La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Chi si rifugia nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha vede e penetra in profondità la sofferenza, la sua causa, la sua fine e la via che conduce alla vera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Chi si rifugia nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha vede e penetra in profondità la sofferenza, la sua causa, la sua fine e la via che conduce alla vera."— Transcript della presentazione:

1 Chi si rifugia nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha vede e penetra in profondità la sofferenza, la sua causa, la sua fine e la via che conduce alla vera libertà. (BUDDHA) Prof. Vincenzo Cremone

2 1 - Buddha è un Dio? Buddha è stato un semplice uomo. 2 - Quale Dio adorano i Buddhisti? Buddha e i suoi seguaci non hanno parlato di Dio. 3 - Dunque i Buddhisti sono atei? Buddha NON si è occupato dell'esistenza o della non-esistenza di Dio. L'insegnamento Buddhista riguarda la liberazione dalla sofferenza. Prof. Vincenzo Cremone

3 4 - Il Buddhismo è o non è una religione? In realtà il Buddhismo NON è una religione, nel senso comune in cui questo termine è inteso. 5 - Se dunque il Buddhismo non è una religione, cos'è? sistema pratico Il Buddhismo è un sistema pratico per affrontare il problema della sofferenza e per cercare una liberazione da essa. Prof. Vincenzo Cremone

4 Si è molto dibattuto circa la natura del buddhismo: è una religione, una filosofia, una psicologia? A questo specifico quesito, il Dalai Lama una volta rispose che il buddhismo è tutte e tre le cose insieme: una religione, una filosofia e una scienza della mente. Prof. Vincenzo Cremone

5 Un personaggio di stirpe regale, vissuto a cavallo fra il sesto e il quinto secolo a.C., contemporaneo di altri “grandi dello spirito”: il greco Pitagora, il persiano Zarathustra, i cinesi Confucio e Lao Tze. Prof. Vincenzo Cremone

6 Siddh ā rtha Gautama Śā kyamuni meglio conosciuto come il Buddha (Lumbini, 566 a.C. – Ku ś in ā gara, 486 a.C.) figlio del governatore di uno dei regni dell'India del nord, tra il Gange e il Nepal della stirpe guerriera dei Sakya. Fu allevato in mezzo alle comodità e ad un lusso principesco, si sposò ed ebbe anche un figlio, ma secondo tradizione gli incontri con le miserie umane, (incontrò un vecchio, un malato, un cadavere, un asceta) fecero nascere in lui una grande compassione e il desiderio di trovare la via per la liberazione. Prof. Vincenzo Cremone

7 A 29 anni abbandonò tutto e tutti per condurre vita eremitica alla ricerca di una soluzione all'enigma della vita. Prese prima la via ascetica ma fu insoddisfatto delle risposte degli altri maestri e dopo digiuni estenuanti, capì che la conoscenza della salvezza poteva trovarla solo nella meditazione personale. Abbandonò quindi le mortificazioni eccessive predicando la "Via di mezzo" e a 35 anni, ai piedi di un albero di fico raggiunse l'illuminazione. Il sentimento di compassione per gli uomini lo spinse a dirigersi verso Benares (Varanasi) seguito da cinque discepoli e percorrere per oltre quarant'anni il Nord dell'India e predicando il suo messaggio di speranza e di felicità. Buddha morì all'età di 80 anni. Prof. Vincenzo Cremone

8 “Questa, o monaci, è l'incomparabile ruota della Legge, le Quattro nobili verità: la vita è dolore la causa del dolore è il desiderio la causa del dolore è il desiderio dal dolore ci si può liberare dal dolore ci si può liberare eliminando il desiderio la via della liberazione consiste la via della liberazione consiste nel seguire l’ottuplice sentiero” Prof. Vincenzo Cremone

9 Retta opinione Retto pensiero Retta parola Retta azione Retta vita Retta volontà Retta meditazione Retta concentrazione

10 1. Astenersi dall’uccidere qualunque creatura vivente 2. Astenersi dal prendere ciò che non ci è stato dato 3. Astenersi da una condotta sessuale irresponsabile 4. Astenersi da un linguaggio falso o offensivo 5. Astenersi dall’assumere bevande alcoliche e droghe Prof. Vincenzo Cremone

