La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maternità Paternità conciliazione delle esigenze di cura, vita e lavoro JOBS ACT – Legge 183/2014 art. 1 - commi 8 e 9 della legge n. 183 del 2014 Dlgs.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maternità Paternità conciliazione delle esigenze di cura, vita e lavoro JOBS ACT – Legge 183/2014 art. 1 - commi 8 e 9 della legge n. 183 del 2014 Dlgs."— Transcript della presentazione:

1 Maternità Paternità conciliazione delle esigenze di cura, vita e lavoro JOBS ACT – Legge 183/2014 art. 1 - commi 8 e 9 della legge n. 183 del 2014 Dlgs Consiglio Ministri 20 febbraio ‘15

2 Le disposizioni sono sperimentali per il 2015 in attesa di ulteriori decreti attuativi del Jobs Act che individuino adeguata copertura finanziaria per gli anni successivi. 222 milioni previsti per il 2015 FEMCA Veneto

3 Congedo maternità Ricovero del neonato sospensione del congedo di maternità, da riprendere in parte o in tutto dalla data di dimissione del proprio bambino, ma solo dietro presentazione di idonea certificazione medica che attesti il buono stato di salute della madre- lavoratrice e la compatibilità con la ripresa dell’attività lavorativa. Tale diritto può essere esercitato una sola volta per ogni figlio Parto prematuro Si potrà beneficiare dei giorni di astensione obbligatoria non goduti prima del parto, nel periodo di congedo di maternità post partum, sommandoli anche quando il totale dei due periodi superi il limite complessivo dei 5 mesi. La possibilità di rinviare e sospendere la maternità è estesa al congedo di maternità per adozioni e affidamenti FEMCA Veneto

4 Prolungamento dell’indennità di maternità casi di risoluzione del rapporto di lavoro che si verifichi durante i periodi di maternità per colpa grave della lavoratrice, costituente giusta causa per la risoluzione del rapporto di lavoro, si prevede che l’indennità di maternità continui ad essere corrisposta. La norma precedente consentiva il diritto all’indennità solo nei casi di cessazione attività da parte delle aziende e in caso di scadenza termine del contratto FEMCA Veneto

5 Congedo di paternità Adozione e affidamento Il congedo di maternità non retribuito, previsto per la lavoratrice madre nel periodo di permanenza all’estero legata alle pratiche adottive spetta in alternativa anche al lavoratore padre, ugualmente qualora la madre non sia lavoratrice Lavoratori autonomi e liberi professionisti Ora possono beneficiare del congedo obbligatorio al posto della madre, con relativo indennizzo, qualora la stessa non possa fruirne per gravi e oggettivi motivi ( v. salute, morte, abbandono, affido esclusivo ) FEMCA Veneto

6 Estensione congedo parentale Si può fruire del congedo parentale sino ai 12 anni di vita del figlio (precedente era sino agli 8 anni) Figlio con handicap in condizione di gravita ̀, il congedo parentale potrà essere goduto entro i 12 anni. Il periodo indennizzato al 30% potrà essere fruito sino ai 6 anni di età del figlio (precedente era sino ai 3 anni) L’estensione dei periodi riguarda anche i casi di adozione o di affidamento Abrogata la possibilità di accedere all’indennità sino agli otto anni di vita del figlio in caso di redditi inferiori a 2,5 il trattamento minimo di pensione. La durata complessiva del congedo resta invariata: 6 mesi per ogni genitore e 10 mesi in totale ( 11 se il padre fruisce almeno di 3 mesi ). FEMCA Veneto

7 Fruizione oraria del congedo parentale Fruizione oraria del congedo parentale In assenza di regole nella contrattazione collettiva, anche a livello aziendale, ciascun genitore può scegliere di fruire del congedo parentale su base oraria o giornaliera. In caso di fruizione oraria, l’utilizzo e ̀ consentito in misura pari alla meta ̀ dell’orario medio giornaliero. Non e ̀ consentito cumulare la fruizione del congedo a ore con altri permessi o riposi. Il preavviso minimo per la fruizione del congedo parentale passa da 15 a 5 giorni, e nei casi di fruizione oraria e ̀ di 2 giorni FEMCA Veneto

8 Lavoro notturno non obbligati a prestare lavoro notturno lavoratrice madre adottiva o affidataria di un minore, in alternativa il lavoratore padre convivente con la stessa, nei primi tre anni dall’ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il dodicesimo anno di età. FEMCA Veneto

9 Dimissioni Le nuove disposizioni chiariscono che in caso di dimissioni volontarie durante il periodo in cui vige il divieto di licenziamento (ovvero il primo anno di vita del bambino) sia la lavoratrice madre sia il lavoratore padre non sono tenuti al preavviso e lo stesso viene retribuito con la relativa indennità. FEMCA Veneto

10 Lavoratrici autonome Riconosciuto alle Libere professioniste e alle lavoratrici iscritte alla Gestione Separata INPS, non iscritte ad altre forme di previdenza obbligatorie, l’indennità di maternità in caso di adozione o affidamento A lavoratrici e lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS, viene garantito il diritto all’indennità di maternità anche in presenza di omesso versamento dei contributi da parte del committente FEMCA Veneto

11 Congedo per le donne vittime di violenza Lavoratrici ( anche collaboratrici a progetto ) vittime di violenza di genere, inserite in percorsi di protezione debitamente certificati Congedo retribuito per massimo di 3 mesi Fruibile su base giornaliera o oraria nell’arco di 3 anni secondo le modalità indicate da contratto o in assenza di regolamentazione, secondo le modalità del congedo parentale ad ore. Esigibilità della trasformazione a part-time dell’orario di lavoro. FEMCA Veneto

12 Incentivi Telelavoro attuato per ragioni di cura, dentro contratti collettivi, esclusione dei lavoratori coinvolti dal computo per l’applicazione di “particolari norme e istituti Contrattazione per la conciliazione I.vincolo del 10% del “Fondo per il finanziamento di sgravi contributivi per incentivare la contrattazione di secondo livello ”, per la promozione della conciliazione tra vita professionale e vita privata II. sperimentale per il triennio III.criteri e modalità di utilizzo delle risorse; linee guida per favorire la stipula di contratti collettivi aziendali, saranno definiti con Decreto Ministeriale ed elaborati da una “cabina di regia” interministeriale FEMCA Veneto

13 Cosa manca ? Il decreto è un’attuazione parziale della Legge Delega, non affronta una serie di temi previsti: a.Il congedo obbligatorio di paternità introdotto in via sperimentale dalla Legge 92/2012 b.La rete dei servizi per la prima infanzia c.La cessione dei permessi tra colleghi in caso di figlio con handicap in condizione di gravita ̀ ; d.La tax credit per il lavoro femminile e.La razionalizzazione degli organismi di parità FEMCA Veneto


Scaricare ppt "Maternità Paternità conciliazione delle esigenze di cura, vita e lavoro JOBS ACT – Legge 183/2014 art. 1 - commi 8 e 9 della legge n. 183 del 2014 Dlgs."

Presentazioni simili


Annunci Google