La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La trasparenza della Pubblica Amministrazione a seguito del d.lgs. N.33/2013 Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con la collaborazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La trasparenza della Pubblica Amministrazione a seguito del d.lgs. N.33/2013 Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con la collaborazione."— Transcript della presentazione:

1 La trasparenza della Pubblica Amministrazione a seguito del d.lgs. N.33/2013 Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con la collaborazione della Dottoressa Laura Cecchetti Bologna, 8 novembre 2013

2 1.Le misure di trasparenza amministrativa previste dalla legge anticorruzione 2.Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa (d.lgs. 14 marzo 2013 n.33) 3.Fondamento, contenuti e sviluppo del principio di trasparenza 4.Casi e materiali: 2 esempi 1 Nota metodologica Allegoria del Buon Governo – A.Lorenzetti

3 Nota metodologica -analisi della materia a partire dagli istituti di diritto politico (dall’analisi testuale alla ricostruzione sistematica) -scelta motivata dalla stratificazione normativa e dalla natura ricostruttiva del d.lgs. n. 33/2013, cuore dell’analisi -esigenza di riordino sistematico per la rilevante e non ordinata produzione normativa -metodo di analisi sostanziale -trasparenza e anticorruzione: sovrapposizione oggettiva di previsioni, esigenza forte di coordinamento 2

4 Check list adempimenti L. 190/2012, D.lgs. 33/2013, D.lgs. 39/2013 3

5 Check list adempimenti L. 190/2012, D.lgs. 33/2013, D.lgs. 39/2013…. (segue) 4

6 5

7 6

8 1. Le misure di trasparenza amministrativa - Uno sguardo alla legislazione sulla trasparenza precedente il d.lgs. N. 33/2013: gli articoli 1, 3, 4 (principi e finalità), 11 (definizione, inserimento come livello essenziale delle prestazioni erogate dalle P.A. ai sensi dell’art. 117, comma 2, lettera m) della Costituzione; il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità) 7

9 1. Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) -La base internazionale: artt. 9 e 11 Convenzione ONU contro la corruzione del Trasparenza nella stipulazione degli appalti pubblici, diffusione di informazioni su: organizzazione, funzionamento, processi decisionali della P.A. -Dal diritto di accesso individuale al principio di pubblicità completa del procedimento amministrativo attraverso la formula della pubblicazione. -Contraddizione tra trasparenza totale (art. 11 d.lgs. N.150/2009) e (mancato) riconoscimento del diritto alla conoscenza. Rimedio italiano: gli obblighi di pubblicazione 8

10 1. Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) -L’ambito di applicazione delle disposizioni sulla trasparenza della legge N (articoli 1, commi e Sui contratti pubblici: art. 1, commi 14-25, 32 e 52-58). -Si applicano a tutte le P.A., inclusi gli enti pubblici nazionali, alle cosietà partecipate e a quelle controllate (nei limiti della loro attività di pubblico interesse – articolo 1, comma 34). -Come si interpreta? -Spunto interpretativo della legge modello interamericana sull’accesso alle informazioni pubbliche (approvata dall’Assemblea generale OSA con risoluzione N dell’8 giugno 2010). -La disciplina in esame si applica alla parte dell’attività privata che comporta l’utilizzo di danaro pubblico (substantial public funds or benefits) 9

11 1. Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) -La trasparenza garantita attraverso le pubblicazioni integra l’individuazione del livello essenziale delle prestazioni erogate dalle P.A. (comma 36). -Conseguenza: la materia rientra nella competenza esclusiva dello Stato che determina i livelli essenziali. -Disciplina regionale solo aggiuntiva -N.B. Non ha carattere fondamentale l’accesso e richiesta: la sua base continua ad essere il Capo V della legge N e rientra nelle regole del procedimento. 10

12 1. Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) -2 misure operative. -Obbligo per ogni P.A. di rendere noto un indirizzo di posta elettronica per trasmettere istanze e ricevere informazioni (articolo 1, comma 29). Rafforza il contenuto dell’art. 47, comma 1, d.lgs. 7 marzo 2005, N. 82 come modificato dall’art. 32 d.lgs. 30 dicembre 2010, N Obbligo di accessibilità, per via informatica, delle informazioni sui provvedimenti e procedimenti amministrativi (comma 30). Disciplina le modalità di esercizio (e non la conformazione) del diritto di accesso. 11

