La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relatore Manlio Suvieiri1 LE GRANDI ESTINZIONI: Micro storia della terra e della vita RELATORE Manlio SuvieriManlio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relatore Manlio Suvieiri1 LE GRANDI ESTINZIONI: Micro storia della terra e della vita RELATORE Manlio SuvieriManlio."— Transcript della presentazione:

1 relatore Manlio Suvieiri1 LE GRANDI ESTINZIONI: Micro storia della terra e della vita RELATORE Manlio SuvieriManlio

2 relatore Manlio Suvieiri Nascita del sistema solare L'origine del Sole e del Sistema Solare è legata alla condensazione di una nube primordiale di gas e polveri come se ne vedono tante nella nostra galassia. L'origine del Sole e del Sistema Solare è legata alla condensazione di una nube primordiale di gas e polveri come se ne vedono tante nella nostra galassia. E' probabile che l'evento che innescò il collasso sia stato esterno alla nube stessa. E' probabile che l'evento che innescò il collasso sia stato esterno alla nube stessa. Gli scienziati hanno avanzato l'ipotesi che possa essersi trattato dell'esplosione di una supernova vicina, cioè di una stella di grande massa che arrivata alla fine della sua vita esplode, espellendo tutta la sua atmosfera nello spazio. Gli scienziati hanno avanzato l'ipotesi che possa essersi trattato dell'esplosione di una supernova vicina, cioè di una stella di grande massa che arrivata alla fine della sua vita esplode, espellendo tutta la sua atmosfera nello spazio. La silenziosa onda d'urto avrebbe dato quindi la spinta iniziale alla nube: così la morte di una stella può generare la nascita di un'altra stella. La silenziosa onda d'urto avrebbe dato quindi la spinta iniziale alla nube: così la morte di una stella può generare la nascita di un'altra stella.

3 relatore Manlio Suvieiri Una volta innescato, il collasso si alimenta da solo: si genera un'attrazione gravitazionale sempre maggiore che tende a sua volta a raggruppare la massa. Una volta innescato, il collasso si alimenta da solo: si genera un'attrazione gravitazionale sempre maggiore che tende a sua volta a raggruppare la massa. La materia in caduta libera non cade in linea retta verso il centro, ma vi ruota intorno in spirali sempre più strette. La materia in caduta libera non cade in linea retta verso il centro, ma vi ruota intorno in spirali sempre più strette. La rotazione del Sole e dei pianeti intorno al loro asse, così come la rivoluzione dei pianeti e degli altri corpi intorno al Sole, è proprio il residuo di questo mulinello iniziale. La rotazione del Sole e dei pianeti intorno al loro asse, così come la rivoluzione dei pianeti e degli altri corpi intorno al Sole, è proprio il residuo di questo mulinello iniziale.

4 relatore Manlio Suvieiri

5 Nascita dei pianeti Formata la stella, il materiale restante continuò a ruotare intorno al centro assottigliandosi in un disco e formò per urti e successive aggregazioni i pianeti a partire dai granelli di polvere presenti. Formata la stella, il materiale restante continuò a ruotare intorno al centro assottigliandosi in un disco e formò per urti e successive aggregazioni i pianeti a partire dai granelli di polvere presenti. Ancora oggi i corpi maggiori del Sistema Solare ruotano intorno alla nostra stella su uno stesso piano, chiamato eclittica. Ancora oggi i corpi maggiori del Sistema Solare ruotano intorno alla nostra stella su uno stesso piano, chiamato eclittica. Gli scienziati sostengono che gli asteroidi, i corpi ghiacciati e le polveri che popolano il nostro sistema planetario costituiscano i residui più antichi della sua formazione, cioè il frutto di aggregazioni primordiali che non sono riuscite a evolvere in pianeti. Gli scienziati sostengono che gli asteroidi, i corpi ghiacciati e le polveri che popolano il nostro sistema planetario costituiscano i residui più antichi della sua formazione, cioè il frutto di aggregazioni primordiali che non sono riuscite a evolvere in pianeti. Le loro orbite più inclinate rispetto all’eclittica testimoniano proprio il fatto che questi corpi sono rimasti esclusi dal meccanismo di formazione principale lungo il disco di rotazione. Le loro orbite più inclinate rispetto all’eclittica testimoniano proprio il fatto che questi corpi sono rimasti esclusi dal meccanismo di formazione principale lungo il disco di rotazione.

6 relatore Manlio Suvieiri Quando è avvenuto tutto ciò? Attraverso misure radiometriche su delle meteoriti alcuni ricercatori hanno stimato che l'età del sistema solare sia di circa 4,5 miliardi di anni. Attraverso misure radiometriche su delle meteoriti alcuni ricercatori hanno stimato che l'età del sistema solare sia di circa 4,5 miliardi di anni.radiometriche Le più vecchie rocce della Terra sono vecchie circa 3,9 miliardi di anni. Le più vecchie rocce della Terra sono vecchie circa 3,9 miliardi di anni. Rocce di questa età sono rare dato che la superficie terrestre è soggetta ad un continuo rimodellamento dovuto a erosione, vulcanismo e movimento delle placche continentali. Rocce di questa età sono rare dato che la superficie terrestre è soggetta ad un continuo rimodellamento dovuto a erosione, vulcanismo e movimento delle placche continentali.erosionevulcanismomovimento delle placche continentalierosionevulcanismomovimento delle placche continentali

7 relatore Manlio Suvieiri Il parsec (abbreviato in pc) è un'unità di lunghezza usata in astronomia. Significa "parallasse di un secondo d'arco" ed è definito come la distanza dalla Terra (o dal Sole) di una stella che ha una parallasse annua[1] di 1 secondo d'arco. Il termine fu coniato nel 1913 su suggerimento dell'astronomo britannico Herbert Hall Turner. 1 pc corrisponde a 3,263 A.L. Il parsec (abbreviato in pc) è un'unità di lunghezza usata in astronomia. Significa "parallasse di un secondo d'arco" ed è definito come la distanza dalla Terra (o dal Sole) di una stella che ha una parallasse annua[1] di 1 secondo d'arco. Il termine fu coniato nel 1913 su suggerimento dell'astronomo britannico Herbert Hall Turner. 1 pc corrisponde a 3,263 A.L.unitàlunghezza astronomiaTerraSole stellaparallasse annua[1]secondo d'arcobritannicoHerbert Hall Turnerunitàlunghezza astronomiaTerraSole stellaparallasse annua[1]secondo d'arcobritannicoHerbert Hall Turner unità astronomica è un'unità di misura pari alla distanza media tra il pianeta Terra e il Sole. 150 ml DI KM unità astronomica è un'unità di misura pari alla distanza media tra il pianeta Terra e il Sole. 150 ml DI KMunità di misuraTerraSoleunità di misuraTerraSole L'anno luce (al) è un'unità di misura della lunghezza, definita come la distanza percorsa dalla radiazione elettromagnetica (luce) nel vuoto nell'intervallo di un anno. Corrisponde miliardi di kilometri o circa volte la distanza fra la Terra ed il Sole L'anno luce (al) è un'unità di misura della lunghezza, definita come la distanza percorsa dalla radiazione elettromagnetica (luce) nel vuoto nell'intervallo di un anno. Corrisponde miliardi di kilometri o circa volte la distanza fra la Terra ed il Soleradiazione elettromagneticalucevuotoannoTerraSoleradiazione elettromagneticalucevuotoannoTerraSole Misure dell’età Nell'universo, spazio significa tempo e viceversa, poiché la luce non viaggia a velocità infinita: la luce che noi riceviamo di una galassia lontana, 5 miliardi di anni luce da noi, porta con sé l'immagine di quella galassia quale era 5 miliardi di anni fa

