La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FUTURO DELLE APP IN MEDICINA GF Gensini FIRENZE, 8 Novembre 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FUTURO DELLE APP IN MEDICINA GF Gensini FIRENZE, 8 Novembre 2014."— Transcript della presentazione:

1 IL FUTURO DELLE APP IN MEDICINA GF Gensini FIRENZE, 8 Novembre 2014

2 Il Piano d’azione “Sanità elettronica” (1/4) Il Piano d’azione “Sanità elettronica” pubblicato dalla Commissione Europea a fine 2012 ha evidenziato la necessità di affrontare la mancata chiarezza su alcuni aspetti giuridici e di altra natura legati alla “sanità mobile” (m-health) e alle “applicazioni per la salute e il benessere” “ La crescita del mercato della sanit à e del benessere ha comportato un rapido aumento del numero di applicazioni di software per dispositivi mobili (le cosiddette “ app ” ). Tali applicazioni sono in grado di fornire informazioni, strumenti di diagnosi, possibilit à di autoquantificazione nonch é nuove forme di assistenza. Queste soluzioni rendono meno netta la distinzione tra la l ’ assistenza clinica tradizionale a cura dei medici curanti e l ’ autogestione dell ’ assistenza e del benessere. Gli operatori di rete, i fornitori di strumentazioni, gli sviluppatori di software e gli operatori sanitari sono interessati a chiarire quale sia il ruolo che potrebbero assumere nella catena di valore della sanit à mobile.

3 ENIAC Utilizzo: 16 febbraio 1946 – 2 ottobre 1955 in Phyladelphia Il primo computer elettronico general purpose della storia, utilizzato per calcoli balistici della Marina USA. Superficie occupata: 180 mq, peso 30 tonnellate, valvole termoioniche installate. Progettato e costruito alla Moore School of Electrical Engineering, University of Pennsylvania, da J. Presper Eckert e John Mauchly Da dove siamo partiti.....

4 Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR Un piccolo laboratorio APP (abbreviazione di “applicazione”) indica un’applicazione informatica per dispositivi di tipo mobile (smartphone, tablet, smartwatch, smartglass, ecc.). Geolocalizzazione GPS Rete Sensori: Accelerometro Giroscopio Sensore luminosità Magnetometro Sensore di prossimità Telecamera/e Barometro Altri…… Elaborazione e storage CPU monocore e multicore Memoria interna ed espandibile Interazione utente: Touch screen Tastiera Connettività: Bluetooth WIFI GSM, 3G, 4G Le APP si legano a dispositivi mobili che offrono interessante capacità di calcolo e memorizzazione, connettività e sensori.

5 Uno strumento di raccolta dati Laboratorio Gestione strumentale Connettività e sistemi di storage Esterno Un display e un sistema di storage trasportabile e comodo Geolocalizzazione Connettività (in area servita) Ambienti difficili Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

6 Ricerca: un prototipo di ieri Un esempio: progetto di ricerca finalizzato al monitoraggio di xx parametri fisiologici nell’arco delle 24 ore nel paziente sottoposto allo stimolo/farmaco yy. Sviluppo di software dedicato Sviluppo di hardware dedicato Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

7 Ricerca: la soluzione di oggi Uso di uno smartphone e sviluppo di una APP Facile realizzazione di connettività verso sistemi di processing, monitoraggio, storage. Grande disponibilità commerciale di nuovi sensori ed APPS Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

8 Il Piano d’azione “Sanità elettronica” (2/4) Il 26 settembre 2012 la Commissione ha proposto due regolamenti volti a rafforzare il quadro regolamentare europeo per i dispositivi medici e per i dispositivi medico - diagnostici in vitro Queste proposte sono volte ad aumentare il grado di protezione della salute nell’UE, migliorando al contempo il funzionamento del mercato interno e stimolando l’innovazione e la competitività in questi due ambiti