13 3 “nuovi” obblighi di pubblicazione delle informazioni sui siti web delle P.A. 1.Bilanci, conti consuntivi, costi unitari di realizzazione delle opere pubbliche e di produzione dei servizi erogati ai cittadini (articolo 1, comma 15). Disciplina attuativa. 2.Monitoraggio periodico del rispetto dei tempi procedimentali al fine di eliminare i ritardi. Consultazione sul sito dei risultati del monitoraggio (articolo 1, comma 28). 3.Informazioni relative ai procedimenti amministrativi (di nuovo articolo 1, comma 15) ed in particolare a quelli indicati nel successivo comma 16: 12 a)autorizzazione o concessione; b)scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163; c)concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; d)concorsi e prove selettive per l'assunzione del personale e progressioni di carriera di cui all'articolo 24 del citato decreto legislativo n.150 del Le misure di trasparenza amministrativa … (segue)

14 Disciplina degli strumenti di controllo e di garanzia (articolo 1, commi 27 e 33). -Regime generale: trasmissione in via telematica delle informazioni alla CIVIT (in coerenza con la competenza attribuita dall’articolo 1, comma 2, lettera g). -Doppio regime speciale (a garanzia dell’obbligo di pubblicazione delle informazioni sui procedimenti). La violazione determina l’attivazione dei meccanismi di responsabilità dirigenziale (garanzia indiretta, capitolo amministrativo). Class action amministrativa: l’inosservanza degli obblighi di pubblicazione costituisce violazione degli standard qualitativi ed economici ai sensi dell’articolo 1, comma 1, d.lgs. 20 dicembre 2009, N Pronuncia di adempimento e non tutela per equivalente (garanzia diretta, capitolo giurisdizionale). 13

15 -Principio fondamentale della trasparenza nell’attività amministrativa (ed in particolare nei contratti pubblici). -Obbligo della trasparenza valido sia per la fase di selezione del contraente, sia per la fase di esecuzione del contratto. Positiva estensione dell’attenzione. Un esempio: obbligo di pubblicazione delle somme liquidate all’aggiudicatario e dei tempi di lavoro. -Oggettiva diversità fra le 2 fasi: piena pubblicità della selezione come principio consolidato del sistema, bilateralità (e quindi potenziale oscurità) dell’esecuzione del contratto. -Centralità dell’articolo 1, comma 32. -La “modificazione sostanziale” nella proposta di nuova direttiva europea degli appalti (Council EU, Proposal for a Directive of the EP and the Council on public procurement, 30 novembre 2012, art. 72, par. 4). -Definizione: variazione inferiore al 10% del valore iniziale del contratto (servizi e forniture) e inferiori al 15% (lavori). 1.Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) 14

16 -Gli effetti giuridici, vincolanti dei protocolli di legalità (accordo tra P.A. e Prefetture) e dei patti di integrità (accordo operatori economici con stazione appaltante): possibile previsione di esclusione dalla gara per il mancato rispetto delle clausole dei protocolli e patti. -In generale, gli istituti per la risoluzione delle controversie negli appalti nel CdA: -Giudizi non vincolanti AVCP -Transazione -Accordo bonario -Compromissione in arbitri -Informativa circa l’intento di proporre ricorso giurisdizionale -Limiti all’arbitrato: previa autorizzazione espressa dell’organo di governo della stazione appaltante. Articolo 1, comma 19, in relazione all’art. 241 CdA. Sanzione della nullità. Istituto non trasparente, né efficace. -Dalla Relazione annuale AVCP 2012 risulta che: -la percentuale di soccombenza delle P.A. nei giudizi arbitrali è del 97.46% -la soccombenza di entrambe è del 10.16% 1.Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) 15

17 -Articolo 1, comma 20: le disposizioni sull’arbitrato si applicano anche alle società pubbliche, alle partecipate, controllate o che comunque utilizzano fondi pubblici. -La trasparenza della nomina degli arbitri e dei compensi. (articolo 1, commi ). In particolare, l’obbligo di predeterminazione del tetto dell’importo spettante al dirigente pubblico. -Manca l’obbligo di pubblicazione delle somme liquidate nell’arbitrato e dei compensi agli arbitri. 1.Le misure di trasparenza amministrativa … (segue) 16

