo, che nonostante abbiano perso le loro coperture nel XVIII secolo, hanno mantenuto intatto il loro fascino.Nel 1690 nel quartiere venne costruita il "Barrage Vauban" (ossia una diga) soprannomina Grande Ecluse (“grande chiusa”).

22 Notre dame Capolavoro del Rinascimento, con le famose vetrate del tredicesimo secolo è una delle chiese più note non solo di tutta la Francia, ma anche di tutto il mondo, si caratterizza per i suoi 142 metri d'altezza, l'interno a tre navate, completato da un transetto e da meravigliose vetrate del XII-XIV secolo, ospita il famoso orologio astronomico di Strasburgo, che ogni giorno alle (l'orologio è in ritardo è segna le 12) mette in moto un meccanismo con Cristo Benedicente, la processione degli Apostoli e un gallo che canta 3 volte

23 Il parlamento Europeo Le visite guidate dell'Emiciclo, normalmente possibili per le scuole, attualmente sono annullate fino a nuova comunicazione a causa di controlli tecnici.

24 Friburgo

25 Territorio Friburgo (Freiburg in Breisgau, ab.) in Germania, è la principale città della Foresta Nera. La città è attraversata dal fiume Dreisam, che nasce nella Foresta Nera e confluisce nel fiume Elz, che a sua volta confluisce nel Reno. A ovest della città, si eleva l'unica collina nell'interno della valle del Reno, il Kaiserstuhl che è una formazione geologica a sé stante, essendo di origine vulcanica. La zona di Friburgo e del Kaiserstuhl è la più calda e la più soleggiata della Germania.

26 Storia Città fondata nel medioevo La posizione geografica molto favorevole e la presenza di numerose miniere di argento nella Foresta Nera garantirono alla città un certo benessere e una rapida crescita. Nel 1200 cominciò la costruzione della chiesa parrocchiale in stile gotico, il Münster di Friburgo. Nel 1457venne costruita dall'arciduca Albrecht VI l'università. Si oppose alla Riforma protestante e divenne quindi un'importante roccaforte cattolica nella regione dell'Alto Reno. Subì gravi danneggiamenti durante la Seconda Guerrra Mondiale; successivamente fu ricostruita rispettando la planimetria originale anche se furono ricostruiti in modo fedele solo gli edifici pubblici o di particolare valore storico. Il santo patrono di Friburgo è San Giorgio.

27 Cosa vedere il Munster il Kaufhaus il Vecchio Municipio la Martinstor la Shwabentor i Bächle

28 Munster Il monumento che per maestosità e bellezza attira maggiormente il visitatore, la Cattedrale gotica con l'imponente campanile terminato intorno al 1330 e alto 116 metri.

29 Kaufas Nella piazza antistante si svolge dal lunedì al sabato il mercato dei contadini e degli artigiani e si trova un'altra attrazione della città, la Kaufhaus. Realizzato tra il 1520 e il 1532, questo edificio era destinato ai commercianti che lo usavano come deposito per il sale e il vino. La facciata rossa, rimaneggiata nell'Ottocento e all'inizio del Novecento, è stata arricchita dallo scultore Hans Sixt von Staufen da un insieme di stemmi e personaggi per omaggiare la Casata degli Asburgo. Dal 1947 al 1951 la Kaufhaus ha ospitato il Parlamento regionale del Baden (il Baden- Württemberg nascerà nel 1952 con Stoccarda capoluogo).

30 Il vecchio municipio Un altro edificio importante è il vecchio Municipio, realizzato tra il 1557 e il 1559 e attuale sede dell'Ufficio del Turismo.

31 La Martinstor la Martinstor, o porta di San Martino, è risalente al XIII secolo, periodo in cui Friburgo si dotò delle sue prime mura di cinta.

