La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 MATERIALE INFORMATIVO E INDICAZIONI NORMATIVE in tema di INSERIMENTO SCOLASTICO degli ALUNNI STRANIERI Sintesi del documento allegato a Nota prot. 19786.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 MATERIALE INFORMATIVO E INDICAZIONI NORMATIVE in tema di INSERIMENTO SCOLASTICO degli ALUNNI STRANIERI Sintesi del documento allegato a Nota prot. 19786."— Transcript della presentazione:

1 1 MATERIALE INFORMATIVO E INDICAZIONI NORMATIVE in tema di INSERIMENTO SCOLASTICO degli ALUNNI STRANIERI Sintesi del documento allegato a Nota prot del 18/11/ USR ER a cura di M. Rita Cabrini a.s F.S Intercultura per l’Istituto Comprensivo “ Don Milani” FERRARA

2 2 Normativa nazionale e internazionale Dichiarazione Universale dei Diritti Umani Convenzione sui Diritti dell’Infanzia diritto all’istruzione, Fondamentale e inalienabile diritto all’istruzione, del tutto indipendente dal fatto che essi godano o meno dei diritti legati alla cittadinanza. D.Lgs. 25 luglio 1998 n. 286 che, insieme al relativo Regolamento di attuazione contenuto nel D.P.R. 398 del 31/8/1999, contiene previsioni specifiche in materia di istruzione relative ai minori stranieri T.U. delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero Il testo più recente è contenuto nella legge 94 del 2009

3 3 CIRCOLARI MINISTERIALI Linee Guida per l’inserimento degli alunni stranieri Tali linee guida sono formulate nell’allegato alla C.M. n. 24 del 1 marzo In precedenza si segnalano: la C.M. 301 del 8 settembre 1989 la C.M. 205 del 26 luglio 1990 Rilevante per la formazione delle classi è la C.M. 8 gennaio 2010 n.2.

4 4 NEL PROCESSO DI INSERIMENTO DEI MINORI NON ITALIANI Aspetti amministrativo burocratici si intrecciano con problematiche EDUCATIVEEDUCATIVE FORMATIVEFORMATIVE VALUTATIVEVALUTATIVE La normativa lascia margini di autonomia ai singoli Collegi dei Docenti, che al fine di un esercizio di tali margini ordinato, trasparente, efficace e efficiente, è bene adottino procedure e criteri generali relativi alla materia, inserendoli nel Piano dell’Offerta Formativa o nei Regolamenti di istituto ( PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA)

5 5 DOCUMENTAZIONE PER L’ISCRIZIONE 1.L’iscrizione non è soggetta a termini temporali 2. Per l’iscrizione non è necessaria l’esibizione dei documenti che attestano la regolarità del soggiorno in Italia 3. La scuola non può negare l’iscrizione ad alunni che non presentino la documentazione attestante il regolare soggiorno. 4. E’escluso che le scuole possano richiederne legittimamente l’esibizione, e l’obbligo di acquisizione della stessa in capo ai dirigenti scolastici, che non sono pertanto tenuti alla segnalazione di eventuali situazioni di irregolarità. 5. I dirigenti hanno l’obbligo di segnalare ai competenti servizi sociali tutte le situazioni di disagio/difficoltà di cui vengano a conoscenza in qualsiasi fase della permanenza dei minori a scuola, oltre alle ipotesi di evasione dell’obbligo scolastico.

6 6 In riferimento a minori tanto stranieri quanto italiani, sussistono in capo ai dirigenti gli obblighi di denunciare all’autorità giudiziaria fatti e situazioni che li coinvolgano, con particolare riguardo ai casi nei quali si debba prendere atto della presenza nella scuola di minori che versino in stato di abbandono (eventualità quest’ultima non rara)

