La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’IDONEITA’ DELLE IMPRESE IN EDILIZIA DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’IDONEITA’ DELLE IMPRESE IN EDILIZIA DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO."— Transcript della presentazione:

1 L’IDONEITA’ DELLE IMPRESE IN EDILIZIA DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO

2 idoneità tecnico-professionale art.89 c.1 lett.l) “possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare”. L’IDONEITÀ SECONDO LA NORMA 2

3 …IN RIFERIMENTO AI LAVORI DA REALIZZARE 3 Tempi di realizzazione Risorse disponibili Opera da realizzare Lavoratore autonomo

4 DEFINIZIONE DEL CONTRATTO DI APPALTO - ART C.C. Contratto mediante il quale una parte (detta appaltatore) assume, con organizzazione di mezzi propri necessari e con gestione a proprio rischio, l’obbligazione di compiere un’opera per un’altra parte (detta appaltante o committente) o di prestare un servizio, dietro pagamento di un corrispettivo.

5 REQUISITI DEL CONTRATTO DI APPALTO La “organizzazione dei mezzi” può anche risultare, in relazione alle esigenze del servizio o dell’opera dedotti in contratto, dall’esercizio del potere organizzativo e direttivo da parte dell’appaltatore, nei confronti dei lavoratori utilizzati nell’appalto. art.29 D.Lgs. n.276/2003

6 REQUISITI DEL CONTRATTO DI APPALTO Il “rischio di impresa” è il rischio di non coprire i costi sostenuti per l’esecuzione dell’opera o del servizio o, ancora, il rischio di non ricevere alcun corrispettivo dal committente per l’attività svolta (perché, ad esempio, l’opera non è stata eseguita “a regola d’arte” o nei termini stabiliti nel contratto).

7 INDICI RIVELATORI DI APPALTO ILLECITO  Mancanza in capo all’appaltatore della qualifica di imprenditore o di una organizzazione (tecnica ed economica) imprenditoriale  Mancanza dell’effettivo esercizio del potere direttivo da parte dell’appaltatore  Impiego di macchinari, attrezzature e capitali forniti dal committente (requisito non sempre rilevante)  Natura delle prestazioni svolte non compatibili con quelle oggetto di appalto  Corrispettivo pattuito in base alle ore effettive di lavoro e non riferito al risultato

8 INDICI RIVELATORI DI ASSENZA DI AUTONOMIA ORGANIZZATIVA  Mancanza di una significativa esperienza nel settore interessato dall’appalto  Mancanza di personale tecnicamente preparato per lo svolgimento della attività appaltata  Svolgimento da parte dell’appaltatore di un’attività lavorativa diversa rispetto a quella che il dipendente dovrebbe eseguire presso il committente  Prevalenza del lavoro rispetto al capitale o alle attrezzature utilizzate

9 INDICI RIVELATORI DI ASSENZA DI POTERE DIRETTIVO  Medesimo orario di lavoro dei dipendenti del presunto appaltatore rispetto a quelli del committente  Pagamento diretto delle retribuzioni da parte del committente  Controllo diretto del lavoro svolto da parte del committente tramite propri dipendenti o un preposto, senza alcun preventivo accordo con l’appaltatore  Decisione da parte del committente sul numero dei lavoratori da utilizzare nell’ambito dell’appalto  Esercizio da parte del committente del potere direttivo, gerarchico e disciplinare

10 DEFINIZIONE DI SUBAPPALTO Il subappalto è il contratto con il quale l’appaltatore cede ad un terzo (detto subappaltatore), previa necessaria autorizzazione del committente, l’esecuzione di una parte o dell’intera opera oggetto del contratto di appalto.

11 I SOGGETTI DELL’APPALTO

12 DEFINIZIONI Impresa affidataria Impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nell’esecuzione dell’opera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi. Impresa esecutrice Impresa che esegue un’opera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiali Lavoratore autonomo Persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell’opera senza vincolo di subordinazione

13 LA CASISTICA Impresa affidataria pura Perché non esegue l’opera ma è titolare del contratto Impresa affidataria ed esecutrice in proprio Perché esegue l’opera ed è titolare del contratto Impresa affidataria, esecutrice e appaltante Titolare del contratto, esegue parte dell’opera e ne subappalta il resto Impresa esecutrice Esegue l’opera in subappalto Lavoratore autonomo Contribuisce all’opera con un affidamento

