La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Se non puoi misurarlo, non puoi migliorarlo! If you can not measure it, you can not improve it! 1 MILANO 25 Settembre - PADOVA 02 Ottobre Autore: Frison.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Se non puoi misurarlo, non puoi migliorarlo! If you can not measure it, you can not improve it! 1 MILANO 25 Settembre - PADOVA 02 Ottobre Autore: Frison."— Transcript della presentazione:

1 Se non puoi misurarlo, non puoi migliorarlo! If you can not measure it, you can not improve it! 1 MILANO 25 Settembre - PADOVA 02 Ottobre Autore: Frison Corrado

2 WIT SOLUZIONI per il CONTROLLO e la REGOLAZIONE delle ENERGIE 2

3 Stato dell’arte delle soluzioni WIT in ambito di monitoraggio energetico Come creare una rete di misura su impianti esistenti. Problemi e soluzioni: esempi e schemi. Risultati attesi: monitoring, gestione, management. Aggiornamento continuo secondo la ISO e le recenti Direttive Europee recepite dal D.Lgs 102 del 04/07/

4 4 Esempio schema di una infrastruttura esistente Settore - Edificio 1 Settore - Edificio 2 Linea di produzione Reparto Macchina 1 Macchina 2 Macchina 3 Zona esterna Macchina 4 Macchina 5 Come creare una rete di misura su impianti esistenti

5 5

6 6 PROCESSO PROCESSO - STOCCAGGIO OFFICINA - UFFICI LABORATORI DIREZIONE

7 7  CABINE ELETTRICHE PRINICPALI MT, BT, POWER CENTER   GRUPPI DI CONTINUITA’ PRINCIPALI, GE   IMPIANTO: CALDAIE - VAPORE  IMPIANTO: OSMOSI  IMPIANTO: ACQUA DEMI  IMPIANTO: DEGASATORE  IMPIANTO: LAVAGGIO  IMPIANTO: IMPIANTO ACQUA PURIFICATA  IMPIANTO: IMPIANTO ACQUA INDUSTRIALE  IMPIANTO: IMPIANTO OLIO DIATERMICO  IMPIANTO: COMPRESSORI ARIA  IMPIANTO: GRUPPI FRIGO ACQUA GLICOLATA  IMPIANTO: AZOTO AIRLIQUIDE  IMPIANTO: OSSIGENO  IMPIANTO: BIOLOGICO   IMPIANTO RILEVAZIONE FUMI – ANTINCENDIO  IMPIANTO ANTINTRUSIONE  IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA  CABINE ELETTRICHE PRINICPALI MT, BT, POWER CENTER   GRUPPI DI CONTINUITA’ PRINCIPALI, GE   IMPIANTO: CALDAIE - VAPORE  IMPIANTO: OSMOSI  IMPIANTO: ACQUA DEMI  IMPIANTO: DEGASATORE  IMPIANTO: LAVAGGIO  IMPIANTO: IMPIANTO ACQUA PURIFICATA  IMPIANTO: IMPIANTO ACQUA INDUSTRIALE  IMPIANTO: IMPIANTO OLIO DIATERMICO  IMPIANTO: COMPRESSORI ARIA  IMPIANTO: GRUPPI FRIGO ACQUA GLICOLATA  IMPIANTO: AZOTO AIRLIQUIDE  IMPIANTO: OSSIGENO  IMPIANTO: BIOLOGICO   IMPIANTO RILEVAZIONE FUMI – ANTINCENDIO  IMPIANTO ANTINTRUSIONE  IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA Problemi e soluzioni: esempi e schemi

8 8 COMPATIBILITA’ e INTERFACCE  INGRESSI FISICI STATI DI/DO, STATI IN TENSIONE - CORRENTE  BORDI MACCHINA PLC  SISTEMI BUS PROPRIETARI o COMUNQUE ESISTENTI  KNX-KONNEX EIB  MODBUS  PROFIBUS  LONBUS – HONEYWELL  SICUREZZA: NOTIFIER COMPATIBILITA’ e INTERFACCE  INGRESSI FISICI STATI DI/DO, STATI IN TENSIONE - CORRENTE  BORDI MACCHINA PLC  SISTEMI BUS PROPRIETARI o COMUNQUE ESISTENTI  KNX-KONNEX EIB  MODBUS  PROFIBUS  LONBUS – HONEYWELL  SICUREZZA: NOTIFIER

