La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO VITERBESE – IL RUOLO DELL’INGEGNERE Prof. Ing. Francesco Vegliò Dipartimento di Ingegneria Industriale e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO VITERBESE – IL RUOLO DELL’INGEGNERE Prof. Ing. Francesco Vegliò Dipartimento di Ingegneria Industriale e."— Transcript della presentazione:

1 IL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO VITERBESE – IL RUOLO DELL’INGEGNERE Prof. Ing. Francesco Vegliò Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione E di Economia (UNIVAQ) Viterbo 31 Ottobre Auditorium Università della Tuscia

2 SOMMARIO  GSA Srl  Caso specifico in studio: la GSA srl di Civita Castellana  Problematiche  Interventi  Ecorecycling srl (esperienza spin-off)  Ruolo Professionista – Centri di Ricerca – Spin-off

3 La GSA srl è una PMI che tratta diverse tipologie di rifiuti industriali pericolosi e non.

4

5 Schema semplificato dell’impianto Sezione di distillazione Sezione di evaporazione Equalizzatore Ozonizzazione (opzionale) Bio-ossidazione Pre- trattamenti Sezione Chimico-fisica Essiccatore FiltrazioneFlottazione Solventi Stoccaggio s olventi Fango di concentrazione RP Evaporato RNP Fango chimico- fisico Fango biologico Scarico Altri RNP Fenton Ozonizzazione Membrane NF/RO

6

7

8

9

10

11 PROBLEMATICHE STUDIATE  Bulking  Riduzione Impatto Odorigeno  Fenton (ciclo integrato)  Ottimizzazione Colonna Distillazione (cambio dello schema)  Ottimizzazione Biologico - Fanghi Attivi (pilota) – PCR new  Trattamenti Terziari (Flottazione, RO)  Gestione Fanghi di tutte le tipologie  Introduzione Controllo Statistico di Processo

12 12 Processo Fenton Le reazioni:

13 Compound % Rem. Acetone161-butanolo - 74o-xylene—— isopropylic alcohol-1171,2 dichloropropane18p-xylene—— acetic acid, metil estere22 methyl isobutyl chetone——metossi benzene45 metilene chloride83 toluene pyridin ethanol 90 1,3,5 trimethyl benzene76 2-butanone-35* 1-ethyl 2-methyl benzene41 ethyl acetate18*indano—— 2-butanol-60 acetic acid, 2- methylpropyl estere49 2-butossiethyl acetato-38 tetrahydrofuran89 acetic acid, butyl estere33 2-methyl 2- propanolo* 2-methyl 1- propanolo——ethylbenzene——1,4 diossano* 1,2-dimetossi ethano-63 1-ethyl-3-methyl benzene——butanale*

14 14 Monitoraggio del reattore Fenton OUT OLD LINE I periodo (15 gg) 9 L/h di H 2 O 2 90 L/h di FeSO 4 IN II periodo (15 gg) 6 L/h di H 2 O 2 80 L/h di FeSO 4 IN OUT Misura COD Volume 35 m 3 H 2 O 300 g/L FeSO 50 g/L FENTON REACTOR

15

16 16 Rese del biologico Settembre 2007 (senza Fenton) Ottobre 2007 (con Fenton) Monitoraggio del biologico SST COD Y x/s 20% 50%

17 17  Ottimizzazione del processo Fenton in laboratorio sui reflui dell’impianto GSA  Installazione del reattore Fenton sulla linea di trattamento Risultati:   Degradazione dei VOC  Riduzione dell’impatto odorigeno  Eliminazione bulking  Aumento della resa nella sezione biologica Conclusioni

18 Schema del processo ALIMENTAZ IONE VAPORE DISTILLATO RESIDUO Temperatura55°C Pressione1 atm Portata2500 kg/h Acqua2000 kg/h Metanolo142,5 kg/h Toluene193,5 kg/h Acetone164 kg/h Pressione1,48 atm Portata250 kg/h Pressione1 atm Numero di stadi 25 Stadio di alimentazione 11 Rapporto di riflusso 2,5

19 Variazione del rapporto di riflusso Simulazione di Processo

20 Analisi e simulazione di processo  risultati sperimentali

21 Recupero energetico mediante scambio termico con il fluido di fondo:

22 RISULTATI A VALLE DELL’ OTTIMIZZAIONE DISTILLAZIONE ED EVAPORAZIONE  % H2O nel distillato < 10% (risparmio nello smaltimento)  Caratterizzazione delle correnti da inviare in distillazione (€)  Punto chiave: Trattamento Fenton  Miglioramento elle performance del biologico (pilota, OUR)  Trattamenti terziari (Flottazione)  Trattamento terziari (Processi a Membrana)  Introduzione Controllo Statistico di Processo

23 TEST OUR PER VERIFICARE LA BIODEGRADABILITA’

24 Flottazione

25 Test Biolog e con tecnologie genetiche e PCR

26 URBAN MINING Trattamenti di recupero di metalli base, preziosi e terre rare da rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE) ECO RECYCLING S.r.l. Via Monticelli, snc – Loc. Gargarasse Civita Castellana (VT) ITALY Tel / Fax P.IVA/ CF

27

28 Progetto riciclo pile: dalla scala laboratorio alla fase industriale SelezioneMacinazioneSeparazione ferro, plastica, carta e polvere Lisciviazione e precipitazioni selettive Elettrolisi

29 CONCLUSIONI 1.Ruolo dell’Ingegnere – R&D per PMI 2.Ruolo del network con centri di ricerca e Università 3.Anche per la ricerca di possibili finanziamenti 4.Ruolo Ingegnere-Professionista e Ingegnere-Ricercatore Prof. Francesco Veglio’ Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione e di Economia Sezione di Ingegneria Chimica - Laboratorio di PROCESSI DI VALORIZZAZIONE E TRATTAMENTO INTEGRATO DI RIFIUTI E REFLUI INDUSTRIALI (RIF-IND) Università degli Studi dell’Aquila – via G. Gronchi 18, Zona Ind.le di Pile, L’Aquila, Italy Tel ; Fax Cell Cell skipe: f.veglio e.mail:


Scaricare ppt "IL CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO VITERBESE – IL RUOLO DELL’INGEGNERE Prof. Ing. Francesco Vegliò Dipartimento di Ingegneria Industriale e."

Presentazioni simili


Annunci Google