9 Il Piano d’azione “Sanità elettronica” (3/4) Vista la situazione complessa creata dalle applicazioni sanitarie mobili e in particolare dalle applicazioni sulla salute e il benessere è necessario chiarire ulteriormente il quadro giuridico che si applica a queste realtà specifiche. applicabilità dei quadri in vigore uso dei dati raccolti mediante tali applicazioni da parte di singoli soggetti e professionisti medici se e come saranno integrati nei sistemi di assistenza sanitaria. Anche la chiarezza delle informazioni e la facilità d’uso sono aspetti importanti in tal senso. Tutto ciò va realizzato evitando un’eccessiva regolamentazione, poiché stiamo parlando di una tipologia di tecnologie dai costi e rischi più contenuti, ma anche meno redditizia. Biffoli C 2014

10 Il Piano d’azione “Sanità elettronica” (4/4) La sfida consiste anche nel garantire che il mercato delle applicazioni per la salute e il benessere corrisponda alle esigenze dei cittadini in termini di qualità e trasparenza In risposta alle raccomandazioni e alla proposta della task force sulla sanità elettronica la Commissione ha adottato un Libro verde relativo alla sanità mobile e alle applicazioni per la salute e il benessere, inserendo un apposito capitolo dedicato alla situazione del contesto legislativo attuale Questo proposito dovrebbe essere agevolato dalla presenza di informazioni di elevata qualità e comprensibili in merito all’uso e alle prestazioni delle applicazioni in oggetto e dalla garanzia di interoperabilità tra gli aspetti legati alla salute e quelli legati al benessere.” Biffoli C 2014

11 MEDICAL DEVICES: Guidance document - Qualification and Classification of stand alone software (MEDDEV 2.1/6) Non ci sono attualmente norme vincolanti che consentono di delimitare le app destinate al benessere e agli stili di vita rispetto alle app che si configurano come dispositivi medici Allo scopo di sostenere gli sviluppatori e fabbricanti di software nell’identificare se i loro prodotti ricadono o meno sotto la Direttiva per i dispositivi medici o per i dispositivi diagnostici in vitro, gli uffici della Commissione,da Gennaio 2012, hanno predisposto un apposito documento che sarà aggiornato continuamente. Biffoli C 2014

12 mHealth come dispositivi medici o dispositivi medici in vitro Alcune mHealth app possono ricadere sotto la definizione di dispositivo medico o dispositivo diagnostico in vitro e, di conseguenza, essere aderenti ai requisiti di sicurezza e prestazioni previsti, rispettivamente, dalla direttiva 43/92/UE relativa ai dispositivi medici, recepita in Italia dal D. Lgs. 46/97, e dalla Direttiva 98/79/UE relativa ai dispositivi diagnositici in vitro, recepita in Italia dal D. Lgs. 8 settembre 2000, n. 332 Le informazioni sull'attuale regolamentazione dei dispositivi medici e dispositivi medico diagnostici in vitro, utili a chi intende mettere sul mercato una app, sono disponibili sul portale web del Ministero della salute Biffoli C 2014

13 Elenco dei dispositivi medici e dispositivi medici impiantabili attivi In merito alla presenza sul mercato italiano di App già registrate come dispositivi medici, è possibile consultare l’Elenco dei dispositivi medici disponibile sul sito del Ministero della salute Biffoli C 2014

14 APP sviluppate Il Ministero della salute si è fatto promotore di app destinate al benessere e allo stile di vita dei cittadini, rendendole disponibili gratuitamente sul proprio APP Store. Le soluzioni possono essere classificate secondo la funzione d'uso: "Stile di vita", "Tenersi aggiornati" e "Approfondimento" Biffoli C 2014

15 APP – "Stile di Vita" QUANTO FUMI? L’obiettivo dell’applicazione `e quello di dare all’utente la percezione di quanto fuma per aiutarlo a smettere. L’applicazione si presenta come un “contenitore di sigarette” con una dimensione fissata dall’utente. Ogni volta che l’utente fuma una sigaretta lo annota nell’applicazione che aggiunge una sigaretta al contenitore. Questo tipo di informazioni sono utili all’utente per avere la percezione di quanto e quando fuma e impostare sempre limiti più stringenti per riuscire definitivamente a smettere di fumare. ADRENALINA PURA Il Quiz Game musicale che ti permette in modo divertente di calcolare il tuo tasso alcolemico IMC - INDICE DI MASSA CORPOREA App nata per valutare i rischi correlati al sovrappeso e all'obesità in soggetti adulti (18-65 anni). Un dato biometrico, espresso come rapporto tra il peso e l’altezza di un individuo, utilizzato come indicatore dello stato di peso forma. Biffoli C 2014