9 9 Problemi e soluzioni: esempi e schemi IMPIANTO: IMPIANTO ACQUA INDUSTRIALE input analogico4-20mApressione mandata ai reparti input digitalesipompa di lancio 1 in blocco input digitalesipompa di lancio 2 in blocco input digitalesipompa di lancio 3 in blocco input digitalesipompa acqua calda 1 in blocco input digitalesipompa acqua calda 2 in blocco input digitalesipompa reintegro 1 in blocco input digitalesipompa reintegro 2 in blocco input digitalesipompa pozzo 1 in blocco input digitalesipompa pozzo 2 in blocco input digitalesibasso livello vasca input analogico4-20mAconducibilità input analogico4-20mAindice di rifrazione input analogico4-20mAtemperatura

10 10 Problemi e soluzioni: esempi e schemi  INFRASTRUTTURE ESISTENTI  PASSAGGI CAVI, QUADRI, BORDI MACCHINA  COMPATIBILITA’ APPARATI  DISPOSIZIONI NORMATIVE FASE PROGETTUALE E/O INSTALLATIVA  FERMO IMPIANTI  RAPPORTO COSTO INTERVENTI – BENEFICI ATTESI  INFRASTRUTTURE ESISTENTI  PASSAGGI CAVI, QUADRI, BORDI MACCHINA  COMPATIBILITA’ APPARATI  DISPOSIZIONI NORMATIVE FASE PROGETTUALE E/O INSTALLATIVA  FERMO IMPIANTI  RAPPORTO COSTO INTERVENTI – BENEFICI ATTESI

11 11 Metering: -Locale fisso -Locale removibile -Stoccaggio dati sul posto con alta capacità di memoria -Supervisione Web Problemi e soluzioni: esempi e schemi

12 Wireless RETE LAN Cablato Vettori esterni 3G/4G/Gprs REMOVIBILE FISSO Problemi e soluzioni: esempi e schemi

13 13 Problemi e soluzioni: esempi e schemi

14 14 PROCESSO PROCESSO - STOCCAGGIO OFFICINA - UFFICI LABORATORI DIREZIONE

15 15 PROCESSO PROCESSO - STOCCAGGIO OFFICINA - UFFICI LABORATORI DIREZIONE PORTANTE ETHERNET RAME DORSALE VIE CAVI CON SCORTA

16 16 * * * * * * * * * * * * * * * * PROCESSO PROCESSO - STOCCAGGIO OFFICINA - UFFICI LABORATORI DIREZIONE PORTANTE ETHERNET RAME DORSALE VIE CAVI CON SCORTA

17 -Ethernet -Modbus -Profibus Cablato Wi-Fi REMOVIBILE FISSO Problemi e soluzioni: esempi e schemi

18 18

19 19

20 Memoria di stoccaggio dati ad altissima autonomia pari a 64Mbyte. Comunicazione: si può passare in qualsiasi momento all’utilizzo di più vettori di comunicazione. Incremento delle dotazioni schede I/O; Espandibilità: si possono aggiungere moduli di espandibilità ingressi/uscite nel caso di ampliamenti per sensori e/o bordi macchina esterni senza abbandonare quanto installato. Sicurezza: in questa periferica è possibile collegare un sistema di controllo accessi a Badge o tastiera. Autonomia: la SP è fornita di apposito caricabatteria integrato e batteria tampone di back-up per il suo funzionamento anche in mancanza dell’alimentazione primaria. Memoria di stoccaggio dati ad altissima autonomia pari a 64Mbyte. Comunicazione: si può passare in qualsiasi momento all’utilizzo di più vettori di comunicazione. Incremento delle dotazioni schede I/O; Espandibilità: si possono aggiungere moduli di espandibilità ingressi/uscite nel caso di ampliamenti per sensori e/o bordi macchina esterni senza abbandonare quanto installato. Sicurezza: in questa periferica è possibile collegare un sistema di controllo accessi a Badge o tastiera. Autonomia: la SP è fornita di apposito caricabatteria integrato e batteria tampone di back-up per il suo funzionamento anche in mancanza dell’alimentazione primaria. Problemi e soluzioni: esempi e schemi