18 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa (d.lgs. 14 marzo 2013 n.33) -Con quelli aggiunti dalla legge N sono circa 100 gli obblighi di pubblicazione esistenti. -Gli otto principi di delega dell’art. 1, comma 35, legge n.190/2012 e il doppio valore costituzionale delle disposizioni del d.lgs. 33/2013 -Un cenno alla rapida procedura di approvazione/pubblicazione del provvedimento (assenza del parere – facoltativo – delle Commissioni parlamentari) cfr. anche art. 15 legge 400/1988 -La geografia ( in 7 aree più 1 allegato per complessivi 53 articoli) del d.lgs. n.33/

19 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 18 il capo I (artt. 1-12) contiene i principi generali cui si ispira il riordino della disciplina degli obblighi di trasparenza e pubblicità; il capo I (artt. 1-12) contiene i principi generali cui si ispira il riordino della disciplina degli obblighi di trasparenza e pubblicità; il capo II (artt ) si occupa di disciplinare gli obblighi di pubblicità riguardanti l’organizzazione della pubblica amministrazione, dei titolari di cariche elettive e dirigenziali, nonché dei provvedimenti amministrativi in generale; il capo II (artt ) si occupa di disciplinare gli obblighi di pubblicità riguardanti l’organizzazione della pubblica amministrazione, dei titolari di cariche elettive e dirigenziali, nonché dei provvedimenti amministrativi in generale; il capo III (artt ) disciplina le misure di pubblicità relative all’impiego delle risorse pubbliche; il capo III (artt ) disciplina le misure di pubblicità relative all’impiego delle risorse pubbliche; il capo IV (artt ) detta norme in materia di servizi erogati; il capo IV (artt ) detta norme in materia di servizi erogati; il capo V (artt ) regola gli obblighi di pubblicità in alcuni settori speciali: appalti e opere pubblici, pianificazione e governo del territorio, ambiente, servizio sanitario nazionale, interventi straordinari e di emergenza; il capo V (artt ) regola gli obblighi di pubblicità in alcuni settori speciali: appalti e opere pubblici, pianificazione e governo del territorio, ambiente, servizio sanitario nazionale, interventi straordinari e di emergenza; il capo VI (artt ) definisce il sistema di vigilanza e le misure sanzionatorie poste a salvaguardia dell’osservanza degli obblighi di pubblicità e trasparenza; il capo VI (artt ) definisce il sistema di vigilanza e le misure sanzionatorie poste a salvaguardia dell’osservanza degli obblighi di pubblicità e trasparenza; il capo VII (artt ) reca infine le disposizioni finali e transitorie e la clausola abrogatoria delle disposizioni riassorbite nel d.lgs. n. 33/2013. il capo VII (artt ) reca infine le disposizioni finali e transitorie e la clausola abrogatoria delle disposizioni riassorbite nel d.lgs. n. 33/2013.

20 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) -Analisi specifica a partire dalle disposizioni degli articoli 10, 11 e 12 e del Capo II per i motivi descritti nella nota metodologica -Nel primo caso (10) importanza organizzativa, nel secondo (11) norma fondamentale per l’ambito (soggettivo) di applicazione, nel terzo caso (12) omogeneità di materia (obblighi di pubblicazione) con le disposizioni del Capo II e seguenti. 19

21 Programma triennale per la trasparenza e l’integrità (P.T.T.I.) – articolo 10 -Ruolo centrale nel sistema -Completa riscrittura delle regole dello strumento introdotto dagli articoli 11 e 13 d.lgs. n.150/2009, per le critiche (genericità e insufficienza) mosse dalla dottrina -Migliore definizione del contenuto -Migliori ambiti definitori del Piano:  misure attuative (modi e iniziative) degli obblighi di pubblicazione e misure organizzative per la circolazione delle informazioni pubblicabili;  percorsi di verifica (modalità, tempi, risorse e strumenti) dell’efficacia delle iniziative In senso procedurale: -stretta comunicazione con il Piano anticorruzione -stretta comunicazione con il Piano della performance -meccanismi partecipativi e di pubblicità (in fase ascendente e discendente) Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue)

