La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

6 Il referendum Management dell'informazione e della comunicazione aziendale – DIRITTO PUBBLICO - M. LI VOLTI 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "6 Il referendum Management dell'informazione e della comunicazione aziendale – DIRITTO PUBBLICO - M. LI VOLTI 2014."— Transcript della presentazione:

1 6 Il referendum Management dell'informazione e della comunicazione aziendale – DIRITTO PUBBLICO - M. LI VOLTI 2014

2 1.Tipi di referendum 2. Il referendum abrogativo 3.Cause ostative e limiti 4. Procedimento 5. Il referendum confermativo di revisione costituzionale 6. I referendum regionali m. li volti 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI

3 IL REFERENDUM

4 FORME DI DEMOCRAZIA DIRETTA 1) Petizione (Art. 50 Cost.); 2) Iniziativa legislativa popolare (art. 71 Cost.); 3) Referendum abrogativo(art. 75)‏ Slide n. 10 «il sistema delle fonti del diritto»

5 TIPI DI REFERENDUM 1) Abrogativo su leggi nazionali (Art. 75 Cost.); 2) Confermativo (o di revisione costituzionale (art. 138)‏; 3) Consultivo (art. 132 e 133 Cost. per la modifica territoriale regioni e provincie) 4) Abrogativo o consultivo su leggi/provvedimenti regionali 5) Referendum consultivo comunale (art. 4 L. 142/90 su materie di esclusiva competenza locale e non possono aver luogo in coincidenza con altre operazioni di voto)‏

6 IL REFERENDUM ABROGATIVO 1) FONTE DEL DIRITTO 2) ABROGATIVO IN QUANTO DIRETTO A SOPPRIMERE UNA LEGGE 3) PUO' AVERE CONTENUTO MANIPOLATIVO 4) OPERA SULLE DISPOSIZIONI

7 AMMISSIBILITA' DEL REFERENDUM ABROGATIVO QUALSIASI ATTO NORMATIVO PRIMARIO CONCERNENTE UNA MATERIA SOTTOPOSTA A RISERVA DI LEGGE (COMPRESO IL DECRETO LEGGE IN ATTESA DI CONVERSIONE)‏

8 INAMMISSIBILITA' DEL REFERENDUM ABROGATIVO 1) MATERIE PREVISTE DALL'ART. 75 COST. (PROBLEMA SULLA TASSATIVITà O MENO DELL'ELENCAZIONE) 2) LEGGI COSTITUZIONALI 3) LEGGI REGIONALI, SALVO CHE SIANO SOTTOPONIBILI A CONSULTAZIONE REFERENDARIA REGIONALE (leggi particolarmente resistenti all'abrogazione)‏

9 CAUSE OSTATIVE 1)QUESITO CONTENENTE UNA PLURALITA' DI DOMANDE ETEROGENEE 2)VUOTI LEGISLATIVI

10 ILPROCEDIMENTO 1) INIZIATIIVA 2) CONROLLO DI LEGITTIMITA' 3) CONTROLLO DI LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 4) INDIZIONE 5) VOTAZIONE E SCRUTINIO 6) EFFETTI

11 Popolare ( firme) 5 Consigli Regionali (a maggioranza assoluta) Quesito referendario Controllo di legittimita’ formale Ufficio centrale referendum (Corte di Cassazione) Ordinanza Dal 1.1. al Entro il Controllo di legittimita’ costituzionale Corte Costituzionale Sentenza Entro il 10.2

12 APPROVAZIONE DEL REFERENDUM ART. 75 COMMA 4 COST:” LA PROPOSTA SOGGETTA A REFERENDUM E' APPROVATA SE HA PARTECIPATO ALLA VOTAZIONE LA MAGGIORANZA DEGLI AVENTI DIRITTO E SE E' RAGGIUNTA LA MAGGIORANZA DEI VOTI VALIDI “

13 REFERENDUM DI REVISIONE COSTITUZIONALE 1) Non è uno strumento di iniziativa popolare 2) non deve sottostare a quorum partecipativo 3) Iniziativa di 1/5 dei consiglieri regionali, oltre che di elettori 4) Non è sottoposto al giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale (sì al controllo dell'Ufficio centrale presso la Corte di Cassazione)‏

14 REFERENDUM REGIONALE ART. 123 COST. 1) PER LA FORMAZIONE DEGLI STATUTI DELLE REGIONI ORDINARIE (EVENTUALE – 1/50 ELETTORI O 1/5 CONSIGLIERI). 2) SU LEGGI E PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELLE REGIONE NEI CASI E MODI PREVISTI DAGLI STATUTI REGIONALI


Scaricare ppt "6 Il referendum Management dell'informazione e della comunicazione aziendale – DIRITTO PUBBLICO - M. LI VOLTI 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google