32 la Shwabentor la Shwabentor Dell'antica cinta muraria e delle relative porte di accesso, sono sopravvissute ai giorni nostri la Schwabentor, la porta superiore o degli Svevi

33 Bächle Passeggiando nelle vie del centro storico si notano i Bächle, degli stretti canali dove scorre l'acqua. Erano stati concepiti originariamente per l’approvvigionamento idrico e per mantenere pulita la città. Oggi servono a creare una piacevole atmosfera e sono amati da grandi e piccoli. Una leggenda popolare recita che chi mette inavvertitamente un piede in uno dei Bächle è destinato a tornare a Friburgo.

34 Gengenbach

35 Territorio Gengenbach è una pittoresca cittadina tedesca ( abitanti), della regione del Baden, nel cuore della Foresta Nera, completamente immersa nella natura, circondata da boschi e vigneti. Il centro della città vanta antiche case a graticcio, piccole strade lastricate e una serenità introvabile altrove, così come l’aria pura e per nulla inquinata che vi si respira. Grazie alla sua posizione climatica molto favorevole è, già da parecchi secoli, zona di viticoltura e di coltivazione di alberi da frutta, tanto da dare al paesaggio un aspetto quasi mediterraneo. La maggior parte della sua superficie, tuttavia, è composta da foresta che comprende diversi tipi di alberi e in altitudine è composta esclusivamente da conifere. La città è attraversata dal fiume Kinzig, il quale si ramifica in piccoli ruscelli che si estendono lungo tutto il territorio comunale raggiungendo anche le frazioni di Reichenbach, Schwaibach e Bermersbach.

36 Cultura a Gengenbach Gengenbach gode da decenni di un’ottima reputazione per quanto riguarda le rappresentazioni culturali. eatri, concerti, rappresentazioni teatrali, musica, letture. Inoltre,musei e gallerie d’arte. Uno straordinario avvenimento annuale è rappresentato dal calendari dell'avvento– il più grande al mondo nel suo genere – con dipinti di artisti famosi quali Otmar Alt o Marc Chagall.

37 Centro storico Gengenbach è stata definita la “perla” tra le città con le case con travatura a traliccio, le cosidette"Fachwerkhäuser". I turisti vanno in estasi visitando questa romantica ed unica città medioevale chiamata anche la “Nizza del Baden”. Già nel vederla da lontano le torri e le porte della città ci invitano a scoprirla, venendo rapiti dalla bellezza di vicoli ed angoli pittoreschi. In centro, sulla piazza del mercato, veniamo accolti del “cavaliere di pietra” che - con il suo portamento altero - è orgoglioso di mostrarci le bellezze della sua cittadina, tra le quali l’imponente palazzo del municipio risalente al XVIII secolo, che rende immediatamente l’idea dello stile della città.

38 Cosa vedere Le mura della città L’abazia La porta di Kingig

39 Le mura della città Le mura hanno spesso subito modifiche per far fronte alle varie necessità, passando dal semplice muro di cinta ad un doppio muro con canile, corsi d'acqua e bastioni. Le prime mura furono costruite nella metà del XII secolo. Cento anni dopo fu aggiunto un secondo sbarramento. Nel 1991, su richiesta della popolazione, il Comune fece ricostruire un tratto delle mura esattamente identico all'originale. Vi consigliamo di dare un'occhiata a questa ricostruzione che merita senza dubbio la vostra attenzione attraverso la quale potrete facilmente immaginare come fossero le mura nella loro forma originale.