22 Ambito soggettivo di applicazione delle disposizioni del d.lgs. n.33/2013 – articolo 11 -Ampio ambito di applicazione completa (le P.A. individuate dall’articolo 1, comma 2, d.lgs. n.165/2001) -Ambito di applicazione specifica per:  società partecipate e controllate, ai sensi dell’art C.C.: per le attività di pubblico interesse si applicano le disposizioni dell’articolo 1, commi 15-33, legge n.190/2012  autorità indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione: attuano le previsioni d.lgs. n.33/2013, secondo le disposizioni dei rispettivi ordinamenti. 21

23 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Obblighi di pubblicazione degli atti di carattere normativo e amministrativo generale – articolo 12 (Articolo 53) -Incorpora e abroga l’articolo 26, comma 1, legge n.241/1990; -La disposizione stabilisce che le P.A. pubblicano sui propri siti i riferimenti normativi relativi che ne regolano l’istituzione, l’organizzazione e l’attività; -Ciò avviene attraverso i link al sito «Normattiva» che contiene la raccolta della normativa statale; -Conferma obbligo di pubblicazione per:  Direttive  Circolari  Programmi  Istruzioni  Ogni atto generale (organizzazione, funzioni, obiettivi, procedimenti di interpretazione, codici di condotta) - Pubblicazione degli estremi di atti e testi ufficiali per statuti e norme regionali 22

24 Obblighi generali di pubblicazione – articoli Nel Capo II tre ambiti materiali degli obblighi “generali”: ­ organizzazione della P.A. ­ soggetti degli organi di indirizzo politico o con incarichi dirigenziali ­ Attività amministrativa ­ Dall’articolo 54 CdA agli articoli 13 e 24 CdT. ­ La pubblicazione dei dati relativi all’organizzazione riguarda anche gli atti normativi e quelli di organizzazione interna. ­ Accentuazione sui dirigenti (articolazione per uffici, recapiti mail e telefonici). ­ Estensione anche a: ­ Strutture create, vigilate, finanziate o dove c’è potere di nomina ­ Società partecipate ­ Strutture e società controllate Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue)

25 Obblighi generali di pubblicazione – articoli Attenzione particolare alla pubblicazione di dati e informazioni relative ai titolari di organi e uffici, con regimi distinti. - Incarichi politici (cioè elettivi o che comportano l’esercizio di poteri di indirizzo politico): dati personali, professionali, economici e patrimoniali. - Incarichi di vertice gestionale (compresi i dirigenti sanitari): dati personali, professionali, economici. - Per gli incarichi a soggetti esterni, la pubblicazione è condizione di efficacia Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue)

26 Obblighi relativi al pubblico impiego - Dotazione organica, categorie e profili, costo del personale, tassi di assenza. Obbligo relativo anche al conto consuntivo e alla relazione. - Personale a tempo determinato. - Valutazione della performance e premi. - Obblighi sulle procedure di reclutamento (bandi in corso e storici) e sulla contrattazione collettiva Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue)

27 Obblighi relativi ai dati sull’attività amministrativa - Articolo 23 sui provvedimenti ampliativi (autorizzazioni, concessioni, affidamento di lavori, personale, accordi con provati ed altre P.A.). - L’obbligo riguarda gli elenchi dei provvedimenti adottati. - Problemi attuativi di tipo quantitativo in primo luogo. - Articolo 24: dati relativi all’attività amministrativa - Carattere particolarmente accurato degli adempimenti e scelta della pubblicazione sintetica. - Provvedimenti di concessione benefici: pubblicazione preventiva (criteri e modalità) e successiva (risultati e beneficiari) come condizione di efficacia degli atti. - Caso particolare di interesse a ricorrere avverso un provvedimento favorevole. - Obbligo di pubblicazione dei rendiconti dei finanziamenti ai gruppi consiliari regionali (articolo 28) Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue)