7 7 ISCRIZIONE CON RISERVA L’ iscrizione con riserva non ha conseguenze sulla validità dei titoli conseguiti che vengono validamente rilasciati con i dati identificativi dichiarati, salvo accertamento negativo di identità. DOCUMENTAZIONE SANITARIA ( I dirigenti scolastici, non potendo rifiutare l’iscrizione, provvederanno a informare l’autorità sanitaria competente delle eventuali irregolarità.) DOCUMENTAZIONE SCOLASTICA ( Se sussiste la scuola avrà maggiori elementi per procedere all’inserimento del minore nella classe appropriata)

8 8 DOCUMENTAZIONE SCOLASTICA Gli alunni forniti di documentazione scolastica provenienti da scuole italiane, ovvero da scuole italiane all’estero, saranno iscritti all’anno di corso per il quale hanno acquisito il titolo di iscrizione. A livello primario e secondario- la domanda di ammissione per la classe richiesta, indirizzata al Dirigente Scolastico, deve essere corredata dalla seguente documentazione: ATTESTATO SCOLASTICO Possono inoltre risultare utili la presentazione dell’eventuale programma delle materie seguite nella scuola di provenienza, con traduzione ufficiale, nonché atti (anche in fotocopia) idonei ad attestare la conoscenza della lingua italiana, comunque verificabile con “testaggi” specifici

9 9 Validità titoli di studio A livello internazionale : Convenzione sul riconoscimento degli studi, diplomi e gradi dell’Istruzione Superiore negli Stati Arabi e negli Stati europei rivieraschi del Mediterraneo ( Nizza 1976 ratificata in Italia con L. n. 965 /1980) Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella Regione europea (valida per i paesi del Consiglio d’Europa e della Regione europea dell’Unesco) ( Convenzione di Lisbona ratificata in italia con la L. n. 148 del 2002). A livello dell’Unione Europea si rileva la Direttiva 89/48/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988, avente per oggetto il riconoscimento dei diplomi di istruzione superiore relativi a formazioni professionali di una durata minima di tre anni, così come integrata dalla Direttiva 92/51/CEE del Consiglio del 18 giugno A livello di normativa italiana occorre tenere presente, oltre al Testo Unico sull’immigrazione ed al relativo Regolamento, anche la legislazione di ratifica delle convenzioni internazionali e quella di attuazione delle direttive comunitarie nonché gli accordi bilaterali stipulati tra l’Italia e singoli paesi esteri per il reciproco riconoscimento dei titoli di studio.

10 10 TITOLI di STUDIO Il riconoscimento o l’equipollenza dei Titoli sono di competenza delle specifiche autorità italiane Esso comporta che il titolo di studio rilasciato dall’autorità scolastica straniera esplichi nell’Ordinamento italiano i medesimi effetti legali del titolo di studio italiano corrispondente. La conseguenza del riconoscimento dell’equipollenza tra titolo straniero e titolo italiano implica, anche in capo al primo, gli stessi effetti legali del secondo. L’alunno neo-arrivato, di cittadinanza europea o di Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo e della Confederazione elvetica, in possesso dei previsti titoli di studio rilasciati dalla scuola straniera, può richiedere l’equipollenza dei titoli, ai sensi dell’art.13 della L. n.29/96.

11 11 Inserimento nella classe e percorso formativo Inserimento nel percorso scolastico tramite l’assegnazione ad un determinato anno di corso e ad una specifica classe Le istituzioni scolastiche, in assenza di documentazione scolastica relativa al percorso formativo effettuato, provvederanno all’accertamento delle competenze linguistiche degli alunni, non a fini selettivi, ma nella prospettiva della predisposizione per ciascun alunno del più idoneo percorso finalizzato al superamento delle difficoltà linguistiche; ciò non solo in funzione dell’alfabetizzazione necessaria alla comunicazione quotidiana, ma in vista dell’acquisizione delle competenza necessarie all’utilizzo dell’italiano come lingua per lo studio delle discipline.

12 12 PRESENZE Il Ministero fissa di norma al 30% il tetto massimo di presenze di alunni non italiani per classe, come misura finalizzata a coniugare l’obiettivo dell’inclusione con quello della qualità dell’offerta scolastica. C. M. dell’8 gennaio 2010 n. 2. Ulteriori elementi tecnici di approfondimento sul tema sono reperibili nella nota dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna prot.n.4510 del , reperibile sul sito La C.M. 2 prevede che i dirigenti scolastici possano chiedere deroga al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, a fronte della presenza di alunni stranieri già in possesso delle adeguate competenze linguistiche.

