La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020: nuove opportunità INDIRIZZI GENERALI E STRATEGIA DEL PSR Andrea Comacchio Regione del Veneto, Dipartimento Agricoltura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020: nuove opportunità INDIRIZZI GENERALI E STRATEGIA DEL PSR Andrea Comacchio Regione del Veneto, Dipartimento Agricoltura."— Transcript della presentazione:

1 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020: nuove opportunità INDIRIZZI GENERALI E STRATEGIA DEL PSR Andrea Comacchio Regione del Veneto, Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale Farra di Soligo, 16 ottobre 2014

2 n. domande di aiuto finanziate 58.238 Finanziate 58.238 46.455 Avanzamento procedurale PSR Veneto 2007 - 2013 Chiuse 80% Dati al 10/09/2014 Sezione Piani e Programmi Settore Primario Regione del Veneto DecaduteProtocollateAmmesse 2.527 62.874 72.150 4,3% Quadro riassuntivo delle domande di aiuto ATTENZIONE!!! chiusura Psr 31/12/2015

3 Programmato Concesso 106,7% Programmato 77,95% Liquidato 1.042.158.575 euro 1.112.425.714 euro Avanzamento Finanziario PSR Veneto 2007 - 2013 812.391.952 euro Asse 1 – Competitività imprese agricole 78,5% Asse 2 – Miglioramento agroambientale 80,4% 51,0% Asse 3 – Diversificazione e qualità vita zone rurali 38,1% Asse 4 – LEADER Sviluppo locale Concesso netto in milioni di euro Liquidato in milioni di euro Dati al 10/09/2014 Sezione Piani e Programmi Settore Primario Regione del Veneto Note 1.042.158.575 euro ATTENZIONE!!! chiusura Psr 31/12/2015

4 Dicembre 2012 Forum Giovani Giugno Settembre 2013 Inizio percorso di definizione nuova programmazione Incontri di partenariato e consultazione diretta online 1a fase Analisi contesto e fabbisogni Maggio 2013 Novembre 2013 Gennaio 2014 Incontri di partenariato e consultazione diretta online 2a fase Strategia e interventi Aprile Maggio 2014 IL CONFRONTO REGIONE – PARTENARIATO Incontro di partenariato e consultazione diretta online 3a fase Proposta tecnica di Psr

5 Numero incontri 10 ore di durata degli incontri 40 Presenze complessive 1.993 Presenze dirette 842 Presenze Streaming 1.151 INCONTRI INFORMATIVI DI CONSULTAZIONE DEL PARTENARIATO INCONTRI INFORMATIVI DI CONSULTAZIONE DEL PARTENARIATO

6 5.000 Visitatori unici 46.000 Pagine del sito visitate 6.800 Visite al sito www.psrveneto2020.it www.psrveneto2020.it Osservazioni e proposte pervenute dai Partner PSR2020 728 Partner PSR2020 intervenuti online 59 77 Giorni dedicati alla consultazione online Documenti e materiali informativi 143 CONSULTAZIONE DIRETTA ONLINE DEL PARTENARIATO – RISULTATI CONSULTAZIONE DIRETTA ONLINE DEL PARTENARIATO – RISULTATI

7 Adozione Consiglio Regionale Iter di approvazione del PSR entro 3 mesi dalla trasmissione dell’ADP entro 3 mesi dalla presentazione del PSR entro 6 mesi dalla presentazione del PSR, dopo l’approvazione dell’ADP Trasmissione del PSR Osservazioni (CE) Approvazione del Programma 22 LUG 2014 GEN 2015 Proposta Giunta Regionale NEGOZIATO INFORMAZIONI /REVISIONE DELLA PROPOSTA 10 GIU 2014 9 LUG 2014 22 OTT 2014

8 Il Programma di Sviluppo Rurale del Veneto 4 PILASTRI è costruito su 4 PILASTRI la governance consapevole, focalizzata e strategica perché la gravità delle sfide da affrontare impone responsabilità, per questo abbiamo voluto un Programma condiviso e che fosse più della somma di tante singole esigenze sostenibilità la sostenibilità del programma perché per ottenere risultati significativi bisogna concentrare le risorse sui fabbisogni più urgenti, in primis giovani agricoltori e redditività delle imprese innovazione la spinta all’innovazione nelle imprese e nei soggetti di servizio perché nuovi metodi di produzione e nuovi modi di andare incontro alla domanda sono la condizione per competere, localmente e globalmente competitività il rafforzamento della competitività delle imprese agricole e agroalimentari perché un tessuto di imprese denso e vitale è il patrimonio prezioso di un’economia e di una società che guardano al futuro

