La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Up to date su ASMA e BPCO: dai pacchetti informativi CEVEAS alla pratica clinica Terapia della BPCO : come migliorare l'appropriatezza prescrittiva Fabio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Up to date su ASMA e BPCO: dai pacchetti informativi CEVEAS alla pratica clinica Terapia della BPCO : come migliorare l'appropriatezza prescrittiva Fabio."— Transcript della presentazione:

1 Up to date su ASMA e BPCO: dai pacchetti informativi CEVEAS alla pratica clinica Terapia della BPCO : come migliorare l'appropriatezza prescrittiva Fabio Gilioli U.O. Medicina Interna – Ospedale di Carpi Carpi 17. Marzo. 2012

2

3 La Spesa Sanitaria in Italia per il 2009 è stata pari a circa 109,7 miliardi di euro.

4 APPROCCIO UMANITARIO ogni bisogno deve essere soddisfatto APPROCCIO REALISTICO il bisogno deve essere in qualche modo selezionato e può ottenere risposta se è disponibile una soluzione efficace per il miglioramento della salute e se questa soluzione ha un costo ragionevole

5 NEL SISTEMA SANITARIO AUMENTA IL DIVARIO TRA BISOGNI E RISORSE  invecchiamento demografico e aumento della patologia cronica invalidante  evoluzione tecnologica della Medicina (prevalente su una Medicina “filantropica”)  crisi del modello bio-medico della malattia  cambiamento del contesto socio-culturale  cambiamento della struttura della famiglia  cambiamento economico e crisi del welfare state - CRISI DI CREDIBILITA’ DEI SISTEMI SANITARI - CRISI FINANZIARIA

6 IL “PUZZLE” DEI FATTORI CHE INFLUENZANO LA PRATICA CLINICA DIRITTI DELLA PERSONA CONTESTO SOCIALE, NORMATIVO ED ECONOMICO VALORI E PRIORITA’ RISORSE DISPONIBILI CONOSCENZE E EVIDENZE SCIENTIFICHE

7 IL RUOLO DEI TRIALS CLINICI RANDOMIZZATI E DELLE METANALISI NELLA PRATICA CLINICA per studiare i meccanismi STUDI RANDOMIZZATI DI PICCOLE DIMENSIONI STUDI RANDOMIZZATI DI GRANDI DIMENSIONI per generare ipotesi di ulteriori studi randomizzati mirati per ottenere risposte affidabili di ordine generale per ottenere stime non esposte ad errori degli effetti del trattamento METANALISI (da Pogue et Al, 1998) per valutare l’efficacia dei trattamenti terapeutici

8 PROGRAMMA NAZIONALE PER LE LINEE GUIDA FATTORI DI SUCCESSO :  interdisciplinarietà nella produzione delle LG;  coinvolgimento dei professionisti (attraverso le Società scientifiche e professionali);  necessità di implementazione;  impiego delle LG come strumento non solo di indirizzo per la pratica clinica ma soprattutto per il governo clinico, cardine d’integrazione di tutte le competenze necessarie nell’Azienda Sanitaria. (Commissione Efficacia, Appropriatezza e Qualità, A. Liberati e S. di Donato, 1999)

9 B P CO SPIROMETRIA !

10 Terapie della BPCO stabilizzata 1)Abolizione della abitudine tabagica 2)Riabilitazione respiratoria 3)Ossigenoterapia domiciliare a lungo termine 4)Farmaci

11 I soli provvedimenti in grado di modificare la storia naturale della malattia sono : - Abolizione della abitudine tabagica - Ossigenoterapia a lungo termine (> 15 ore al di) nei pazienti con insufficienza respiratoria cronica (PO2 < 60 mmHg) BPCO stabile : punti chiave GOLD update 2011

12 Criteri di prescrivibilità OTLT per pazienti con BPCO  PaO 2 < 55 mmHg  PaO 2 55 > PaO 2 PaO 2 < 60 mmHg con almeno 1 dei seguenti segni : - HT > 55 % - HT > 55 % - Segni di Cuore polmonare cronico o Cardiopatia ischemica - Segni di Cuore polmonare cronico o Cardiopatia ischemica - Segni ECG di aritmie - Segni ECG di aritmie - PAPm > 25 mmHg - PAPm > 25 mmHg EMOGASANALISI ARTERIOSA

13 Farmaci per la BPCO

14 BPCO : LINEE GUIDA

15

16

17

18

19 LE REVISIONI SISTEMATICHE

20

21 BPCO E STEROIDI INALATORI - Il regolare trattamento con corticosteroidi inalatori migliora la sintomatologia, la funzionalità polmonare e la qualità di vita e riduce la frequenza delle riacutizzazioni (144) nei pazienti affetti da BPCO con VEMS <60% del predetto (195, ) (Evidenza A). - In alcuni pazienti l’interruzione del trattamento con corticosteroidi inalatori può portare alla comparsa di riacutizzazioni (245). - Il trattamento regolare con corticosteroidi inalatori non modifica il declino a lungo termine del VEMS né la mortalità nei pazienti con BPCO (126,175,176,195,246,247) (Evidenza A). Dicembre 2011

22 BPCO E STEROIDI INALATORI

23

24

25

26

27 blue bloater pink puffer

28

29

30

31

32 CONCLUSIONI  La BPCO viene suddivisa da tutte le LG in stadi di gravita’ progressiva (da lieve a molto grave) sulla base del danno funzionale (riduzione del FEV 1) e della frequenza delle riacutizzazioni.  Tutte le LG raccomandano una strategia terapeutica a “GRADINI”, correlata alla GRAVITA’, con l’aggiunta progressiva di farmaci o di loro associazioni.  Tutte le LG considerano i SABA (Salbutamolo, Terbutalina) come il PRIMO TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLA BPCO LIEVE da impiegare AL BISOGNO.  Negli stadi da MODERATO A GRAVE tutte le LG concordano nel raccomandare come prima scelta l’uso di BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA D’AZIONE IN MONOTERAPIA.

33 CONCLUSIONI  L’uso di STERODI INALATORI DA SOLI NON e’ mai raccomandato  STATEGIE DI ASSOCIAZIONE : A) LABA + Tiotropio : non sembrano ridurre le riacutizzazioni rispetto alla monoterapia B) LABA + ICS rispetto a LABA non ha modificano la mortalita’, lieve vantaggio sulle riacutizzazioni nei pazienti piu’ gravi C) LABA + ICS + TIOTROPIO : non ha mostrato sicuri vantaggi rispetto al solo Tiotropio.

34 GRAZIE DELLA ATTENZIONE


Scaricare ppt "Up to date su ASMA e BPCO: dai pacchetti informativi CEVEAS alla pratica clinica Terapia della BPCO : come migliorare l'appropriatezza prescrittiva Fabio."

Presentazioni simili


Annunci Google