11 Intorno al I sec. d.C., il Buddismo si divide in due tendenze fondamentali, all’interno delle quali esistono altre suddivisioni: Piccolo Veicolo (HINAYANA) Grande Veicolo o (MAHAYANA). Nirvana. L’insegnamento è chiamato "veicolo" perché rappresenta un mezzo che conduce i fedeli verso la liberazione, ossia nel Nirvana. Prof. Vincenzo Cremone

12 HINAYANA (Theravada) o "piccolo veicolo" (stretta via della salvezza). I seguaci di questa corrente ritengono che solo i monaci possono raggiungere il Nirvana. Non considerano Buddha un dio, ma solo un maestro di perfezione morale. Essa si è diffusa soprattutto in Birmania, Thailandia, Buthan, Laos, Cambogia e soprattutto Sri Lanka. Prof. Vincenzo Cremone

13 MAHAYANA o "grande veicolo" (larga via della salvezza), che permette la salvezza anche al laico, in forme meno rigide. Essa riconosce un gran numero di divinità, fra le quali annovera lo stesso Buddha. Anzi, Siddartha Gautama non sarebbe che uno dei Buddha: ne esisterebbero altre centinaia. Concezione, questa, che permetterà al Buddhismo di assimilare facilmente altre religioni. Questa corrente, che praticamente non ha nulla del Buddismo originario. Diffuso in Cina, Corea, Vietnam, Tibet, Giappone e Mongolia. Prof. Vincenzo Cremone

14 terza corrente “Veicolo del Diamante”, meno diffusa, È la terza corrente del Buddismo, detta anche “Veicolo del Diamante”, quella meno diffusa, e che più si è allontanata dalle origini, insistendo proprio sui punti che il Buddha aveva maggiormente criticato: il ritualismo, la mistica e la magia, si è affermata verso il VI sec., diffondendosi prevalentemente in Mongolia e nel Tibet, ma anche in Nepal, Cina e Giappone. (mantra) Grande importanza è data alla ripetizione di formule sacre (mantra) per raggiungere l'Illuminazione. Questa corrente, senza la scuola Mahayana, difficilmente avrebbe potuto costituirsi. I suoi due rami principali sono il Lamaismo e lo Zen. Prof. Vincenzo Cremone

15 I testi sacri del Buddhismo sono raccolti in due " Canoni " chiamati Pali e Sanscrito, in base alle lingue in cui sono stati scritti. TipitakaTripitaka Il Canone Pali, proprio della tradizione Theravada, è composto tre sezioni e denominato Tipitaka ( Tripitaka, in sanscrito) termine che si riferisce a "Tre canestri", poiché in origine si trattava di rotoli contenuti fisicamente in tre cesti: il Vinaya Pitaka(canestro della disciplina), che contiene le regole della vita monastica; il Sutta Pitaka (canestro della dottrina), che contiene i sermoni del Buddha; l‘Abhidamma Pitaka (canestro della filosofia), che contiene i commenti dotti alla dottrina esposta nel Sutta Pitaka. Le denominazioni e le suddivisioni interne del Canone Sanscrito (adottato dalla tradizione Mahayana) variano molto da paese a paese, ma conservano la stessa tripartizione. Prof. Vincenzo Cremone

16 Secondo la scuola Mahayana- rappresenta il completo annientamento o non-essere, raggiungibile anche in vita e quindi definibile in senso positivo, come stato di pace totale e di gioia assoluta e di verità ultima, che però solo gli illuminati scorgono. Viceversa, seconda la scuola Hinayana, il Nirvana sfugge a qualsiasi definizione, poiché rappresenta la fine della vita accessibile alla coscienza e il passaggio a un'altra esistenza, inconsapevole, possibile solo dopo la morte. In entrambi i casi Nirvana significa interruzione della catena delle reincarnazioni ( samsara ). Secondo i buddisti, lo stesso Buddha, prima di nascere come Gautama, avrebbe subìto una lunga serie di rinascite. Egli fu però anche il primo uomo a raggiungere l'Illuminazione, per cui la sua morte ha rappresentato l'immediato passaggio al Nirvana. Nirvana dunque, anche se letteralmente significa "estinzione", spiritualmente significa "beatitudine". Prof. Vincenzo Cremone

17

18

19

20 Colui che è maestro di se stesso è più potente di chi è maestro del mondo (BUDDHA) Prof. Vincenzo Cremone


Scaricare ppt "Chi si rifugia nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha vede e penetra in profondità la sofferenza, la sua causa, la sua fine e la via che conduce alla vera."

Presentazioni simili


Annunci Google