9  concentrazione di risorse, misure e interventi (montagna, giovani, impresa)  concentrazione sui fabbisogni dell’impresa agricola  razionalizzazione del quadro complessivo delle misure/sottomisure/azioni  snellimento e sostenibilità del quadro degli interventi  riferimento ai risultati qualitativi e quantitativi nella Programmazione 2007-13  Riduzione del numero delle misure/sottomisure/azioni ( da 102 a 44 ) Misure, Sottomisure, Interventi - INDIRIZZI

10 Regione 202 milioni di euro 17,06% Stato 471 milioni di euro 39,81% Risorse Sviluppo rurale 2014 – 2020 1 miliardo 184 milioni di euro le risorse assegnate al Psr Veneto pari al 6,36% delle risorse nazionali UE - FEASR 510 milioni di euro 43,12% Programmi Nazionali Gestione del rischio 1 miliardo 640 milioni di euro Biodiversità animale 200 milioni di euro Piano irriguo 300 milioni di euro

11 Struttura del Psr Veneto 2014-2020 Priorità 1Priorità 2Priorità 3Priorità 4Priorità 5Priorità 6 1A1B1C2A2B3A3B4A4B4C5A5B5C5D5E6A6B6C 18 Focus area (obiettivi specifici) Priorità 6 OBIETTIVI 45 Interventi di sostegno STRUMENTI OPERATIVI 13 Misure operative

12 Strategia - Priorità e Focus area Priorità Focus area 1- Promuovere il trasferimento di conoscenze e l'innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali 1.a Stimolare l'innovazione, la cooperazione e lo sviluppo della base di conoscenze nelle zone rurali 1.b Rinsaldare i nessi tra agricoltura, produzione alimentare e silvicoltura, da un lato, e ricerca e innovazione, dall'altro, anche al fine di migliorare la gestione e le prestazioni ambientali. 1.c Incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale 2 - Potenziare in tutte le regioni la redditività delle aziende agricole e la competitività dell'agricoltura in tutte le sue forme e promuovere tecnologie innovative per le aziende agricole e la gestione sostenibile delle foreste 2.a Migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l'ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l'orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività. 2.b Favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale 3 - Promuovere l'organizzazione della filiera alimentare, comprese la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel settore agricolo 3.a Migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali 3.b Sostenere la prevenzione e la gestione dei rischi aziendali 4 - Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all'agricoltura e alla silvicoltura 4.a Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità, compreso nelle zone Natura 2000 e nelle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici, nell'agricoltura ad alto valore naturalistico, nonché dell'assetto paesaggistico dell'Europa. 4.b Migliore gestione delle risorse idriche, compresa la gestione di fertilizzanti e pesticidi. 4.c Prevenzione dell'erosione dei suoli e migliore gestione degli stessi

13 Strategia - Priorità e Focus area Priorità Focus area 5 - Incentivare l'uso efficiente delle risorse e il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale 5.a Rendere più efficiente l'uso dell'acqua nell'agricoltura. 5.b Rendere più efficiente l'uso dell'energia nell'agricoltura e nell'industria alimentare. 5.c Favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia. 5.e Promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale 6 - Adoperarsi per l'inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali 6.a Favorire la diversificazione, la creazione e lo sviluppo di piccole imprese nonché dell'occupazione. 6.b Stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali. 6.c Promuovere l'accessibilità, l'uso e la qualità delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nelle zone rurali.