14 IL DECRETO INTERMINISTERIALE SUI DOCUMENTI SEMPLIFICATI COMMITTENTE ……………………… CSE …………………………….. RdL (eventuale) ……………… Lavoratore autonomo …………………………. IMP affidataria …………………….. Incaricati gestione art.97 …………………….. IMP affidataria ed Esecutrice ………………… IMP affidataria ed Esecutrice ……………………… Lavoratore autonomo subaffidatario ……………………………… IMP esecutrice subappaltatrice …………………………. IMP esecutrice subappaltatrice …………………………. ORGANIGRAMMA DEL CANTIERE

15 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE – ALLEGATO XVII Impresa esecutrice Iscrizione alla CCIAA con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto; Documento Unico di Regolarità Contributiva in corso di validità; Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui all’articolo 14 del d.lgs. n.81/08; Documento di valutazione dei rischi di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a) o autocertificazione di cui all’articolo 29, comma 5, del d.lgs. n.81/08; Dichiarazione dell’organico medio annuo, distinto per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate all’INPS, all’INAIL e alle casse edili, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato, applicato ai lavoratori dipendenti. (Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano i rischi particolari contenuti all’allegato XI, il requisito richiesto viene soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del DURC e dell’autocertificazione relativa al contratto collettivo applicato) Piano Operativo di Sicurezza.

16 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE – ALLEGATO XVII Impresa affidataria (pura) Le imprese affidatarie dovranno indicare al committente o al responsabile dei lavori almeno il nominativo del soggetto o i nominativi dei soggetti della propria impresa, con le specifiche mansioni, incaricati per l’assolvimento dei compiti di cui all’articolo 97.

17 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE – ALLEGATO XVII 1. Ai fini della verifica dell’idoneità tecnico professionale (…) le imprese affidatarie, ove utilizzino anche proprio personale, macchine o attrezzature per l’esecuzione dell’opera appaltata, dovranno esibire al committente o al responsabile dei lavori almeno: a) iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto b) documento di valutazione dei rischi di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a) o autocertificazione di cui all’articolo 29, comma 5, del presente Decreto Legislativo c) documento unico di regolarità contributiva di cui al Decreto Ministeriale 24 ottobre 2007 d) dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui all’articolo 14 del presente Decreto Legislativo Impresa affidataria esecutrice

18 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE – ALLEGATO XVII Lavoratore autonomo iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto per cui è stato chiamato a fornire il proprio contributo; specifica documentazione attestante la conformità di macchine, attrezzature e opere provvisionali utilizzate; elenco dei dispositivi di protezione individuali in dotazione; documento unico di regolarità contributiva in corso di validità. Laddove l’artigiano venga chiamato a prestare la propria professionalità per lavori specialistici sottoposti a specifiche restrizioni, dovrà esibire anche gli attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria.

19 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE Impresa affidataria non esecutrice Impresa affidataria esecutrice in proprio Impresa affidataria esecutrice e appaltante Impresa esecutriceLavoratore autonomo Iscrizione alla CCIAANOSI DURC NO (si solo negli appalti pubblici) SI Cassa EdileNO SI (dipende dal CCNL) SI (dipende dal CCNL) SI (dipende dal CCNL) NO Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi NOSI DVRNOSI NO Nominativo soggetti ex art.97SINOSINO Dichiarazione organico medio annuoNOSI NO POSSI NO Formazione specifica datore di lavoro, dirigenti, preposti ex art.97 SINOSINO Facoltativa (tranne nei casi previsti) Formazione lavoratoriNO SI (nel DVR e nel POS) SI (nel DVR e nel POS) SI (nel DVR e nel POS) n.a. conformità di macchine, attrezzature e opere provvisionali NOSI Sorveglianza sanitaria SI (per il soggetto ex art.97) SI (nel DVR e nel POS) SI (nel DVR e nel POS) SI (nel DVR e nel POS) Facoltativa (tranne nei casi previsti)

20 APPALTI, DISTACCHI, ASSOCIAZIONI, ETC.

21  Le imprese cercano di ovviare alla loro inidoneità tecnico professionale con modalità non sempre lecite Idoneità Tecnica Carenze specifiche formative Carenze sulle attrezzature Professionale Insufficienza quantitativa e qualitativa di risorse umane