28 -Obblighi di trasparenza contabile (articoli 29-33)  Ogni dato di bilancio in forma sintetica, aggregata e semplificata, lo stato patrimoniale i relativi cespiti  I rilievi degli organi di controllo in materia di organizzazione e attività  Carta dei servizi e servizi effettivamente resi, con i relativi costi e i tempi di erogazione  Dati annuali relativi ai tempi medi di pagamento -Obblighi finali di informazione (articoli 34-36)  Trasparenza e monitoraggio degli oneri informativi posti a carico con gli atti normativi e a contenuto generale  Mappatura dell’attività procedimentale con elementi informativi dettagliati e con precisi effetti giuridici di semplificazione 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 27

29 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 28 Obblighi di pubblicazione in settori speciali – Articoli Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture: conferma di obblighi contenuti nel CdA (riguardano le procedure per l’affidamento e l’esecuzione, la delibera a contrarre). La nuova misura di trasparenza si applica nel caso di procedure negoziata, senza la preventiva pubblicazione del bando di gara, ma con inviti ad operatori economici selezionati con una procedura di qualificazione. -Pianificazione, realizzazione e valutazione di opere pubbliche: particolare attenzione rivolta ai documenti di valutazione (e alle informazioni su tempi, costi unitari e indicatori delle opere realizzate). -Pianificazione del territorio: condividono gli strumenti con il Piano triennale delle opere pubbliche e con l’espropriazione per pubblica utilità (prima ipotesi, dal 1865) un regime rilevante di pubblicità e una procedura di partecipazione degli interessati. Per tutti i piani sono pubblicati gli schemi di provvedimento prima dell’approvazione.

30 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 29 Obblighi di pubblicazione in settori speciali – Articoli 37-42… (segue) -Informazioni ambientali: obbligo di pubblicazione delle relazioni annuali al Ministero sui dati relativi all’accesso alle informazioni ambientali. - -Servizio Sanitario Nazionale: obbligo di pubblicazione per nomine di vertice, dirigenziali, elenchi strutture private accreditate, liste di attesa con tempi previsti ed effettivi. -Interventi straordinari e di emergenza: si devono pubblicare le ordinanze extra ordinem (contingibili ed urgenti). Genus vario delle ordinanze di protezione civile. Disposizione “incompleta” (ordinanze del Sindaco – Ufficiale di Governo).

31 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 30 Norme organizzative per la vigilanza -Ruolo centrale del responsabile per la trasparenza, coincidente con il Responsabile anticorruzione (programmazione, organizzazione e controllo). Articolo 43. -Duplice serie di funzioni: programmazione e controllo. Prevale il secondo e il mezzo tipico per realizzarlo è rappresentato dalla competenza a ricevere e decidere le istanze di accesso civico ex articolo 5, comma 2. -I compiti di controllo (esterni, successivi, ordinari) CIVIT/ANAC: articolo 45. La funzione di promozione e quella di elaborazione delle linee-guida. -Il ruolo di OIV e NdV: raccordo fra gli obiettivi del PTTI e quelli del Piano della Performance. -Ai dirigenti compiti di alimentare il flusso delle informazioni da pubblicare.

32 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e 47 31

33 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e 47 32

34 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e 47 33

35 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e 47 34

36 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e Centralità della responsabilità dirigenziale - Configurazione del danno all’immagine come illecito amministrativo. Esimente - Sanzioni amministrative pecuniarie (irrogate dal Prefetto)

37 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) Le sanzioni – Articoli 46 e 47 36

38 2. Il riordino delle misure di trasparenza amministrativa … (segue) 37 La giurisdizione esclusiva – Articolo 50 -Rinvio al codice del processo amministrativo e quindi applicazione delle norme ordinarie di quel processo, salva la particolarità dell’accesso civico. -Al giudice amministrativo nuovo caso di giurisdizione esclusiva (a fronte di fattispecie di diritti soggettivi).

39 3. Fondamento, contenuti e sviluppo del principio di trasparenza 38 -La parabola dell’accesso individuale: dalla partecipazione al procedimento alla costruzione di un vero e completo diritto all’informazione. -Stretto legame fra informazione pubblicazione. -Negli altri paesi europei e anglosassoni la pubblicazione è una facoltà. In Italia un obbligo. Perché? -Nei sistemi “freedom of information act” esiste un sostanziale interesse dell’amministrazione a pubblicare gli atti. -Da noi obblighi di pubblicazione, in difetto del riconoscimento del right of know. -In ogni caso, crescente rilevanza della trasparenza amministrativa, vero e proprio principio. -Finora collegamento stretto fra trasparenze ed accesso. -Progressivo allargamento della funzioni di informazione amministrativa.