16 APP – "Tenersi aggiornati" EDICOLA SALUTE App nata per informare e aggiornare tutti i cittadini in tema di sanità e salute, consentendo la consultazione gratuita delle pubblicazioni del Ministero della Salute. SE PARTO PER… Guida interattiva che permette a tutti coloro che sono iscritti e a carico del SSN ed a tutti gli operatori sanitari, di avere informazioni relative al: diritto o meno all’assistenza sanitaria durante un soggiorno o la residenza in un qualsiasi Paese del mondo; come ottenere l’assistenza sanitaria in un qualsiasi Paese del mondo; a chi rivolgersi; come richiedere eventuali rimborsi CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE App nata allo scopo di informare i cittadini sullo stato di avanzamento nella realizzazione delle reti di assistenza da parte delle Regioni. il Ministero ha raccolto e pubblicato dati relativi a 500 strutture sanitarie che costituiscono l'intera rete nazionale di cure palliative e terapia del dolore Biffoli C 2014

17 APP – "Approfondimento" (1/2) INFLUENZOMETRO App per conoscere i sintomi dell'influenza. VACCINOMETRO App per sapere se hai bisogno di vaccinarti contro l'influenza. METEO INFLUENZA App per scoprire il rischio influenza Biffoli C 2014

18 APP – "Approfondimento" (2/2) PLANNER DELLE VACCINAZIONI App nata per suggerire le vaccinazioni da fare e quando farle, in base al Piano nazionale vaccini ed è anche un utile pro- memoria per ricordare le dosi già somministrate. CELIACHIA, IMPARIAMO A CONVIVERCI App nata per fornire accorgimenti sulla preparazione di piatti senza glutine in tutta sicurezza, riducendo al minimo le possibilità di contaminazione, e per fornire indicazioni sulla corretta lettura delle etichette dei prodotti alimentari LA MIA PELLE App nata per adottare comportamenti, diversi in base al fenotipo della singola persona, per prevenire il melanoma e gli altri tumori della pelle Biffoli C 2014

19 In aggiunta agli strumenti di navigazione e alle funzionalità di presentazione dei contenuti informativi, la homepage consente inoltre l’accesso diretto ad applicazioni interattive APP – Portale Web Biffoli C 2014

20 Per agevolare la produzione di applicazioni per dispositivi mobili, il Ministero della salute mette a disposizione dati in formato aperto sia sul sito del ministero (http://www.dati.salute.gov.it) sia su piattaforma cloudhttp://www.dati.salute.gov.it Open Data Biffoli C 2014

21 Alcune possibilità attualmente esistenti: ECG Medicina domiciliare Automonitoraggio del paziente ECG device per tablet già disponibili in commercio e con marchio CE o FDA-approved

22 Alcune possibilità attualmente esistenti: sonno Actigrafo per il monitoraggio del ritmo sonno-veglia e dell’attività fisica mediante analisi del segnale accellerometrico Utilizzo in campo medico (solo di strumenti validati!!!) Utilizzo nel campo del fitness Sleep-tracking app per iPhone che funziona tenendo lo smartphone sotto il cuscino

23 Alcune possibilità attualmente esistenti: ecocardio Funzione educativa per medici in formazione Le app sviluppate dalle società scientifiche hanno una funzione di disseminazione di standard di diagnosi e cura

24 Alcune possibilità attualmente esistenti: ecografia

25 Ma quali sono i rischi nascosti?

26 Limiti della tecnologia (risoluzione spaziale e cromatica) Errori di lettura e/o di interpretazione dei dati da parte del medico dovuti ad immagini non ottimali Courtesy of Giuseppina Terranova

27 Rischio per la salute derivante dall’utilizzo di applicazioni sanitarie non progettate e testate come Dispositivi Medici nonostante la tipologia d’uso lo richieda Errori di progettazione delle Medical Mobile Apps, malfunzionamento del dispositivo hardware e/o dei sensori Courtesy of Giuseppina Terranova Usl 5 Toscana