8 relatore Manlio Suvieiri -Eratostene di Cirene intorno al 240 a.e.c. ottiene km che è quasi esattamente il valore del diametro terrestre. -Ipparco di Nicea, intorno al 150 a.e.c., determinò la distanza fra la Terra e la Luna utilizzando l’ombra di un’eclissi di luna molto vicino alla realtà -Per determinare le distanze di corpi lontani si usa il sistema cosiddetto della parallasse. Se si tiene il pollice vicino agli occhi e lo si guarda prima con l'occhio destro (tenendo chiuso il sinistro) e poi con l'occhio sinistro (tenendo chiuso il destro), lo si vede spostarsi sullo sfondo della parete lontana. Se ora si pone il pollice un po' più lontano dagli occhi, e lo si guarda nello stesso modo, si nota ancora uno spostamento, ma di minore entità.. Dalla Terra è possibile osservare un corpo celeste da posizioni ce distano al massimo quanto il diametro terrestre -Una variabile Cefeide è una stella variabile, notevole per la correlazione molto stretta tra il periodo di variabilità e la luminosità stellare assoluta. Grazie a questa correlazione, e alla grande precisione con cui viene misurato il periodo pulsazionale, le variabili Cefeidi possono essere usate come candele standard per determinare con precisione la distanza degli ammassi globulari e delle galassie in cui sono contenute. candele standardammassi globularigalassiecandele standardammassi globularigalassie

9 relatore Manlio Suvieiri Nascita della terra La Terra nacque 5 miliardi di anni fa. A seguito del Big Bang e della formazione delle galassie, il materiale incandescente disperso intorno al Sole cominciò ad aggregarsi formando i primi corpi celesti, tra questi anche la Terra La Terra nacque 5 miliardi di anni fa. A seguito del Big Bang e della formazione delle galassie, il materiale incandescente disperso intorno al Sole cominciò ad aggregarsi formando i primi corpi celesti, tra questi anche la Terra Col passare del tempo la materia iniziò a raffreddarsi solidificando e dando luogo a una imponente evaporazione e condensazione da cui si originarono gli oceani. Col passare del tempo la materia iniziò a raffreddarsi solidificando e dando luogo a una imponente evaporazione e condensazione da cui si originarono gli oceani. Circa 3,5 miliardi di anni fa la Terra era già un corpo celeste formato prevalentemente da azoto, carbonio e idrogeno Circa 3,5 miliardi di anni fa la Terra era già un corpo celeste formato prevalentemente da azoto, carbonio e idrogeno In seguito all'azione di diversi fattori, dell'elettricità e degli elementi chimici fecero la comparsa gli amminoacidi e, dalla loro aggregazione, le proteine. In seguito all'azione di diversi fattori, dell'elettricità e degli elementi chimici fecero la comparsa gli amminoacidi e, dalla loro aggregazione, le proteine.

10 relatore Manlio Suvieiri Nascita della vita Da questi primi composti organici nacquero le prime forme di vita. I processi chimici che la generarono sono ancora oggetto d'indagine scientifica. Da questi primi composti organici nacquero le prime forme di vita. I processi chimici che la generarono sono ancora oggetto d'indagine scientifica. I primi organismi viventi elementari furono i batteri, le spugne e le alghe azzurre. Il loro nutrimento era basato essenzialmente sulla fotosintesi clorofilliana, un processo che iniziò a sottrarre carbonio dall'atmosfera rilasciando al suo posto l'ossigeno nelle acque oceaniche I primi organismi viventi elementari furono i batteri, le spugne e le alghe azzurre. Il loro nutrimento era basato essenzialmente sulla fotosintesi clorofilliana, un processo che iniziò a sottrarre carbonio dall'atmosfera rilasciando al suo posto l'ossigeno nelle acque oceaniche L'atmosfera planetaria si arricchì man mano d'ossigeno e le prime forme di vita vegetale iniziarono ad uscire dall'acqua per colonizzare la terra ferma. La vita si diversificò in milioni di modi e di forme, dapprima invertebrate e successivamente anche vertebrate. La selezione naturale fece il suo corso facendo nascere, estinguere ed evolvere le specie dominanti. L'atmosfera planetaria si arricchì man mano d'ossigeno e le prime forme di vita vegetale iniziarono ad uscire dall'acqua per colonizzare la terra ferma. La vita si diversificò in milioni di modi e di forme, dapprima invertebrate e successivamente anche vertebrate. La selezione naturale fece il suo corso facendo nascere, estinguere ed evolvere le specie dominanti.

11 relatore Manlio Suvieiri L'origine della vita sulla Terra è databile entro un periodo compreso tra i 4,4 miliardi di anni fa, quando l'acqua allo stato liquido comparve sulla superficie terrestre, e i 2,7 miliardi di anni fa quando la prima incontrovertibile evidenza della vita è verificata da isotopi stabili e biomarcatori molecolari che mostrano l'attività di fotosintesi. miliardiacquavitaisotopi fotosintesimiliardiacquavitaisotopi fotosintesi Il processo evolutivo che ha portato alla formazione di un sistema complesso e organizzato (ovvero il primo essere vivente) a partire dal mondo prebiotico è durato centinaia di milioni d'anni, ed è avvenuto attraverso tappe successive di eventi che, dopo un numero elevato di tentativi e grazie all'intervento della selezione naturale, hanno portato a sistemi progressivamente più complessi. selezione naturaleselezione naturale Al congresso europeo di Scienza planetaria che si è tenuto in ottobre 2012 a Madrid, un gruppo di astrofisici ha illustrato la teoria sulla nascita della vita, microorganismi trasportati sulla Terra da frammenti di meteoriti provenienti da altri pianeti possono essere stati il germe primigenio della vita sul nostro pianeta. Usano un termine lungo e complesso, ma che cattura l’immaginazione: litopanspermia. Ovvero la disseminazione ovunque nello spazio di spore di vita trasportate da rocce».

12 relatore Manlio Suvieiri Le ere geologiche Archeozonica o Precambriana (da 3500 a 600 milioni di anni fa). Fecero la prima comparsa gli organismi viventi sotto forma di spugne, batteri e alghe. Questa Era si suddivide in due periodi: Archeano e Algonchiano. Archeozonica o Precambriana (da 3500 a 600 milioni di anni fa). Fecero la prima comparsa gli organismi viventi sotto forma di spugne, batteri e alghe. Questa Era si suddivide in due periodi: Archeano e Algonchiano. Primaria o Paleozoica (da 600 a 220 milioni di anni fa). Iniziarono a formarsi i coralli e le felci. Questa Era è composta da diversi periodi: Cambriano, Ordoviciano, Siluriano, Devoniano, Carbonifero, Permiano. Primaria o Paleozoica (da 600 a 220 milioni di anni fa). Iniziarono a formarsi i coralli e le felci. Questa Era è composta da diversi periodi: Cambriano, Ordoviciano, Siluriano, Devoniano, Carbonifero, Permiano. Secondaria o Mesozoica (da 220 a 70 milioni di anni fa). Comparvero le forme di vita distinte in nuove specie: quella dei sauri, degli insetti. Si diffusero le prime conifere. Questa Era si distingue in tre periodi: Triassico, Giurassico e Cretacico. Secondaria o Mesozoica (da 220 a 70 milioni di anni fa). Comparvero le forme di vita distinte in nuove specie: quella dei sauri, degli insetti. Si diffusero le prime conifere. Questa Era si distingue in tre periodi: Triassico, Giurassico e Cretacico. Terziaria o Cenozoica (da 70 a 1 milione di anni fa). Scomparvero i Sauri e la Terra fu colonizzata dall'evoluzione delle specie minori: pesci, fiori, rettili, mammiferi, uccelli. Questa Era si suddivide in due periodi: Paleogene e Neogene Terziaria o Cenozoica (da 70 a 1 milione di anni fa). Scomparvero i Sauri e la Terra fu colonizzata dall'evoluzione delle specie minori: pesci, fiori, rettili, mammiferi, uccelli. Questa Era si suddivide in due periodi: Paleogene e Neogene Quaternaria o Neozoica (da 1 milione di anni fa fino ad oggi). L'evoluzione umana compie notevoli passi in avanti con la comparsa dell'Homo Sapiens, e del Sapiens Sapiens. Scomparvero altre specie come quella di Neanderthal. Questa Era si suddivide in due periodi: Pleistocene e Olocene Quaternaria o Neozoica (da 1 milione di anni fa fino ad oggi). L'evoluzione umana compie notevoli passi in avanti con la comparsa dell'Homo Sapiens, e del Sapiens Sapiens. Scomparvero altre specie come quella di Neanderthal. Questa Era si suddivide in due periodi: Pleistocene e Olocene

