La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La progettazione per competenze negli Istituti Tecnici e nei Licei 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La progettazione per competenze negli Istituti Tecnici e nei Licei 1."— Transcript della presentazione:

1 La progettazione per competenze negli Istituti Tecnici e nei Licei 1

2 La progettazione formativa per competenze: la valutazione 2

3 3 E’ la valutazione che ricorre continuamente nel contesto di un ambiente di apprendimento significativo e riflette le esperienze di apprendimento reale, che può essere documentato attraverso l’osservazione, la registrazione di fatti, diari, elaborati. Coinvolge gli studenti in compiti che richiedono loro di applicare le conoscenze e le abilità nelle esperienze del mondo reale. Winograd-Perkins, 1996

4 4 Lo studente è coinvolto attivamente nel processo di apprendimento, prima di giungere al momento della verifica Il docente guida il processo, sollecita, facilita l’apprendimento che si sviluppa dinamicamente attraverso le attività progettuali I docenti del Consiglio di classe predispongono gli strumenti per la verifica ed esprimono il giudizio di valutazione al termine dell’UDA

5 5 Il docente insegna, prevalentemente con la lezione frontale Lo studente assimila (interiorizzando, riproducendo, rielaborando) Il docente predispone la verifica (prove orali e scritte) ed esprime il giudizio di valutazione

6 6 Il processo di valutazione consiste nella raccolta sistematica delle evidenze che, al termine dell’UDA realizzata, segnalano il processo degli apprendimenti della persona, in termini di competenze, ed in riferimento a specifiche dimensioni: Dimensioni delle competenze da valutare ProdottoProcessoRelazione Metaco- gnizione

7  Le evidenze relative a ciascuna dimensione sono espresse tramite la RUBRICA di VALUTAZIONE, che riporta: indicatori, descrittori e livelli di raggiungimento/possesso/ padronanza dell’aspetto di competenza osservato e rilevato;  Indicatori e descrittori sono scelti in base alla natura del compito valutativo. 7 IndicatoriDescrittoriLivelli Autonomia L’alunno coglie subito la finalità del compito assegnato al gruppo; si propone come relatore; aiuta chi non ha capito cosa fare. 4 L’alunno non comprende la finalità del lavoro assegnato al gruppo; esegue l’incarico con superficialità e disattenzione. 1 Esemplificazione della Rubrica di valutazione della Relazione

8 Prestazione autentica Rubrica di valutazione Autovalutazione 8 VERIFICA Giudizio di valutazione

9 Prestazione autentica 9 VERIFICA  La prestazione autentica è una situazione complessa, un compito sfidante, che simula contesti reali.  Deve mettere l’alunno in condizione di mobilitare conoscenze, abilità, strategie metacognitive, attitudini.  E’ un compito progettato per simulare sfide del mondo reale.

10 LA PRESTAZIONE AUTENTICA E’ VALUTATA CON LA RUBRICA DI VALUTAZIONE Rubrica di valutazione COSA SONO LE RUBRICHE DI VALUTAZIONE?  Strumenti che prevedono la scomposizione della prestazione in dimensioni significative, pertanto si costruiscono: la Rubrica di valutazione del Prodotto, del Processo, della Relazione, della Metacognizione;  Per ogni dimensione è necessario prevedere la definizione dei livelli di prestazione attesi. 10 Giudizio di valutazione

11 Autovalutazione Esempio di scheda di autovalutazione 11 L’alunno è chiamato ad illustrare e diagnosticare il percorso formativo svolto nell’UDA e si autovaluta. I descrittori di livello fanno riferimento implicito alle dimensioni significative della/e competenza/e. Preparazione Eccellente Ho compreso con chiarezza il compito Ho valorizzato le mie conoscenze AdeguataHo completato il compito Ho utilizzato le mie conoscenze BasilareHo compreso parti del compito Ho completato il compito parzialmente

12 12 Il giudizio di valutazione: 1. è stabilito sulla prestazione autentica; 2. misura ciò che lo studente sa fare con ciò che sa; 3. si ottiene tecnicamente sommando i punteggi di ogni Rubrica di valutazione e attribuendo ai vari range di punteggio un certo giudizio di padronanza della competenza, definito su una scala di quattro gradi: Lacunoso, Basilare, Intermedio, Avanzato. Ogni giudizio descrive sinteticamente il livello di padronanza della competenza nelle dimensioni osservate e testate.

13 13 LIVELLI di COMPETENZA Livelli dei punteggi relativi alle Rubriche VOTI LACUNOSODa 15 a 254/1 BASILAREDa 26 a 366/5 INTERMEDIODa 37 a 488/7 AVANZATODa 49 a 6010/9 La predisposizione di una tabella di corrispondenza LIVELLI/VOTI consente l’utilizzo dei voti decimali nelle valutazioni istituzionali.

14 14 Per una più completa illustrazione del “funzionamento” delle Rubriche di valutazione e per una dettagliata descrizione dei livelli di competenza espressi come Lacunoso, Basilare, Intermedio, Avanzato, si rimanda al documento denominato: Allegato 1, Rubriche di valutazione e Giudizi di padronanza delle Competenze, pubblicato sul sito della scuola unitamente al presente lavoro. Il documento è stato fornito ai docenti della scuola in occasione di un precedente Corso di formazione.


Scaricare ppt "La progettazione per competenze negli Istituti Tecnici e nei Licei 1."

Presentazioni simili


Annunci Google