28 Mancanza di validazione delle informazioni gestite da App Fonti dubbie di provenienza dei contenuti scientifici Decision-making basato su referti/reperti non firmati digitalmente Courtesy of Giuseppina Terranova Usl 5 Toscana

29 Rischio derivante da un approccio ludico e commerciale al tema della salute Utilizzo improprio (consumer fraud) Instant Blood Pressure is for entertainment purposes only. It is not an FDA cleared medical device. Consult a doctor if you have any health concern The app promises to measure your blood pressure using just your iPhone. First, it asks you to place your finger on the camera (measuring your heart rate), and second, you have to place your phone’s microphone on your heart. $ 3,99 Courtesy of Giuseppina Terranova Usl 5 Toscana

30 Qualche esempio virtuoso …

31 App Ipertensione SIIA Sviluppata all’interno della Società Italiana dell’Ipertensione arteriosa scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet Consente di registrare i valori di pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, il peso corporeo, che possono poi essere “salvati in memoria” e risultare visibili sotto forma di grafici di agevole consultazione, che l'iperteso potrà mostrare al medico Fornisce informazioni utili sull’ipertensione arteriosa e su un corretto stile di vita Consente di individuare il più vicino centro di riferimento per l’ipertensione arteriosa accreditato SIIA, con gli indirizzi ed i numeri telefonici dei centri. Courtesy of Martina Rosticci Gruppo Giovani SIIA

32 App Ipertensione SIIA Courtesy of Martina Rosticci Gruppo Giovani SIIA

33 APPlicazioni terapeutiche: come favorire l’aderenza alla terapia nel paziente complesso burden disease therapies complexity pills tablets with food at lunch blood pressure blood tests drops 12:00 at breakfast sleep disorders ECG anxiety depression drugs painkillers pain Monday side effects fear 20 mg doctor medication adherence pain at dinner chronicity

34  Designed for complex therapies  It involves patient, doctor, caregiver and pharmacist  User-friendly and safe  Useful in the clinical practice and in the clinical research

35 Remember  When, how, why  Easy management of complex therapies  When drugs are running out Share  Adherence difficulties  Side effect concerns  Health outcomes (e.g. BP, QoL, sleep) Take care  Effective follow up  Improved decision-making  Clinical research

36

37 Caratteristiche L’app Diario Ipertensione è un software realizzato dalla Fondazione Bruno Kessler (TN) che ha come scopo la registrazione dei valori pressori misurati a domicilio dal paziente. L’App è gestita dal medico che stabilisce il programma di misurazione dei valori pressori. Una volta impostata la programmazione, il paziente non la può cambiare. Il diario con le misurazioni è sincronizzato automaticamente con un server al quale ha accesso il medico (tramite una specifica credenziale di accesso) che può così valutare il profilo pressorio del paziente

38 Courtesy of Gianfranco Gensini

39 Applicazioni innovative delle App nella ricerca

40 La potenza di calcolo non basta mai Oggi sono presenti oltre due miliardi di dispositivi in giro per il mondo e la somma complessiva della loro capacità di calcolo è superiore a quella del più grande supercomputer convenzionale oggi esistente. I possessori di uno smartphone possono essere protagonisti di un importante progetto di ricerca scientifica, semplicemente scaricando una APP e mettendo a disposizione la potenza di calcolo del proprio dispositivo quando non è utilizzato. La ricerca scientifica ha oggi bisogno di grandi potenze di calcolo Supercomputer Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

41 Una nuova raccolta di dati La grande diffusione dei dispositivi mobili crea nuove opportunità anche nella raccolta dei dati. Il crowdsourcing può utilizzare i dispositivi mobili per raccogliere dati attraverso questionari proposti all’utente, utilizzo di sensori, analisi comportamentali, ecc. TagMyDay (ISTI-CNR e Università di Pisa): Una app sfrutta la geolocalizzazione per studiare la mobilità nell’area metropolitana di Pisa The Great Brain (UCL - University College London) App per studi neurocognitivi basata su dati raccolti da persone che utilizzano un gioco Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