13 relatore Manlio Suvieiri ERE GEOLOGICHE

14 relatore Manlio Suvieiri Nascita dell’uomo La nascita dell'uomo sulla Terra risale a mila anni fa ( mezzo milione di anni fa). E' comunque difficile dare una data precisa. L'evoluzione dell'uomo dai primi ominidi è un processo continuo, avvenuto prevalentemente in Africa in regioni e periodi diversi. Gran parte dell'evoluzione dell'uomo si svolge nella preistoria, in condizioni ambientali del tutto critiche e durante i periodi di glaciazione del globo. I primi uomini hanno imparato a superare le difficoltà dell'ambiente e della natura, servendosi di strumenti e dell'ingegno. La nascita dell'uomo sulla Terra risale a mila anni fa ( mezzo milione di anni fa). E' comunque difficile dare una data precisa. L'evoluzione dell'uomo dai primi ominidi è un processo continuo, avvenuto prevalentemente in Africa in regioni e periodi diversi. Gran parte dell'evoluzione dell'uomo si svolge nella preistoria, in condizioni ambientali del tutto critiche e durante i periodi di glaciazione del globo. I primi uomini hanno imparato a superare le difficoltà dell'ambiente e della natura, servendosi di strumenti e dell'ingegno. Sin da quando Charles Darwin formulò la sua teoria sulle origine delle specie viventi, si è cercato di ricostruire la linea evolutiva che portò all'uomo. I numerosi ritrovamenti fossili avvenuti negli ultimi tempi hanno permesso ai paleontologi di risalire fino alla comparsa dei primi ominidi; ma resta ancora da fissare il termine cronologico per la comparsa del nostro più antico progenitore e da individuare l'anello che collega i primi ominidi alla catena evolutiva precedente. La ricerca paleontologica è tuttora in evoluzione e non si esclude che nuove scoperte possano portare alla formulazione di diverse teorie. Fino a non molti anni fa si riteneva che il più antico antenato dell'uomo fosse il Ramapiteco, una scimmia antropomorfa che circa milioni di anni fa scese dagli alberi per vivere al suolo, in seguito alla comparsa delle savane al posto delle foreste tropicali. Sin da quando Charles Darwin formulò la sua teoria sulle origine delle specie viventi, si è cercato di ricostruire la linea evolutiva che portò all'uomo. I numerosi ritrovamenti fossili avvenuti negli ultimi tempi hanno permesso ai paleontologi di risalire fino alla comparsa dei primi ominidi; ma resta ancora da fissare il termine cronologico per la comparsa del nostro più antico progenitore e da individuare l'anello che collega i primi ominidi alla catena evolutiva precedente. La ricerca paleontologica è tuttora in evoluzione e non si esclude che nuove scoperte possano portare alla formulazione di diverse teorie. Fino a non molti anni fa si riteneva che il più antico antenato dell'uomo fosse il Ramapiteco, una scimmia antropomorfa che circa milioni di anni fa scese dagli alberi per vivere al suolo, in seguito alla comparsa delle savane al posto delle foreste tropicali. I primi resti fossili attribuibili ad un progenitore dell'uomo sono stati trovati in Etiopia, nella valle di Hadur, datati a circa 4 milioni di anni fa. Si tratta di un individuo di sesso femminile, battezzato Lucy dallo scopritore, appartenente al genere Australopitecus afarensis I primi resti fossili attribuibili ad un progenitore dell'uomo sono stati trovati in Etiopia, nella valle di Hadur, datati a circa 4 milioni di anni fa. Si tratta di un individuo di sesso femminile, battezzato Lucy dallo scopritore, appartenente al genere Australopitecus afarensis

15 relatore Manlio Suvieiri ESTINZIONI Ogni milione di anni, normalmente si estinguono da 2 a 5 famiglie biologiche di invertebrati marini e vertebrati che rappresenta il tasso di estinzione Ogni milione di anni, normalmente si estinguono da 2 a 5 famiglie biologiche di invertebrati marini e vertebrati che rappresenta il tasso di estinzioneinvertebrativertebrati estinzioneinvertebrativertebrati estinzione L’estinzione di massa (dalla descrizione dell'evento più caratteristico e disastroso), è un periodo geologicamente breve durante il quale vi è un massiccio sovvertimento dell'ecosistema terrestre, con scomparsa di un grande numero di specie viventi e sopravvivenza di altre che divengono dominanti. L’estinzione di massa (dalla descrizione dell'evento più caratteristico e disastroso), è un periodo geologicamente breve durante il quale vi è un massiccio sovvertimento dell'ecosistema terrestre, con scomparsa di un grande numero di specie viventi e sopravvivenza di altre che divengono dominanti. periodo geologicamenteecosistemaspecie periodo geologicamenteecosistemaspecie

16 relatore Manlio Suvieiri Le grandi estinzioni negli ultimi 500 milioni di anni, cioè dalla presumibile nascita dell’uomo, un’importante percentuale delle specie che popolavano la terra (tra il 50 e il 90 per cento) è scomparsa in un lasso di tempo molto breve dal punto di vista geologico. negli ultimi 500 milioni di anni, cioè dalla presumibile nascita dell’uomo, un’importante percentuale delle specie che popolavano la terra (tra il 50 e il 90 per cento) è scomparsa in un lasso di tempo molto breve dal punto di vista geologico. Nonostante la loro portata catastrofica, le grandi estinzioni sgombrano la strada alla comparsa di nuove forme di vita. Nonostante la loro portata catastrofica, le grandi estinzioni sgombrano la strada alla comparsa di nuove forme di vita. I dinosauri apparvero in seguito a una delle più gravi estinzioni di massa mai verificatasi sulla Terra, quella avvenuta circa 250 milioni di anni fa, al passaggio dal Permiano al Triassico. I dinosauri apparvero in seguito a una delle più gravi estinzioni di massa mai verificatasi sulla Terra, quella avvenuta circa 250 milioni di anni fa, al passaggio dal Permiano al Triassico. L’estinzione di massa più studiata, quella avvenuta alla fine del Cretaceo, 65 milioni di anni fa, ha segnato la fine dei dinosauri e creato le condizioni per una rapida evoluzione e diversificazione dei mammiferi. L’estinzione di massa più studiata, quella avvenuta alla fine del Cretaceo, 65 milioni di anni fa, ha segnato la fine dei dinosauri e creato le condizioni per una rapida evoluzione e diversificazione dei mammiferi.