13 13 PERSONALIZZAZIONE Si ricorda che, oltre alla personalizzazione di specifici obiettivi nelle singole discipline, i percorsi scolastici potranno essere resi maggiormente flessibili, nel rispetto delle norme generali sull’autonomia, in particolare prevedendo esplicitamente che le ore di seconda lingua comunitaria nella scuole secondarie di primo grado possano essere utilizzate al fine di favorire l’apprendimento dell’italiano. Il D.P.R n. 89, Art. 5 comma 10: facendo riferimento alle “2 ore di insegnamento della seconda lingua comunitaria” prevede che “Le predette ore sono utilizzate anche per potenziare l'insegnamento della lingua italiana per gli alunni stranieri non in possesso delle necessarie conoscenze e competenze nella medesima lingua italiana nel rispetto dell'autonomia delle scuole”.

14 14 Piano di Studio Personalizzato (PSP) Punto di riferimento essenziale per la valutazione dell’alunno straniero è PSP alla cui stesura sono chiamati tutti i docenti che, nell’ambito della propria disciplina, dovranno opportunamente selezionare i contenuti individuando i nuclei tematici fondamentali, al fine di permettere il raggiungimento almeno degli obiettivi minimi previsti dalla programmazione. Tale personalizzazione del lavoro tanto più sarà “individualizzata” quanto più sarà recente l’inserimento in Italia del minore straniero e terrà fondamentalmente conto del suo profitto, in termini assoluti, e del suo progresso, in termini relativi, nell’uso della lingua italiana.

15 15 OBBLIGO SCOLASTICO E FORMATIVO L’alunno neoarrivato è soggetto all’obbligo scolastico e all’obbligo formativo secondo le disposizioni vigenti in materia. Pertanto l’iscrizione nelle scuole italiane di ogni ordine e grado avviene indipendentemente dalla regolarità della posizione giuridica e scolastica e può essere richiesta in qualunque periodo dell’anno scolastico

16 16 CASISTICA 1.L’alunno neo-arrivato non ha mai frequentato la scuola nel paese di origine e ha 6/7 anni L’inserimento avviene nella classe prima della scuola primaria. 2. L’alunno neo-arrivato non presenta discrepanza tra età e classe frequentata nel paese d’origine, documentata dai certificati scolastici L’inserimento avviene nella classe successiva a quella frequentata nel paese di origine, qualunque sia la lingua di scolarità.

17 17 3. L’alunno neo-arrivato presenta evidenti discrepanze tra età e livello di scolarità (mancanza di certificati scolastici o loro parziale sussistenza) Il Consiglio di Classe dell’istituto scolastico presso cui è stata presentata la domanda di iscrizione valuta la richiesta, eventualmente subordinando l’assegnazione alla classe al superamento delle prove integrative ritenute necessarie, e sviluppa le strategie di accompagnamento finalizzate ad un regolare proseguimento degli studi. 4. L’alunno neo-arrivato ha una età corrispondente alla frequenza di una scuola secondaria di secondo grado. E’ possibile l’ammissione alla scuola secondaria di II grado, anche senza il possesso del titolo conclusivo del primo ciclo di istruzione. Sarà cura delle Istituzioni scolastiche che accolgono l’alunno attivare ogni utile percorso per agevolarlo nel conseguimento del titolo conclusivo del primo ciclo di istruzione, anche tramite convenzione con un Centro Territoriale Permanente (CTP). L’esame conclusivo del primo ciclo di istruzione potrà essere sostenuto presso un CTP al compimento del sedicesimo anno di età.

