La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I dom. di quaresima - A Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Mt 4,4 Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I dom. di quaresima - A Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Mt 4,4 Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni."— Transcript della presentazione:

1 I dom. di quaresima - A Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Mt 4,4 Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Mt 4,4

2 Anche tu, Gesù, hai conosciuto la prova, anche tu ti sei misurato con la tentazione. Del resto hai voluto essere un uomo come noi e dunque sottoposto alla fragilità, alla fame e alla sete, alla fatica ed alla solitudine, alla tensione e allo smarrimento... Nulla ti è stato risparmiato perché tu fossi per ognuno di noi non il compagno di un momento, né un visitatore frettoloso, ma un amico disposto a condividere ogni momento, ogni frangente, ogni gioia ed ogni pena. Anche tu, Gesù, hai conosciuto la prova, anche tu ti sei misurato con la tentazione. Del resto hai voluto essere un uomo come noi e dunque sottoposto alla fragilità, alla fame e alla sete, alla fatica ed alla solitudine, alla tensione e allo smarrimento... Nulla ti è stato risparmiato perché tu fossi per ognuno di noi non il compagno di un momento, né un visitatore frettoloso, ma un amico disposto a condividere ogni momento, ogni frangente, ogni gioia ed ogni pena. Non sei stato esonerato, dunque, dalle difficoltà e dalle suggestioni, dalle voci inquietanti che inducono a cercare scorciatoie pur di evitare rischi e sofferenze. Se ne sei uscito trionfante è perché mai è venuta meno la tua fiducia nel Padre. Dona anche a noi, Signore, il tuo Santo Spirito perché possiamo sperimentare la tua fiducia tenace, la fiducia dei piccoli e dei poveri… Amen Non sei stato esonerato, dunque, dalle difficoltà e dalle suggestioni, dalle voci inquietanti che inducono a cercare scorciatoie pur di evitare rischi e sofferenze. Se ne sei uscito trionfante è perché mai è venuta meno la tua fiducia nel Padre. Dona anche a noi, Signore, il tuo Santo Spirito perché possiamo sperimentare la tua fiducia tenace, la fiducia dei piccoli e dei poveri… Amen

3 Gen 2,7-9;3,1-7 7 Il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente. 8 Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. 9 Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Dio ha detto Dio ha detto 1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: “È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?”. 2 Rispose la donna al serpente: “Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3 ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”. 4 Ma il serpente disse alla donna: “Non morirete affatto! 5 Il Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male”. 6 Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. 7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture. Gen 2,7-9;3,1-7 7 Il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente. 8 Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. 9 Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Dio ha detto Dio ha detto 1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: “È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?”. 2 Rispose la donna al serpente: “Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3 ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”. 4 Ma il serpente disse alla donna: “Non morirete affatto! 5 Il Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male”. 6 Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. 7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

4 Mt 4,1-11 deserto quarantaquaranta tentatore Sta scrittopane diavolo sta scritto Sta scritto anche diavolo satanaSta scritto diavolo 1 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo [ divisore = colui che rompe il dialogo ]. 2 E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame (desiderio). 3 Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane”. 4 Ma egli rispose: “Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola (/evento) che esce dalla bocca di Dio”. 5 Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio 6 e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede”. 7 Gesù gli rispose: “Sta scritto anche: Non tentare il Signore Dio tuo”. 8 Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: 9 “Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai”. 10 Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana [ingannatore]! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”. 11 Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano. Mt 4,1-11 deserto quarantaquaranta tentatore Sta scrittopane diavolo sta scritto Sta scritto anche diavolo satanaSta scritto diavolo 1 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo [ divisore = colui che rompe il dialogo ]. 2 E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame (desiderio). 3 Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane”. 4 Ma egli rispose: “Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola (/evento) che esce dalla bocca di Dio”. 5 Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio 6 e gli disse: “Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede”. 7 Gesù gli rispose: “Sta scritto anche: Non tentare il Signore Dio tuo”. 8 Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: 9 “Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai”. 10 Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana [ingannatore]! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”. 11 Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

5 Destinatari: Destinatari: Quanti … * hanno detto di “Sì” al REGNO, * hanno accolto l’invito di Gesù a seguirlo. TENTAZIONE «Figlio, se ti presenti a servire il SIGNORE, preparati alla TENTAZIONE». (Sir 2,1) Destinatari: Destinatari: Quanti … * hanno detto di “Sì” al REGNO, * hanno accolto l’invito di Gesù a seguirlo. TENTAZIONE «Figlio, se ti presenti a servire il SIGNORE, preparati alla TENTAZIONE». (Sir 2,1)  prova…

6 CONTESTO: letterario letterario :* cc. 3 e 4 di Mt; * ministero del Battista; * inizi della missione di Gesù; esistenziale esistenziale: * come soddisfare i desideri/bisogni nel deserto/vita? * come va utilizzata la PAROLA di DIO?CONTESTO: letterario letterario :* cc. 3 e 4 di Mt; * ministero del Battista; * inizi della missione di Gesù; esistenziale esistenziale: * come soddisfare i desideri/bisogni nel deserto/vita? * come va utilizzata la PAROLA di DIO?