14 codice misure interventi 1 Trasferimento di conoscenze e azioni d'informazione 1.1.1 Azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze 1.2.1 Azioni di informazione e di dimostrazione 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole 2.1.1 Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende 2.3.1 Formazione dei consulenti 3 Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari 3.1.1 Adesione ai regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari 3.2.1 Informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali 4.1.1. Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola. 4.2.1. Investimenti per la trasformazione/commercializzazione dei prodotti agricoli 4.3.1. Infrastrutture viarie silvopastorali, ricomposizione e miglioramento fondiario e servizi in rete 4.4.1 Recupero naturalistico-ambientale e riqualificazione paesaggistica di spazi aperti montani e collinari abbandonati e degradati 4.4.2.Introduzione di infrastrutture verdi 4.4.3. Strutture funzionali all’incremento e valorizzazione della biodiversità naturalistica 5 Ripristino potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali ed eventi catastrofici 5.2.1 Investimenti per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali Strategia - Misure e Interventi

15 codice misure interventi 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese 6.1.1 Insediamento di giovani agricoltori 6.3.1 Avviamento di microimprese agricole in zone rurali di montagna 6.4.1 Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole 6.4.2 Creazione e sviluppo di attività extra agricole nelle aree rurali 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 7.3.1 Accessibilità alla banda larga 7.5.1 Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree rurali 7.6.1 Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale. 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e miglioramento della redditività delle foreste 8.1.1 Imboschimento di terreni agricoli e non agricoli 8.2.1 Realizzazione di sistemi silvopastorali e impianto di seminativi arborati 8.4.1 Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici 8.5.1 Investimenti per aumentare la resilienza, il pregio ambientale e il potenziale di mitigazione delle foreste. 8.6.1 Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali 10 Pagamenti agro-climatico- ambientali 10.1.1 Tecniche agronomiche a ridotto impatto ambientale. 10.1.2 Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue 10.1.3 Gestione attiva di infrastrutture verdi 10.1.4 Mantenimento di prati, prati seminaturali,pascoli e prati-pascoli 10.1.5 Miglioramento della qualità dei suoli agricoli 10.1.6 Tutela ed incremento degli habitat seminaturali 10.1.7 Biodiversità - Allevatori e coltivatori custodi 10.2.1 Conservazione uso sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura Strategia - Misure e Interventi

16 codice misure interventi 11 Agricoltura biologica 11.1.1 Pagamenti per la conversione in pratiche e metodi di agricoltura biologica 11.2.1 Pagamenti per il mantenimento di pratiche e metodi di agricoltura biologica 13 Indennità a favore di zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici 13.1.1 Indennità compensativa in zona montana 16 Cooperazione 16.1.1 Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell'agricoltura. 16.2.1 Realizzazione di progetti pilota e sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie. 16.4.1 Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte. 16.5.1 Progetti collettivi a carattere ambientale funzionali alle priorità dello sviluppo rurale. 16.6.1 Sostegno alle filiere per la produzione di biomasse nel settore alimentare, energetico e per i processi industriali. 16.9.1 Creazione e sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche. 19 Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo (LEADER) 19.1.1 Sostegno all’animazione dei territori e alla preparazione della strategia 19.2.1 Sostegno all’attuazione delle azioni previste dalle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo 19.4.1 Sostegno alla gestione e all’animazione territoriale dei GAL. 20Finanziamento dell’assistenza tecnica Strategia - Misure e Interventi

17 Risorse per Priorità Priorità euro % 1- Promuovere il trasferimento di conoscenze e l'innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali 77.600.000,006,65% 2 - Potenziare in tutte le regioni la redditività delle aziende agricole e la competitività dell'agricoltura in tutte le sue forme e promuovere tecnologie innovative per le aziende agricole e la gestione sostenibile delle foreste 461.000.000,0038,93% 3 - Promuovere l'organizzazione della filiera alimentare, comprese la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel settore agricolo 150.000.000,0012,67% 4 - Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all'agricoltura e alla silvicoltura 296.500.000,0025,04% 5 - Incentivare l'uso efficiente delle risorse e il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale 64.700.000,005,46% 6 - Adoperarsi per l'inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali 117.250.000,009,90% Totale programma: 1.184.237.000,00 Finanziamento dell’assistenza tecnica: 17.187.000,00

18 codi cetitolo misurarisorse% 1 Trasferimento di conoscenze e azioni d'informazione 23.100.000,002,0% 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole 27.000.000,002,3% 3 Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari 22.000.000,001,9% 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali 509.400.000,0043,0% 5 Ripristino potenziale produttivo agricolo (calamità naturali ed eventi catastrofici) 18.000.000,001,5% 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese 146.500.000,0012,4% 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 6.000.000,000,5% 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e miglioramento della redditività delle foreste 42.700.000,003,6% 10 Pagamenti agro-climatico-ambientali 115.100.000,009,7% 11 Agricoltura biologica 14.500.000,001,2% 13 Indennità a favore di zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici 141.000.000,0011,9% 16 Cooperazione 27.500.000,002,3% 19 Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo (LEADER) 74.250.000,006,3% Totale Misure1.167.050.000,00 20Finanziamento dell’assistenza tecnica17.187.000,001,4% Totale PSR Veneto1.184.237.000,00 Risorse per Misura