18 18 VALUTAZIONE “I minori con cittadinanza non italiana presenti sul territorio nazionale, in quanto soggetti all'obbligo d'istruzione ai sensi dell'articolo 45 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, sono valutati nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani.” “ Il collegio dei docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni, stranieri, il necessario adattamento dei programmi di insegnamento” DPR 394 Grande impegno viene richiesto ai Collegi nel declinare criteri e le modalità di valutazione in riferimento agli obiettivi essenziali e ai nuclei fondanti le discipline di studio, tenendo conto delle indicazioni nazionali per i curricoli e dei profili di uscita dei singoli percorsi scolastici contemplati dall’Ordinamento.

19 19 Inserimenti in corso d’anno Le singole scuole prevedano di inserire nella scheda di valutazione formule che facciano esplicito riferimento al recente inserimento e allo svolgimento della fase di alfabetizzazione. Possibile riferimento alle schede di valutazione redatte dagli insegnanti titolari dei corsi di alfabetizzazione e/o italiano L2 e/o alle schede di valutazione prodotte dal Centro Territoriale Permanente.

20 20 PSP Con riferimento alle materie il cui insegnamento e apprendimento è meno veicolato dalla lingua italiana (ad esempio: esercitazioni pratiche, disegno, educazione fisica, musica, lingua straniera conosciuta), si potrà procedere alla valutazione dei progressi relativamente ai nuclei fondanti delle discipline stesse; per le materie per le quali non siano acquisite le competenze linguistiche che ne permettono lo studio, la valutazione potrebbe essere espressa con formula del tipo: “La valutazione espressa fa riferimento al Piano di Studio Personalizzato, in quanto l’alunno si trova nella prima fase di alfabetizzazione in lingua italiana”. La valutazione degli alunni stranieri, non diversamente da quella degli italiani, dovrà essere coerentemente effettuata con riferimento ai piani di studio personalizzati fino al momento in cui i docenti considereranno le condizioni del singolo tali da permettergli un proficuo impegno nella programmazione generale della classe.

21 21 I PROTOCOLLI di ACCOGLIENZA Definizione formale e generalizzata delle procedure di accoglienza dei nuovi iscritti Contenuti dell’offerta formativa per gli alunni stranieri Criteri di valutazione I “protocolli di accoglienza”- andranno a far parte del Piano dell’Offerta Formativa. L’adozione degli stessi costituisce il presupposto per un legittimo ed efficace esercizio delle proprie funzioni e prerogative, essendo lo strumento che assicura un chiaro parametro sulla base del quale valutare la legittimità, l’efficacia e la trasparenza dell’azione amministrativa.

22 22 1.La scuola individui gli strumenti per comunicare con le famiglie non italiane che intendono iscrivere i figli. 2.Si individuino i soggetti fisici cui è affidato il primo contatto con la scuola, sia tra il personale della segreteria sia tra i docenti preposti alla accoglienza degli alunni non italiani. 3.Si individuino e si esplicitino i criteri di assegnazione agli anni di corso e le modalità di assegnazione alle classi, individuando le modalità e tempi degli accertamenti linguistici. 4.Importanza del primo incontro con le famiglie: per acquisire tutte le informazioni utili alla predisposizione degli strumenti efficaci di integrazione.

23 23 Con riferimento ai neo iscritti dovranno essere esplicitati le modalità e i criteri con i quali i team/consigli di classe provvederanno alla formulazione dei piani individualizzati di studio, li comunicheranno alle famiglie e procederanno in occasione della prima valutazione periodica e/o finale degli alunni. Esperienze di accoglienza "amichevole", in particolare nelle classi di secondaria di 1° grado, realizzate individuando per ogni nuovo alunno straniero un ragazzo italiano – od un immigrato di vecchia data o nato in Italia da genitori stranieri – che svolga la funzione di tutor, di “compagno di viaggio”, VALUTAZIONE funzione certificativa funzione formativa/regolativa

24 24


Scaricare ppt "1 MATERIALE INFORMATIVO E INDICAZIONI NORMATIVE in tema di INSERIMENTO SCOLASTICO degli ALUNNI STRANIERI Sintesi del documento allegato a Nota prot. 19786."

Presentazioni simili


Annunci Google