22 APPALTI, DISTACCHI, ASSOCIAZIONI, ETC. Idoneità Tecnica AssunzioniFormazioneSubappaltoAffidamentoAssociazionismo

23 APPALTI, DISTACCHI, ASSOCIAZIONI, ETC. Idoneità Professionale AssunzioniFormazione

24 LE ASSOCIAZIONI TEMPORANEE D’IMPRESA

25 LE ATI Per associazione temporanea di imprese, o raggruppamento temporaneo di imprese, spesso indicate con gli acronimi ATI o RTI, si intende una forma giuridica nella quale più imprese si uniscono per partecipare insieme alla realizzazione di un progetto specifico. Lo specifico scopo può essere la partecipazione a gare d'appalto quando per le quali le singole imprese non possiedono, singolarmente, tutte le competenze operative, caratteristiche, categorie o classifiche richieste nel bando Acquisito l’appalto ciascuna impresa provvederà per la propria competenza e per la propria parte dell’opera Non può essere utilizzata per ovviare a carenze quantitative del proprio personale Non può essere costituita da soli lavoratori autonomi

26 IL DISTACCO DI PERSONALE

27 IL DISTACCO IN GENERALE Il distacco si realizza quando un datore di lavoro per soddisfare un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più lavoratori a disposizione di altro soggetto per l’esecuzione di una determinata attività lavorativa, anche parzialmente. Interesse del datore di lavoro distaccante: Interesse produttivo specifico, rilevante, concreto e persistente per tutto il periodo del distacco e non un mero interesse al corrispettivo per la fornitura di prestazioni lavorative Temporaneità del distacco: Non definitività, indipendentemente dalla durata del distacco, ma sempre funzionalmente alla persistenza dell’interesse del distaccante Irrilevanza del consenso del lavoratore tranne che in caso di mutamento di mansioni o di trasferimento ad oltre 50 km dalla sede cui è adibito o in edilizia Obbligo di comunicazione telematica, entro 5 giorni dal verificarsi del distacco

28 IL DISTACCO IN EDILIZIA Preventivo consenso del lavoratore (anche in caso di adibizione a mansioni equivalenti o superiori) Sussistenza dell’interesse economico produttivo del distaccante, anche con riguardo alla salvaguardia della professionalità dei lavoratori distaccati, a che il lavoratore svolga la propria attività a favore del distaccatario Specifica esigenza con carattere di temporaneità del distaccatario ad acquisire professionalità per le quali presenta carenze organiche Obbligo di evidenziare, nella denuncia alla Cassa edile, la posizione dei lavoratori distaccati Non può essere utilizzata per ovviare a carenze meramente quantitative del proprio personale Non può essere utilizzata per livelli e mansioni poco qualificate Negli appalti pubblici è spesso utilizzato per aggirare il divieto di subappalto

29 IL DISTACCO TRANSNAZIONALE

30 IPOTESI DI DISTACCO COMUNITARIO Da parte di un’azienda di un diverso stato membro presso una propria filiale italiana Da parte di un’azienda di un diverso Stato membro presso un’azienda italiana appartenente al medesimo gruppo di impresa Nell’ambito di un contratto commerciale (es. appalto di opere) stipulato con un committente italiano

31 CARATTERISTICHE DEL DISTACCO COMUNITARIO Sussistenza di un legame organico tra lavoratore distaccato ed impresa distaccante Esercizio del potere direttivo da parte dell’impresa distaccante Prestazione lavorativa di durata limitata (max 24 mesi) resa nell’interesse e per conto dell’impresa distaccante Esercizio di tutti i poteri tipici del datore di lavoro da parte del distaccante

32 CONDIZIONI DI LAVORO Nei confronti dei lavoratori inviati in Italia trovano applicazione durante il distacco le “medesime condizioni di lavoro” previste per i lavoratori italiani da leggi, regolamenti o disposizioni amministrative, nonché dai contratti collettivi nazionali di lavoro (per l’edilizia anche dai contratti provinciali) Periodi massimi di lavoro e periodi minimi di riposo Durata minima ferie annuali Tariffe minime salariali (comprese maggiorazioni per straordinario) Sicurezza, salute ed igiene sul lavoro

33 VERIFICHE ISPETTIVE IN SEDE DI PRIMO ACCESSO Modelli A1 ed elenco lavoratori distaccati Documenti di riconoscimento dei lavoratori distaccati e copia contratti individuali di lavoro Contratto commerciale tra committenza italiana e azienda distaccante e relative fatture Comunicazioni preventive di distacco all’estero (obbligatorie per la Romania) Documentazione in materia di sicurezza

