La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 COMUNE DI MASSA MARITTIMA BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ASSESSORATO BILANCIO/PATRIMONIO Consiglio Comunale 30 Aprile 2014 Giacomo Michelini – Assessore Delegato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 COMUNE DI MASSA MARITTIMA BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ASSESSORATO BILANCIO/PATRIMONIO Consiglio Comunale 30 Aprile 2014 Giacomo Michelini – Assessore Delegato."— Transcript della presentazione:

1 1 COMUNE DI MASSA MARITTIMA BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ASSESSORATO BILANCIO/PATRIMONIO Consiglio Comunale 30 Aprile 2014 Giacomo Michelini – Assessore Delegato

2 2 ESITO DELLA COMMISSIONE BILANCIO DEL Presa visione del parere dell’organo di revisione e condivisione delle osservazioni ivi contenute Eventuali altre osservazioni da verificare in sede di Consiglio Presa visione della bozza di bilancio Si sono presentati degli di rilievo alcuni risultati importanti ottenuti nel corso del mandato che vediamo in seguito

3 3 ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI Diminuzione dei trasferimenti erariali Anno 2010 € ,81 Anno 2011 € ,78 Anno 2012 € ,55 Anno 2013 € ,75 (al netto dei rimborsi per imu prima casa e imu immobili comunali) Per l’anno 2014 ci sono ulteriori riduzioni di trasferimenti - stimato un ulteriore taglio di circa il 7% rispetto al Rispetto del patto di stabilità Monitoraggio della spesa per il personale Miglioramento risultato della gestione di competenza Pagamento saldo Pizzarotti

4 4 RISULTANZE RIEPILOGATIVE DEL CONTO DEL BILANCIO 2013 PREVISIONI INIZIALI DEL BILANCIO ,04 TOTALE COMPLESSIVO DELLE ENTRATE ,08 Avanzo applicato ,00 Titolo 6° - ENTRATE PER SERVIZI C/TERZI ,00 Titolo 5° - ACCENSIONE DI PRESTITI ,00 Titolo 4° - ALIENAZIONI, TRASFERIMENTI DI CAPITALE E RISCOSSIONI DI CREDITI ,96Titolo 3° - EXTRATRIBUTARIE ,00Titolo 2° - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI ,00 Titolo 1° - TRIBUTARIE ENTRATA ,04 TOTALE COMPLESSIVO SPESE 0,00 Disavanzo applicato ,00 Titolo 4° - SPESE PER SERVIZI C/TERZI ,00 Titolo 3° - RIMBORSO PRESTITI ,00Titolo 2° - CONTO CAPITALE ,04 Titolo 1° - CORRENTI SPESA

5 5 RISULTATI GESTIONE FINANAZIARIA DI COMPETENZA ,17 TOTALE ENTRATE ,67Titolo 6° - ENTRATE PER SERVIZI C/TERZI ,99 Titolo 5° - ACCENSIONE DI PRESTITI ,30 Titolo 4° - ALIENAZIONI,, TRASFERIMENTI DI CAPITALE E RISCOSSIONI DI CREDITI ,47Titolo 3° - EXTRATRIBUTARIE ,68 Titolo 2° - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI ,06Titolo 1° - TRIBUTARIE Accertamenti 2013 ENTRATA ,36 TOTALE SPESE ,67Titolo 4° - SPESE PER SERVIZI C/TERZI ,49 Titolo 3° - RIMBORSO PRESTITI ,83 Titolo 2° - CONTO CAPITALE ,37 Titolo 1° - CORRENTI Impegni 2013 SPESA ,08 Avanzo di amministrazione 2012 applicato al 2013

6 6 RISULTATO CONTABILE AMMINISTRAZIONE ,57 0,00 Fondo di cassa al 31/12/ ,50in conto competenza ,45 in conto residui ,17 - somme rimaste da pagare ,29 in conto competenza + somme rimaste da riscuotere ,67 in conto residui ,74 Avanzo di amministrazione al 31/12/ = + - = , ,11in conto residui ,40 - pagamenti effettuati ,52 in conto residui + riscossioni effettuate ,57Fondo di cassa al 01/01/ ,88 in conto competenza ,86in conto competenza - pagamenti azioni esecutive non regolarizzate 0,00

7 7 -30,60% , , ,38Totale SPESE DI COMPETENZA ENTRATE DI COMPETENZA -29,00% , , ,30 Totale Scostamento in percentuale Diff. accertamenti- impegni con stanziamenti DEFINITIVI Accertamenti Impegni Stanziamenti definitivi L’obiettivo è fornire informazioni riguardanti gli scostamenti dei dati finanziari indicati nel conto del bilancio rispetto a quanto previsto. ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI CONFRONTO ACCERTAMENTI/IMPEGNI RISPETTO AGLI STANZIAMENTI

8 8 ENTRATE DI COMPETENZA 0,49% , , ,04 Totale Scostamento in percentuale Differenza tra stanziamenti definitivi e stanziamenti iniziali Stanziamenti definitivi Stanziamenti iniziali L’obiettivo è fornire informazioni riguardanti gli scostamenti dei dati finanziari indicati nel conto del bilancio rispetto a quanto previsto. ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI CONFRONTO PREVISIONI DEFINITIVE CON PREVISIONI INIZIALI SPESE DI COMPETENZA 0,49% , , ,04Totale