40 L’abazia Ci troviamo di fronte ad una grandiosa costruzione dei Benedettini, una fondazione di S. Pirmin che risale intorno al 725 a.c. Sfortunatamente rimane ben poco della medievale costruzione. La costruzione barocca, direttamente a ridosso della basilica, fu realizzata dal maestro Franz Beer. Nella metà del XVIII secolo l'Abate Benedikt Rischer, amante dell'arte, fece costruire un portale a metà dell'ala est; da questo portale si arriva direttamente alla scalinata in puro stile Rococò. L'Abate realizzò in questo convento una scuola che divenne famosa in tutto il sud-ovest della Germania e proprio quí il professore di matematica Pater Coelestin Quintens inventò la scala dei decimali. A lui fu dedicata una meridiana ancor'oggi visibile presso il mulino del Convento. L'edificio ospita oggi la scuola superiore tecnico-professionale di Offenburg. Un'ulteriore restauro é stato effettuato tra il 1982 ed il Degno di una visita é il giardino in stile barocco che si trova all'interno del cortile.

41 La porta di Kingig Chi segue, dal lato del fiume, le mura della città si accorgerà che portano alla Porta del Kinzig. Questa è la più grossa ed imponente torre ed ebbe un ruolo determinante nella difesa della città. Le mura di sbarramento portano da entrambi i lati a questa torre dove, all'interna di essa, un guardia sorvegliava giorno e notte l'esterno della città. Il compito del guardiano era quello di sorvegliare e controllare, come una sorta di dogana, le zattere che navigavano sul Kinzig controllando la merce che portavano e dare eventualmente loro il lasciapassare per proseguire il viaggio. Tutto ciò era possibile in quanto Gengenbach, in qualità di Citta libera dell'Impero, aveva il controllo sul commercio territoriale. Altri importanti compiti del guardiano erano quelli di darel'allarme in caso di incendio e, per mezzo di una campana, scoccare le ore del giorno. Gli incendi venivano annunciati con un potente suono di corno, il quale è ancora oggi in possesso della città. Nel 1991 vennero eseguiti lavori di restauro ed in quell'occasione venne di nuovo repristinata l'inferriata e l'interno della torre venne adibito a museo.

42 Colmar

43 Colmar è un comune francese di abitanti capoluogo del dipartimento dell'Alto Reno nella regione dell'Alsazia. Colmar si trova ai piedi del massiccio dei Vosgi. Colmar, benché situata in una zona di clima semi-continentale, è la città più secca di Francia. La media delle precipitazioni è di 53 cm (530 mm) all'anno, anche se va notato che spesso viene registrata una piovosità superiore. Questo fenomeno si deve al fatto che Colmar è situata ai piedi della parte più alta dei Vosgi: le nuvole, bloccate dalle creste dei monti, riversano la maggior parte della loro acqua sul versante della Lorena, lasciando Colmar a secco.

44 Cosa vedere Petite Venise (piccola Venezia)Petite Venise (piccola Venezia) il Musée d'Unterlinden la replica della statua della libertà

45 Petite Venice La più caratteristica è l'Ancien Douane,sulla piazza omonima, risalente al Da visitare il pittoresco quartiere della Petite Venise (piccola Venezia), con le sue costruzioni a bordo dell'acqua. Oltre alla bella chiesa gotica di St-Martin (XIV secolo), la città possiede costruzioni antiche, tipiche dell'architettura alsaziana.

46 il Musée d'Unterlinden Ospita tra gli altri un tesoro dell'arte religiosa occidentale, la pala di Issenheim di Mathias Grünewald (notissima la Resurrezione, nei pannelli centrali dell'Altare di Isenheim), oltre ad un insieme eccezionale di dipinti di pittori renani (Hans Stock, Martin Schongauer, Lucas Cranach il Vecchio, Hans Holbein il Vecchio).

47 La replica della statua della libertà Nel 2004 è stata costruita una replica della Statua della Libertà, alta 12 metri, posta all'entrata settentrionale della città, dato che Auguste Bartholdi lo scultore che la progettò era originario di Colmar.

48 Gita in Francia e Germania Programma Il viaggio Itinerari Il nostro albergo Buon divertimento a tutti


Scaricare ppt "Gita in Francia e Germania by Martino e Pablo classe II Programma Il viaggio Itinerari Il nostro albergo."

Presentazioni simili


Annunci Google