42 BIG DATA e nuove strategie I Big Data rappresentano una grande occasione per la ricerca medica moderna e la grande diffusione dei dispositivi mobili costituisce oggi una sorgente di dati molto interessante. Studio sulle malattie cardiache organizzato dall’Università della California. Sarà il più ampio di questo tipo mai realizzato, anche se confrontato con lo studio Framingham, iniziato nel 1948, che ha coinvolto 15mila partecipanti per tre generazioni. I partecipanti utilizzeranno APPS che li accompagneranno nella vita (gestione di questionari, inserimento dati, acquisizione automatica di informazioni, ecc.). I partecipanti indosseranno speciali sensori o aggiungeranno gadget al loro smartphone per acquisire dati specifici. Dispositivi mobili incrementeranno la raccolta dei dati e la renderanno più veloce. Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

43 Clinical trials Sperimentazioni cliniche propongono oggi modelli partecipativi che prevedono l’uso di APPS e dispositivi mobili La raccolta dei dati diventa più facile e veloce Aumenta la numerosità del campione I costi si riducono Le fasi dello studio diventano più brevi Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

44 Serious games - gamification Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. I serious game (lett. "giochi seri") sono giochi digitali che non hanno esclusivamente o principalmente uno scopo di intrattenimento, ma contengono elementi educativi. Generalmente i serious game sono strumenti formativi e idealmente gli aspetti seri e ludici sono in equilibrio. Al centro dell'attenzione sta la volontà di creare un'esperienza formativa efficace e piacevole, mentre il genere, la tecnologia, il supporto e il pubblico varia. È difficile trovare un netta distinzione dai giochi di intrattenimento, perché è spesso l'uso del giocatore stesso che ne determina l'aspetto formativo. Anche la simulazione virtuale interattiva è spesso considerata serious game. Entrambi hanno lo scopo fondamentale di sviluppare abilità e competenze da applicare nel mondo reale attraverso l'esercizio in un ambiente simulato e protetto. Diversamente dalla Gamification, che contiente solo alcuni elementi mutuati dai giochi, quali l'assegnazione di punti o il raggiungimento di livelli, il Serious Game è gioco a tutti gli effetti.giochiformativisimulazioneGamification

45

46

47

48

49

50 Le risorse per la ricerca La scarsità delle risorse economiche costituisce un evidente ostacolo allo sviluppo della ricerca scientifica La ricerca si avvicina alle piattaforme WEB specializzate nel crowdfunding. Evidenze dimostrano l’incremento delle donazioni grazie all’utilizzo dei dispositivi mobili. Stanno nascendo APP che permettono la raccolta dei fondi APP come strumento di crowdfunding. Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

51 Strumento di divulgazione Riviste scientifiche, convegni ed eventi formativi APP che offrono servizi editoriali di carattere scientifico sempre disponibili su un dispositivo mobile Progetti di ricerca accessibili al pubblico APP che offrono informazioni e aggiornamenti sui progetti di ricerca, accesso alle immagini, ai video e alle webcam. Visualizzano dati ed informazione in tempo reale. Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

52 I nuovi scenari della raccolta e gestione dei dati richiede una interazione più stretta anche con figure giuridiche solitamente estranee ai team di ricerca multidiciplinari presenti negli ambienti scientifici. Le APPS e la tecnologia mobile sono frutto di ricerche scientifiche che a sua volta diventano strumenti utili per il progresso scientifico. Le APPS sono oggi una straordinaria fonte di nuovi dati ed aprono nuove appetibili opportunità di ricerca. Courtesy of Marco Paterni Istituto di Fisiologia Clinica - CNR

53 Gestione emergenza EBOLA in Regione toscana

54 MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA’ Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l’intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni per il controllo della trasmissione del patogeno durante le fasi di soccorso e di trasporto; Far afferire i casi sospetti/probabili direttamente ai Reparti di Malattie Infettive per il ricovero. RIFERIMENTI Ministero della Salute, “Malattia da Virus Ebola. Protocollo centrale per la gestione dei casi e dei contatti sul territorio nazionale.” ottobre 2014 Ministero dell’Interno, 2010, “Procedura nazionale trasposto pazienti in alto biocontenimento” Ministero della Salute, Centro Nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie, “Febbri Emorragiche Virali (FEV), raccomandazioni e indicazioni per il trasporto”, 2006 World Health Organization, October 2014, “Ebola Virus Disease fact sheet” CDC, Center for Desease Control and Prevention, “Ebola emorragic fever site”, October 2014