17 relatore Manlio Suvieiri OrdovicianoOrdoviciano-Siluriano (circa 450 milioni di anni fa) Siluriano OrdovicianoSiluriano In un periodo di tempo di pochi milioni di anni, probabilmente a causa di imponenti glaciazioni, il livello marino si abbassò drasticamente causando l'estinzione di molte specie marine, in particolare quelle residenti nei fondali bassi e nelle acque calde. In un periodo di tempo di pochi milioni di anni, probabilmente a causa di imponenti glaciazioni, il livello marino si abbassò drasticamente causando l'estinzione di molte specie marine, in particolare quelle residenti nei fondali bassi e nelle acque calde. glaciazioni - Depositi glaciali di questo periodo sono stati trovati persino in prossimità dell'Equatore, nel deserto del Sahara, suggerendo un drastico raffreddamento del clima mondiale. - Depositi glaciali di questo periodo sono stati trovati persino in prossimità dell'Equatore, nel deserto del Sahara, suggerendo un drastico raffreddamento del clima mondiale.Sahara - Si pensa infatti che, a causa della deriva dei continenti, il supercontinente Gondwana, transitando vicino al Polo Sud, abbia causato una prolungata glaciazione. Gli impulsi glaciali furono almeno due, separati tra loro da circa di anni, durante i quali il livello del mare risalì rapidamente. - Si pensa infatti che, a causa della deriva dei continenti, il supercontinente Gondwana, transitando vicino al Polo Sud, abbia causato una prolungata glaciazione. Gli impulsi glaciali furono almeno due, separati tra loro da circa di anni, durante i quali il livello del mare risalì rapidamente.deriva dei continenti GondwanaPolo Sudderiva dei continenti GondwanaPolo Sud - Si stima che l'estinzione abbia riguardato circa l'85% delle specie allora esistenti tra invertebrati e pesci primitivi. - Si stima che l'estinzione abbia riguardato circa l'85% delle specie allora esistenti tra invertebrati e pesci primitivi. Secondo una recente ipotesi, avanzata da Prof. Adrian L. Melott dell'Università del Kansas, questa estinzione di massa sarebbe stata causata da lampi di Secondo una recente ipotesi, avanzata da Prof. Adrian L. Melott dell'Università del Kansas, questa estinzione di massa sarebbe stata causata da lampi diUniversità del KansasUniversità del Kansas raggi gamma dovuti all'esplosione di una supernova relativamente "vicina" (qualche migliaio di anni luce) particolarmente massiccia, che avrebbe causato gravissimi squilibri nella catena alimentare e nel clima raggi gamma dovuti all'esplosione di una supernova relativamente "vicina" (qualche migliaio di anni luce) particolarmente massiccia, che avrebbe causato gravissimi squilibri nella catena alimentare e nel climaraggi gammasupernovaraggi gammasupernova

18 relatore Manlio Suvieiri

19

20 DevonianoDevoniano (circa 377 milioni di anni fa) Devoniano In questo periodo si verificò un'estinzione di massa che interessò una percentuale stimata in circa l'82% delle specie viventi. Anche se alcuni ricercatori suggeriscono come causa dell'estinzione alcuni impatti asteroidali, non dovrebbe essersi trattato di un evento improvviso in quanto le estinzioni si svilupparono durante un periodo di circa 3 milioni di anni. In Brasile sono stati trovati depositi glaciali relativi a questo periodo. In questo periodo si verificò un'estinzione di massa che interessò una percentuale stimata in circa l'82% delle specie viventi. Anche se alcuni ricercatori suggeriscono come causa dell'estinzione alcuni impatti asteroidali, non dovrebbe essersi trattato di un evento improvviso in quanto le estinzioni si svilupparono durante un periodo di circa 3 milioni di anni. In Brasile sono stati trovati depositi glaciali relativi a questo periodo. Brasiledepositi glaciali Brasiledepositi glaciali

21 relatore Manlio Suvieiri PermianoPermiano-Triassico (circa 251 milioni di anni fa) Triassico PermianoTriassico Si tratta sicuramente dell'estinzione di massa più catastrofica di tutti i tempi. Circa il 96% delle specie animali marine si estinse e complessivamente scomparve il 50% delle famiglie animali esistenti. Secondo alcuni ricercatori questa estinzione avvenne in un periodo rapidissimo, secondo altri invece si sono verificati tre o più episodi durante un periodo di tempo di circa 3 milioni di anni. Si tratta sicuramente dell'estinzione di massa più catastrofica di tutti i tempi. Circa il 96% delle specie animali marine si estinse e complessivamente scomparve il 50% delle famiglie animali esistenti. Secondo alcuni ricercatori questa estinzione avvenne in un periodo rapidissimo, secondo altri invece si sono verificati tre o più episodi durante un periodo di tempo di circa 3 milioni di anni.famiglie Nel sottosuolo australiano è stato scoperto recentemente un antico cratere da impatto, largo circa 120 chilometri, che risale all'epoca della grande estinzione.. Nel sottosuolo australiano è stato scoperto recentemente un antico cratere da impatto, largo circa 120 chilometri, che risale all'epoca della grande estinzione..australianocratereaustralianocratere Alcuni scienziati sono convinti che a provocare l'estinzione sia stato un episodio di vulcanismo intenso che si è verificato proprio 250 milioni di anni fa. Infatti a Norilsk in Siberia è stata individuata un'enorme colata di basalto, spessa 4 km e ampia 2,5 milioni di km². Alcuni scienziati sono convinti che a provocare l'estinzione sia stato un episodio di vulcanismo intenso che si è verificato proprio 250 milioni di anni fa. Infatti a Norilsk in Siberia è stata individuata un'enorme colata di basalto, spessa 4 km e ampia 2,5 milioni di km².NorilskSiberia basaltoNorilskSiberia basalto Recentemente, (2006 il satellite Grace Nasa) ha fornito una prova all'ipotesi del meteorite che avrebbe provocato l'estinzione scoprendo l'enorme cratere della Terra di Wilkes di 450 km di diametro rilevato in Antartide e risalente proprio, secondo gli esperti, a 250 milioni di anni fa. Recentemente, (2006 il satellite Grace Nasa) ha fornito una prova all'ipotesi del meteorite che avrebbe provocato l'estinzione scoprendo l'enorme cratere della Terra di Wilkes di 450 km di diametro rilevato in Antartide e risalente proprio, secondo gli esperti, a 250 milioni di anni fa.meteorite cratere della Terra di WilkesAntartidemeteorite cratere della Terra di WilkesAntartide

22 relatore Manlio Suvieiri TriassicoTriassico-Giurassico (circa 203 milioni di anni fa) Giurassico TriassicoGiurassico Al termine del Triassico, la temperatura salì di circa 5 gradi Celsius e si estinse circa il 76% delle specie viventi, tra le quali la quasi totalità dei terapsidi (rettili particolari, precursori dei mammiferi) e molti anfibi primitivi, e l'84% dei bivalvi. Tra le cause proposte per spiegare questa estinzione, oltre a impatti di corpi extraterrestri, ricordiamo variazioni climatiche verso una crescente aridità, variazioni del livello del mare e diffusa anossia( mancanza di ossigeno) dei fondi marini a causa della divisione di Pangea o, Al termine del Triassico, la temperatura salì di circa 5 gradi Celsius e si estinse circa il 76% delle specie viventi, tra le quali la quasi totalità dei terapsidi (rettili particolari, precursori dei mammiferi) e molti anfibi primitivi, e l'84% dei bivalvi. Tra le cause proposte per spiegare questa estinzione, oltre a impatti di corpi extraterrestri, ricordiamo variazioni climatiche verso una crescente aridità, variazioni del livello del mare e diffusa anossia( mancanza di ossigeno) dei fondi marini a causa della divisione di Pangea o,terapsidianfibibivalviimpatti di corpi extraterrestriclimatiche anossiaterapsidianfibibivalviimpatti di corpi extraterrestriclimatiche anossia Un’ultima ipotesi in ordine di tempo, il rilascio di grandi quantità di metano dal fondo degli oceani, Nel corso dei successivi anni, il riscaldamento globale del pianeta ha provocato un aumento dell'erosione delle rocce sulla superficie terrestre di almeno un 400%, causando reazioni chimiche che consumarono il biossido di carbonio in eccesso ponendo fine al riscaldamento globale. Un’ultima ipotesi in ordine di tempo, il rilascio di grandi quantità di metano dal fondo degli oceani, Nel corso dei successivi anni, il riscaldamento globale del pianeta ha provocato un aumento dell'erosione delle rocce sulla superficie terrestre di almeno un 400%, causando reazioni chimiche che consumarono il biossido di carbonio in eccesso ponendo fine al riscaldamento globale. metanooceaniriscaldamento globale biossido di carbonio metanooceaniriscaldamento globale biossido di carbonio

