La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ENTRANO IN SCENA LE NUOVE INDICAZIONI (D.M. n. 254 del 16 novembre 2012 in GU n. 30 del 5/2/2013) www.annaliistruzione.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ENTRANO IN SCENA LE NUOVE INDICAZIONI (D.M. n. 254 del 16 novembre 2012 in GU n. 30 del 5/2/2013) www.annaliistruzione.it."— Transcript della presentazione:

1 ENTRANO IN SCENA LE NUOVE INDICAZIONI (D.M. n. 254 del 16 novembre 2012 in GU n. 30 del 5/2/2013)

2 Grandi riforme o Miglioramento locale?

3 Come fa a vincere Mago Merlino? a)Entrando nel corpo di Maga Magò b)Trasformandosi in un batterio diffuso in tutto il suo organismo

4 “La Scuola non va bene. E’ necessario un cambiamento del sistema (nuove leggi, nuove norme, nuovi ordinamenti, maggiori risorse, responsabilità più stringenti, governance appropriata, ecc)”. “Questa scuola non va bene. Dovremmo provare a farla funzionare meglio”. Direbbe Cipollone: il problema è della Scuola o delle scuole?

5 La scuola alla corte dei banchieri Fonte : Financial Times 21 settmbre 2012

6 Varianza tra le scuole dei risultati invalsi Fonte: Invalsi 2010

7 Varianza tra le scuole al netto del contesto socio-economico

8 Il profilo dello studente a)Unitarietà dell’azione della comunità scolastica b)Antidoto contro la frammentarietà Le 12 competenze del profilo 1)Affronta con autonomia e responsabilità le situazioni di vita tipiche della propria età. 2)Ha consapevolezza dei propri limiti e potenzialità. 3)Dimostra padronanza nella lingua italiana. 4)Si esprime in due lingue europee. 5)Utilizza le tecnologie dell’informazione e della comunicazione anche in lingua inglese. 6)Ha competenze matematico-scientifiche. 7)Si orienta nello spazio e nel tempo. 8)Ha buone competenze digitali. 9)Ha un patrimonio di conoscenze e ne sa ricercare di nuove. 10)Ha cura di sé. 11)Dimostra originalità e spirito di iniziativa. 12)Si impegna in campi espressivi, motori ed artistici.

9 Il crescere insieme delle scuole e del sistema scolastico Indicazioni nazionali 2022 Indicazioni nazionali 2017 Progettazione didattica (CURRICOLO) Valutazione interna ed esterna Formazione in servizio Ricerca e sperimentazione Indicazioni nazionali 2012 Indicazioni nazionali 2007

10 Progettazione didattica (CURRICOLO) Ad esempio: NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA -Individuazione di temi di lavoro inerenti i campi di esperienza e finalizzati ai “compiti di sviluppo” descritti nel paragrafo conclusivo della sezione sulla scuola dell’infanzia). Gestione si sé, espressione, coordinamento fisico, esplorazioni e modelli sulle cose e sui viventi, raccontare ed ascoltare racconti, manipolazioni logiche, misurazioni spontanee… ITINERARI DI LAVORO CON: -Attività di routine -Esperienze di ricerca -Iniziative e laboratori particolari -Materiali -Modalità di osservazione e documentazione

11 Progettazione didattica (CURRICOLO) (1) Ad esempio: NELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO -“Ogni persona, fin dall’infanzia, possiede una grammatica implicita…” -Percorsi didattici per la conquista della lettura e della scrittura -Giochi linguistici, lessico, grammatica LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA -“…sviluppare una competenza plurilingue e pluriculturale…” - Attività full immersion per sviluppare una buona pronuncia.