55 MALATTIA DA VIRUS EBOLA CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO INTERVISTA TELEFONICA Per tutte le richieste pervenute alla Centrale Operativa 118 si procede, come di norma, ad intervista telefonica. In caso di presenza dei seguenti sintomi (CRITERIO CLINICO): FEBBRE MAGGIORE DI 38,6°C O STORIA DI FEBBRE NELLE ULTIME 24 ORE E almeno uno dei seguenti sintomi: Mal di testa intenso Vomito, Diarrea, Dolore Addominale Manifestazioni emorragiche di vario tipo non spiegabili l’operatore di ricezione dovrà procedere ad accertare se il paziente (CRITERIO EPIDEMIOLOGICO): abbia soggiornato nei precedenti 21 giorni in una delle aree affette da Malattia da Virus Ebola (come da informative del Ministero della Salute) oppure

56 MALATTIA DA VIRUS EBOLA oppure sia stato in contatto con un caso confermato o probabile di malattia da Virus Ebola nei precedenti 21 giorni. All’evento verrà attribuito appropriato giudizio di sintesi ai sensi del DM 15/05/1992 e del “Dispatch Regione Toscana” (PATOLOGIA PRESUNTA C15), documentando sulla scheda informatica l’identificazione di caso sospetto/probabile di Malattia da Virus Ebola e, se possibile, il numero di persone presenti. Inoltre, sarà cura dell’operatore di ricezione fornire le opportune istruzioni prearrivo, informando il paziente e/o i familiari che: il soggetto attenda l’equipaggio di soccorso nel luogo in cui si trova, evitando contatti con persone diverse da quelle già presenti; per minimizzare il rischio di contagio, è necessario evitare il contatto delle persone presenti con liquidi biologici del caso sospetto/probabile; l’equipaggio dell’ambulanza che giungerà sul luogo indosserà, come misura precauzionale, specifici dispositivi di protezione individuale; è opportuno che i presenti rimangano nel luogo in cui si trovano: la Centrale Operativa 118 informerà immediatamente il Dipartimento di Prevenzione che li contatterà al più presto per fornire loro tutte le necessarie informazioni. NB: Ove necessario, per i casi dubbi (presenza di criterio epidemiologico ma quadro sintomatologico non coincidente con quanto previsto come criterio clinico), la Centrale Operativa si avvarrà di consulenza telefonica con l’infettivologo di guardia, cui compete la definizione o meno del caso come sospetto o probabile; La Centrale Operativa procederà a completa intervista telefonica anche qualora il caso sospetto/probabile venga segnalato da altro Medico (Medicina Generale, Continuità Assistenziale, Uffici Sanità Marittima Aerea e di Frontiera- USMAF).