23 relatore Manlio Suvieiri CretaceoCretaceo-Terziario (circa 66 milioni di anni fa) Terziario CretaceoTerziario l'estinzione di circa il 76% di tutte le specie viventi, compresi i dinosauri l'estinzione di circa il 76% di tutte le specie viventi, compresi i dinosauridinosauri La causa di questa estinzione rimase un mistero a cui si diedero le spiegazioni più diverse e assurde, finché, nel 1980, il premio Nobel per la chimica Luis Alvarez, suo figlio Walter e Frank Asaro misurarono in alcuni livelli geologici risalenti al limite K-T (abbreviazione per Cretaceo-Terziario), campionati vicino a Gubbio, la presenza di una concentrazione insolita di iridio, un elemento chimico piuttosto raro sulla Terra, ma comune nelle meteoriti. Si avanzò pertanto l'ipotesi che l'estinzione di massa fosse stata provocata dall'urto con un meteorite. La causa di questa estinzione rimase un mistero a cui si diedero le spiegazioni più diverse e assurde, finché, nel 1980, il premio Nobel per la chimica Luis Alvarez, suo figlio Walter e Frank Asaro misurarono in alcuni livelli geologici risalenti al limite K-T (abbreviazione per Cretaceo-Terziario), campionati vicino a Gubbio, la presenza di una concentrazione insolita di iridio, un elemento chimico piuttosto raro sulla Terra, ma comune nelle meteoriti. Si avanzò pertanto l'ipotesi che l'estinzione di massa fosse stata provocata dall'urto con un meteorite.Luis AlvarezWalterlimite K-TGubbioiridioTerrameteoriti meteoriteLuis AlvarezWalterlimite K-TGubbioiridioTerrameteoriti meteorite È stata scoperta recentemente (inizi anni 90) un'enorme struttura circolare sotterranea situata nella penisola dello Yucatan, vicino alla città di Puerto Chicxulub presso Mérida. Lo studio su questo cratere ha portato alla conclusione che il meteorite che avrebbe colpito la Terra alla velocità stimata di 30 km/s, avrebbe avuto un diametro di almeno 10 km e avrebbe liberato un'energia pari a volte quella generabile da tutto l'arsenale nucleare ai tempi della guerra fredda. È stata scoperta recentemente (inizi anni 90) un'enorme struttura circolare sotterranea situata nella penisola dello Yucatan, vicino alla città di Puerto Chicxulub presso Mérida. Lo studio su questo cratere ha portato alla conclusione che il meteorite che avrebbe colpito la Terra alla velocità stimata di 30 km/s, avrebbe avuto un diametro di almeno 10 km e avrebbe liberato un'energia pari a volte quella generabile da tutto l'arsenale nucleare ai tempi della guerra fredda.struttura circolareYucatanPuerto ChicxulubMéridastruttura circolareYucatanPuerto ChicxulubMérida Un'altra possibile struttura candidata a essere la testimonianza dell'impatto di un corpo celeste con la terra, provocando l'estinzione di fine cretaceo è il cratere di Shiva, oggi localizzato sul fondo dell'oceano Indiano, a ovest di Mumbai. Il suo cratere, dal diametro di circa 500 km, sarebbe stato prodotto da un meteorite avente un diametro di circa 40 km. Un'altra possibile struttura candidata a essere la testimonianza dell'impatto di un corpo celeste con la terra, provocando l'estinzione di fine cretaceo è il cratere di Shiva, oggi localizzato sul fondo dell'oceano Indiano, a ovest di Mumbai. Il suo cratere, dal diametro di circa 500 km, sarebbe stato prodotto da un meteorite avente un diametro di circa 40 km.cratere di Shivaoceano IndianoMumbaicratere di Shivaoceano IndianoMumbai

24 relatore Manlio Suvieiri Fino ad oggi si considerano dunque cinque grandi estinzioni di massa (chiamate anche big five), intervallate l'un l'altra rispettivamente da circa 69, 124, 71 e 115 milioni di anni. Oltre alle cinque grandi estinzioni vi sono stati periodi in cui si sono verificate estinzioni di minore entità. Tra le piccole estinzioni si possono annoverare quelle avvenute 2, 11, 35-39, e 170 milioni di anni fa. Per spiegare queste estinzioni sono state proposte diverse ipotesi.

25 relatore Manlio Suvieiri Ipotesi sono allo studio per spiegare queste estinzioni Una prima suggerisce un ciclo di piccole estinzioni ogni milioni di anni. È difficile datare accuratamente i fossili al fine di produrre risultati affidabili, ma molti studi di questa ipotetica periodicità suggeriscono che altre estinzioni minori sono state separate da periodi di tempo di solo 10 milioni di anni. Una prima suggerisce un ciclo di piccole estinzioni ogni milioni di anni. È difficile datare accuratamente i fossili al fine di produrre risultati affidabili, ma molti studi di questa ipotetica periodicità suggeriscono che altre estinzioni minori sono state separate da periodi di tempo di solo 10 milioni di anni.fossili Una seconda suggerisce invece che il ciclo di estinzioni sia stato causato da una non ancora osservata stella binaria compagna del Sole chiamata Nemesis. Essa, periodicamente, influirebbe sulla Nube di Oort causando la deviazione di diverse centinaia o migliaia di asteroidi e comete verso il Sole (e di conseguenza verso la Terra) una volta ogni 26 milioni di anni. Una seconda suggerisce invece che il ciclo di estinzioni sia stato causato da una non ancora osservata stella binaria compagna del Sole chiamata Nemesis. Essa, periodicamente, influirebbe sulla Nube di Oort causando la deviazione di diverse centinaia o migliaia di asteroidi e comete verso il Sole (e di conseguenza verso la Terra) una volta ogni 26 milioni di anni.stella binariaSoleNemesisNube di OortSoleTerrastella binariaSoleNemesisNube di OortSoleTerra Una terza, nota come ipotesi di Shiva, suggerisce che l'oscillazione del sistema solare attraverso il piano galattico provochi come risultato un anomalo e intenso flusso cometario. Una terza, nota come ipotesi di Shiva, suggerisce che l'oscillazione del sistema solare attraverso il piano galattico provochi come risultato un anomalo e intenso flusso cometario.ipotesi di Shivagalatticoipotesi di Shivagalattico