19 Risorse per temi strategici temi strategici note euro% REDDITIVITA' DELLE IMPRESE AGRICOLE1380.000.000,0032,09% NUOVI GIOVANI IMPRENDITORI2100.000.000,008,44% SOSTEGNO ALL'AGRICOLTURA DI MONTAGNA3416.275.000,0035,15% OBIETTIVI AGRO CLIMATICO AMBIENTALI4360.200.000,0030,42% COMPETTIVITA' DELLE FILIERE AGROALIMENTARI5132.000.000,0011,15% COMMUNITY LED LOCAL DEVELOPMENT - LEADER674.250.000,006,27% 4 - sottomisure 4.1 in FA 5A, 4.4, 8, 10, 11, 13.1 5 - sottomisure 3.1, 3.2, 4.2 6 - sottomisure 19 Totale Programma: 1.184.237.000,00 NOTE 1 - sottomisure 4.1, in FA 2A, 2B, 5A, 6.4.1 in FA 5C e 6A 2- sottomisura 6.1 3 - sottomisure 4.3, 8, 13.1, 10.1.4, riserva 25% su 4.1, 6.1, quota proporzionale su 1, 2, 4.2, 6.4, 16

20 Stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali Focus area 6b euro 3 interventi euro 19.1.1 Sostegno all’animazione dei territori e alla preparazione della strategia 1.100.000 19.2.1 Sostegno all’attuazione delle azioni previste dalle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo 63.600.000 19.4.1 Sostegno alla gestione e all’animazione territoriale dei GAL9.540.000 Risorse totali - Focus Area 6b74.250.000 euro

21 3 interventi 19.1.1 Sostegno all’animazione dei territori e alla preparazione della strategia 19.2.1 Sostegno all’attuazione delle azioni previste dalle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo 19.4.1 Sostegno alla gestione e all’animazione territoriale dei GAL Interventi volti al supporto della progettazione e gestione di strategie per lo sviluppo da parte di soggetti locali che si associano in una partnership di natura mista (pubblico-privata) e affidano un ruolo operativo (gestionale e amministrativo) ad un Gruppo di Azione Locale (GAL). La logica che sostiene l’attuazione di Leader nel Veneto è orientata verso alcuni specifici obiettivi: concentrazione e razionalizzazione dell’azione e degli strumenti di governance; maggiore efficacia e qualità dell’azione dei GAL; sostenibilità di ruolo e attività del partenariato; trasparenza. Risorse 74.250.000 euro 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER

22 Obiettivi per lo Sviluppo locale LEADER a livello regionale: -concentrare l’azione verso i territori marginali e sulle situazioni locali che esprimono maggiori esigenze e potenzialità in termini di sviluppo locale; promuovere la concentrazione e la razionalizzazione degli strumenti e dei ruoli di governance previsti a livello locale; -promuovere una maggiore qualità della progettazione locale, in termini di definizione di risultati attesi ed obiettivi chiari, rispondenti e misurabili, nonché della conseguente misurazione e valutazione dei relativi effetti ed impatti; migliorare l’efficacia delle politiche delle aree rurali, attraverso un approccio territoriale strategico, in grado di contestualizzare gli obiettivi generali e specifici dello sviluppo rurale; -valorizzare le risorse locali incentivando attività sostenibili sotto il profilo ambientale ed economico- sociale, al fine di contribuire allo sviluppo a lungo termine dei territori e delle relative comunità; -contribuire alla coesione territoriale e all’inclusione sociale; -promuovere una logica programmatoria ispirata alla partecipazione, alla trasparenza, all’efficienza e alla sostenibilità complessiva della sua azione, oltre che alla semplificazione degli strumenti di governance e delle procedure per l’accesso ai finanziamenti europei; -promuovere e garantire la partecipazione attiva, matura e consapevole dei partner, pubblici e privati, anche sotto il profilo finanziario, allo scopo di assicurare una rappresentatività effettiva e concreta, nonché la sostenibilità nel tempo del ruolo e delle attività del partenariato 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER

23 19.1.1Intervento Sostegno all’animazione dei territori e alla preparazione della strategia Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilità Importi e aliquote di sostegno Partenariati pubblico privati ai sensi del Reg. UE 1303/2013 (art. 32-34) in possesso dei requisiti essenziali previsti ai fini dell’ammissibilità all’intervento 19.4.1 Risorse 1 Meuro - costi di formazione; - studi, analisi ed indagini sull’ambito territoriale designato; - costi relativi alla costituzione del partenariato; - costi relativi all'elaborazione della strategia di sviluppo locale; - costi per le attività di informazione, consultazione e partecipazione del territorio. Contributo in conto capitale Soggetto richiedente titolare di una domanda di aiuto ammessa nell’ambito della graduatoria approvata ai sensi dell’intervento 19.4.1 100% della spesa ammissibile Limite max: 100.000 euro. Possibilità di anticipo del 25% 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER MeuroFocus Area 1,116b

24 19.2.1Intervento Sostegno all’attuazione delle azioni previste dalle strategie di sviluppo locale LEADER Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilità Importi e aliquote di sostegno - GAL - beneficiari previsti dai corrispondenti interventi del PSR attivati ai fini della strategia di sviluppo locale interessata Risorse 55 Meuro spese previste dalle corrispondenti misure/interventi del PSR Contributo in conto capitale, conto interessi o altra formula, secondo quanto stabilito per le corrispondenti misure del PSR Le azioni proposte dalla strategia di sviluppo locale devono: - essere esplicitamente previste dal PSR e contenute nella lista di quelle considerate coerenti con le finalità e gli obiettivi dello sviluppo locale Leader - essere coerenti con gli obiettivi e gli “ambiti di interesse” della strategia di sviluppo locale ricadere all’interno dell’ambito territoriale designato del GAL Condizioni, limiti, livelli ed entità di aiuto previsti dalle corrispondenti misure attivate dal PSR MeuroFocus Area 63,66b 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER 1/2

25 19.2.1Intervento Sostegno all’attuazione delle azioni previste dalle strategie di sviluppo locale LEADER Risorse 55 Meuro MeuroFocus Area 63,66b 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER Misure attivabili 1. Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione 3. Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali Eccetto: interventi: 4.4.1; 4.4.2 6. Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Eccetto intervento: 6.1.1 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Eccetto intervento: 7.3.1 8. Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e miglioramento della redditività delle foreste Eccetto interventi: 8.1.1; 8.2.1; 8.4.1 16. Cooperazione 2/2

26 19.4.1Intervento Sostegno alla gestione e all’animazione territoriale dei GAL Beneficiari Condizioni di ammissibilità Caratteristiche del partenariato pubblico privato (personalità giuridica; composizione organo decisionale max 49% aventi diritto al voto autorità pubbliche o singolo gruppo di interesse; composizione organigramma; prevenzione conflitti di interesse; misurazione e valutazione della qualità dell’attività) Ambito territoriale designato (popolazione: 50.000-250.000 ab. * ; almeno il 15% della pop. in Comuni rurali; aree C e D; B partecipanti GAL nel 2007-13 (in n. max <60% del n. comuni C e D del Veneto*); minimo 12 Comuni contigui ed adiacenti; coerenza con i soggetti programmatori presenti nel medesimo territorio; max n. 9 GAL) Risorse 8,2 Meuro MeuroFocus Area 9,546b GAL (Reg. 1303/2013, art. 32-34). I requisiti richiesti riguardano: Strategia completa di tutti gli elementi previsti dal Reg. 1303/2013 (art. 33), proposta attraverso il PSL organizzato secondo Schema previsto dal Bando e anticipato da una Proposta di strategia. Max 3 ambiti di interesse. La strategia, presentata nell'ambito del Programma di Sviluppo Locale unitamente alla domanda di aiuto per l'intervento 19.4.1, rappresenta anche domanda di adesione allo Sviluppo Locale LEADER. 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER 1/2 * Parametri in deroga parziale a Regolamento 1303 e ADP, sottoposti all’autorizzazione della Commissione