12 Progettazione didattica (CURRICOLO) (2) STORIA -La questione del ciclo cronologico -Attività di storia per lo sviluppo della “profondità storica”. -Storie di oggetti, di attività, di abitudini, di diritti… GEOGRAFIA -Disciplina “di cerniera” per eccellenza -Esplorazioni, descrizioni, rappresentazioni (qualitative e in scala) di oggetti e luoghi

13 Progettazione didattica (CURRICOLO) (3) MATEMATICA -Attività di matematizzazione -Un curricolo verticale di geometria SCIENZE -Esperienze in classe con oggetti, fenomeni e viventi -Un curricolo verticale su ambiente e organismi

14 Progettazione didattica (CURRICOLO) (4) MUSICA -Attività di produzione musicale spontanea e guidata ARTE E IMMAGINE -Attività di invenzione grafica, di uso di materiali artistici EDUCAZIONE FISICA -Attività di psicomotricità e di gioco progressive e sistematiche TECNOLOGIA -Attività sui materiali e con le TIC

15 Valutazione interna ed esterna -Processi sistematici di autovalutazione e di ascolto degli utenti -Verifiche e prove per classi parallele -Prove Invalsi come strumento di analisi e di ricerca interna alla scuola -Attività di confronto con altri contesti (scolastici e non): visite, adozioni, volontariato, scambi scolastici, gare territoriali, olimpiadi, progetti europei

16 Ricerca e sperimentazione -Essenzialmente ricerca sul curricolo -Ricerche aperte con laboratori universitari o singoli esperti -Innovazioni in rete -CLIL nella primaria e nella media -Uso avanzato del teatro e del cinema -Counselling ed altre iniziative di empowerment per docenti e studenti

17 Formazione in servizio -Formazione selettiva, mirata, sistematica -Tutaraggio interno - Accoglienza e integrazione di attività di tirocinio e di inserimento nel lavoro protetto (IeFP)

18 ITALIANO Ogni persona, fin dall’infanzia, possiede una grammatica implicita, che le permette di formulare frasi ben formate pur senza conoscere concetti quali quelli di verbo, soggetto, ecc. Questa “grammatica implicita” si amplia e si rafforza negli anni attraverso l’uso della lingua, che permette di giungere a forme "corrette" (in italiano standard) e di realizzare enunciati in diverse varietà linguistiche e in diverse lingue. Inoltre, sin dai primi anni di scolarità, i bambini hanno una naturale predisposizione a riflettere sulla lingua. È su queste attitudini che l’insegnante si può basare per condurre gradualmente l’allievo verso forme di “grammatica esplicita”. Frasi significative del testo delle Indicazioni

19 LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L’apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all’alunno di sviluppare una competenza plurilingue e pluriculturale e di acquisire i primi strumenti utili ad esercitare la cittadinanza attiva nel contesto in cui vive, anche oltre i confini del territorio nazionale Frasi significative del testo delle Indicazioni

20 STORIA Occorre, dunque, aggiornare gli argomenti di studio, adeguandoli alle nuove prospettive, facendo sì che la storia nelle sue varie dimensioni – mondiale, europea, italiana e locale – si presenti come un intreccio significativo di persone, culture, economie, religioni, avvenimenti che hanno costituito processi di grande rilevanza per la comprensione del mondo attuale: dal preistorico alle prime società del protostorico, dalle grandi civiltà antiche alla colonizzazione greca e al processo di unificazione del Mediterraneo, dalla costituzione dell’Impero Romano alla diffusione del Cristianesimo, dalla progressiva strutturazione dei territori alla nascita di una società ricca per i diversi apporti di genti e di culture nel Medioevo; dall’Umanesimo e dal Rinascimento alle scoperte geografiche e all’ espansione europea, dalla Riforma protestante alla costruzione degli stati moderni; dalla Rivoluzione scientifica all’Illuminismo e alla formazione di stati di diritto; dalla colonizzazione alla formazione degli stati nazionali, in particolare quello italiano, dall’industrializzazione al diffondersi della società di massa e all’emancipazione femminile; dai conflitti mondiali all’affermazione di dittature e all’espansione della democrazia, dai movimenti di resistenza alla formazione della Repubblica italiana, dalla decolonizzazione all’avvento della globalizzazione; dalle rivoluzioni scientifiche alla rivoluzione digitale. Frasi significative del testo delle Indicazioni

21 GEOGRAFIA Costruendo le proprie geografie, anche attraverso le testimonianze di adulti come referenti culturali, gli allievi possono avvicinarsi alla dimensione sistematica della disciplina. Alla geografia, infatti, spetta il delicato compito di costruire il senso dello spazio, accanto a quello del tempo, con il quale va costantemente correlato Frasi significative del testo delle Indicazioni

