La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Comprensivo, Caselle in Pittari (SA), prof.ssa M. Striano IL DITTONGO Provate a pronunciare le seguenti parole Laura uomo Europa mai.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Comprensivo, Caselle in Pittari (SA), prof.ssa M. Striano IL DITTONGO Provate a pronunciare le seguenti parole Laura uomo Europa mai."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Comprensivo, Caselle in Pittari (SA), prof.ssa M. Striano IL DITTONGO Provate a pronunciare le seguenti parole Laura uomo Europa mai

2 Cosa avete notato? Quelle due vocali messe insieme au in Laura, eu in Europa, uo in uomo ai mai si pronunciano con un sola emissione di voce.

3 Come possiamo, quindi, definire il dittongo? Il dittongo è proprio quella coppia di vocali che, pur mantenendo il singolo suono, è pronunciata con una sola emissione di voce. Cosa dobbiamo dedurne? Le vocali non vanno mai divise perché formano un’unica sillaba. Ricordiamocelo quando dobbiamo andare a capo.

4 MA QUANDO SI HA IL DITTONGO? E’ necessario un po’ di ripasso

5 Ricordiamo VOCALI FORTI O DURE A E O DEBOLI O MOLLI I U

6 Il dittongo si ha 1.Dall’incontro di una vocale “forte” con una “debole” e viceversa; 2.Dall’incontro di due vocali “deboli”

7 Costruiamo i dittonghi possibili: vocali forti + deboli e viceversa a + i = ai (amai) e + i = ei (temei) o + i = oi (poi) i + a = ia (fianco) i + e = ie (miele) i + o = io (chioma) a + u = au (lauro) e + u = eu (pleurite) o + u = ou u + a = ua (guanto) u + e = ue (questo) u + o = uo (uovo)

8 Costruiamo i dittonghi possibili: vocali deboli + deboli I + u = iu (giù, chiuso, grembiule) u + i = ui (cui, lui, altrui)

9 IL DITTONGO MOBILE Riflettete sulla trasformazione delle seguenti parole: UOMO OMETTO OMINO UOVO OVETTO Le parole perdono qualcosa? Vero?

10 Questo dittongo che ora c’è e ora non c’è si chiama: DITTONGO MOBILE N.B. Esso riguarda solo alcuni vocaboli che provengono dal latino: uovo (in latino era ovum), uomo (in latino era homo),

11 IL TRITTONGO Leggiamo la seguente parola: figliuolo. Notiamo la presenza di tre vocali: ecco un esempio di trittongo. Leggiamo un’altra parola: aiuola (le vocali sono quattro): si tratta di un altro trittongo perché la prima vocale fa sillaba a sé: a-iuo-la N.B. I trittonghi s’incontrano molto raramente.

12 LO IATO Provate a pronunciare le seguenti parole POETA AEROPLANO BEATO ZOOZOO

13 Cosa avete notato questa volta? Le due vocali di:Le due vocali di: POETA (OE ) AEROPLANO (AE) BEATO (EA) ZOO (OO) si pronunciano separatamente.

14 Quali sono le vostre deduzioni? Quando si incontrano due vocali “forti”, al posto del dittongo, si ha lo iato perché le due vocali si pronunciano separate. Infatti la parola IATO deriva dal latino e significa “separazione”. Tutto vero ma l’argomento non finisce qua.

15 Leggete e riflettete sui seguenti vocaboli: paùra baùle moìna inveìre I due suoni delle vocali, pur essendo una “debole” e l’altra “forte” o viceversa, non formano dittongo ma iato. Perché?

16 La risposta va ricercata nell’accento. Mettiamo a confronto i seguenti vocaboli: Paùra pàusa L’accento cade sulla vocale debole formando uno iato (pa-u-ra) L’accento cade sulla vocale forte Formando un dittongo (pau-sa) Di qui la regola: Se l’accento cade sulla vocale forte c’è dittongo. Se l’accento cade sulla vocale debole c’è iato.

17 QUANDO SI HA QUINDI LO IATO? Quando c’è una coppia di vocali forti. Quando c’è una coppia di vocali (forte + debole o viceversa) e l’accento cade sulla vocale debole.

18 La presentazione è stata realizzata con il sussidio del seguente testo: ALDO GABRIELLI Come parlare e scrivere meglio, guida pratica all’uso della lingua italiana.


Scaricare ppt "Istituto Comprensivo, Caselle in Pittari (SA), prof.ssa M. Striano IL DITTONGO Provate a pronunciare le seguenti parole Laura uomo Europa mai."

Presentazioni simili


Annunci Google