57 MALATTIA DA VIRUS EBOLA ATTIVAZIONE MEZZI ED EQUIPAGGI PER SOCCORSO/TRASPORTO Per i casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola, la Centrale Operativa provvederà ad attivare, per il soccorso ed il trasporto, esclusivamente equipaggi con professionista sanitario, dotati dei necessari DPI e specificamente formati (sarà cura di ogni Azienda Sanitaria identificare il numero di postazioni adeguate per dotazione e formazione a tale tipologia di soccorso/trasporto). La Centrale Operativa provvederà ad informare il/i professionista/i sanitario/i dell’identificazione di un caso sospetto/probabile di Malattia da Virus Ebola, affinché vengano adottate dall’equipaggio speciali precauzioni per il controllo della trasmissione del patogeno durante tutte le fasi di soccorso e di trasporto, e per la realizzazione dello specifico percorso diagnostico assistenziale predefinito (con particolare riferimento alla destinazione diretta del paziente ai reparti di Malattie Infettive ed alle indicazioni ricevute dalle singole Aziende in merito all’accesso ed ai tragitti intraospedalieri predefiniti). N.B. E’ escluso l’utilizzo del servizio di elisoccorso regionale per il trasporto di casi sospetti/probabili ALTRE ATTIVAZIONI Immediatamente dopo l’attivazione di equipaggi per il soccorso/trasporto la Centrale Operativa 118 provvederà ad informare del caso sospetto/probabile: Il Dipartimento di Prevenzione cui verrà fornito il luogo evento ed il numero telefonico del chiamante al fine di consentire il contatto più precocemente possibile; Il reparto di Malattie Infettive presso cui il paziente verrà trasportato, cui saranno comunicati i rilievi clinici ed epidemiologici acquisiti durante l’intervista telefonica. GESTIONE INTERVENTO DI SOCCORSO/TRASPORTO CASO SOSPETTO La Centrale Operativa, come di norma, provvederà a fornire il supporto ed il monitoraggio a tutte le fasi di intervento di soccorso e trasporto fino all’ospedalizzazione nel Reparto di Malattie Infettive di destinazione.

58 CENTRALE OPERATIVA: TRASPORTO INTEROSPEDALIERO Qualora si renda necessario il trasporto interospedaliero di emergenza/urgenza per il ricovero in reparto di Malattie Infettive di altro Presidio Ospedaliero di un caso sospetto/probabile identificato da un DEA/PS cui il paziente è autonomamente afferito, il Medico del DEA/PS inoltrerà richiesta alla Centrale Operativa, esplicitando che trattasi di caso sospetto/probabile di Malattia da Virus Ebola. Inoltre il richiedente dovrà obbligatoriamente fornire alla Centrale Operativa i seguenti dati: Presidio Ospedaliero e DEA/PS di partenza, nominativo del medico richiedente, riferimento telefonico diretto per eventuali successivi necessari contatti; Presidio Ospedaliero e reparto di destinazione, nominativo e riferimento telefonico diretto del medico accettante; Dati anagrafici del paziente e condizioni cliniche di rilievo; Classe di Ehrenwerth. La Centrale Operativa procederà alla registrazione informatica della richiesta, come di norma, documentando nella scheda che si tratta di un caso sospetto/probabile di Malattia da virus Ebola. Quindi provvederà ad attivare esclusivamente equipaggi per il soccorso e trasporto con professionista sanitario, dotati dei necessari DPI e specificamente formati (sarà cura di ogni Azienda Sanitaria identificare il numero di postazioni adeguate per dotazione e formazione a tale tipologia di trasporto), informandoli che si tratta di un caso sospetto/probabile di Malattia da Virus Ebola per l’adozione di speciali precauzioni per il controllo della trasmissione del patogeno durante tutte le fasi di trasporto, e per la realizzazione dello specifico percorso diagnostico assistenziale predefinito (con particolare riferimento alla destinazione diretta del paziente ai reparti di Malattie Infettive ed alle indicazioni ricevute dalle singole Aziende in merito all’accesso ed ai tragitti intraospedalieri predefiniti).

59 SOCCORSO E TRASPORTO In caso di attivazione per il soccorso e trasporto di un caso sospetto/probabile, è opportuno che vengano utilizzati veicoli preventivamente identificati, allestiti con equipaggiamento ridotto al minimo indispensabile, come di seguito specificato: barella; telo portaferiti con maniglie monouso; teli/sacchi impermeabili monouso; lenzuoli monouso; teli termoisolanti monouso; Guanti monouso; bombola/e portatile/i di ossigeno (meglio se monouso); contenitore taglienti; contenitore rifiuti sanitari; padella e pappagallo (monouso); Gelificante per escreti e liquidi biologici; Kit per il trattamento di eventuali dispersioni di fluidi biologici; Decontaminante biocida in confezione spray; estintore. alcuna procedura rianimatoria che richieda un contatto diretto buccale

