La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E.Valeri, L.Lombardi, D.Parrella, U.Tulli UOC Nefrologia-Dialisi P.O. Tivoli (RM) 32° Corso di Aggiornamento per Infermieri di Nefrologia e Dialisi Silvi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E.Valeri, L.Lombardi, D.Parrella, U.Tulli UOC Nefrologia-Dialisi P.O. Tivoli (RM) 32° Corso di Aggiornamento per Infermieri di Nefrologia e Dialisi Silvi."— Transcript della presentazione:

1 E.Valeri, L.Lombardi, D.Parrella, U.Tulli UOC Nefrologia-Dialisi P.O. Tivoli (RM) 32° Corso di Aggiornamento per Infermieri di Nefrologia e Dialisi Silvi Marina 25 maggio 2013

2 MALNUTRIZIONE Lo stato derivante da deficit o eccesso, primitivo o secondario di nutrienti qualitativamente e/o quantitativamente insufficienti o eccesivi nel soddisfare fabbisogni attuali del soggetto. Se associata alla presenza di infiammazione può portare allo sviluppo di aterosclerosi e costituisce una delle principali cause di mortalità in dialisi

3 Malnutrizione, Infiammazione, Aterosclerosi (MIA) Le diverse forme di malnutrizione spesso coincidono nel paziente in dialisi nella forma conosciuta come sindrome MIA Paradosso dei fattori di rischio

4 Associazione Malnutrizione Infiammazione L’associazione tra malnutrizione ed infiammazione è ben conosciuta. Si è visto che sono responsabili le citochine pro-infiammatorie e nello specifico IL-6, IL-I. Tali citochine riducono l’appetito, inducono un aumentato catabolismo muscolare e riducono la sintesi, durante la fase acuta dell’infiammazione, delle proteine come albumina, prealbumina e transferrina.

5 Progetto di studio La ricerca bibliografica ha evidenziato uno stretto legame tra malnutrizione-infiammazione-mortalità. (MICS) Abbiamo ritenuto necessario risaltare il ruolo dell’equipe infermieristica di Nefrologia e Dialisi che ha nell’educare il paziente affetto da IRC ad una corretta alimentazione.

6 Materiali e Metodi Indagine strutturata per poter accertare l’alimentazione del paziente Indici antropometrici Indici bioumorali Indici clinici Scheda di valutazione SGA

7

8 Popolazione oggetto di studio 133 pazienti totali nei 3 centri Uomini n°87 e donne n°46 Età media anni: 68 Età dialitica media anni: 9 Campione per studio pilota n°13 pazienti (10% del totale) omogeneo per età anagrafica e dialitica composto da soli uomini

9 Risultati Albumina g/dl media 3,64 (4,00-4,80) Colesterolo totale : 3 pazienti con <108 mg/dl media 165mg/dl Transferrina media mg/dl 165 ( ) VES media mm/h 38 (0-20) Linfociti totali x10 3 ul media 1,32 (1,50-3,50) Trigliceridi nella norma SGA : valore finale 3 pazienti: grado 1

10 Conclusioni Rifacendoci alle teoriche del Nursing già la F.Nigthngale affermava : l’infermiere doveva, oltre che somministrare gli alimenti, annotare gli effetti ed i benefici che questi avevano sul malato”. L’infermiere di Nefrologia e Dialisi ha il compito di riuscire a prevenire, in collaborazione con l’equipe medica e dl servizio di dietologia, la malnutrizione o un’errata alimentazione, responsabile del rischio di morbilità e mortalità. Opuscolo informativo

11 Bibliografia La malnutrizione nel paziente in emodialisi cronica: prevalenza, patogenesi, terapia. M. Bossola ed alt. GIN/anno 26 n°2/2009 Fattori predittivi e diagnostici della malnutrizione nel paziente in trattamento emodialitico. B. Memoli ed alt. GIN anno 19 n°4 /2002 La sindrome malnutrizione-infiammazione in dialisi. Alla scoperta di nuovo Biomarkers. A. Lacquaniti. GIN anno28/n°3/ 2011.


Scaricare ppt "E.Valeri, L.Lombardi, D.Parrella, U.Tulli UOC Nefrologia-Dialisi P.O. Tivoli (RM) 32° Corso di Aggiornamento per Infermieri di Nefrologia e Dialisi Silvi."

Presentazioni simili


Annunci Google