26 relatore Manlio Suvieiri Altre ipotesi Una quarta prevede un periodico e intensissimo vulcanismo su scala planetaria, durante il quale rocce gigantesche verrebbero lanciate su di una traiettoria sub orbitale. Le conseguenze degli impatti sarebbero molto simili agli effetti degli impatti di asteroidi. Una quarta prevede un periodico e intensissimo vulcanismo su scala planetaria, durante il quale rocce gigantesche verrebbero lanciate su di una traiettoria sub orbitale. Le conseguenze degli impatti sarebbero molto simili agli effetti degli impatti di asteroidi. Una quinta, che in parte può essere ricondotta alla quarta, prevede che a seguito di un periodo di intenso vulcanismo la percentuale di anidride carbonica presente in atmosfera possa aumentare velocemente, sfavorendo l’assorbimento di ossigeno da parte dei mari. Microrganismi marini produttori di acido solfidrico normalmente abitano in prossimità del chemioclino (zona di equilibrio tra acque sature d’acido e ricche d’ossigeno). Una riduzione dell'assorbimento dell'ossigeno nell'oceano conduce a un innalzamento del chemioclino. Una quinta, che in parte può essere ricondotta alla quarta, prevede che a seguito di un periodo di intenso vulcanismo la percentuale di anidride carbonica presente in atmosfera possa aumentare velocemente, sfavorendo l’assorbimento di ossigeno da parte dei mari. Microrganismi marini produttori di acido solfidrico normalmente abitano in prossimità del chemioclino (zona di equilibrio tra acque sature d’acido e ricche d’ossigeno). Una riduzione dell'assorbimento dell'ossigeno nell'oceano conduce a un innalzamento del chemioclino.chemioclino Secondo un studio pubblicato su Le scienze, se la percentuale di anidride carbonica presente in atmosfera raggiunse un valore limite, stimato intorno alle 1000 ppm, il chemioclino potrebbe raggiungere la superficie dell'oceano, rendendo anossico il mare e liberando tremende bolle di gas venefico su tutto il pianeta. Il gas avrebbe effetti deleteri anche sullo scudo dell’ozono, favorendo la distruzione del fitoplancton che è alla base della catena alimentare. Secondo un studio pubblicato su Le scienze, se la percentuale di anidride carbonica presente in atmosfera raggiunse un valore limite, stimato intorno alle 1000 ppm, il chemioclino potrebbe raggiungere la superficie dell'oceano, rendendo anossico il mare e liberando tremende bolle di gas venefico su tutto il pianeta. Il gas avrebbe effetti deleteri anche sullo scudo dell’ozono, favorendo la distruzione del fitoplancton che è alla base della catena alimentare.ppmozonofitoplanctonppmozonofitoplancton

27 relatore Manlio Suvieiri Sotto il mare, nel mistero dei buchi blu Acqua, acido solfidrico e nessuna forma di vita, TOSSICITA' In profondità un ambiente infernale L' ORIGINE Variazioni di clima ai tempi delle glaciazioni Si tratta di cavità sommerse di origine carsica. Un terribile effetto serra provocato da colossali eruzioni vulcaniche, o da impatti di meteoriti che portarono la CO 2 a livelli record, Diminuendo l’ossigeno dell’acqua. L’anossia Destabilizzò il chemioclino,(confine che separa Le acque ossigenate da quelle ricche di acido solfidrico H 2 S prodotto dai batteri anaerobi del fondo.) L’H 2 S risalito in superficie fece proliferare i batteri anaerobi soffocando la vita Basata sulla respirazione.

28 relatore Manlio Suvieiri Metodi di datazione Il metodo del 14C permette di datare materiali di origine organica (ossa, legno, fibre tessili, semi, carboni di legno,...) si tratta di una datazione assoluta, vale a dire in anni calendariali, ed è utilizzabile per materiali di età compresa tra i e i 100 anni. La sua principale utilizzazione è in archeologia per datare i reperti costituiti da materia organica, quindi contenenti atomi di carbonio. (14C). è un isotopo radioattivo che si trasforma per decadimento in azoto con un tempo di dimezzamento medio (o emivita) di 5730 anni, Il metodo del 14C permette di datare materiali di origine organica (ossa, legno, fibre tessili, semi, carboni di legno,...) si tratta di una datazione assoluta, vale a dire in anni calendariali, ed è utilizzabile per materiali di età compresa tra i e i 100 anni. La sua principale utilizzazione è in archeologia per datare i reperti costituiti da materia organica, quindi contenenti atomi di carbonio. (14C). è un isotopo radioattivo che si trasforma per decadimento in azoto con un tempo di dimezzamento medio (o emivita) di 5730 anni,archeologiaradioattivodecadimento azototempo di dimezzamentoarcheologiaradioattivodecadimento azototempo di dimezzamento Radiometrico, si basa sulla misura della radioattività residua di rocce e di fossili Radiometrico, si basa sulla misura della radioattività residua di rocce e di fossili Argo-argo Il metodo di datazione argo-argo è stato largamente usato per determinare l’età delle rocce, anche di quelle risalenti a miliardi di anni fa Come risultato, la tecnica argo/argo fornisce attualmente la più precisa datazione assoluta per molti eventi geologici, dalle eruzioni vulcaniche ai terremoti fino all’estinzione dei dinosauri e di molti altri organismi. L’importanza della tecnica argo/argo risiede nel fatto che essa è l’unica in grado di coprire quasi l’intera storia naturale della Terra Argo-argo Il metodo di datazione argo-argo è stato largamente usato per determinare l’età delle rocce, anche di quelle risalenti a miliardi di anni fa Come risultato, la tecnica argo/argo fornisce attualmente la più precisa datazione assoluta per molti eventi geologici, dalle eruzioni vulcaniche ai terremoti fino all’estinzione dei dinosauri e di molti altri organismi. L’importanza della tecnica argo/argo risiede nel fatto che essa è l’unica in grado di coprire quasi l’intera storia naturale della Terra Datazione Uranio-Piombo Datazione Samario-Neodimio Datazione Uranio-Piombo Datazione Samario-Neodimio Datazione Uranio-PiomboDatazione Samario-Neodimio Datazione Uranio-PiomboDatazione Samario-Neodimio Datazione Potassio-Argon Datazione Rubidio-Stronzio Datazione Potassio-Argon Datazione Rubidio-Stronzio Datazione Potassio-ArgonDatazione Rubidio-Stronzio Datazione Potassio-ArgonDatazione Rubidio-Stronzio Datazioni con radionuclidi estinti Etc etc Datazioni con radionuclidi estinti Etc etc Datazioni con radionuclidi estinti Datazioni con radionuclidi estinti

29 relatore Manlio Suvieiri Giove protegge la terra corpi minori del sistema Solare vagano attorno al Sole, riuniti in gruppi, a volte scontrandosi fra loro. Sono gli asteroidi, le meteoriti e le comete, ce ne sono migliaia e migliaia nel Sistema Solare. corpi minori del sistema Solare vagano attorno al Sole, riuniti in gruppi, a volte scontrandosi fra loro. Sono gli asteroidi, le meteoriti e le comete, ce ne sono migliaia e migliaia nel Sistema Solare. Un asteroide è un corpo celeste roccioso le cui dimensioni possono variare fra pochi metri e diverse centinaia di Km. Sono considerati i resti della formazione del Sistema Solare. Molti asteroidi orbitano attorno al Sole in una regione compresa fra le orbite di Marte e di Giove. Questa "fascia" di asteroidi segue un percorso ellittico e orbita intorno al Sole nella stessa direzione dei pianeti. Un asteroide della fascia impiega fra i tre e i sei anni terrestri a completare una rivoluzione attorno al Sole. Un asteroide è un corpo celeste roccioso le cui dimensioni possono variare fra pochi metri e diverse centinaia di Km. Sono considerati i resti della formazione del Sistema Solare. Molti asteroidi orbitano attorno al Sole in una regione compresa fra le orbite di Marte e di Giove. Questa "fascia" di asteroidi segue un percorso ellittico e orbita intorno al Sole nella stessa direzione dei pianeti. Un asteroide della fascia impiega fra i tre e i sei anni terrestri a completare una rivoluzione attorno al Sole. Un asteroide è anche in grado di urtare un pianeta, creando sulla sua superficie un cratere d'impatto Un asteroide è anche in grado di urtare un pianeta, creando sulla sua superficie un cratere d'impatto Il pianeta gigante Giove esercita sugli asteroidi della fascia la propria forza gravitazionale, evitando che questi attratti dal Sole cadano verso e colpiscano i pianeti interni. La presenza di Giove protegge Mercurio, Venere, la Terra e Marte da collisioni ripetute con gli asteroidi ! Il pianeta gigante Giove esercita sugli asteroidi della fascia la propria forza gravitazionale, evitando che questi attratti dal Sole cadano verso e colpiscano i pianeti interni. La presenza di Giove protegge Mercurio, Venere, la Terra e Marte da collisioni ripetute con gli asteroidi !