34 LA SICUREZZA SUL LAVORO – DISTACCO COMUNITARIO 34 Istituto Normativo Impresa stabilita in Italia con lavoratori occupati stabilmente residenti in paese membro Impresa stabilita in Italia con lavoratori operanti in distacco Impresa non stabilita in Italia con lavoratori operanti in distacco intracomunitario Disciplina civilistica del contratto Legislazione scelta dalle parti. In assenza di scelta vale il principio “lex loci laboris” Legislazione scelta dalle parti. In assenza di scelta si applica la disciplina del paese di svolgimento abituale del lavoro Retribuzione e straordinario Normativa Italiana Cassa Edile Normativa Italiana Normativa Italiana se nel paese di stabilimento non esistano equivalenze Contribuzione Normativa ItalianaNormativa del Paese Membro Buste paga ObbligatorieFacoltative Libri obbligatori Obbligatorie Facoltative Responsabilità solidale retribuzioni per appalto art.29 d.lgs. n.276/03 Applicabile Responsabilità solidale contribuzioni per appalto art.29 d.lgs. n.276/03 Non applicabile Tutela lavoro minorile Normativa Italiana Sicurezza, salute e igiene sui luoghi di lavoro Normativa Italiana

35 LE IMPRESE STRANIERE IN ITALIA

36 Obblighi Integrale verifica dell’idoneità tecnico professionale Iscrizione alla Cassa Edile (ad esclusione di Germania, Francia ed Austria) Integrale applicazione del Testo Unico per la Sicurezza

37 L’IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE Impresa affidataria non esecutrice Impresa affidataria esecutrice in proprio Impresa affidataria esecutrice e appaltante Impresa esecutriceLavoratore autonomo Iscrizione alla CCIAANOSI DURC o similare NO (si solo negli appalti pubblici) SI Cassa EdileNO SI (dipende dal CCNL) SI (dipende dal CCNL) SI (dipende dal CCNL) NO Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi NOSI DVRNOSI NO Nominativo soggetti ex art.97SINOSINO Dichiarazione organico medio annuoNOSI NO POSSI NO Formazione specifica datore di lavoro, dirigenti, preposti ex art.97 SINOSINO Facoltativa (tranne nei casi previsti) Formazione lavoratoriNO SI (nel POS) SI (nel POS) SI (nel POS) n.a. conformità di macchine, attrezzature e opere provvisionali NOSI Sorveglianza sanitaria SI (per il soggetto ex art.97) SI Facoltativa (tranne nei casi previsti)

38 L’UTILIZZO DEGLI ARTIGIANI

39 Lavoratore autonomo che assume un incarico affidatogli da una committenza (che, verosimilmente, è rappresentata da un’impresa esecutrice) ed è in grado di portarlo a termine autonomamente, con le proprie forze ed utilizzando proprie attrezzature. Situazione regolareSituazione regolare Il lavoratore autonomo, ingaggiato dall’impresa, agisce, in base a precisi indici rivelatori, da lavoratore subordinato nei confronti dell’impresa stessa. Situazione irregolare. Presenza di lavoro subordinato. Obbligo d’assunzione da parte dell’impresaSituazione irregolare. Presenza di lavoro subordinato. Obbligo d’assunzione da parte dell’impresa Pluralità di lavoratori autonomi di cui solo uno tra questi ha assunto le obbligazioni contrattuali e gli altri operano, di fatto, con vincolo di subordinazione nei confronti del primo obbligato, in presenza o meno di contratto formale. Situazione irregolare. Presenza di lavoro subordinato. Obbligo d’assunzione da parte del lavoratore autonomo preminenteSituazione irregolare. Presenza di lavoro subordinato. Obbligo d’assunzione da parte del lavoratore autonomo preminente

40 L’UTILIZZO DEGLI ARTIGIANI Pluralità di lavoratori autonomi ciascuno con un proprio contratto che ripartisce l’opera in singole lavorazioni evidentemente disgiunte. Situazione regolare se le singole lavorazioni sono chiaramente identificate nel contratto, sono disgiunte le une dalle altre e possono realmente essere realizzate in piena autonomia organizzativa Pluralità di lavoratori autonomi, anche provvisti di un proprio contratto che ripartisce l’opera in singole lavorazioni disgiunte, ma che, nei fatti, operano in maniera unitaria ed organica, anche se in assenza dei vincoli di subordinazione Situazione irregolare. Presenza di società di fatto. Obblighi delle imprese Pluralità di lavoratori autonomi, provvisti di un unico contratto, ma aggregati secondo le forme associative ammesse dalla legge Si è sostanzialmente in presenza di un’impresa esecutrice e la situazione è da ritenersi regolare se viene dato pieno adempimento alle corrispondenti misure previste dal d.lgs. n.81/08.

