La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PARROCCHIA S. GIACOMO MAGGIORE - Messina - dd EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO …per una Chiesa in uscita Spunti dalla Evangelii Gaudium V parte 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PARROCCHIA S. GIACOMO MAGGIORE - Messina - dd EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO …per una Chiesa in uscita Spunti dalla Evangelii Gaudium V parte 1."— Transcript della presentazione:

1 PARROCCHIA S. GIACOMO MAGGIORE - Messina - dd EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO …per una Chiesa in uscita Spunti dalla Evangelii Gaudium V parte 1

2 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO L’evangelizzazione implica un cammino di dialogo. EG 238 2

3 CHIESA IN DIALOGO "V'è un atteggiamento che la Chiesa cattolica deve assumere in quest'ora della storia del mondo... la Chiesa deve venire a dialogo col mondo in cui si trova a vivere. La Chiesa si fa parola; la Chiesa si fa messaggio; la Chiesa si fa colloquio". Paolo VI, Enciclica Ecclesiam suam,

4 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO Per la Chiesa in questo tempo ci sono, in modo particolare, tre ambiti di dialogo nei quali deve essere presente per adempiere un servizio in favore del pieno sviluppo dell’essere umano e perseguire il bene comune EG 238 4

5 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO Il dialogo con gli Stati con la società – che comprende il dialogo con le culture e le scienze – con altri credenti che non fanno parte della Chiesa cattolica. In tutti i casi «la Chiesa parla a partire da quella luce che le offre la fede» EG 238 5

6 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO La Chiesa proclama «il vangelo della pace» (Ef 6,15) ed è aperta alla collaborazione con tutte le autorità nazionali e internazionali per prendersi cura di questo bene universale tanto grande. Nell’annunciare Gesù Cristo, che è la pace in persona (cfr Ef 2,14), la nuova evangelizzazione sprona ogni battezzato ad essere strumento di pacificazione e testimonianza credibile di una vita riconciliata. EG

7 IL DIALOGO NELLA EVANGELII GAUDIUM Il dialogo tra la fede, la ragione e le scienze Anche il dialogo tra scienza e fede è parte dell’azione evangelizzatrice che favorisce la pace EG 242 Il dialogo ecumenico L’impegno ecumenico risponde alla preghiera del Signore Gesù che chiede che «tutti siano una sola cosa» (Gv 17,21). La credibilità dell’annuncio cristiano sarebbe molto più grande se i cristiani superassero le loro divisioni e la Chiesa realizzasse «la pienezza della cattolicità a lei propria in quei figli che le sono certo uniti col battesimo, ma sono separati dalla sua piena comunione». EG 244 7

8 IL DIALOGO NELLA EVANGELII GAUDIUM Il dialogo interreligioso Un atteggiamento di apertura nella verità e nell’amore deve caratterizzare il dialogo con i credenti delle religioni non cristiane, nonostante i vari ostacoli e le difficoltà. Questo dialogo interreligioso è una condizione necessaria per la pace nel mondo, e pertanto è un dovere per i cristiani, come per le altre comunità religiose. EG

9 Un dialogo è molto di più che la comunicazione di una verità. Si realizza per il piacere di parlare e per il bene concreto che si comunica tra coloro che si vogliono bene per mezzo delle parole. È un bene che non consiste in cose, ma nelle stesse persone che scambievolmente si donano nel dialogo. EG 142 IL DIALOGO E’ UN BENE 9

10 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO In una civiltà paradossalmente ferita dall’anonimato e, al tempo stesso, ossessionata per i dettagli della vita degli altri, spudoratamente malata di curiosità morbosa, la Chiesa ha bisogno di uno sguardo di vicinanza per contemplare, commuoversi e fermarsi davanti all’altro tutte le volte che sia necessario. EG

11 Papa Francesco: Angelus del 15/2/2015 Per essere “imitatori di Cristo” (cfr 1 Cor 11,1) di fronte a un povero o a un malato, non dobbiamo avere paura di guardarlo negli occhi e di avvicinarci con tenerezza e compassione, e di toccarlo e di abbracciarlo. Ho chiesto spesso, alle persone che aiutano gli altri, di farlo guardandoli negli occhi, di non avere paura di toccarli; che il gesto di aiuto sia anche un gesto di comunicazione: anche noi abbiamo bisogno di essere da loro accolti. 11