40 3. Fondamento, contenuti e sviluppo del principio di trasparenza….(segue) 39 -Svolta con il Codice dell’Amministrazione digitale (2005) e con la Riforma Brunetta (2009). -Riconoscimento della debolezza del principio di legalità quale unico fondamento dell’azione amministrativa nei confronti dei cittadini. Cessioni di sovranità ed eclissi dello Stato. -Le P.A. da soggetti esecutori della volontà politica a soggetti regolatori dei rapporti tra cittadini e degli interessi. -Il ruolo degli istituti di partecipazione. -Il controllo orizzontale diffuso sul buon andamento e l’imparzialità. -La trasparenza per la prevenzione.

41 40 Art. 5 Accesso civico 1.L'obbligo previsto dalla normativa vigente in capo alle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati comporta il diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nei casi in cui sia stata omessa la loro pubblicazione. 2.La richiesta di accesso civico non e' sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente non deve essere motivata, e' gratuita e va presentata al responsabile della trasparenza dell'amministrazione obbligata alla pubblicazione di cui al comma 1, che si pronuncia sulla stessa. 3. L'amministrazione, entro trenta giorni, procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell'informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l'avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto. Se il documento, l'informazione o il dato richiesti risultano gia' pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l'amministrazione indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale. 4.Nei casi di ritardo o mancata risposta il richiedente puo' ricorrere al titolare del potere sostitutivo di cui all'articolo 2, comma 9-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, nei termini di cui al comma 9-ter del medesimo articolo, provvede ai sensi del comma 3. 5.La tutela del diritto di accesso civico e' disciplinata dalle disposizioni di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, così come modificato dal presente decreto. 6.La richiesta di accesso civico comporta, da parte del Responsabile della trasparenza, l'obbligo di segnalazione di cui all'articolo 43, comma 5.

42 Bibliografia   Umberto Ambrosoli, Qualunque cosa succeda, Sironi Editori, 2009   Marco Arnone ed Eleni Iliopulos, La corruzione costa, Vita e Pensiero, 2005;   Honoré de Balzac, Gli impiegati, Garzanti, 1996;   Gianni Barbacetto e Davide Milosa, Le mani sulla città, Chiarelettere, 2011;   Bruno Bongiovanni e Nicola Tranfaglia, Le classi dirigenti nella storia d'Italia, Editori Laterza, 2006;   Bonomia University Press, Il rafforzamento dei controlli negli EE.LL. e il nuovo ruolo dei segretari, dei direttori e dei responsabili dei servizi finanziari dopo il D.L. n , (Giornata di studio Prefettura di Bologna), 2013;   Carlo Alberto Brioschi, Il Malaffare. Breve storia della corruzione, Longanesi, 2004;   Mario Calabresi, La fortuna non esiste, Mondadori Editore, 2009;

43 Bibliografia (segue)   Carlo Azeglio Ciampi, A un giovane italiano, Rizzoli, 2012;   Nando Dalla Chiesa e Martina Panzarasa, Buccinasco, Einaudi, 2012;   Lucia D’Amico, Tesi Master: L’Affidamento dei LL.PP. nella Provincia di Pisa. Una analisi del subappalto: Caratteristiche e criticità. Università degli Studi di Pisa, 2012;   Franca Ferraro e Stefano Gambacurta, Anticorruzione – commento alla riforma, Maggioli, 2013;   Domenico Ielo, Tecniche e metodologie di redazione dei piani anticorruzione, materiale Lega delle Autonomie, 2013;   Walter Mapelli e Gianni Santucci, La democrazia dei corrotti, BUR, 2012;   James G. March, Prendere decisioni, Il Mulino Editore, 2002;   Bernardo Giorgio Mattarella, La trappola delle leggi, Il Mulino, 2011;   Armando Massarenti, Perché pagare le tangenti è razionale ma non vi conviene, Ugo Guanda Editore, 2012;

