La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. LINFEDEMA Il linfedema è.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. LINFEDEMA Il linfedema è."— Transcript della presentazione:

1 Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. LINFEDEMA Il linfedema è un edema permanente dei tessuti molli (specialmente degli arti), dovuto ad accumulo di linfa nello spazio interstiziale, conseguente a stasi linfatica. La stasi linfatica può essere congenita, dovuta a malformazioni fetali che provocano alterazioni numeriche dei collettori linfatici (linfedemi primari), o acquisita, cioè legata a un’ostruzione dei dotti linfatici o a una lesione dei linfonodi distrettuali, che impediscono il drenaggio. L’aumento della pressione, conseguente alla stasi cronica, determina un incremento del calibro dei vasi linfatici, che a sua volta produce incontinenza valvolare con accumulo di linfa nello spazio interstiziale. Il liquido interstiziale che così si accumula ha un elevato contenuto proteico che, stimolando un’intensa proliferazione fibroblastica, porta a iperplasia del derma e del tessuto sottocutaneo, fino a quadri conclamati di edema indurativo, che possono assumere entità gravemente deformanti (elefantiasi). Nei linfedemi di lunga durata è frequente la comparsa di lesioni cutanee in forma di eczemi, di ulcerazioni o di ipercheratosi. I più frequenti sono i linfedemi secondari a lesioni flogistiche dei vasi linfatici, quale conseguenza di flebopatie, o quelli provocati da uno ostacolo a livello linfonodale (parassitario, neoplastico, infettivo). FOCUS CLINICI segue

2 Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. Linfedema da filariasi (elefantiasi tropicale) La filariasi è dovuta all’invasione del sistema linfatico, spesso dell’arto inferiore, da parte di un verme nematode (filaria) che si localizza nelle stazioni linfatiche distrettuali (Fig. 1). FIGURA 1 Elefantiasi. (Da: Widmaier et al., 2006.)

3 Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. La trasmissione della malattia avviene attraverso varie specie di zanzare. La filaria provoca linfadeniti distrettuali con sovrapposizione batterica; l’infezione locale regredisce spesso spontaneamente, anche se le recidive sono inevitabili. Il perpetuarsi di questi episodi e l’evoluzione verso la cicatrizzazione provocano sclerosi, blocco linfonodale e comparsa di linfedema, con interessamento degli arti e dei genitali esterni. Linfedema traumatico Si può osservare come conseguenza di ferite superficiali, fratture e contusioni, che abbiano provocato direttamente o, come complicanza, danni a carico delle stazioni linfonodali. Linfedema di origine chirurgica Rappresenta la conseguenza di interventi oncologici che implicano lo svuotamento delle stazioni linfatiche drenanti una neoplasia e sono piuttosto frequenti dopo svuotamento del cavo ascellare per tumori mammari. Con il tempo, però, si instaurano dei circoli collaterali in grado di vicariare e di effettuare un discreto drenaggio linfatico locale.

4 Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. LINFANGITE La linfangite è un processo infiammatorio acuto a carico dei vasi linfatici, determinato da un’infezione batterica o dalla diffusione per via linfatica di un processo neoplastico (linfangite carcinomatosa). La diffusione batterica interessa anche le stazioni linfonodali, che si presentano ingrossate, arrossate e dolenti (linfadenite). Sono presenti strie rosse cutanee, che partono dalla sede d’infezione e proseguono lungo il decorso del vaso linfatico. La terapia è antibiotica. FOCUS CLINICI

5 Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. FOCUS CLINICI COMPLICANZE ASSOCIATE AD AMPUTAZIONE E POSIZIONAMENTO DI ARTROPROTESI In seguito all’amputazione di un arto vi può essere la rimozione della rete linfatica presente a livello della fascia connettivale profonda. Ciò implica stasi linfatica, linfedema e successiva impossibilità a posizionare una protesi artificiale. Per tale motivo è necessario conservare la fascia profonda e i vasi linfatici in essa contenuti. Inoltre è possibile effettuare specifici massaggi (linfodrenaggio) o sedute fisioterapiche atti alla riduzione dell’edema del moncone.


Scaricare ppt "Elementi di Fisiologia e Scienza dell’Alimentazione – E. Battaglia, D. NoèCopyright © 2008 – The McGraw-Hill Companies s.r.l. LINFEDEMA Il linfedema è."

Presentazioni simili


Annunci Google