22 MATEMATICA Di estrema importanza è lo sviluppo di un’adeguata visione della matematica, non ridotta a un insieme di regole da memorizzare e applicare, ma riconosciuta e apprezzata come contesto per affrontare e porsi problemi significativi e per esplorare e percepire relazioni e strutture che si ritrovano e ricorrono in natura e nelle creazioni dell’uomo Frasi significative del testo delle Indicazioni

23 SCIENZE È importante disporre di tempi e modalità di lavoro che consentano, in modo non superficiale o affrettato, la produzione di idee originali da parte dei ragazzi, anche a costo di fare delle scelte sui livelli di approfondimento e limitarsi alla trattazione di temi rilevanti. La valorizzazione del pensiero spontaneo dei ragazzi consentirà di costruire nel tempo le prime formalizzazioni in modo convincente per ciascun alunno. La gradualità e non dogmaticità dell’insegnamento favorirà negli alunni la fiducia nelle loro possibilità di capire sempre quello che si studia, con i propri mezzi e al proprio livello. Frasi significative del testo delle Indicazioni

24 MUSICA Il canto, la pratica degli strumenti musicali, la produzione creativa, l’ascolto, la comprensione e la riflessione critica favoriscono lo sviluppo della musicalità che è in ciascuno; promuovono l’integrazione delle componenti percettivo-motorie, cognitive e affettivo-sociali della personalità; contribuiscono al benessere psicofisico in una prospettiva di prevenzione del disagio, dando risposta a bisogni, desideri, domande, caratteristiche delle diverse fasce d’età Frasi significative del testo delle Indicazioni

25 ARTE E IMMAGINE La familiarità con immagini di qualità ed opere d’arte sensibilizza e potenzia nell’alunno le capacità creative, estetiche ed espressive, rafforza la preparazione culturale e contribuisce ad educarlo a una cittadinanza attiva e responsabile. Frasi significative del testo delle Indicazioni

26 EDUCAZIONE FISICA Il gioco, lo sport, le regole e il fair play Conoscere e applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di giocosport. Saper utilizzare numerosi giochi derivanti dalla tradizione popolare applicandone indicazioni e regole. Partecipare attivamente alle varie forme di gioco, organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri. Rispettare le regole nella competizione sportiva; saper accettare la sconfitta con equilibrio, e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversità, manifestando senso di responsabilità. Frasi significative del testo delle Indicazioni

27 TECNOLOGIA Lo sguardo tecnologico su oggetti e sistemi di dimensione e complessità differente - un cavatappi, un frullatore, un ciclomotore, un ristorante, una centrale termica, una discarica - consente di mettere in evidenza una molteplicità di aspetti e di variabili. (…) I nuovi strumenti e i nuovi linguaggi della multimedialità rappresentano ormai un elemento fondamentale di tutte le discipline, ma è precisamente attraverso la progettazione e la simulazione, tipici metodi della tecnologia, che le conoscenze teoriche e quelle pratiche si combinano e concorrono alla comprensione di sistemi complessi. Frasi significative del testo delle Indicazioni

28 Il senso dell’operazione Ragioni giuridiche / regioni sostanziali Regolazione del sistema: Amministrazione / scuole; Garanzie / Autonomia; Fini / mezzi; Obiettivi / strumenti … Soprattutto: “Mettere a sistema” e consolidare le Indicazioni del 2007 (sperimentali) e la migliore pratica delle scuole In particolare: affrontare alcune criticità e, sulla base di un’attenta analisi delle possibili soluzioni, offrire alle scuole un documento più avanzato. PER FAVARIRE LA CAPACITÀ DI APPRENDERE DELLE SCUOLE E DEL SISTEMA SCOLASTICO NEL SUO INSIEME


Scaricare ppt "ENTRANO IN SCENA LE NUOVE INDICAZIONI (D.M. n. 254 del 16 novembre 2012 in GU n. 30 del 5/2/2013) www.annaliistruzione.it."

Presentazioni simili


Annunci Google