La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.iperbaricoravenna.it L’ organizzazione di una rete assistenziale per il piede diabetico Il ruolo dell’ infermiere Klarida Hoxha Responsabile infermieristico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.iperbaricoravenna.it L’ organizzazione di una rete assistenziale per il piede diabetico Il ruolo dell’ infermiere Klarida Hoxha Responsabile infermieristico."— Transcript della presentazione:

1 L’ organizzazione di una rete assistenziale per il piede diabetico Il ruolo dell’ infermiere Klarida Hoxha Responsabile infermieristico Centro Cura Ferite Difficili D.S. P. Longobardi Vicecoordinatore AIUC Emilia Romagna

2 Primo livello: medici di medicina generale, assistenza domiciliare Secondo livello: medicina specialistica territoriale Terzo livello: alta specialità ospedaliera Sistema Sanitario Nazionale livelli di assistenza

3 Prima visita Parametri e scheda infermieristica integrata

4 Indice di Winsor ABI (Ankle Brachial Index)

5 ptcO2 (ossimetria transutanea) Valori 0-20 mmHg – ischemia critica mmHg – valore soglia >40 mmHg – valore nella norma

6 RISC/VAR: valutazione neuro- vascolare IRPO: sintesi endoteliale di NO TBI> 0,20 LDF (Laser Doppler Flussimetria)

7 Monofilamento di Semmens - Weinstein Filo di naylon Pressione di 10 gr Perpendicolare alla superficie cutanea e lievemente premuto (1,5 sec). Il test è in grado di predire la comparsa di ulcerazione se non è avvertito in 3 punti su 6 esaminati (CCFD) o 5 punti su 9.

8 Team Multidisciplinare American Diabetes Association (ADA) Prevenzione nella cura del diabete con approccio multidisciplinare. Il team multidisciplinare riduce i tassi di amputazione 1, previene le complicanze del diabete e riduce i costi 2. 1.American Diabetes Association (ADA) Standards of medical care in diabetes. Diabetes Care.2010;33(1):S38 2.Rerkasem K et al. A multidisciplinary diabetic foot protocol at Chiang Mai University Hospital: cost and quality of life. Int J Low Extrem Wounds. 2009;8(3):153–156.

9 Gestione del piede diabetico Gestione vascolare dell'ischemia e esistenti co-morbosità Plantare per lo scarico della pressione Controllo dell'infezione e rimozione del tessuto necrotico Gestione vascolare dell'ischemia e esistenti co-morbosità Plantare per lo scarico della pressione

10 Segni pericolosi per intervento urgente Cellulite superficiale Cellulite suppurativa Fascite necrotizzante (fascia muscolare) Cellulite necrotizzante (muscolo, tendini, osso) Gangrena

11 Educazione come prevenzione …quotidianamente Controllo della glicemia Ispezione dei piedi Pulizia e idratazione Gestione dei calli e unghie Evitare lesioni traumatiche e termiche Non costringere la circolazione Eseguire esercizi fisici Eseguire visite periodiche dallo specialista

12 Caso clinico: uomo, 67 anni PA - 130/60 PA caviglia HGT- 275 Hb - 9 mg/dl ABI - 0,77 ptcO mmHg Monofilamento - 2/6 Scarso dolore Obeso TAO Laserdopplerflussimetria TBI 0,20 IRPO -/+ RISC/VAR patol/patol

13 Interventi Rivascolarizzazione Pulizia chirurgica osso Medicazioni quotidiane OTI 20 sedute (1 mese) FREMS 20 sedute Innesto Guarigione in 2 mesi

14 Conclusioni Il ruolo infermieristico Prevenzione Diagnosi e cura Trattamento Educazione terapeutica

15 Pasquale Longobardi Master Med. Subacquea Iperbarica, Scuola Superiore S. Anna (Pisa )


Scaricare ppt "Www.iperbaricoravenna.it L’ organizzazione di una rete assistenziale per il piede diabetico Il ruolo dell’ infermiere Klarida Hoxha Responsabile infermieristico."

Presentazioni simili


Annunci Google