44 Bibliografia (segue)   Bernardo Giorgio Mattarella e Marco Pelissero, La legge anticorruzione, Giappichelli, 2013;   Marta Simoncini, La regolazione del rischio e il sistema degli standard, Scientifica, 2010;   Marco Severo, Sconvocati, Fedelo’s, 2012;   Stanley Milgram, Obbedienza all’autorità, Einaudi, 2003;   Barack Obama, Discorso agli studenti americani dell’ ;   Alberto Vannucci e Donatella Della Porta, Mani impunite. Vecchia e nuova corruzione in Italia, Laterza, 2007;   Alberto Vannucci, Atlante della corruzione, Gruppo Abele, 2012;   Dorothy Louise Zinn, La raccomandazione, Donzelli, 2001;

45 Sitografia Uno dei siti economico-istituzionali più informati e aggiornati Il portale della scuola per l’innovazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. L’unica istituzione universitaria creata, finanziata e organizzata dalla U.E. Il portale dell’U.E. in 27 lingue. Un sito di riflessioni e dibattiti su temi di politica economica e industriale. Osservatorio degli Appalti di lavori pubblici della Provincia di Pisa

46 Regolamento per la distribuzione del fondo di cui all’art. 92 del D. Lgs. 12 aprile 2006 n Contributi Convegno Direttiva sui ritardati pagamenti Articolo G. Palagi «La velocità di pagamento degli Enti Pubblici nel territorio pisano» Direttiva Comunitaria CEE 16/02/2011/7 Un atto di coordinamento sulla centralizzazione di alcune procedure di spesa Sentenza del T.A.R. in merito alla legittimità di annullamento da parte della Provincia di un contratto di ristrutturazione del debito

47 Avviso Pubblico per la formazione di un elenco di candidati idonei all’assunzione a tempo determinato con incarico di dirigente Procedura di nomina dei titolari di Posizione Organizzativa e Alta Professionalità o_3.doc Procedura di accreditamento Direttori Generali Articolo G. Palagi «Perché i comuni non richiedono l’assegnazione dei beni sequestrati?» 2003%20n.43.htm Legge regionale n. 43/2003 Modifiche e integrazioni alla legge regionale 14 ottobre 1999 n. 52

48 Filmografia 1. Tutti gli uomini del re, 1949, USA, Robert Rossen; del film è stata riproposta un’omonima versione da Steven Zaillian nel Un giorno in Pretura, 1953, Italia, Mario Steno 3. Le mani sulla città, 1963, Italia, Francesco Rosi 4. Guglielmo il dentone, 1965, Italia, Luigi Filippo D’Amico 5. Il giorno della civetta, 1968, Italia, Francia, Damiano Damiani 6. Il medico della mutua, 1968, Italia, Luigi Zampa 7. Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, 1970, Italia, Elio Petri 8. Tutti gli uomini del Presidente, 1976, USA, Alan Pakula

49 9. Prova d’Orchestra, 1979, Italia, Federico Fellini 10. Tutti dentro, 1984, Italia, Alberto Sordi 11. Il direttore d’orchestra, 1980, Polonia, Andrzey Waida 12. Il portaborse, 1991, Italia, Daniele Luchetti 13. JFK, 1991, USA, Oliver Stone 14. La seconda guerra civile americana, 1997, USA, Joe Dante 15. I cento passi, 2000, Italia, Marco Tullio Giordana 16. A beautiful mind, 2001, USA, Ron Howard

50 17. John Q, 2002, USA, Nick Cassavetes 18. Good night, and good luck, 2005, F/G/GB/USA, George Clooney 19. Fortapasc, 2009, Italia, Marco Risi 20. Le Idi di Marzo, 2011, USA, George Clooney

51 Provincia di Pisa Ministero dell’Industria e del Commercio Estero Ministero per le Politiche Comunitarie Presidenza del Consiglio dei Ministri EGMONT Royal Institute for International Relations


Scaricare ppt "La trasparenza della Pubblica Amministrazione a seguito del d.lgs. N.33/2013 Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con la collaborazione."

Presentazioni simili


Annunci Google