7 Come va utilizzata la PAROLA di DIO? - In maniera DIA – BOLICA (=che DIVIDE)… - In maniera SIM – BOLICA (=che UNISCE)… Come va utilizzata la PAROLA di DIO? - In maniera DIA – BOLICA (=che DIVIDE)… - In maniera SIM – BOLICA (=che UNISCE)… * GESÙ - unito a Dio - unito/solidale con gli uomini * GESÙ - unito a Dio - unito/solidale con gli uomini * SATANA/DIAVOLO - accusatore/divisore

8 Il GESÙ di MATTEO sintetizza in sé e rivive la vicenda del popolo ebraico, nelle tappe fondamentali dell’itinerario che lo conduce alla terra promessa (= Midrash: rilettura dei libri dell’Esodo e del Deuteronomio):  la permanenza in Egitto (c. 2);  il passaggio del Mar Rosso (c. 3: Battesimo al Giordano);  la tentazione nel deserto (cfr. il brano di oggi). Il GESÙ di MATTEO sintetizza in sé e rivive la vicenda del popolo ebraico, nelle tappe fondamentali dell’itinerario che lo conduce alla terra promessa (= Midrash: rilettura dei libri dell’Esodo e del Deuteronomio):  la permanenza in Egitto (c. 2);  il passaggio del Mar Rosso (c. 3: Battesimo al Giordano);  la tentazione nel deserto (cfr. il brano di oggi). % %

9 … Ma la storia del Gesù di Mt non è solo “rilettura”dell’esperienza del popolo ebraico. La sua storia (quella raccontata oggi nel Vangelo) è “ esemplare ” per ogni uomo. A renderla “esemplare” è quello che si legge in Eb 2,18: … Ma la storia del Gesù di Mt non è solo “rilettura”dell’esperienza del popolo ebraico. La sua storia (quella raccontata oggi nel Vangelo) è “ esemplare ” per ogni uomo. A renderla “esemplare” è quello che si legge in Eb 2,18: % % «… proprio per essere stato messo alla prova ed aver sofferto personalmente, è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova ».

10 * v. 1 «Gesù fu condotto dallo Spirito»: LO SPIRITO non fa EVITARE, ma AFFRONTARE la prova (tentazione). * v. 1 «…nel deserto»: GESÙ fa l’esperienza del * POPOLO di Israele * MOSÉ (Dt 8,2; Es 16,3b) * ELIA * ogni figlio di Dio (Sir 2,1). * v. 1 «per essere tentato dal DIVISORE» La TENTAZIONE di rispondere ai bisogni in maniera DIA - BOLICA (= che divide). * v. 2 … quaranta giorni: L’età media di un uomo dell’epoca; la tentazione è una realtà che interessa TUTTA l’esistenza del credente. * v. 1 «Gesù fu condotto dallo Spirito»: LO SPIRITO non fa EVITARE, ma AFFRONTARE la prova (tentazione). * v. 1 «…nel deserto»: GESÙ fa l’esperienza del * POPOLO di Israele * MOSÉ (Dt 8,2; Es 16,3b) * ELIA * ogni figlio di Dio (Sir 2,1). * v. 1 «per essere tentato dal DIVISORE» La TENTAZIONE di rispondere ai bisogni in maniera DIA - BOLICA (= che divide). * v. 2 … quaranta giorni: L’età media di un uomo dell’epoca; la tentazione è una realtà che interessa TUTTA l’esistenza del credente.

11 * v. 3 «…affinché queste pietre diventino pane». … la tentazione di ricorrere a scorciatoie o a un uso strumentale… della Parola di Dio (della religione). * vv. 5-7 «il DIVISORE lo condusse…». … la tentazione di voler uscire dai normali criteri di prudenza umana, in nome della fede in Dio. … l’uso strumentale e distorto della PAROLA DI DIO (il DIVISORE: Sal 91, 11s.; GESÙ: Dt 6,16). * vv «… gli mostrò tutti i regni…». … la tentazione di fare del POTERE e del SUCCESSO la propria fede e ragione di vita. * v. 11 «Allora il DIVISORE lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano». * v. 3 «…affinché queste pietre diventino pane». … la tentazione di ricorrere a scorciatoie o a un uso strumentale… della Parola di Dio (della religione). * vv. 5-7 «il DIVISORE lo condusse…». … la tentazione di voler uscire dai normali criteri di prudenza umana, in nome della fede in Dio. … l’uso strumentale e distorto della PAROLA DI DIO (il DIVISORE: Sal 91, 11s.; GESÙ: Dt 6,16). * vv «… gli mostrò tutti i regni…». … la tentazione di fare del POTERE e del SUCCESSO la propria fede e ragione di vita. * v. 11 «Allora il DIVISORE lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano».