41 L’UTILIZZO DEGLI ARTIGIANI – INDICI RIVELATORI Indici rivelatori subordinazione Presenza di direttive tecniche e di poteri di controllo da parte dell’impresa o di altro soggetto; Inserimento del lavoratore autonomo nella organizzazione aziendale ed assoggettamento al potere gerarchico; Esecuzione delle lavorazioni con materiali ed attrezzature dell’impresa; Pagamento di una retribuzione fissa a scadenze prestabilite basate sulle ore di lavoro svolte e sulla effettiva presenza; Osservanza di un orario di lavoro; Mono-committenza; Assenza di un rischio di impresa e di una autorganizzazione in capo all’artigiano;

42 L’UTILIZZO DEGLI ARTIGIANI – INDICI RIVELATORI Caratteri lavoro autonomo Consistere in un’opera o in un servizio; Svolgersi senza vincolo di subordinazione; Essere compensata da un semplice compenso e non dalla retribuzione; Essere effettuata sotto la responsabilità dell’artigiano per eventuali vizi e difformità dell’opera;

43 L’AGGREGAZIONE DI ARTIGIANI

44 Autonomo che assume altri autonomi (p.e. a t.d.) ProPermette collaborazioni “a scadenza” Libertà di operare anche individualmente Intercambiabilità ControPieno adempimento al T.U. e alla legislazione sociale in materia di lavoro L’AGGREGAZIONE DI ARTIGIANI 44

45 classiche forme societarie di persone (sas, snc ed ss) Poco attinenti a soggetti già in possesso di uno status giuridico quale quello di impresa individuale artigiana Associazioni in partecipazione Prevede la partecipazione dell’associato agli utili dell’associante. L’associato è equiparato al lavoratore e pertanto l’associazione è considerata impresa. L’associante deve dare completa attuazione al d.lgs. n.81/08 Consorzio (o società consortile) “esterno” con scopo di acquisire l'opera ed eseguirla in modo unitario il Consorzio agisce come una società, con propri Datore di Lavoro, dipendenti, struttura dirigenziale e organizzativa. Il Datore di Lavoro del Consorzio deve dare completa attuazione al d.lgs. n.81/08 e conseguentemente avrà propri SPP, medico competente, ecc. In attuazione, ancora, a quanto previsto dal Titolo IV del d.lgs. n.81/08 realizza un POS relativo alle lavorazioni oggetto dell’appalto L’AGGREGAZIONE DI ARTIGIANI 45

46 Cooperativa d’artigiani Pro Possibilità di strutturarsi anche con dipendenti Sgravi fiscali Contro Prevalenza d’artigiani Perdita dell’etichetta personale (eccetto i soci-lavoratori) Patto di non concorrenza Note FONDAMENTALE E’ LA VERIFICA DEL DURC L’AGGREGAZIONE DI ARTIGIANI 46

47 Associazioni temporanee d’impresa Raggruppamenti temporanei d’impresa Associazioni e raggruppamenti temporanei DI SCOPO Collaborazioni occasionali Collaborazioni a progetto Voucher LE FORME IMPOSSIBILI 47

48 LA SITUAZIONE E IL PRECIPIZIO

49 IERI, OGGI.. E DOMANI?– STATISTICHE NAZIONALI SULLE IMPRESE 2007 – operazione “ cantieri”“ cantieri” 1 lavoratore al nero ogni 1,5 cantieri = 1 lavoratore al nero ogni 6 lavoratori1 lavoratore al nero ogni 1,5 cantieri = 1 lavoratore al nero ogni 6 lavoratori Dimensione media imprese: 5Dimensione media imprese: 5 Autonomi per cantiere: 1Autonomi per cantiere: – operazione “Mattone sicuro”“Mattone sicuro” 1 lavoratore al nero ogni 10 cantieri = 1 lavoratore al nero ogni 28,5 lavoratori1 lavoratore al nero ogni 10 cantieri = 1 lavoratore al nero ogni 28,5 lavoratori Dimensione media imprese: 3Dimensione media imprese: 3 Autonomi per cantiere: 3,5Autonomi per cantiere: 3, lavoratore al nero ogni 4 cantieri = 1 lavoratore al nero ogni 8 lavoratori Dimensione media imprese: 2 Autonomi per cantiere: 4