9 9 DESCRIZIONE Risultato finanziario contabile derivante dalla gestione di competenza , , , , ,81 Risultato finanziario contabile derivante dalla gestione residui , , , , ,24 Risultato finanziario contabile di amministrazione complessivo , , , , ,57 TREND STORICO DEI RISULTATI FINANZIARI L’Ente ha sempre registrato un avanzo di amministrazione

10 10 Saldo finanziario OBIETTIVO in termini di COMPETENZA MISTA ,00 Saldo finanziario REALIZZATO in termini di COMPETENZA MISTA ,00 OBIETTIVO DI COMPETENZA RAGGIUNTO Per l’anno 2013 è stato applicato il meccanismo della competenza mista. Determinante per raggiungere l’obiettivo 2013 è stata la cessione in favore del nostro Comune di spazi finanziari da parte della Regione Toscana (Patto regionale incentivato) per € 115,273,01 e, per effetto dello sblocco dei pagamenti della PA l’Ente ha potuto effettuare pagamenti di debiti certi liquidi ed esigibili al per € ,00 escludendoli dal saldo rilevante ai fini del Patto. L'originario obiettivo assegnato al nostro Comune era pari ad € ,00 mentre l'obiettivo finale 2013 è risultato pari ad euro ,00. Il nostro Comune ha rispettato gli obiettivi del Patto di stabilità PATTO DI STABILITÀ 2013

11 11 IMPATTO DELLA POLITICA FISCALE SUL BILANCIO ALIQUOTE IMU/ICI 2012 Aliquota IMU/ICI 1^ casa (x mille) 4,000 Aliquota IMU/ICI 2^ casa (x mille) 10,600 Aliquota IMU/ICI fabbricati produttivi (x mille) 10,600 Aliquota IMU/ICI altro (x mille) 10,600 ENTRATE TRIBUTARIE CONFRONTO ACCERTAMENTI CON PREVISIONI INIZIALI ENTRATE TRIBUTARIEPrevisioni iniziali Accertamenti 2013 Differenza tra accertamenti e previsioni iniziali Scostamento in percentuale IMU/ICI , , ,68 -13,01% Addizionale comunale IRPEF ,00 0,00 0,00% Addizionale energia elettrica 1.333, ,19 -0,81 -0,06% TARSU , , ,07 -3,27% TOSAP 0,00 0,00% COSAP , , ,20 2,55%

12 12 RACCOMANDAZIONI DEL REVISORE Il Revisore Unico dei Conti evidenzia le seguenti considerazioni: - Anticipazione di Tesoreria: pur tenendo conto delle cause che hanno indotto l’Ente al ricorso all’anticipazione di tesoreria in modo sostanzialmente continuativo anche nel corso del 2013, l’Organo di revisione raccomanda di porre in essere idonei provvedimenti correttivi atti ad evitare il ricorso all’anticipazione di tesoreria in modo ampio e ripetuto e ricondurlo al carattere di eccezionalità che esso dovrebbe avere. Inoltre la risoluzione dei problemi di liquidità permetterebbe di ulteriormente migliorare i tempi di pagamento dell’Ente; - Recupero evasione tributaria: nonostante il lieve miglioramento rispetto all’anno precedente dei risultati ottenuti dall’azione di recupero dell’evasione dei tributi, l’Organo di revisione ritiene che l’Ente debba accelerare e intensificare ogni azione volta al recupero delle somme rappresentate dalla considerevole mole di residui attivi ancora esistenti alla fine dell’esercizio. - Proventi dei beni dell’ente: i residui attivi rilevati a fine esercizio, inducono a raccomandare maggiore attenzione nel monitoraggio e recupero dei crediti risultanti alla fine dell’esercizio con particolare riguardo alla riscossione dei fitti attivi.

13 13 RACCOMANDAZIONI DEL REVISORE - Società partecipate: è fatta all’Ente raccomandazione di continuare l’azione di monitoraggio dei risultati delle partecipate e di definizione delle partite di credito/debito esistenti alla fine del corrente esercizio così come disposto dall’art. 6 c.4 del d.l. 95/ Rispetto alla formazione dei debiti fuori bilancio: che sia ridotto all’indispensabile il ricorso a questa procedura e nel tempo che vengano verificate e ricercate eventuali responsabilità non imputabili al Comune e condotte eventuali azioni di recupero; -Rispetto ai residui passivi: che sono anche punti fermi dell’opera di controllo e accertamento della Corte dei Conti, in quanto possono costituire passività potenziali, occorre provvedere ad una attenta analisi e verifica delle ragioni del loro mantenimento in bilancio, sulla base della normativa vigente; Il revisore attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione ed esprime parere favorevole per l’approvazione del rendiconto dell’esercizio finanziario 2013, invitando gli organi dell’Ente a tener conto, già a partire dal corrente esercizio, delle osservazioni e dei rilievi e suggerimenti avanzati con la presente relazione. -Inoltre l’Organo di Revisione consiglia all’Ente di esercitare un costante controllo sull’andamento dei costi relativi al personale dipendente.

14 14 COMUNE DI MASSA MARITTIMA BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ASSESSORATO BILANCIO/PATRIMONIO Consiglio Comunale 30 Aprile 2013 Giacomo Michelini - Assessore Delegato


Scaricare ppt "1 COMUNE DI MASSA MARITTIMA BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ASSESSORATO BILANCIO/PATRIMONIO Consiglio Comunale 30 Aprile 2014 Giacomo Michelini – Assessore Delegato."

Presentazioni simili


Annunci Google