30 relatore Manlio Suvieiri La terra come la luna La faccia nascosta della luna è piena di crateri, quella che vediamo molto meno, perché la terra si è presa gli impatti destinati alla luna, essendo di massa molto maggiore La faccia nascosta della luna è piena di crateri, quella che vediamo molto meno, perché la terra si è presa gli impatti destinati alla luna, essendo di massa molto maggiore La terra i suoi crateri li ha quasi tutti cancellati, con l’atmosfera e l’erosione altrimenti ne sarebbe piena La terra i suoi crateri li ha quasi tutti cancellati, con l’atmosfera e l’erosione altrimenti ne sarebbe piena

31 relatore Manlio Suvieiri meteoriti Ogni anno la Terra è bombardata da almeno mila tonnellate di detriti naturali provenienti dallo spazio. Ogni anno la Terra è bombardata da almeno mila tonnellate di detriti naturali provenienti dallo spazio. Per la maggior parte si tratta di granuli di dimensioni ridotte che bruciano per attrito attraversando l’atmosfera e quindi arrivano a terra sotto forma di pulviscolo. Per la maggior parte si tratta di granuli di dimensioni ridotte che bruciano per attrito attraversando l’atmosfera e quindi arrivano a terra sotto forma di pulviscolo. In qualche caso però si tratta di corpi abbastanza grandi da non venire completamente ridotti in polvere nel passaggio attraverso lo strato d’aria che avvolge il pianeta prima che essi raggiungano la sua superficie con un violento impatto. Queste sono le meteoriti vere e proprie, alcune delle quali (una decina all’anno) vengono ritrovate e studiate. In qualche caso però si tratta di corpi abbastanza grandi da non venire completamente ridotti in polvere nel passaggio attraverso lo strato d’aria che avvolge il pianeta prima che essi raggiungano la sua superficie con un violento impatto. Queste sono le meteoriti vere e proprie, alcune delle quali (una decina all’anno) vengono ritrovate e studiate.

32 relatore Manlio Suvieiri Faccia nascosta della luna

33 relatore Manlio Suvieiri Ritrovamento meteorite

34 relatore Manlio Suvieiri Cadute recenti di meteoriti Il meteorite è ciò che rimane dopo l'ablazione atmosferica di un meteoroide (cioè "piccolo" asteroide) Il meteorite è ciò che rimane dopo l'ablazione atmosferica di un meteoroide (cioè "piccolo" asteroide)ablazione meteoroideasteroideablazione meteoroideasteroide La scia luminosa chiamata meteora, bolide o stella cadente La scia luminosa chiamata meteora, bolide o stella cadentemeteorabolidestella cadentemeteorabolidestella cadente meteorite si intende un corpo di natura non artificiale ed extraterrestre e alcuni provengono dalla Luna e da Marte meteorite si intende un corpo di natura non artificiale ed extraterrestre e alcuni provengono dalla Luna e da Marteextraterrestre 30 giugno 1908: alle 7,15 ora locale, un corpo di origine cosmica esplose nei cieli della Siberia centrale nei pressi del fiume Tunguska Pietrosa nei pressi del fiume Tunguska. Un’area di 2000 chilometri quadrati fu distrutta e milioni di alberi presero fuoco. Se l’evento fosse avvenuto alle ore 11 e non alle 7,15, per effetto della rotazione della Terra, la grande esplosione avrebbe distrutto la città di Leningrado (ora San Pietroburgo), cambiando con ciò sicuramente il corso della storia. 30 giugno 1908: alle 7,15 ora locale, un corpo di origine cosmica esplose nei cieli della Siberia centrale nei pressi del fiume Tunguska Pietrosa nei pressi del fiume Tunguska. Un’area di 2000 chilometri quadrati fu distrutta e milioni di alberi presero fuoco. Se l’evento fosse avvenuto alle ore 11 e non alle 7,15, per effetto della rotazione della Terra, la grande esplosione avrebbe distrutto la città di Leningrado (ora San Pietroburgo), cambiando con ciò sicuramente il corso della storia. Luglio 2011 Marocco: La caduta era stata avvistata ma poi sono occorsi mesi per raccoglierli e collegarli all’evento di cui erano stati testimoni anche numerosi turisti La conferma arriva ora dalla Nasa che li ha esaminati in questi mesi giungendo all’interessante conclusione Il lavoro non è stato facile e ha coinvolto specialisti di varie discipline e università americane oltre a quelli dell’ente spaziale ma il risultato è inequivocabile si tratta di rocce provenienti da Marte. I diversi frammenti pesano complessivamente 6,8 chilogrammi e il pezzo più consistente è di 907 grammi. L’ultima volta accadde nel 1962 e allora il bottino era stato più consistente raggiungendo i 108 chilogrammi. Luglio 2011 Marocco: La caduta era stata avvistata ma poi sono occorsi mesi per raccoglierli e collegarli all’evento di cui erano stati testimoni anche numerosi turisti La conferma arriva ora dalla Nasa che li ha esaminati in questi mesi giungendo all’interessante conclusione Il lavoro non è stato facile e ha coinvolto specialisti di varie discipline e università americane oltre a quelli dell’ente spaziale ma il risultato è inequivocabile si tratta di rocce provenienti da Marte. I diversi frammenti pesano complessivamente 6,8 chilogrammi e il pezzo più consistente è di 907 grammi. L’ultima volta accadde nel 1962 e allora il bottino era stato più consistente raggiungendo i 108 chilogrammi.

35 relatore Manlio Suvieiri UN TOUR TRA I CRATERI Sulla terra attualmente le strutture da impatto riconosciute come tali sono oltre 200, ma ogni anno nuovi candidati si aggiungono alla lista, in paziente attesa della definitiva consacrazione una volta che le indagini fisiche e chimiche abbiano fornito ai ricercatori elementi sufficienti a stabilirne l'esatta natura. Una conferma della loro origine porterebbe a dover riconoscere, se ancora ce ne fosse bisogno, che l'elenco dei crateri terrestri da impatto è ancora ben lontano dall'essere completo!

36 relatore Manlio Suvieiri Barringer Meteor Crater, ArizonaBarringer Meteor Crater, Arizona 35°02'N, 111°01'W; anni Il Meteor Crater è stato il primo cratere meteoritico terrestre di cui si sia accertata l'origine. Si presume che il meteorite sia arrivato da nord ad una velocità di circa km/h; Ovviamente l'impatto è stato devastante, in quanto l'energia sviluppata è stata l'equivalente a quattro volte la bomba di Hiroshima. Il cratere ha attualmente un diametro di circa metri, con un bordo rialzato irregolare che arriva fino ad un'altezza di 45 metri rispetto al terreno circostante ed una profondità di circa 170 metri (sufficiente per poter contenere un edificio di 60 piani): queste dimensioni non sono quelle originarie, in quanto esse sono variate col riassestamento del terreno.meteorite nordHiroshima diametroprofondità

37 relatore Manlio Suvieiri Manicouagan, Quebec, Canada Manicouagan, Quebec, Canada 51°23'N, 68°42'W; ~100 kilometers (62 miles); age: million years Manicouagan, Quebec, Canada Ha un diametro di 100 km E un’età di 212 milioni di anni Con errore di 1 milione di anni La struttura di impatto Manicouagan è il quinto cratere più grande da impatto ancora conservati sulla superficie della Terra. diametro originale del cerchio di circa 100 chilometri ora è un lago ghiacciato con un’isola al centro.

38 relatore Manlio Suvieiri Arkenu 1 e 2 Con il termine Arkenu (dal vicino monte Jebel Arkenu) Jebel Arkenu si indicano due strutture geologiche presenti nel sud-est del deserto libicolibico che si ritiene siano il frutto dell'impatto di due meteoriti, Esse mostrano un anello di rispettivamente 10 km e 6,8 km. Venne identificata esaminando foto scattate da satelliti.meteoriti Queste strutture sono il risultato di un doppio impatto avvenuto simultaneamente circa 140 milioni di anni fa.