60 SOCCORSO E TRASPORTO Le dotazioni del mezzo di soccorso saranno integrate con apposito kit di emergenza contenente: aspiratore manuale monouso e sondini per aspirazione; sacchetti monouso assorbenti per vomito; maschere per somministrazione O 2 ; pallone di ambu monouso completo di maschere; cannule orofaringee (varie misure); laringoscopio e lame monouso; tubi orotracheali (varie misure); unità respiratoria circuito va e vieni; materiale per infusione (aghi cannula, deflussori, fluidi); garze, bende, cerotti, siringhe; farmaci di emergenza Nel vano guida verrà allocato un defibrillatore semiautomatico contenuto in sacco impermeabile sigillato con nastro adesivo. Ove possibile, cassetti, armadi ed eventuali aperture presenti nel vano posteriore dovranno essere sigillati con nastro adesivo e/o ricoperti con teli impermeabili sigillati ai bordi con nastro adesivo.

61 SOCCORSO E TRASPORTO L’equipaggio attivato dalla Centrale Operativa per il soccorso e trasporto di “caso sospetto da malattia da virus Ebola”: prima della partenza dalla sede, o, comunque, in area sicuramente non contaminata, prima di accedere agli ambienti ove di trova il paziente, consulterà le istruzioni operative per il trasporto di casi sospetti per Malattie da Virus Ebola fornite e provvederà ad indossare i Dispositivi di Protezione Individuale presenti nel “Kit bioprotezione” appositamente fornito in dotazione; utilizzare il mezzo di soccorso già identificato per tale tipologia di attività, con equipaggiamento ridotto al minimo indispensabile (vedi sopra); in assenza di controindicazioni, far indossare (se possibile) o posizionare la mascherina chirurgica al paziente; informare il paziente e i familiari sulle misure precauzionali che verranno messe in atto e che verranno contattati dal Dipartimento di Prevenzione, attivato dalla Centrale Operativa, per tutte le informazioni ed istruzioni del caso; limitarsi alle procedure assistenziali indifferibili, evitando se possibile l’uso di aghi e taglienti, posponendo in ogni caso le manovre invasive differibili; non deve comunque in nessun caso essere effettuata alcuna procedura rianimatoria che richieda un contatto diretto buccale. posizionare sulla barella del mezzo di soccorso, sacco/telo impermeabile; contattare la Centrale Operativa per riferire le condizioni cliniche del paziente e concordare il reparto di Malattie Infettive presso cui il paziente dovrà essere direttamente accompagnato, seguendo eventuali tragitti intraospedalieri come predefinito dalle Direzioni Sanitarie del Presidio Ospedaliero di destinazione; con il mezzo di soccorso, oltre all’equipaggio (fornito dei D.P.I. previsti), sarà trasportato esclusivamente il paziente; in caso di guasto in itinere tale da impedire l’arrivo del mezzo di soccorso alla destinazione prevista, l’equipaggio contatterà la Centrale Operativa informandola del problema riscontrato, affinchè possa essere predisposto adeguato supporto con l’obbiettivo di minimizzare l’eventuale possibilità di trasmissione del patogeno; a meno di condizioni di emergenza che richiedano l’abbandono immediato del veicolo, l’equipaggio ed il paziente dovranno rimanere a bordo del mezzo di soccorso anche in caso di sosta forzata; dopo la presa in carico del paziente nel reparto di Malattie Infettive, il personale del reparto stesso fornirà indicazione all’equipaggio in merito all’area ove procedere alla rimozione dei D.P.I., svolgerà funzione di supervisione alla fase di rimozione dei D.P.I. e indicherà le corrette modalità di smaltimento degli stessi e dei materiali contaminati presso lo stesso reparto; la decontaminazione e sanificazione dell’ambulanza e del materiale sanitario sarà garantita da Ditta specializzata presso il Presidio ospedaliero di destinazione del paziente. sarà cura della centrale operativa provvedere a organizzare il rientro presso la postazione operativa dell’equipaggio. N.B.: Il trasporto di materiali biologici e il trasporto di casi confermati (procedura nazionale per il trasporto di pazienti in alto biocontenimento per le quali occorre fare riferimento alle Prefetture) non risulta di competenza dei sistemi 118.

62

63


Scaricare ppt "IL FUTURO DELLE APP IN MEDICINA GF Gensini FIRENZE, 8 Novembre 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google