27 19.4.1Intervento Sostegno alla gestione e all’animazione territoriale dei GAL Tipologia di sostegno Ambiti di interesse Spese ammissibili 1. Diversificazione economica e sociale nelle aree rurali 2. Turismo sostenibile 3. Valorizzazione del patrimonio culturale e naturale delle aree rurali 4. Cura e tutela del paesaggio 5. Valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali 6. Sviluppo della filiera dell’energia rinnovabile (produzione e risparmio energia) 7. Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro- alimentari, artigianali e manifatturieri) Risorse 8,2 Meuro Gestione: costi operativi; personale; spese amministrative e finanziarie; formazione; consulenze; monitoraggio e valutazione. Animazione: informazione e pubblicità; assistenza; scambio best practices; manifestazioni pubbliche Contributo in conto capitale MeuroFocus Area 9,546b 19. Supporto allo sviluppo locale di tipo partecipativo LEADER 2/2 Importi e aliquote di sostegno 80% della spesa ammessa. L’importo della spesa ammessa relativa al presente intervento corrisponde al massimo al 15 % della spesa pubblica programmata per la sottomisura 19.2. Possibilità anticipo del 25%.

28 Aree rurali del Veneto 2014-2020 A: poli urbani B1: rurali urbanizzate B2: urbanizzate C: rurali intermedie D: aree rurali con problemi complessivi di sviluppo

29 AREE RURALI CLASSIFICAZIONE PSR 2014-2020 (ISTAT 2011) PSR codice COMUNI VENETO COMUNI LEADER 2007-2013 SUP. LEADER 2007-2013 (KM2) POP. LEADER 2007-2013 A5--- B12511705.022,98966.630 B21209165,0687.119 C88822.610,13406.868 D117 5.346,24344.801 Totale58137813.144,411.805.418

30 Gruppi di azione locale - GAL PSR 2007-2013 Ambiti territoriali “LEADER”

31 3 interventi 7.3.1 Accessibilità alla banda larga 7.5.1 Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree rurali La misura è finalizzata al sostegno di interventi in grado di stimolare la crescita e promuovere la sostenibilità ambientale e socio-economico delle aree rurali, in particolare attraverso lo sviluppo di investimenti ed infrastrutture locali, compreso lo sviluppo della banda larga veloce e ultralarga, e l’erogazione di servizi di base locali rivolti in particolare alla qualificazione e consolidamento delle attività turistiche nelle aree rurali, anche in funzione del restauro e della riqualificazione del patrimonio culturale e naturale di borghi e paesaggi rurali. Risorse 6.000.000 euro 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 7.6.1 Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale.

32 7.3.1Intervento Accessibilità alla banda larga 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Risorse 16 Meuro Beneficiari Enti e amministrazioni pubbliche, imprese, soggetti privati MeuroFocus Area 66c Condizioni di ammissibilità -Progetto per l’investimento A Infrastrutture di proprietà pubblica, per lo sviluppo servizi a banda larga veloce (minimo 30 Mbps) e ultralarga (minimo 100 Mbps), attraverso la tecnologia FTTCab. e per l’investimento B Diffusione di reti wi-fi aperte a livello urbano e accessibili a tutti gli utenti, valorizzando e potenziando i punti di accesso già esistenti o creandone di nuovi): -Attuazione investimento A) dalla Regione del Veneto nelle aree rurali in digital divide, individuate come “aree bianche”. Requisiti aree candidate all’intervento: a)assenza di infrastrutture a larga banda b)assenza di operatori che offrono servizi a banda larga c)presenza di operatori potenziali interessati ad offrire servizi a banda larga. - Complementarietà investimento B) con l’investimento A nelle aree urbane. -Attivazione investimento C (Accesso alla rete a banda larga attraverso terminali di utente aspecifici) nelle aree ultraperiferiche residuali in complementarietà con investimenti A) e B). 1/2

33 7.3.1Intervento Accessibilità alla banda larga 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Risorse 16 Meuro Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale Per l’investimento A) e B), il contributo è pari al 100% della spesa ammissibile. Per l’investimento C), il contributo è pari al 100% della spesa ammissibile MeuroFocus Area 66c Spese ammissibili Investimento A e B: -opere di ingegneria civile quali condotti o altri elementi della rete, anche in sinergia con altre infrastrutture ( energia, trasporti, impianti idrici, reti fognarie, ecc); -realizzazione nuove infrastrutture e adeguamento infrastrutture esistenti di banda larga incluse attrezzature di backhaul (es: fisse, wireless, tecnologie basate o combinate con il satellitare); -installazione di elementi della rete e dei relativi servizi; -sistemi software e attrezzature tecnologiche; -costi connessione a banda larga delle reti wi-fi; -spese generali Investimento C: -Attrezzature connessione web a banda larga (modem e parabole satellitari, altre tecnologie wireless) 2/2