39 relatore Manlio Suvieiri Gebel Dalma è un cratere d'impatto situato nella Libia. Il suo diametro misura circa 2 km e la sua età è stimata a meno di 120 milioni di anni (periodo Cretaceo). Il cratere è noto anche come BP Structure, visto che venne scoprerto dai geologi della British Petroleum. Il cratere si trova in superficie. cratere d'impattoLibiadiametrokm CretaceoBritish Petroleumcratere d'impattoLibiadiametrokm CretaceoBritish Petroleum

40 relatore Manlio Suvieiri Aorounga è un cratere nel centro nord del Ciad nel deserto del Sahara. La struttura, molto erosa, un cratere meteoritico formatosi tra la fine del devoniano e l'inizio del carbonifero tra 370 e 345 milioni di anni fa con un diametro di 12,6 km. Recenti studi, con immagini dal satellite ottenute con la tecnologia del Radar ad apertura sintetica, hanno individuato altre due formazioni geologiche poste in sequenza, che fanno pensare ad un impatto multiplo. Queste immagini fanno supporre che la cometa o l'asteroide, che colpì la regione, nella sua fase terminale si divise in tre pezzi, provocando questa sequenzaCiaddeserto del Saharacratere meteoritico devonianocarboniferocometaasteroide

41 relatore Manlio Suvieiri Cratere di Chicxulub Cratere di Chicxulub è un antico cratere da impatto sepolto sotto la penisola dello Yucatan, con il suo centro localizzato approssimativamente vicino al paese di Chicxulub, nel Messico.cratere da impattoYucatanChicxulubMessico Le ricerche suggeriscono che questa struttura d'impatto può datarsi a circa 65 milioni di anni fa, determinando il passaggio tra il periodo Cretacico e quello detto Paleogene. CretacicoPaleogene Il diametro stimato dalle ricerche terminate nel 2010 del meteorite è di 12 km (paragonabile per dimensioni a Deimos satellite di Marte), equivalente alla detonazione di una potenza esplosiva di gigatoni di TNT, nell'impatto.2010meteoriteDeimosMarte gigatoniTNT L'impatto provocò uno tsunami gigante che si sparse a cerchi concentrici in tutte le direzioni. L'emissione di polvere e particelle provocò cambi climatici simili all'inverno nucleare, che probabilmente vide la superficie della Terra totalmente coperta da una nube di polvere per molti anni.tsunamiinverno nucleare Questo calcolo dei tempi è in armonia con la teoria postulata dal fisico Luis Alvarez e da suo figlio Walter, un geologo, per spiegare l'estinzione dei dinosauri. fisicoLuis AlvarezWaltergeologodinosauri

42 relatore Manlio Suvieiri chicxulub

43 relatore Manlio Suvieiri Il cratere Vredefort è il secondo più grande cratere meteoritico sulla Terra. Ha un diametro di circa 300 km ed è situato nella provincia sudafricana di Free State. Deriva il suo nome dalla cittadina di Vredefort, che si è sviluppata vicino al suo centro. Il sito è noto anche con il nome di Vredefort dome o Punto d'impatto Vredefort. cratere meteoritico Terra sudafricanaFree State Vredefortcratere meteoritico Terra sudafricanaFree State Vredefort L'asteroide che colpì Vredefort è uno dei più grandi che abbia mai colpito il pianeta Terra, il suo diametro è stimato in oltre 10 km, nonostante molti credano che la dimensione originale d'impatto superasse i 250 km, o addirittura oltre. Si stima che l'impatto sia avvenuto oltre 2 miliardi d'anni fa (2023 ± 4 milioni di anni) durante il paleoproterozoico. È il secondo cratere più antico visibile sulla superficie terrestre, ben maggiore come età del più giovane cratere esistente.asteroideTerramiliardipaleoproterozoico

44 relatore Manlio Suvieiri Una cicatrice vecchia tre miliardi di anni -una compagnia mineraria canadese, a caccia di riserve di nichel e platino, la prima a dare credito a una squadra di scienziati che sosteneva d’aver individuato, sotto alle rocce della Groenlandia, i segni del più antico cratere da impatto mai scoperto: -3 miliardi di anni. Ora, dopo tre anni d’indagine serrata, arriva finalmente la convalida. (giugno 2012) A tenere il giudizio degli scienziati sospeso così a lungo, non solo l’improbabilità d’un ritrovamento risalente a un’epoca così remota, ma anche la difficoltà a individuarne le tracce. Perché se è vero che la maggior parte dei crateri lunari, pur perfettamente visibili, s’è formata a seguito d’impatti con asteroidi e comete risalenti a 3-4 miliardi d’anni fa, sulla Terra la situazione è ben diversa. Nel corso di 3 miliardi di anni che ci separano dall’evento, i processi d’erosione attivi sul nostro pianeta hanno “scavato” in profondità, rimuovendo fino a 25 km di crosta rispetto a quella che era la superficie rocciosa dell’epoca. Ma l’impatto dev’essere stato talmente violento che l’onda d’urto che ne è seguita è penetrata così a fondo – come mai nessun altro cratere conosciuto, affermano gli scienziati – da lasciare comunque una traccia

45 relatore Manlio Suvieiri Cosa sta succedendo ora? Il 23 marzo 1989 la Terra ha evitato per un soffio un grosso pericolo: un meteorite, con un diametro di circa un kilometro, è passato ad una distanza pari a poco più del doppio di quella che ci separa dal nostro satellite naturale. Il 23 marzo 1989 la Terra ha evitato per un soffio un grosso pericolo: un meteorite, con un diametro di circa un kilometro, è passato ad una distanza pari a poco più del doppio di quella che ci separa dal nostro satellite naturale. Se però precipitasse sul nostro pianeta un corpo celeste simile a quello che ha colpito Giove nel luglio del 1994 e anche qualche mese fa il nostro destino potrebbe essere analogo a quello dei dinosauri, i quali si estinsero 65 milioni di anni fa probabilmente proprio in seguito alla collisione di un meteorite di grosse dimensioni con la nostra Terra. Se però precipitasse sul nostro pianeta un corpo celeste simile a quello che ha colpito Giove nel luglio del 1994 e anche qualche mese fa il nostro destino potrebbe essere analogo a quello dei dinosauri, i quali si estinsero 65 milioni di anni fa probabilmente proprio in seguito alla collisione di un meteorite di grosse dimensioni con la nostra Terra.

46 relatore Manlio Suvieiri Asteroide colpisce giove 10 sett 2012

47 relatore Manlio Suvieiri e…..sulla terra? La maggior parte degli scienziati legge nelle attuali condizioni ambientali la minaccia di una sesta estinzione di massa. La maggior parte degli scienziati legge nelle attuali condizioni ambientali la minaccia di una sesta estinzione di massa. Se così fosse, si tratterebbe dell’estinzione più veloce nella storia della Terra, la cui responsabilità sarebbe interamente riconducibile all'uomo. Se così fosse, si tratterebbe dell’estinzione più veloce nella storia della Terra, la cui responsabilità sarebbe interamente riconducibile all'uomo. Per il 2100, si prevede che le attività umane d’inquinamento, di disboscamento, e l’esaurimento delle risorse, avranno eliminato oltre la metà delle specie animali, marine e terrestri. Per il 2100, si prevede che le attività umane d’inquinamento, di disboscamento, e l’esaurimento delle risorse, avranno eliminato oltre la metà delle specie animali, marine e terrestri.

48 relatore Manlio Suvieiri Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla. Lao Tzu, Tao Te Ching, V sec. a.e.c. FINE


Scaricare ppt "Relatore Manlio Suvieiri1 LE GRANDI ESTINZIONI: Micro storia della terra e della vita RELATORE Manlio SuvieriManlio."

Presentazioni simili


Annunci Google