12 Due osservazioni conclusive sul testo: 1.(v. 2): “dopo aver digiunato… ebbe fame”: le tre “sollecitazioni” di Satana sono anticipate da un lungo digiuno e da un significativo “ebbe fame”: il “tentatore” è accovacciato sulla porta del bisogno e, com’è capitato a Giobbe (1,7), percorre la terra. 2.La logica che Gesù oppone a Satana è quella sintetizzata in Lam 3,26: “è bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore”; la stessa logica presente sulla croce di fronte alla triplice tentazione rivoltagli dagli astanti (Lc 23, 35). Due osservazioni conclusive sul testo: 1.(v. 2): “dopo aver digiunato… ebbe fame”: le tre “sollecitazioni” di Satana sono anticipate da un lungo digiuno e da un significativo “ebbe fame”: il “tentatore” è accovacciato sulla porta del bisogno e, com’è capitato a Giobbe (1,7), percorre la terra. 2.La logica che Gesù oppone a Satana è quella sintetizzata in Lam 3,26: “è bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore”; la stessa logica presente sulla croce di fronte alla triplice tentazione rivoltagli dagli astanti (Lc 23, 35).

13 … solo chi avrà, (come Cristo), attraversato il deserto, nella fedeltà al progetto del Padre, potrà annunciare/testimoniare la novità del Vangelo: da una “logica di progetto” a una “logica di dono” non ad un intervento divino sollecitato da un progetto umano…! … solo chi avrà, (come Cristo), attraversato il deserto, nella fedeltà al progetto del Padre, potrà annunciare/testimoniare la novità del Vangelo: da una “logica di progetto” a una “logica di dono” non ad un intervento divino sollecitato da un progetto umano…!

14 Sul digiuno: Sul digiuno: Dt 9,9.18; Gl 2,2-17; Su Israele e il deserto: Su Israele e il deserto: tutto il cap. 8 del Deuteronomio. Sul “tentare” Dio : Sul “tentare” Dio : Es 17,1-7; Nm 21,4-9; Mt 16,23; Sulla tentazione e la prova : Sulla tentazione e la prova : Sir 2; Gc 1,12-15; Sul digiuno: Sul digiuno: Dt 9,9.18; Gl 2,2-17; Su Israele e il deserto: Su Israele e il deserto: tutto il cap. 8 del Deuteronomio. Sul “tentare” Dio : Sul “tentare” Dio : Es 17,1-7; Nm 21,4-9; Mt 16,23; Sulla tentazione e la prova : Sulla tentazione e la prova : Sir 2; Gc 1,12-15;

15 Preghiamo con Mt 4,1-11 Lo stesso Spirito che ha condotto Te nel deserto, accompagna, Signore, la mia vita di ogni giorno. È una vita che mi chiede continuamente di scegliere, proprio com’è capitato a Te, Gesù! Per questo ti sento così vicino, oggi! Sostienimi, Signore, di fronte alle nuove e più subdole tentazioni: * la disperazione che spezza la vita! Lo stesso Spirito che ha condotto Te nel deserto, accompagna, Signore, la mia vita di ogni giorno. È una vita che mi chiede continuamente di scegliere, proprio com’è capitato a Te, Gesù! Per questo ti sento così vicino, oggi! Sostienimi, Signore, di fronte alle nuove e più subdole tentazioni: * la disperazione che spezza la vita! * * le illusioni che lasciano solo l’amaro in bocca! * * il vuoto e l’effimero che producono solo non senso! * * l’odio che brucia la coscienza! * * l’amarezza che fa recriminare su tutto! * * la paura che rende esitanti e inerti! * * lo scoraggiamento che prostra e abbatte! La luce della tua Parola accompagni, Signore, le mie scelte! * * le illusioni che lasciano solo l’amaro in bocca! * * il vuoto e l’effimero che producono solo non senso! * * l’odio che brucia la coscienza! * * l’amarezza che fa recriminare su tutto! * * la paura che rende esitanti e inerti! * * lo scoraggiamento che prostra e abbatte! La luce della tua Parola accompagni, Signore, le mie scelte!


Scaricare ppt "I dom. di quaresima - A Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Mt 4,4 Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni."

Presentazioni simili


Annunci Google