La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avanzamento con clic del mouse Realizzare questa mascherina da gatto non è difficile, basta disporre di una mascherina in cartoncino che faccia da modello,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avanzamento con clic del mouse Realizzare questa mascherina da gatto non è difficile, basta disporre di una mascherina in cartoncino che faccia da modello,"— Transcript della presentazione:

1

2 Avanzamento con clic del mouse

3 Realizzare questa mascherina da gatto non è difficile, basta disporre di una mascherina in cartoncino che faccia da modello, poi la cartapesta fai da te e ripro- duciamo a volontà.

4 La cartapesta è un materiale “povero”, ottenuto dalla macerazione di carta bagnata nella colla vinilica; una volta essiccato lo strato è leggero, resistente e man- tiene la forma dell’oggetto su cui viene poggiato; pro- prio l’ideale per una maschera fai da te, nonché ottima occasione di riciclo: il tutto quasi a costo-zero! PROPOSTA RICICLO: CARTA DI GIORNALI

5 Occorrente: carta di giornale o volantini, ecc.; carta bianca (foglio della stampante o da cucina); pellicola da cucina per proteggere l’oggetto che andremo a riprodurre; colla vinilica e un po’ di acqua; pennello per incollare; una maschera da usare come base-modello; colori a tempera, acquerelli o acrilici; un elastico e un pezzo di filo di nylon bianco (facolta- tivo, per le vibrisse).

6 Qualche annotazione prima di proseguire e spiegare la tecnica della cartapesta: - la colla vinilica va diluita: mettete in un contenitore un dito di acqua e due di colla, mescolate bene; -gli strati di carta vanno incollati con generosità, debordando un po’ dalla forma, e devono essere messi uno strato in oriz- zontale e uno in verticale, ad evitare vuoti; -occorrono 5 strati per una maschera da indossare (più fles- sibile e adattabile alle forme del viso) e 10, invece, per una maschera da parete che si manterrà ben solida, senza defor- marsi nel tempo; - I tempi di asciugatura: 24 ore per 5 strati e 48 ore per 10.

7 1- Poggiamo la maschera su un cartone per proteggere il ta- volo di lavoro; 2- mettiamo la pellicola sopra la maschera, nella parte interna, perché è la parte più liscia da usare come modello, e comincia- mo a spezzettare la carta di giornale e il foglio bianco; me- glio farlo a mano; 3- i pezzetti devono essere piccoli, 2 cm x 3 al massimo; 4- il primo strato lo facciamo di carta bianca, perché è la parte che verrà a contatto con la pelle del viso;

8 5- i pezzetti di carta incollati devono debordare un po’ dalla forma; proseguiamo per 5 strati, sempre alternandoli tra orizzontali e verticali; 6- anche l’ultimo strato lo fac- ciamo con la carta bianca, più facile e comodo da decorare; lasciamo asciugare 24 ore; 7- togliamo la pellicola e riposi- zioniamo un attimo la maschera per disegnarne i contorni con una matita e, infine, la ritaglia- mo; 8- ecco qui la nostra riprodu- zione in cartapesta, pronta per essere colorata.

9 La nostra maschera può essere decorata con acque- relli, colori a tempera, acrilici ma anche fondotinta, ombretti, perline, ecc. non c’è limite alla fantasia ed anche un po’ di “follia” è ammessa: è carnevale!

10 Vista la forma di gatto, potrebbe anche essere lasciata bianca, ma io preferisco colorarla: uso un marroncino terra di Siena, striando un po’ di nero.

11 Lascio due belle lunette bianche sotto gli occhi e faccio dei puntini col pennarello, a simulare le “guan- ciotte” del gatto, su cui inserire le vibrisse!

12 Essiccato il colore, inserisco l’elastico e passo una mano di colla vinilica che, asciugandosi, diventa trasparente e, nello stesso tempo, protegge e lucida la maschera. Per fare le vibrisse, basta ritagliare 10 cm di filo sinte- tico trasparente e incollare, con colla artiglio, un baf- fetto in ogni puntino: si arricciano, ma sono carini lo stesso!

13 Se vi piace, potete incollare un bottoncino sulla punta del naso: più in alto si pone il bottoncino e più “ringiovanirà” il micetto, come vedremo in qualche esempio qui di se- guito.

14 Ecco come cambia l’espressione, solo spostando il bottoncino del naso: un po’ più in alto, un taglietto più ampio sotto il naso e il gatto diventa un tenero micetto!

15 Comunque preferiate decorarle, immaginate la sorpresa degli amici e dei vostri figli se farete trovare loro queste mascherine: sarà come avere attorno un’allegra brigata di simpaticissimi “miciotti”! Realizzazione, foto e testo: “zia Gina”- Grafica: Zafulla


Scaricare ppt "Avanzamento con clic del mouse Realizzare questa mascherina da gatto non è difficile, basta disporre di una mascherina in cartoncino che faccia da modello,"

Presentazioni simili


Annunci Google