12 Papa Francesco: Angelus del 15/2/2015 Un gesto di tenerezza, un gesto di compassione… Ma io vi domando: voi, quando aiutate gli altri, li guardate negli occhi? Li accogliete senza paura di toccarli? Li accogliete con tenerezza? Pensate a questo: come aiutate? A distanza o con tenerezza, con vicinanza? Se il male è contagioso, lo è anche il bene. Pertanto, bisogna che abbondi in noi, sempre più, il bene. Lasciamoci contagiare dal bene e contagiamo il bene! 12

13 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO In questo mondo i ministri ordinati e gli altri operatori pastorali possono rendere presente la fragranza della presenza vicina di Gesù ed il suo sguardo personale. La Chiesa dovrà iniziare i suoi membri – sacerdoti, religiosi e laici – a questa “arte dell’accompagnamento”, perché tutti imparino sempre a togliersi i sandali davanti alla terra sacra dell’altro (cfr Es 3,5). Dobbiamo dare al nostro cammino il ritmo salutare della prossimità, con uno sguardo rispettoso e pieno di compassione ma che nel medesimo tempo sani, liberi e incoraggi a maturare nella vita cristiana. EG

14 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO Occorre sapersi inserire nel dialogo con gli uomini e le donne di oggi per comprendere le attese, i dubbi, le speranze e offrire loro il Vangelo, cioè Gesù Cristo, Dio fatto uomo, morto e risorto per liberarci dal peccato e dalla morte.” Papa Francesco,Discorso del

15 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO Più che mai abbiamo bisogno di uomini e donne che, a partire dalla loro esperienza di accompagnamento, conoscano il modo di procedere, dove spiccano la prudenza, la capacità di comprensione, l’arte di aspettare, la docilità allo Spirito, per proteggere tutti insieme le pecore che si affidano a noi dai lupi che tentano di disgregare il gregge. Abbiamo bisogno di esercitarci nell’arte di ascoltare, che è più che sentire. EG

16 IL PRIMATO DELL’ASCOLTO Per evitare il rischio di teorie prescrittive e astratte, la raccomandazione condivisa è di partire dall’ascolto del vissuto: una via, questa, capace di riconoscere la bellezza dell’umano “in atto… ascoltare l’umano significa, dunque, vedere la bellezza di ciò che c’è, nella speranza di ciò che ancora può venire, consapevoli che si può solo ricevere. In Cristo il nuovo umanesimo. Una traccia per il cammino 16

17 IL PRIMATO DELL’ASCOLTO Nella comunicazione con l’altro è fondamentale la capacità del cuore che rende possibile la prossimità, senza la quale non esiste un vero incontro spirituale. L’ascolto ci aiuta ad individuare il gesto e la parola opportuna che ci smuove dalla tranquilla condizione di spettatori. Solo a partire da questo ascolto rispettoso e capace di compatire si possono trovare le vie per un’autentica crescita, si può risvegliare il desiderio dell’ideale cristiano, l’ansia di rispondere pienamente all’amore di Dio e l’anelito di sviluppare il meglio di quanto Dio ha seminato nella propria vita. EG171 17

18 AMORE… UNICA LUCE L’amore per la gente è una forza spirituale che favorisce l’incontro in pienezza con Dio fino al punto che chi non ama il fratello «cammina nelle tenebre» (1 Gv 2,11), «rimane nella morte» (1 Gv 3,14) e «non ha conosciuto Dio» (1 Gv 4,8). EG

19 AMORE… UNICA LUCE Benedetto XVI ha detto che «chiudere gli occhi di fronte al prossimo rende ciechi anche di fronte a Dio», e che l’amore è in fondo l’unica luce che «rischiara sempre di nuovo un mondo buio e ci dà il coraggio di vivere e di agire». Pertanto, quando viviamo la mistica di avvicinarci agli altri con l’intento di cercare il loro bene, allarghiamo la nostra interiorità per ricevere i più bei regali del Signore. EG