21 Consultazione diretta in server web da porta ethernet locale: in questa SP tale funzione consente anche la programmazione oltre alla normale consultazione. Autonomia allarmi: da questa SP si possono mandare SMS ai reperibili in totale autonomia. Proprietà del bene informatico: il software a bordo delle Stazioni Periferiche SP una volta installato viene consegnato e diventa di proprietà dell’integratore. Consultazione diretta in server web da porta ethernet locale: in questa SP tale funzione consente anche la programmazione oltre alla normale consultazione. Autonomia allarmi: da questa SP si possono mandare SMS ai reperibili in totale autonomia. Proprietà del bene informatico: il software a bordo delle Stazioni Periferiche SP una volta installato viene consegnato e diventa di proprietà dell’integratore. Problemi e soluzioni: esempi e schemi

22 Protocolli di comunicazione aperti Il sistema proposto può impiegare numerosi protocolli di comunicazione di tipo aperto, per standard industriali, normati. ModBus/Ascii e ModBus/RTU per comunicazioni seriali asincrone su interfacce RS232 e RS485; ModBus TCP-IP per comunicazioni su reti TCP-IP; Modbus/ Profibus DP M-Bus-EN IEC Transmission Protocols su reti GPRS; IEC Transmission Protocols su reti TCP-IP Protocolli di comunicazione aperti Il sistema proposto può impiegare numerosi protocolli di comunicazione di tipo aperto, per standard industriali, normati. ModBus/Ascii e ModBus/RTU per comunicazioni seriali asincrone su interfacce RS232 e RS485; ModBus TCP-IP per comunicazioni su reti TCP-IP; Modbus/ Profibus DP M-Bus-EN IEC Transmission Protocols su reti GPRS; IEC Transmission Protocols su reti TCP-IP Problemi e soluzioni: esempi e schemi

23 23 Aumento della quantità e della qualità dei dati raccolti DATI TECNICI Allarmi tecnici Pressione Livello Portata Posizione Tasso di occupazione Tempo di funzionamento DATI AMBIENTALI Temperatura Umidita CO 2 / COV Luminosità Inquinamento DATI ENERGETICI Multi-Energie Capacità di produzione Consumi per uso, apparecchio, zona Riduzione automatica del consumo Tariffe energia DATI ATTIVITÀ. Resconti. Confronti. Serie Storiche. Statistiche Risultati attesi: monitoring, gestione, management

24 Uno sguardo ai COSTI … Risultati attesi: monitoring, gestione, management VOCI DI COSTOIMPORTIUNITARIOTOTALE 1 BOX/QUADRI CONCENTRATORE WIT € 1.800,008 € ,00 2 OPERE ACCESSORIE € 5.000,001 3 RETE LAN € 4.000,001 4 RETE WIFI € 3.000,001 5 SOFTWARE € 8.000,001 6 INFORMATICA € 5.000,001 7 START-UP € 4.000,001 € ,00

25 25  Confrontare i diversi consumi per: Macchinario Reparto Commessa  Confrontare i consumi temporali per: Giorno Mese Anno Risultati attesi: monitoring, gestione, management

26 26 Confrontare i consumi dei siti: la classifica come ad esempio  Top degli n settori con la minor spesa dell’Energia  Flop dei n settori con il maggior consumo di Energia Risultati attesi: monitoring, gestione, management

27 27  La soluzione proposta può: Essere flessibile, scalabile, ampliabile per potersi adattare a qualsiasi modifica futura. Permettere di integrare i dati non solo energetici, ma anche indicatori di stato, di produzione, di allarme e di impianto. Essere autonoma ed effettuare il salvataggio dei dati anche in caso di assenza di alimentazione. Risultati attesi: monitoring, gestione, management


Scaricare ppt "Se non puoi misurarlo, non puoi migliorarlo! If you can not measure it, you can not improve it! 1 MILANO 25 Settembre - PADOVA 02 Ottobre Autore: Frison."

Presentazioni simili


Annunci Google