50 LA PARCELLIZZAZIONE DELLE IMPRESE – DATI TOSCANA % +30% Flussi migratori -52%

51 LA PARCELLIZZAZIONE DELLE IMPRESE – DATI SIENA/TOSCANA Soggetti tutelati Soggetti formati Soggetti informati Soggetti «consapevoli» Soggetti non tutelati Soggetti non formati Slealtà

52 LA «SPIRALE» DEL SETTORE EDILE Sparizione imprese strutturate Disoccupazione Lavoro nero Improvvisazione Evasione Contingenza economica Crisi del settore Massimo ribasso negli appalti Pressione fiscale e normativa Concorrenza sleale Sparizione imprese Collasso

53 L’ASSE «COMMITTENTE-TECNICO-IMPRESA» Nell’ultimo anno, si è innescato un meccanismo «clientelare» tra tecnici e imprese: Il tecnico, chiamato a consigliare il committente, propone solo imprese a cui è «fidelizzato» e, attraverso l’uso di lavoratori autonomi, «aggira» la maggior parte degli obblighi in materia di sicurezza sanciti dal Testo Unico.Il tecnico, chiamato a consigliare il committente, propone solo imprese a cui è «fidelizzato» e, attraverso l’uso di lavoratori autonomi, «aggira» la maggior parte degli obblighi in materia di sicurezza sanciti dal Testo Unico. Il tecnico in questione, poi, viene «gratificato» dall’impresa.Il tecnico in questione, poi, viene «gratificato» dall’impresa.

54 L’ASSE «COMMITTENTE-TECNICO-IMPRESA» Concorrenza sleale tripla Vengono tagliate fuori le imprese strutturateVengono tagliate fuori le imprese strutturate Vengono tagliati fuori professionisti coscienziosiVengono tagliati fuori professionisti coscienziosi Si crea disoccupazioneSi crea disoccupazione La direttiva comunitaria Si va nella direzione opposta a quanto voluto dalle norme di recepimento comunitarioSi va nella direzione opposta a quanto voluto dalle norme di recepimento comunitarioSicurezza Si creano cantieri a maggior rischio infortunioSi creano cantieri a maggior rischio infortunio

55 COME SI MUOVONO GLI ORGANI ISPETTIVI Ispezioni «a vista» Principio della insicurezza  irregolaritàPrincipio della insicurezza  irregolarità Principio della «coerenza» del prezzo Dietro un ribasso eccessivo si annidano:Dietro un ribasso eccessivo si annidano: mancanza di sicurezza,mancanza di sicurezza, lavoro nerolavoro nero concorrenza slealeconcorrenza sleale Verifiche sul rispetto dell’art.90 TUSL Presenza del coordinatore per la sicurezzaPresenza del coordinatore per la sicurezza Frequenza dell’asse tecnico/impresaFrequenza dell’asse tecnico/impresa

56 COME INVERTIRE LA TENDENZA Ragionamento politico a fronte di analisi costi/benefici e «spacchettamento» dei grandi appaltiRagionamento politico a fronte di analisi costi/benefici e «spacchettamento» dei grandi appalti Criterio del massimo ribasso Maggiore informazione sugli obblighi legati ai lavori ediliMaggiore informazione sugli obblighi legati ai lavori edili Regole per i committenti Obblighi del committente, «natura» del coordinatore, definizione di lavoro autonomoObblighi del committente, «natura» del coordinatore, definizione di lavoro autonomo Modifiche al testo unico con allineamento ai principi europei Superamento dell’art. 27 TUSL come modificato dalla legge 69/2013Superamento dell’art. 27 TUSL come modificato dalla legge 69/2013 Legge di accesso al settore Riordino e istituzione dell’agenzia ispettiva unicaRiordino e istituzione dell’agenzia ispettiva unica Riorganizzazione dell’attività di vigilanza sulla sicurezza e sul lavoro

57 LEGGE DI ACCESSO AL SETTORE Il sistema di qualificazione delle impreseLa patente a punti in edilizia Una norma che regolamenti i requisiti minimi di accesso al settore, così come avviene per gli installatori e impiantisti per effetto del D.M. n.37/08 (L.46/90)


Scaricare ppt "L’IDONEITA’ DELLE IMPRESE IN EDILIZIA DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO."

Presentazioni simili


Annunci Google