20 AMORE… UNICA LUCE Ogni volta che ci incontriamo con un essere umano nell’amore, ci mettiamo nella condizione di scoprire qualcosa di nuovo riguardo a Dio. Ogni volta che apriamo gli occhi per riconoscere l’altro, viene maggiormente illuminata la fede per riconoscere Dio. Come conseguenza di ciò, se vogliamo crescere nella vita spirituale, non possiamo rinunciare ad essere missionari. EG

21 AMORE… UNICA LUCE L’impegno dell’evangelizzazione arricchisce la mente ed il cuore, ci apre orizzonti spirituali, ci rende più sensibili per riconoscere l’azione dello Spirito, ci fa uscire dai nostri schemi spirituali limitati. Contemporaneamente, un missionario pienamente dedito al suo lavoro sperimenta il piacere di essere una sorgente, che tracima e rinfresca gli altri. Può essere missionario solo chi si sente bene nel cercare il bene del prossimo, chi desidera la felicità degli altri. Questa apertura del cuore è fonte di felicità, perché «si è più beati nel dare che nel ricevere» (At 20,35). Non si vive meglio fuggendo dagli altri, nascondendosi, negandosi alla condivisione, se si resiste a dare, se ci si rinchiude nella comodità. Ciò non è altro che un lento suicidio. EG

22 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO Intervista a mons. Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, arcivescovo di Bangkok, Tailandia, creato Cardinale il 14/2/2015 In base alla sua esperienza pastorale, qual è il metodo – diciamo così – che la Chiesa deve adottare in Asia per portare il Vangelo alla gente, pensando che la Chiesa cattolica è una minoranza? R. – Credo che – come anche il Papa ha detto – la strada sia il dialogo. Il dialogo è la via per entrare in rapporto con tutti, non soltanto a livello delle religioni. Dialogare è la cosa che ci vuole oggi per il mondo. 22

23 EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO L'evangelizzazione comporta anche il dialogo sincero, che cerca di comprendere le ragioni ed i sentimenti altrui. Al cuore dell'uomo, infatti, non si accede senza gratuità, carità e dialogo, cosicché la parola annunciata non sia solo proferita ma anche adeguatamente attestata nel cuore dei suoi destinatari. Ciò esige di tener conto delle speranze e delle sofferenze, delle situazioni concrete di coloro ai quali ci si rivolge. Inoltre, proprio attraverso il dialogo, gli uomini di buona volontà aprono più liberamente il cuore e condividono sinceramente le loro esperienze spirituali e religiose. Tale condivisione, caratteristica della vera amicizia, è un'occasione preziosa per la testimonianza e per l'annuncio cristiano. CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE NOTA DOTTRINALE SU ALCUNI ASPETTI DELL'EVANGELIZZAZIO NE 23

24 ORIGINE TRASCENDENTE DEL DIALOGO Paolo VI fa del dialogo un concetto “teologico” e non soltanto un’espressione di tolleranza e di buona educazione, che consenta a due persone che s’incontrano di parlare entrambe e di ascoltarsi vicendevolmente; il dialogo ha origine trascendente, cioè a dire che il primo dialogo è quello dell’uomo con Dio. Paolo VI, Enciclica Ecclesiam suam, 1964( n. 41). 24

25 ORIGINE TRASCENDENTE DEL DIALOGO La Chiesa si interroga sul disegno di Dio su ciascuno e sulla Chiesa stessa. “Si deve sempre partire dalla volontà di Dio: il dialogo ha origine trascendente, non esistenziale o antropologica”. 25

26 Chi fa l’evangelizzazione è Dio Papa Francesco ribadisce questa verità opponendola all’eccesso di burocratizzazione che talvolta nella Chiesa può ostacolare l’accostarsi delle persone a Dio. Il modello cui rifarsi – afferma – è Filippo, il quale nel brano degli Atti degli Apostoli (8,26ss) mette in luce le tre qualità cristalline di un cristiano: docilità allo Spirito, dialogo, fiducia nella grazia. 08/05/14 Papa Francesco: docilità e dialogo per evangelizzare dal sito di RADIO VATICANA 26

