La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.aib.bs.it A.E.C. 30 luglio 2014 Cosa cambia nella gestione dei rapporti di agenzia Martedì, 7 ottobre 2014 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.aib.bs.it A.E.C. 30 luglio 2014 Cosa cambia nella gestione dei rapporti di agenzia Martedì, 7 ottobre 2014 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale."— Transcript della presentazione:

1 A.E.C. 30 luglio 2014 Cosa cambia nella gestione dei rapporti di agenzia Martedì, 7 ottobre 2014 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

2 2 (Definizione dell’agente e sfera di applicazione) Nel “Chiarimento a verbale” inserita la specificazione secondo cui “la proposta, l’accettazione, la loro revoca e ogni altra dichiarazione diretta ad una delle parti (agenti di commercio e case mandanti) si reputano conosciute nel momento in cui giungono all’indirizzo comunicato o a quello della sede legale del destinatario, se questi non prova di essere stato, senza colpa, nell’impossibilità di averne notizia”. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione Art. 1

3 3 “Zona ed esclusiva – Variazioni”  Viene data una nuova ripartizione agli scaglioni che determinano l’entità della variazione e la relativa disciplina.  Sono state parallelamente riviste le modalità di comunicazione delle variazioni.  E’ ampliato il periodo di osservazione ai fini della sommatoria di eventuali variazioni di lieve entità. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione Art. 2

4 4 … nuova ripartizione scaglioni DefinizioneIncidenza riduzioneValore di riferimento Lieve entitàFino al 5%Valore delle provvigioni di competenza dell’agente nell’anno civile (1 gennaio – 31 dicembre) precedente la variazione, ovvero nei dodici mesi antecedenti la variazione, qualora l’anno precedente non sia stato lavorato per intero. Media entitàOltre il 5% e fino al 15% Rilevante entitàSuperiori al 15% Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

5 5 … modalità di comunicazione delle variazioni TipologiaPreavviso a favore agente Possibilità accordo scritto per una diversa decorrenza Possibilità opposizione agente Lieve entitàNoNon previsto nel testoNo Media entitàDue mesi se plurimandatario. Quattro mesi se monomandatario PrevistoSì, da notificare nel termine perentorio di trenta giorni dal ricevimento della comunicazione aziendale. Rilevante entitàNon inferiore a quello previsto per la risoluzione. PrevistoSì, da notificare nel rispetto del medesimo termine previsto per la media entità. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

6 6 … Sommatoria delle variazioni di lieve entità La sommatoria delle variazioni di lieve entità apportate nel periodo dei 18 mesi antecedenti l’ultima variazione sarà da considerarsi come unica variazione sia ai fini della richiesta di preavviso sia di quelli inerenti la possibilità di intendere il rapporto cessato ad iniziativa della casa mandante. Per gli agenti monomandatari la sommatoria va valutata sul periodo dei 24 mesi antecedenti l’ultima variazione. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

7 7 “Documenti – Campionario” Viene previsto che, nel caso di affidamento del campionario, il valore dello stesso possa essere riaddebitato all’agente in caso di mancata o parziale restituzione o di danneggiamento non dovuto alla normale usura da utilizzo. Art. 3 Rispetto al testo precedente viene, inoltre, specificato che non è previsto l’addebito del campionario per motivi diversi da quelli sopra riportati. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

8 8 “Contratto a tempo determinato” Viene specificato che in caso di rinnovo di rapporti a termine aventi lo stesso contenuto di attività (zona, prodotti e clienti), la preponente può apporre il periodo di prova solo al primo contratto. Art. 4 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

9 9 “Diritti e doveri delle parti” Nei contratti individuali potrà essere stabilito un termine per l’accettazione o il rifiuto, totale o parziale, da parte del preponente delle proposte d’ordine trasmesse dall’agente. Art. 5 In assenza nel contratto individuale di un’espressa previsione, le proposte d’ordine si intenderanno accettate, ai soli fini del diritto alla provvigione, se non rifiutate dal preponente entro trenta giorni dalla data di ricevimento delle stesse. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

10 10 “Provvigioni” Tipologia attività accessoria AEC 2002AEC 2014 Attività di riscossioneProvvigione separata Provvigione separata o compenso aggiuntivo in forma non provvigionale. Attività di coordinamentoCompenso aggiuntivo in forma non provvigionale. Provvigione separata o compenso aggiuntivo in forma non provvigionale. Art. 6 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

11 11 “Liquidazione delle provvigioni” La casa mandante che non spedisca le fatture tramite l’agente deve fornire all’agente stesso alla fine di ogni mese o trimestre:  le copie delle fatture inviate ai clienti, oppure  un riepilogo da cui si ricavino fatture, prodotti forniti e aliquota provvigionale Art. 7 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione Si introduce, per il caso la preponente ritardi il pagamento delle somme dovute di oltre 15 giorni l’applicazione della disciplina prevista nell’ambito delle transazioni commerciali.

