La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL RUOLO DELLA RADIOLOGIA INTERVENTISTICA NELLE EMORRAGIE DIGESTIVE A.O.U. Ospedale Policlinico Consorziale – Bari S.C. Radiodiagnostica 1 a Ospedaliera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL RUOLO DELLA RADIOLOGIA INTERVENTISTICA NELLE EMORRAGIE DIGESTIVE A.O.U. Ospedale Policlinico Consorziale – Bari S.C. Radiodiagnostica 1 a Ospedaliera."— Transcript della presentazione:

1 IL RUOLO DELLA RADIOLOGIA INTERVENTISTICA NELLE EMORRAGIE DIGESTIVE A.O.U. Ospedale Policlinico Consorziale – Bari S.C. Radiodiagnostica 1 a Ospedaliera – Dir. Dott. G. Francioso A.O.U. Ospedale Policlinico Consorziale – Bari S.C. Radiodiagnostica 1 a Ospedaliera – Dir. Dott. G. Francioso Giuseppe Marano, Fabio Fucilli Bari, 27 novembre 2009

2 “…nessun aspetto della radiologia vascolare ed interventistica è allo stesso tempo così frustrante e gratificante come la diagnosi e il trattamento di sanguinamenti gastro-intestinali…” W. Castañeda-Zuniga “…nessun aspetto della radiologia vascolare ed interventistica è allo stesso tempo così frustrante e gratificante come la diagnosi e il trattamento di sanguinamenti gastro-intestinali…” W. Castañeda-Zuniga

3

4 Imaging Ecografia ed Ecocolor-Doppler Angio-TC multifasica (multidetettore) Angiografia Ecografia ed Ecocolor-Doppler Angio-TC multifasica (multidetettore) Angiografia Sanguinamento in atto

5

6 Reperti Angio-TC Stravaso di mdc nel lume del viscere Coaguli, assenti nelle scansioni basali Reperti secondari: - Enhancement parete viscerale - Ispessimento parete viscerale - Masse, polipi, tumori - Lesioni vascolari - Pseudoaneurismi

7 Valore diagnostico dell’Angio-TC Sensibilità: 90,9% Specificità:99% Accuratezza:97% Valore predittivo pos:95% Valore predittivo neg:98% Falsi + o – più frequenti nel duodeno TC è modalità esame radiologico di I istanza e di screening nei sanguinamenti GI da inviare alla DSA

8 Angio-TC pre DSA Aumenta specificità della DSA Riduce il numero di cateterismi diagnostici Riduce la quantità impiegata di mdc Riduce il numero di acquisizioni Riduce i tempi Riduce la dose

9 Emorragie GI

10 EMOSTASI… …EMBOLIZZAZIONE

11 Embolizzazione: linee guida SIR Definizione: rilascio intravascolare di agenti particolati, liquidi, meccanici o di coaguli autologhi al fine di provocare l’occlusione di un vaso. Finalità curative o palliative Target area: lesione focale, vaso, letto vascolare o organo da devascolarizzare Target ischemia: sintomi derivanti dalla devascolarizzazione di un determinato territorio. Nontarget embolization: embolizzazione non intenzionale di un distretto distante dall’area target. J Vasc Interv Radiol 203; 14: S237-S242, 2002

12 Embolizzazione: rationale Tre tecniche fondamentali: - Occlusione temporanea - Embolizzazione definitiva selettiva o superselettiva - Stent e stent graft L’occlusione temporanea di un vaso arterioso può essere sufficiente a favorire la formazione del trombo o ad inviare il paziente alla chirurgia L’occlusione arteriosa definitiva va provocata solo nel vaso sede del sanguinamento L’embolizzazione non deve provocare ischemia di tessuto sano o solo di una minima parte di esso Tre tecniche fondamentali: - Occlusione temporanea - Embolizzazione definitiva selettiva o superselettiva - Stent e stent graft L’occlusione temporanea di un vaso arterioso può essere sufficiente a favorire la formazione del trombo o ad inviare il paziente alla chirurgia L’occlusione arteriosa definitiva va provocata solo nel vaso sede del sanguinamento L’embolizzazione non deve provocare ischemia di tessuto sano o solo di una minima parte di esso

13 Embolizzazione: finalità Procedura salvavita Salvataggio di organo o funzione Trattamento sintomatico Terapia preventiva Procedura salvavita Salvataggio di organo o funzione Trattamento sintomatico Terapia preventiva Trattamento unico Aggressività del trattamento Trattamenti ripetuti o ripetibili

14 Embolizzazione: tecnica Tecniche di cateterismo coassiale Materiali embolizzanti Particelle riassorbibili Particelle non riassorbibili Spirali metalliche Palloni da occlusione Palloncini staccabili Colle acriliche Stent ricoperti Stent graft Amplatzer Plug Tecniche di cateterismo coassiale Materiali embolizzanti Particelle riassorbibili Particelle non riassorbibili Spirali metalliche Palloni da occlusione Palloncini staccabili Colle acriliche Stent ricoperti Stent graft Amplatzer Plug

15

16

17

18

19

20

21

22 J Vasc Interv Radiol 17; , 2006 …“It would be of great benefit for the embolization procedure if the bleeding site could be marked at endoscopy, enhancing the possibility that the correct area is embolized in patients with no extravasation of contrast medium.”…

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43 Outcome Emorragie alte: - successo tecnico: % - riperfusione immediata – II embol:15-25 % - emostasi primaria a 30 gg:58-78 % - emostasi assistita:90 % - mortalità:25-35 % Emorragie basse: - successo tecnico: % - successo clinico: % - emorragie ricorrenti:0-52 % - ischemia colica: 0-5,9 %

44 E se la DSA è negativa? Accurata selezione dei pazienti: - Solo pazienti sanguinanti (instabilità emodinamica e/o sanguinamento alla TC) - Endoscopia - proctoscopia Attenta valutazione DSA Nei sanguinamenti “alti”: clip endoscopiche CO 2 Se non si osserva sanguinamento… … a casa!!!...

45

46

47

48

49 Oh Grande Spirito, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare, la saggezza di capirne la differenza. Preghiera Cherokee Oh Grande Spirito, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare, la saggezza di capirne la differenza. Preghiera Cherokee


Scaricare ppt "IL RUOLO DELLA RADIOLOGIA INTERVENTISTICA NELLE EMORRAGIE DIGESTIVE A.O.U. Ospedale Policlinico Consorziale – Bari S.C. Radiodiagnostica 1 a Ospedaliera."

Presentazioni simili


Annunci Google