La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La seconda rivoluzione Industriale. Una nuova fase della rivoluzione industriale Nella seconda metà dell’800, soprattutto a partire dal 1870, si manifesta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La seconda rivoluzione Industriale. Una nuova fase della rivoluzione industriale Nella seconda metà dell’800, soprattutto a partire dal 1870, si manifesta."— Transcript della presentazione:

1 La seconda rivoluzione Industriale

2 Una nuova fase della rivoluzione industriale Nella seconda metà dell’800, soprattutto a partire dal 1870, si manifesta il passaggio un nuovo livello qualitativo dello sviluppo industriale, caratterizzato da:  Stretta connessione scienza-tecnologia Stretta connessione scienza-tecnologia  Sviluppo di nuovi settori prodottivi Sviluppo di nuovi settori prodottivi  Mobilitazione di capitali Mobilitazione di capitali  Unificazione del mercato mondiale Unificazione del mercato mondiale  Conseguenze sociali Conseguenze sociali

3 Intensificazione delle innovazioni tecnologiche nuovi motori primari:  motore elettrico  motore a scoppio nuove fonti di energia  petrolio  idroelettrica nuove tecniche per la produzione dell’acciaio sviluppo dei settori chimico e meccanico Una nuova fase di sviluppo della tecnologia generalizzazione in tutti i settori di innovazioni dovute alla simbiosi scienza-tecnologia Applicazione alla vita quotidiana delle innovazioni

4 Progressi tecnico-scientifici Tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 si concentrano un gran numero di scoperte scientifiche e tecnologiche. A differenza di quanto avveniva in passato scienza e tecnologia procedono in modo interdipendente e modificano profondamente il modo di vivere delle persone. AnnoInvenzioneAutore 1855ConvertitoreBessemer 1867DinamiteNobel 1871TelefonoMeucci 1879Lampadina elettricaEdison 1879Locomotiva elettricaSiemens 1884Motore a benzinaDaimler / Forest 1897Telegrafo senza filiMarconi 1900DirigibileZeppelin 1903AereoWright

5 Estensione sul territorio Innovazione tecnologica tecnologica

6 Quattro invenzioni che rivoluzionano la vita privata e pubblica Il telefonoIl telefono Meucci-Bell 1876Meucci-Bell 1876 Il cinematografoIl cinematografo F.lli Lumière 1895F.lli Lumière 1895 Il fonografoIl fonografo Edison 1877Edison 1877 La lampadinaLa lampadina Edison 1879Edison 1879

7 Nuovi settori produttivi Anche in conseguenza delle scoperte si sviluppano:  Siderurgia  Industria meccanica (automobile)  Industria chimica  Industrie legate alle nuove fonti di energia (elettricità e petrolio)  Trasporti

8 Il primo modello prodotto dalla “Società Anonima Fabbrica Italiana Automobili Torino”, fondata nel 1899

9 Mobilitazione di capitali I nuovi settori richiedono investimenti più ingenti e a più lungo termine. Ne deriva:  Intervento degli stati, committenti (industria bellica, trasporti) e finanziatori.  Sviluppo di nuove forme societarie e del sistema azionario.  Intervento delle banche, controllo finanziario delle imprese.

10 Il capitalismo si riorganizza: concentrazioni di capitali  monopoli  trust  cartelli intervento dello Stato:  ritorno al protezionismo  sostegno dell’industria pesante  politica estera aggressiva Imperialismo Colonialismo

11 Redistribuzione del peso economico a livello mondiale L’Inghilterra perde il primato Emergono Stati Uniti e Germania Decolla l’industria italiana

12 Guerra civile ( ) Gli Stati Uniti: dalla guerra di secessione al primato industriale Nord:  Industria e commercio  protezionismo  abolizione schiavitù Sud:  Economia di piantagione  libero scambio  schiavismo vittoria del nord:vittoria del nord: accelerazione della crescita industrialeaccelerazione della crescita industriale standardizzazione della produzionestandardizzazione della produzione sviluppo settore macchine utensilisviluppo settore macchine utensili Dinamismo e adattabilità del sistema industriale statunitense Periodo in cui il settore… … è in massima espansione … diviene settore guida … cessa di essere settore guida Tessuti di cotone Ghisa Ferrovie Acciaio Elettricità Veicoli a motore

13 Chiusura economica fino al 1853 Abbattimento dello shogun e restaurazione del potere imperiale Il “governo illuminato” dell’imperatore Mutsuhito guida una “rivoluzione dall’alto” finalizzata a fare del Giappone una potenza mondiale: “arricchire il paese e rafforzare l’esercito” aammodernamento della società e dello stato iindustrializzazione guidata e sostenuta dallo stato ppolitica estera aggressiva Giappone: la modernizzazione Meiji ( )

14 Unificazione del mercato L’industria in espansione richiede disponibilità più ampia di materie prime e di mercati. Grazie anche ai nuovi mezzi di comunicazione, tutti i paesi sono coinvolti. Si origina il divario tra paesi sviluppati (esportatori di manufatti e capitali) e sottosviluppati (esportatori di materie prime e manodopera).

15 La “grande depressione” Tra 1873 e 1896 si manifestò un calo di prezzi, investimenti e sviluppo. Il fatto suscitò apprensione, perché si era abituati ad un trend positivo. Si trattò principalmente di una crisi di sovrapproduzione: la produzione cresceva più delle capacità di assorbimento del mercato.

16 Difesa protezionistica I governi abbandonano la tendenza liberistica in auge a metà secolo, innalzando barriere doganali sui prodotti industriali ed agricoli. Conseguenze:  aumento delle tensioni internazionali;  sopravvivenza di produttori non competitivi;  incremento della presenza degli stati nella vita economico-sociale.

17 Concentrazione industriale L’esigenza di far fronte alla crisi portò ad accordi tra imprese in deroga al principio di concorrenza (formazione di “cartelli”); e alla fusione di imprese (trust verticali e orizzontali) con conseguenti situazioni di oligopolio e monopolio. In mancanza di leggi antitrust si creano in Europa potentati economici che esercitano un notevole influenza sulla politica.

18 Le conseguenze sociali: un nuovo regime demografico tasso di natalità elevato diminuzione della mortalità dovuta a  migliori condizioni igieniche  migliori diete alimentari  progresso della medicina  diminuzione della mortalità infantile forte crescita della disponibilità di risorse

19 Città e campagna  incremento dei rendimenti agrari  maggiori risorse  incremento demografico sovrappopolazione nelle campagne le trasformazioni nell’agricoltura migrazione verso le città estensione delle aree coltivate nuovi e più efficaci metodi di coltivazione meccanizzazione fertilizzanti chimici

20 Borghesia e proletariato Conseguenze sociali dell’industrializzazione:  dinamismo: forte mobilità sociale  complessità: maggiore stratificazione sociale  borghesia: classe dominante  proletariato: classe la cui sussistenza deriva dal lavoro dipendente e salariato

21 La più grande migrazione della storia La combinazione o l’alternanza dei seguenti fenomeni  modernizzazione dell’agricoltura  crisi agricole  incremento demografico  disoccupazione nelle industrie provocò il più grande movimento migratorio della storia:  dapprima verso le città industriali  poi nei continenti oltre oceano

22 I numeri della grande migrazione europea destinazioni:


Scaricare ppt "La seconda rivoluzione Industriale. Una nuova fase della rivoluzione industriale Nella seconda metà dell’800, soprattutto a partire dal 1870, si manifesta."

Presentazioni simili


Annunci Google