12 12 “Termini di preavviso” La disciplina viene modificata:  con riferimento alla base di calcolo della somma da erogare in sostituzione del preavviso, costituita ora dalle provvigioni “e dagli altri corrispettivi maturati”;  con la specificazione, in relazione all’anno precedente da prendere a riferimento, che si tratta dell’ ”anno civile”. Art. 9 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

13 13 “Indennità per lo scioglimento del contratto” Resta confermato che l’indennità è composta da:  Indennità di risoluzione del rapporto  Indennità suppletiva di clientela  Indennità meritocratica Art. 10 … ma Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

14 14 … Indennità di risoluzione del rapporto  Accantonamento da parte della casa mandante presso la Fondazione ENASARCO.  Conferma delle aliquote e degli scaglioni in essere.  Riconoscimento all’agente anche in assenza di incremento della clientela e/o del giro di affari in tutte le ipotesi di cessazione del rapporto, ad eccezione dello scioglimento ad iniziativa della Casa mandante giustificata da ritenzione indebita, da parte dell’agente, di somme di spettanza della preponente, concorrenza sleale o violazione del vincolo di esclusiva per una sola ditta. E’ confermata la precedente disciplina Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

15 15 … Indennità suppletiva di clientela Viene specificato che l’indennità deve essere riconosciuta anche in assenza di un incremento della clientela e/o del giro d’affari. Nel contempo, vengono confermati aliquote e scaglioni, già previsti dall’AEC L’indennità spetta anche quando il contratto si scioglie per disdetta data dall’agente per:  invalidità permanente e totale;  conseguimento della pensione di vecchiaia o vecchiaia anticipata Enasarco;  conseguimento della pensione di vecchiaia o vecchiaia anticipata Inps;  accertati gravi inadempimenti del preponente;  infermità e/o malattia che non consentano la prosecuzione del rapporto Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

16 16 … Indennità meritocratica Presupposto per la corresponsione L’agente deve aver apportato al preponente un sensibile incremento della clientela e/o del giro d’affari. Nuove condizioni e modalità di calcolo Vengono valutati i seguenti fattori:  valore dell’incremento;  periodo di prognosi;  tasso di migrazione. Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

17 17 Le sette fasi di calcolo della nuova meritocratica Caso Rapporto di agenzia con agente plurimandatario di durata pari a 5 anni. Indennità massima spettante ai sensi dell’art. 1751, comma 3, del Codice Civile: euro ,000. Sommatoria FIRR + Indennità suppletiva: euro ,00. Individuazione del valore dell’incremento Differenza, nel caso proposto, fra i guadagni complessivi delle ultime quattro liquidazioni trimestrali e quelli risultanti dalle prime quattro. Importo così ottenuto: euro. Individuazione del “periodo di prognosi” Secondo la tabella di cui all’art. 11, tale periodo è pari a due anni. 1 2 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

18 18 Determinazione del “tasso di migrazione” della clientela Secondo la tabella di cui all’art. 11, tale tasso è pari al 17%. Applicazione del tasso di migrazione al valore dell’incremento per il periodo di prognosi 1° anno€ ,00 – 17%€ ,00 (A) 2° anno€29.050,00 – 17%€ ,50 (B) Totale(A) + (B)€ , Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

19 19 Riduzione forfettaria Essendo, nel caso proposto, il contratto durato 5 anni, la riduzione convenzionale è del 10%, da applicare sull’imponibile di euro ,50. Si ottiene, quindi, l’importo di euro ,35 (euro ,50 – euro 5.316,15). Confronto con art Cod. civ. Si confronta l’importo ottenuta nel punto 5) con il valore corrispondente alla media annuale degli ultimi cinque anni ex art. 1751, comma 3, del Codice civile. Nel nostro esempio, pari a euro ,00. L’importo dell’indennità meritocratica va, quindi, ridotto fino a concorrenza di tale ultimo valore. 5 6 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

20 20 Detrazione di quanto già corrisposto a titolo di FIRR e suppletiva di clientela Dalla somma ottenuta al precedente punto va detratta la sommatoria di FIRR e di indennità suppletiva di clientela, già corrisposti. Nel caos proposto, tale sommatoria equivale a € ,00. € ,00 - € ,00 = € ,00 Pertanto, l’importo di € sarà il valore della “nuova” meritocratica da corrispondere nel caso proposto. 7 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

21 21 “Decorrenza e durata” L’Accordo Economico è in vigore dal 1 settembre 2014 e scadrà il 31 dicembre Restano ferme le diverse decorrenze specificamente previste per determinati istituti (in particolare: indennità di cessazione del rapporto). Art. 22

22 22 Norma transitoria Data stipulaIn vigore alData cessazione DisciplinaTrattamento Ante 1 gennaio luglio 2014Oltre 15 mesi dal 1 gennaio 2016 Norma transitoria Nuovo AEC Ante 1 gennaio luglio 2014Meno di 15 mesi dal 1 gennaio 2016 Norma transitoria Vecchio AEC Ante 1 gennaio 2014-Ante 30 luglio 2014 OrdinariaVecchio AEC Artt. 10 e 11 … Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione

23 23 Data stipulaIn vigore alData cessazione DisciplinaTrattamento Post 1 gennaio settembre 2014Qualsiasi momento OrdinariaNuovo AEC Post 1 gennaio 2014-Ante 30 luglio 2014 OrdinariaVecchio AEC Post 1 settembre 2014-Qualsiasi momento OrdinariaNuovo AEC … Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale e Sburocratizzazione


Scaricare ppt "Www.aib.bs.it A.E.C. 30 luglio 2014 Cosa cambia nella gestione dei rapporti di agenzia Martedì, 7 ottobre 2014 Area Lavoro, Previdenza, Assistenza Legale."

Presentazioni simili


Annunci Google