La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comitato Consultivo Misto Aziendale Ospedale Maggiore 17/12/2014 Intervento straordinario dell’AUSL di Bologna per il contenimento dei tempi di attesa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comitato Consultivo Misto Aziendale Ospedale Maggiore 17/12/2014 Intervento straordinario dell’AUSL di Bologna per il contenimento dei tempi di attesa."— Transcript della presentazione:

1 Comitato Consultivo Misto Aziendale Ospedale Maggiore 17/12/2014 Intervento straordinario dell’AUSL di Bologna per il contenimento dei tempi di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali (DGR 1735/2014) Aporti – Balzani – Inglese – Negrini Direzione Sanitaria AUSL Bologna

2 In ottemperanza a quanto previsto dalla DGR 1735/2014 e dalla Circolare 21/2014 l’Azienda USL di Bologna, in collaborazione con l’AOU Sant’Orsola Malpighi e l’IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli, ha predisposto un piano di interventi straordinari finalizzati a migliorare l’accessibilità alle prestazioni di specialistica ambulatoriale. DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014

3 Azioni urgenti 1. Piano di committenza aggiuntivo 2014 e 2015 in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria Sant’Orsola e Privato Accreditato Percorsi di Garanzia Orari di apertura 2. Ridefinizione degli ambiti territoriali di garanzia Azioni di sistema 1. Miglioramento appropriatezza attraverso Team Multidisciplinare 2. Presa in carico e sviluppo delle capacità produttive Case della Salute 3. Gestione dell’offerta attraverso il sistema CUP 4. Manutenzione delle agende di appuntamento 5. Analisi e monitoraggio delle criticità del sistema di offerta (TM) 6. Piano di comunicazione/responsabilizzazione del cittadino

4 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI Incremento della capacità produttiva e accessibilità alle prestazion i Piano di committenza aggiuntivo in collaborazione con AOU e Privato Accreditato  Per AUSL e AOU l’offerta aggiuntiva di prestazioni è stata programmata ricorrendo all’utilizzo dell’istituto della similalp.  Nel 2015 potenziamento dell’offerta riguardante in particolare la diagnostica pesante (TC ed MN), ecografica, vascolare, endoscopica, altra diagnostica strumentale e prestazioni di prima visita.

5 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI Incremento della capacità produttiva e accessibilità alle prestazion i

6 Percorsi di Garanzia: in ambito metropolitano bolognese consentono al cittadino di usufruire della prestazione richiesta entro i tempi di attesa previsti dalla normativa presso 39 strutture, prenotando su 211 agende CUP le seguenti 21 prestazioni specialistiche: TC addome, TC cranio, TC torace, RM encefalo, RM rachide, RM articolare, audiometria, ecocardiogramma, eco addome, colonscopia, gastroscopia, EMG, OCT, mammografia, v. cardiologica, v. dermatologica, v. neurologica, v. oculistica, v. otorino, v. ortopedica, v. urologica. DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI Percorsi di Garanzia

7 Orari di apertura precedenti AUSL TC sedi varie AUSL (*) TC LUNMARMERGIO VENSAB RM sedi varie AUSL (*) RM LUN MARMERGIOVENSAB (2 giorni alla settimana 20-23) DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI

8 Orari di apertura precedenti AOSP Sant’Orsola DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI

9 Dal 17 novembre 2014 estensione degli orari con attività in similalpi:  AUSL: sia per la TC che per la RM sedute aggiuntive in diverse sedi aziendali nelle giornate di sabato e domenica alternate con AOSP  AOSP: apertura 2 sedute/mese di TC di 6 ore ciascuna presso il pad. 5 nei giorni di domenica (8- 14) o, in alternativa, di sabato pomeriggio (13-19). Prestazione: TC body con media di 15 TC / seduta DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI

10 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014 Orari di apertura strutture AUSL nei fine settimana di novembre e dicembre 2014:

11 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI Incremento della capacità produttiva erogatori Azienda USL 2014 Dal 22/11 al 21/12

12 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI URGENTI Incremento della capacità produttiva e accessibilità alle prestazion i

13 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA Presa in carico e sviluppo delle capacità produttive  Prenotazione delle visite di controllo e prestazioni collegate da parte della struttura (Uo/Amb) che ha in carico il cittadino attraverso i percorsi semplici e di completamento diagnostico e del Day Service Ambulatoriale (DSA) l’utente viene preso in carico a seguito della prima visita: i controlli e le prestazioni collegate vengono prenotati direttamente in ambulatorio su agende informatizzate evitando il ritorno del paziente a MMG/CUP A REGIME: cardiologia, endocrinologia, diabetologia, oncologia, chirurgia senologica, radioterapia, oculistica orl, ortopedia. Presa in carico complessiva per procedure di chirurgia ambulatoriale: cataratta, ernia inguinale, tunnel carpale. IN AVVIO: neurologia, urologia.