27 1. DOCILITA’ ALLO SPIRITO La prima spicca nel momento in cui lo Spirito indica a Filippo di interrompere le sue attività e di raggiungere la carrozza sulla quale sta viaggiando, tra Gerusalemme e Gaza, il ministro della regina di Etiopia. “Lui, Filippo, ubbidisce, è docile alla chiamata del Signore. Sicuramente ha lasciato tante cose che doveva fare, perché i discepoli di Gesù in quel tempo erano tanto indaffarati nell’evangelizzazione. Lascia tutto e va. E questo ci fa vedere che senza questa docilità alla voce di Dio nessuno può evangelizzare, nessuno può annunziare Gesù Cristo: in linea di massima, annuncerà se stesso. E’ Dio che chiama, è Dio che a Filippo lo mette in cammino. E Filippo va. E’ docile”. 08/05/14 Papa Francesco: docilità e dialogo per evangelizzare dal sito di RADIO VATICANA 27

28 2. DIALOGO Per Filippo l’incontro col ministro etiope diventa occasione di annuncio del Vangelo. Ma questo annuncio, spiega Papa Francesco, non è un insegnamento fatto cadere dall’alto, imposto. È un dialogo, che l’Apostolo ha lo scrupolo di cominciare rispettando la sensibilità spirituale del suo interlocutore, che sta leggendo senza riuscire a comprenderlo un brano del Profeta Isaia. 08/05/14 Papa Francesco: docilità e dialogo per evangelizzare dal sito di RADIO VATICANA 28

29 2. DIALOGO “Non si può evangelizzare senza il dialogo. Non si può. Perché tu devi partire proprio da dove è la persona che deve essere evangelizzata. E quanto importante è questo. ‘Ma, padre, si perde tanto tempo, perché ognuno ha la sua storia, viene con questo, le sue idee...’. E perde il tempo… Più tempo ha perso Dio nella creazione del mondo e l’ha fatta bene! Il dialogo. Perdere il tempo con l’altra persona, perché quella persona è quella che Dio vuole che tu evangelizzi, che tu gli dia la notizia di Gesù è più importante. Ma come è, non come deve essere: come è adesso”. 08/05/14 Papa Francesco: docilità e dialogo per evangelizzare dal sito di RADIO VATICANA 29

30 3. AFFIDARSI ALLA GRAZIA Terzo, affidarsi alla grazia: è più importante la grazia che tutta la burocrazia. ‘Cosa impedisce che?’. Ricordiamo questo. E tante volte noi in Chiesa siamo una ditta per fabbricare impedimenti, perché la gente non possa arrivare alla grazia. Che il Signore ci faccia capire questo”. 08/05/14 Papa Francesco: docilità e dialogo per evangelizzare dal sito di RADIO VATICANA 30

31 DIALOGO E SALVEZZA Altro grande principio da cui bisogna partire, è che il dialogo deve sempre avvenire in funzione della salvezza: “il nostro dialogo non può essere una debolezza rispetto all’impegno verso la fede” Paolo VI, Enciclica Ecclesiam suam ( n. 51). 31

32 DIALOGO E SALVEZZA La conversione è necessaria dopo aver scrutato la volontà di Dio, che non è mai pienamente e adeguatamente realizzata in questo mondo. In altri termini è il lasciarsi mettere in discussione, ma in relazione alla verità del pensiero di Dio, in tal senso la Chiesa deve continuamente aggiornarsi. 32

33 DIALOGO E SALVEZZA Quando si parla di annuncio della fede occorre sempre partire dalla meditazione del Mistero di Dio e dalla nostra continua conversione ad esso, senza queste due premesse ineludibili non c’è dialogo di salvezza con il mondo né annuncio del Vangelo, “mancando di rispetto verso la nostra fede” (Paolo VI). 33

34 Domande per la riflessione 1. Quale dialogo nella nostra esperienza di missione? 2. È possibile dialogare con chi non vuol farlo? Quali atteggiamenti assumere dinanzi al rifiuto? 3. Che cosa significa dialogare in posizione di parità? 4. Perché il dialogo non sminuisce la fedeltà alla verità? 34


Scaricare ppt "PARROCCHIA S. GIACOMO MAGGIORE - Messina - dd EVANGELIZZAZIONE E DIALOGO …per una Chiesa in uscita Spunti dalla Evangelii Gaudium V parte 1."

Presentazioni simili


Annunci Google