34 7.5.1Intervento Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree rurali 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Beneficiari -Enti locali territoriali -Persone giuridiche di diritto pubblico e di diritto privato senza scopo di lucro -Partenariati tra soggetti pubblici e privati Condizioni di ammissibilità -Coerenza con la politica turistica regionale ; -attivazione esclusiva sulla base di apposito piano/progetto, secondo i riferimenti e le modalità previste dal bando ; -gli investimenti sono sovvenzionabili se realizzati sulla base della pianificazione urbanistica e territoriale nelle zone rurali e dei servizi comunali di base, ove tali piani esistano (art. 20, paragrafo 3, Reg. UE n.1305/2013); -gli investimenti sono ammissibili se realizzati negli ambiti territoriali designati (ATD) dei GAL selezionati dalla Regione. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b *L’intervento sarà attuato esclusivamente nell’ambito delle strategie di sviluppo locale LEADER attraverso i Programmi di Sviluppo Locale selezionati dalla Regione. 1/2

35 7.5.1Intervento Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree rurali 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale Il livello di aiuto concedibile è pari a: - 100% della spesa ammissibile per investimenti di carattere strutturale ed infrastrutturale -80% della spesa ammissibile per investimenti immateriali. - 100% della spesa ammissibile per gli interventi degli enti pubblici territoriali La concessione di aiuti si applica in regime di “de minimis”, nei limiti e alle condizioni fissate dal Regolamento UE n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013. Spesa ammissibile: min 25.000 – max 100.000 Spese ammissibili -Spese per investimenti materiali e infrastrutturali; -spese per l’acquisto di attrezzature; -spese per investimenti immateriali: -spese generali. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b 2/2

36 7.6.1Intervento Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale Beneficiari -Agricoltori, come definiti dall’art. 4, par. 4, lett. a) del Reg. (UE) n. 1307/2013 -Associazioni di agricoltori -Associazioni miste di agricoltori e altri gestori del territorio Condizioni di ammissibilità -Sono ammissibili investimenti aventi ad oggetto immobili del patrimonio architettonico culturale dei villaggi e del paesaggio rurale di comprovato interesse storico-testimoniale, caratterizzanti per tipologie e/o caratteristiche costruttive e/o architettoniche, individuati sulla base (a) degli “studi e censimenti” approvati e finanziati ai sensi della Misura 323 a-Azione 1 del PSR 2007-2014, laddove presenti e pertinenti, e/o (b) delle indicazioni fornite nell’ambito degli strumenti per il governo del territorio (PTRC; PTCP; PAT e PI, PPRA). -Gli investimenti sono ammissibili se realizzati negli ambiti territoriali designati (ATD) dei GAL selezionati dalla Regione. -Gli interventi su tali immobili non dovranno compromettere l’immagine architettonica e la struttura storica e dovranno essere eseguiti nel rispetto delle tipologie e delle caratteristiche costruttive, architettoniche, storiche e paesaggistiche che li caratterizzano, come asseverato dal progettista. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 1/2 *l’intervento sarà attuato esclusivamente nell’ambito delle strategie di sviluppo locale LEADER attraverso i Programmi di Sviluppo Locale selezionati dalla Regione.

37 Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale e contributo in conto interesse - Il livello di aiuto è pari al 50% della spesa ammissibile. - Per i richiedenti ad esso assoggettati, rispetto del regime de minimis del Reg. (UE) n. 1407/2013. Spese ammissibili -Spese di carattere edilizio relative alla manutenzione straordinaria e restauro di immobili appartenenti al patrimonio architettonico dei villaggi e al recupero di elementi tipici del paesaggio rurale. -Spese generali. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b *l’intervento sarà attuato esclusivamente nell’ambito delle strategie di sviluppo locale LEADER attraverso i Programmi di Sviluppo Locale selezionati dalla Regione. 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 2/2 7.6.1Intervento Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale


Scaricare ppt "Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020: nuove opportunità INDIRIZZI GENERALI E STRATEGIA DEL PSR Andrea Comacchio Regione del Veneto, Dipartimento Agricoltura."

Presentazioni simili


Annunci Google