14 Visite di controllo prenotate direttamente da software interno Anni % vs 2012 Accessi evitati a cup * proiezione su 8 mesi 2014 visite di controllo (89.01) prenotate da AOU su software interno - anni (*) sw int * proiezione su 6 mesi 2014 AUSL AOU

15 DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA  Case della Salute : luogo di declinazione territoriale PDTA per garantire: omogeneità degli approcci, standardizzazione degli interventi in un contesto di prossimità, globalità dell’approccio ai problemi di salute equità nell’opportunità di cure Gestione della cronicità: grande opportunità di crescita dei contributi delle professioni attraverso l’integrazione multi professionale: MMG, infermieri e specialisti territoriali. Al fine di tradurre tali percorsi in approcci alla persona e non solo alla malattia i seguenti PDTA sono oggetto di un gruppo di lavoro dedicato: scompenso cardiaco, post-IMA, BPCO, malattie reumatologiche.

16 Assistiti Team Multidisciplinare Mancanza Disponibilità Non Prenotabile Caratteristiche particolari dell'Assistito Controllo a Breve – Lungo Termine Mancata erogazione per Motivi Tecnici / Organizzativi Call Center Al Servizio CALL CENTER SPORTELLI FARMACIA DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA Analisi e monitoraggio delle criticità dei sistemi di offerta: team multidisciplinare

17 Mancanza Disponibilità Non Prenotabile Caratteristiche particolari dell'Assistito Controllo a Breve – Lungo Termine Mancata erogazione per Motivi Tecnici / Organizzativi AUDIT report mensile Dipartimenti azioni di miglioramento FEEDBACK A DIREZIONE SANITARIA MONITORAGGIO E VERIFICA Assistiti Team Multidisciplinare SPORTELLI CALL CENTER FARMACIE Miglioramento appropriatezza DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA

18 Distribuzione in base allo “Stato” della richiesta di presa in carico Distribuzione in base alla “Tipologia” di richiesta di presa in carico E SITI DI ATTIVITÀ DAL AL : 1561 CASI

19 Distribuzione in base alla “Tipologia di prescrittore”

20 E SITI DI ATTIVITÀ DAL AL : 1561 CASI Modalità di accesso in base a prescrittore: MMG Modalità di accesso in base a prescrittore: specialista ospedaliero

21 Strumento proattivo di monitoraggio dell’offerta DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA “Politiche di miglioramento dell’accessibilità alle cure specialistiche”: si precisa che “le Aziende Sanitarie adotteranno delle modalità organizzative […] funzionali ad assicurare il presidio, il monitoraggio e la verifica dell’efficacia delle misure adottate”. L’Azienda USL di Bologna si doterà da gennaio 2015 di uno strumento di monitoraggio prospettico e proattivo delle disponibilità di prestazioni specialistiche ambulatoriali presenti nel sistema CUP metropolitano. OBIETTIVO: fornire un quadro sintetico “in tempo reale” delle disponibilità presenti a sistema entro determinati orizzonti temporali, consentendo di anticipare eventuali criticità e garantire un’adeguata tempestività e flessibilità nella gestione del “mis-match” domanda – offerta di prestazioni specialistiche ambulatoriali.

22 Piano della Comunicazione DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA OBIETTIVO GENERALE: garantire informazione che permettano ai cittadini di appropriarsi della materia, chiarendo diritti e doveri e stimolando il loro senso di responsabilità ed in grado di far percepire loro l’impegno costante e l’attenzione che l’Azienda dedica al tema sia in relazione alle regole generali per il buon funzionamento e l’efficienza del sistema, sia al problema del singolo cittadino. Particolare attenzione sarà dedicata a focus tematici su alcune specifiche prestazioni per le quali si sono registrate difficoltà di comprensione, da parte dei cittadini, rispetto alle scelte compiute dall’Azienda per regolarne l’accesso (es. screening per la diagnostica oncologica precoce).

23 Piano della Comunicazione: aree tematiche DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014: AZIONI DI SISTEMA 1) temi generali dell’accesso alle prestazioni quali: - tempi e liste di attesa - modalità di accesso alle prestazioni in base ai criteri di priorità - tipologia della visita - percorsi di presa in carico e agli ambiti territoriali di garanzia - i diversi canali di prenotazione/disdetta e al loro utilizzo corretto 2) aspetti connessi ai contenuti operativi del programma di intervento straordinario, orientando l’informazione alla promozione delle azioni implementate, rimodulando le attività di comunicazione sulla base dei feedback provenienti attraverso le attività di ascolto ed il lavoro del team operativo multidisciplinare. Strumenti: saranno utilizzati pubblicistica cartacea, affissioni, spot radiofonici, interventi in TV ed i nuovi media come web e social media, privilegiando i mezzi più utili a raggiungere con facilità ed efficacia i target individuati.


Scaricare ppt "Comitato Consultivo Misto Aziendale Ospedale Maggiore 17/12/2014 Intervento straordinario dell’AUSL di Bologna per il contenimento dei tempi di attesa."

Presentazioni simili


Annunci Google